Creato da stabia_info il 19/06/2007

STABIA NEWS

Notizie dell'hinterland stabiese

 

« Eventi Estivi in costieraLegea nuovo sponsor tecn... »

In fiamme la facciata di Palazzo Criscuolo

Post n°1397 pubblicato il 20 Agosto 2007 da stabia_info
 

Fiamme a Palazzo Criscuolo, la sede storica del comune di Torre Annunziata. Il trompe d’oeil (la finta finestra) che riproduce la facciata del monumentale edificio si è improvvisamente incendiato, causando una densa colonna di fumo nero. È accaduto ieri intorno alle 16 e 30. Ad accorgersene, sono stati alcuni passanti che hanno immediatamente dato l’allarme. Sul posto, gli agenti del commissariato locale che dista appena un centinaio di metri dall’ingresso dello stabile, i carabinieri della locale compagnia e i vigili del fuoco del distaccamento di Castellammare di Stabia. Tra i primi a intervenire anche il custode della struttura che è riuscito a introdursi nella struttura per impedire che il fronte incandescente potesse danneggiare lo stabile, attualmente in fase di restauro. Il sindaco Giosuè Starita, avvertito dalle forze dell’ordine, ha voluto recarsi di persona sul posto per rendersi conto della situazione. Dopo aver portato a termine le operazioni di spegnimento i tutori dell’ordine hanno effettuato un sopralluogo per accertarne le cause. L’ipotesi più seguita dagli investigatori è quella del corto circuito per la presenza di cavi elettrici a ridosso dei pannelli. Il primo cittadino, al termine della ricognizione, si è detto sollevato: «In un primo momento - ha detto Starita - avevo temuto il peggio. Per fortuna l’edificio non ha subito conseguenze, grazie anche alla sollecitudine con cui si è proceduto». Attualmente, gli uffici della municipalità sono dislocati in più punti del territorio. Il cuore dell’apparato burocratico del Comune si trova in via Dante, nelle immediate adiacenze di piazza Ernesto Cesaro. Qui, in un edificio di proprietà privata - già adibito, in passato, a scuola elementare – si riuniscono il capo dell’esecutivo di centrosinistra e i suoi più stretti collaboratori per adottare i provvedimenti ritenuti necessari per il bene della collettività. Il tutto in attesa che vengano ultimati i lavori di restyling di Palazzo Criscuolo che hanno subito dei rallentamenti anche in virtù del ritrovamento di una serie di affreschi di interesse storico. A seguito dell’incendio nelle abitazioni che sorgono a ridosso del manufatto si è interrotta l’erogazione dell’energia elettrica e della linea telefonica. I tecnici delle rispettive aziende si sono però subito messi al lavoro per eliminare o quanto meno ridurre al minimo i disagi. I vertici dell’amministrazione in carica hanno dunque tirato un sospiro di sollievo. Nelle scorse settimane si è tenuto un summit proprio per accelerare l’ultimazione del cantiere. Il palazzo fu costruito da Nicola Gargano, noto commerciante di grano, poco prima dell’Unità d’Italia. Nel 1880 passò in proprietà ad Anassimene Criscuolo (di qui la denominazione, ndr), dal quale il Comune di Torre Annunziata ne acquistò una parte nel 1897. In quel periodo la facciata principale fu abbellita da due grossi lampioni con supporto in ghisa e da un orologio a pesi. CARMINE ALBORETTI-ilmattino

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/STABIA/trackback.php?msg=3138436

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

FACEBOOK

 
 

PER INFO, SEGNALAZIONI, SUGGERIMENTI E RECLAMI

CONTATTAMI SU MSN

 
 


immagineShinystat

immagine

immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
 

web counter

 
 

AREA PERSONALE

 

LA RADIOCRONACA DELLA JUVE STABIA SUL GUESTBOOK

 
http://blog.libero.it/STABIA è un blog d’informazione senza scopi di lucro. L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'autore si riserva, tuttavia, la facoltà di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contrario al buon costume. Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.