Creato da stabia_info il 19/06/2007

STABIA NEWS

Notizie dell'hinterland stabiese

 

« Castellammare: via Acton...Sommese: "La Regione da... »

I reperti di Stabiae in mostra nella Reggia di Quisisana

Post n°17722 pubblicato il 14 Maggio 2014 da stabia_info
 
Foto di stabia_info

Titti Esposito - Castellammare. I reperti di epoca romana in mostra nella Reggia di Quisisana dal 23 maggio a settembre prossimo (con l'obiettivo di rendere l'esposizione permanente nel palazzo borbonico). L'apertura straordinaria per due weekend della grotta san Biagio, di epoca paleocristiana chiusa da anni per problemi strutturali, ma soprattutto l’obiettivo di far divenire le ville di Stabiae sito Unesco riaccendendo i riflettori sul patrimonio storico, artistico e culturale dimenticato. Obiettivi ambiziosi per il «Maggio dei monumenti» che quest'anno, a distanza di vent'anni dalla prima edizione, riparte sul territorio stabiano con il logo «Castellammare d'autore». L'idea del Comune che in accordo con la Diocesi sorrentino-stabiese, l'azienda di cura soggiorno e turismo, le Sovrintendenze e le associazioni dei commercianti e degli albergatori, è di rendere fruibili le opere d'arte sacra e profana della città con itinerari interessanti aperti a cittadini e turisti. Come il premio Luigi Denza, concorso musicale internazionale per giovani pianisti alla Reggia di Quisisana con l'associazione Le camenae fino al 17 maggio dalle 9 alle 13 e dalle 15,30 alle 19, alle 19 dello stesso giorno l'appuntamento è con il premio Madonna dell'Arco all'Istituto Denza al rione ponte Persica. Il 18 maggio Salvalarte Ager stabianus con la visita alle ville romane di Arianna e san Marco con i giovani volontari di Legambiente Woodwardia. Dal 23 maggio apre la mostra «Dal buio alla luce» che fa uscire dagli scantinati dell'Antiquarium chiuso di via Marco Mario i reperti di epoca romana delle ville stabiesi (con orario dalle 9,30 alle 13,00 e dalle 15,30 alle 19,00), alle 18,30 invece conferenza storica con Catello Vanacore alla chiesa del Purgatorio, promossa dal Comitato scavi di Stabia nel cuore del centro antico. Dal 23 al 25 con l'associazione Ars Nea sarà possibile visitare la mostra della Reggia dalle 9,30 alle 11 e dalle 12 alle 16,30. Il 24 maggio si visitano le ville dell'otium con l'associazione Locus Iste dalle 10,30 alle 13. Dalle 14,30 alle 18,30 invece tutti in bicicletta dalla Cassarmonica alle ville romane con Stabia archeo bike tour, alle 17 invece appuntamento con l'arte sacra nel libro di Egidio Valcaccia alla chiesa del Purgatorio. Alle 18 sempre il 24 i tesori nascosti nel centro antico con il convegno della Fidapa al Mudiss (museo diocesano nell'ex chiesa dell'Oratorio) sulla tela raffigurante santa Teresa d'Avila di Sebastiano Conca. Il 25 Sulla via degli orti di Stabiae con Slow food a via passeggiata archeologica, con un laboratorio del gusto dalle 9 alle 13, alle 11 appuntamento con l'associazione Myo a via Santa Caterina per l'incontro monotematico sulle ville romane di Luca Schettino. Fino al 2 giugno alla Reggia in mostra le collezioni dell'Ipiemme International Puppets Museum con i burattini, i teatrini ed i pupi napoletani, e poi spettacoli il 18 ed il 25 maggio. Per informazioni sugli altri eventi fino a fine mese e prenotazioni di tour e visite si puo' contattare il numero 0813900445 e per i turisti di lingua inglese 3395941271. Entusiasta il sindaco Nicola Cuomo. 

Fonte: Il Mattino di Napoli

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

FACEBOOK

 
 

PER INFO, SEGNALAZIONI, SUGGERIMENTI E RECLAMI

CONTATTAMI SU MSN

 
 


immagineShinystat

immagine

immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
 

web counter

 
 

AREA PERSONALE

 

LA RADIOCRONACA DELLA JUVE STABIA SUL GUESTBOOK

 
http://blog.libero.it/STABIA è un blog d’informazione senza scopi di lucro. L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'autore si riserva, tuttavia, la facoltà di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contrario al buon costume. Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.