Creato da stabia_info il 19/06/2007

STABIA NEWS

Notizie dell'hinterland stabiese

 

« Statale sorrentina: Un s...Rifiuti: Castellammare, ... »

Castellammare - Porto, via libera al nuovo piano regolatore

Post n°17714 pubblicato il 15 Febbraio 2014 da stabia_info
 

Francesco Fusco - CASTELLAMMARE. Via libera da parte delle autorità locali al piano regolatore del porto stabiese. Il patto è stato siglato ieri mattina, nel corso di un incontro svoltosi presso la capitaneria di Porto, dal sindaco Nicola Cuomo, dal comandante Savino Ricco e dall’ammiraglio Felicio Angrisano, nuovo commissario dell’autorità portuale. Si tratta di uno strumento molto atteso dalle realtà industriali dell’area stabiese, che colloca il porto tra le infrastrutture della provincia da potenziare, dal punto di vista commerciale. Oltre all’adozione del piano regolatore, ieri mattina si è discusso anche delle opere previste dal piano triennale recentemente approvato dal comitato portuale di Napoli. Nell’incontro svoltosi presso la capitaneria, è stato affrontato inoltre il problema relativo alla concessione del molo di sottoflutto, il cui perfezionamento comporterà riflessi positivi anche per i lavoratori ex Stabia Porto. Su questo punto c’è stata un’immediata intesa tra tutti e l’autorità portuale si è impegnata a inviare al Comune una bozza del piano regolatore portuale, che dovrà poi essere integrato anche dalle osservazioni dell’amministrazione comunale. «È un risultato importante per la città – afferma Cuomo - visto che il piano regolatore sarà poi sottoposto a un confronto aperto con le forze politiche e sindacali stabiesi. Il tutto – continua - al fine di realizzare una struttura che vada di pari passo con lo sviluppo della città e che possa coniugare gli obiettivi principali, quali la cantieristica, le attività diportistiche, crocieristiche e il trasporto marittimo di collegamento con le isole e i porti dei centri più importanti del Golfo di Napoli». Sono sei gli interventi fondamentali previsti per lo scalo stabiese: l'ampliamento della banchina (raddrizzamento dell'angolo interno) in modo da consentire un più lungo fronte di attracco per navi da crociera; l'ampliamento della banchina tra quella della Marinella e quella dei Magazzini Generali (raddrizzamento dell'angolo interno) in modo da disporre di un'area più ampia per le funzioni crocieristiche e del cabotaggio del golfo; il prolungamento del molo di sottoflutto ed escavo dei fondali; il prolungamento e sistemazione del molo Quartuccio; la riorganizzazione del sistema fognario; la riorganizzazione e potenziamento del sistema energetico, anche in funzione dell'uso di fonti naturali. La relazione del programma triennale 2014-2016 evidenzia come l'Autorità Portuale punti sullo scalo stabiese soprattutto sul fronte crocieristico, individuando la posizione strategica del porto stabiese, a ridosso della penisola sorrentina e dei siti archeologici di Stabia, Ercolano e Pompei. Fonte: Il Mattino

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

FACEBOOK

 
 

PER INFO, SEGNALAZIONI, SUGGERIMENTI E RECLAMI

CONTATTAMI SU MSN

 
 


immagineShinystat

immagine

immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
 

web counter

 
 

AREA PERSONALE

 

LA RADIOCRONACA DELLA JUVE STABIA SUL GUESTBOOK

 
http://blog.libero.it/STABIA è un blog d’informazione senza scopi di lucro. L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'autore si riserva, tuttavia, la facoltà di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contrario al buon costume. Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.