**TEST**
Creato da stabia_info il 19/06/2007

STABIA NEWS

Notizie dell'hinterland stabiese

 

Castellammare: Riapre l'Impianto sportivo di viale delle Puglie

Post n°17780 pubblicato il 20 Febbraio 2015 da stabia_info
 
Foto di stabia_info

Sabato 21 febbraio 2015 riapertura ufficiale della struttura

Castellammare di Stabia è da sempre  terra di sport e di campioni in tante discipline sportive.  La riapertura della storica struttura di Viale delle Puglie, chiusa dal lontano 2011 è stata  fortemente voluta dall’Amministrazione Comunale che ritiene lo sport uno degli strumenti più efficaci per l'integrazione sociale.

Programma


Ore 15,00–16,45 ATTIVITA’ DIMOSTRATIVE A CURA DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE

Ore 16,45–17,00 SCHIERAMENTO DEI TESSERATI DI TUTTE LE ASSOCIAZIONI IN TRIBUNA (tutti con colori sociali indossati)

Ore 17,15 MOMENTO D’INSIEME A CURA DELL’ASSOCIAZIONE PATTINAGGIO. Inno Nazionale – Coreografia

 
 
 

Castellammare: Sversamento abusivo di rifiuti, identificate tre persone

Post n°17779 pubblicato il 19 Febbraio 2015 da stabia_info
 

Il nucleo di polizia ambientale del comando di polizia municipale guidato dal comandante Antonio Vecchione, ha identificato tre persone, due provenienti da Pompei e Lettere ed uno di Castellammare di Stabia, intenti a sversare rifiuti sul territorio comunale.
Ai trasgressori è stata contestata la sanzione amministrativa di € 130.00 per violazione di norme in materia ambientale.
La polizia municipale è riuscita a risalire ai responsabili grazie alle immagini registrate dalle telecamere del sofisticato sistema di videosorveglianza posizionate in numerosi punti strategici del territorio cittadino (vedi due foto allegate).
“Con la videosorveglianza abbiamo la concreta possibilità di realizzare Il nostro obiettivo prioritario della prevenzione e repressione dei crimini commessi sul territorio comunale per garantire maggiore sicurezza ai cittadini”, dichiara il comandante Antonio Vecchione.



 
 
 

Project financing per il rilancio delle Terme di Stabia

Post n°17778 pubblicato il 12 Febbraio 2015 da stabia_info
 

Francesco Ferrigno - Castellammare di Stabia. Riqualificazione e gestione delle Antiche Terme di Stabia con la formula del project financing. È questa l’idea di un gruppo di imprenditori che nelle ultime ore ha presentato un’istanza al Comune di Castellammare, proprietario della struttura di piazza Amendola. Sul tavolo ci sarebbero circa tre milioni di euro per dieci anni di concessione. Ieri mattina all’Hotel Miramare sono state presentate le linee guida del progetto, le modalità di esecuzione e le normative da rispettare, e tra due settimane, ovvero quando verranno sottoposte all’attenzione dell’Ente comunale, si discuterà degli interventi specifici da effettuare e del fronte occupazionale. All’incontro era presente anche un funzionario dell’Assessorato regionale al Lavoro, Francesco Capozzo, che ha promesso sostegno all’iniziativa e la convocazione di un tavolo tecnico, mentre mancavano rappresentanti dell’amministrazione comunale seppur invitati. Il sindaco Nicola Cuomo, infatti, ha preferito al momento non esprimere pareri sul progetto ancora da visionare, mentre ha dato rassicurazioni sulla riapertura delle Nuove Terme di Stabia: «I lavori di ristrutturazione sono in gran parte conclusi. L’obiettivo è aprire i battenti, almeno parzialmente, entro la fine di febbraio». Tornando al project financing presentato dall’associazione temporanea di imprenditori «Ars Nova», al tavolo dei relatori oltre a Capozzi c’erano il commercialista Gennaro Parisi, il titolare dell’Hotel Miramare Vincenzo Liguori, l’ex direttore generale della partecipata Terme di Stabia Carlo Trevisan. «Vogliamo creare una rete di imprese – ha detto Parisi – non siamo una cordata, non vogliamo effettuare alcuna scalata. Il nostro obiettivo è l’affidamento temporaneo delle Antiche Terme e la riqualificazione e l’adeguamento del complesso». Bisogna ricordare che le Antiche Terme sono di proprietà del Comune e non rientrano quindi tra i beni di Sint, la partecipata che detiene il patrimonio immobiliare termale. Al complesso si lavora dal 2007 e si continua a spostare la data della riapertura dopo che sono stati già spesi oltre 12 milioni di euro tra fondi Cipe, regionali e comunali. Rientrano nel patrimonio di Sint, invece, le Nuove Terme (interessate da lavori di messa in sicurezza) gestite dalla partecipata Terme di Stabia spa, attualmente in liquidazione e inattesa che il Tribunale di Torre Annunziata si pronunci il 18 febbraio sulla richiesta di concordato per evitare il fallimento. «Non c’è nessun inganno nella nostra proposta e contiamo di iniziare ad operare entro il 1 luglio – ha affermato Trevisan – e voglio dire che il concordato è molto difficile che passi. Noi siamo convinti che il flusso turistico del territorio non si debba interrompere. Credo sia la prima volta che a Castellammare si presenti un’offerta economica da parte di imprenditori». «Caro sindaco, ci pensiamo noi – ha detto Liguori – voi non ci siete riusciti, noi abbiamo le risorse per farlo». Ars Nova ha presentato il progetto richiamando quanto previsto dal Codice degli Appalti che stabilisce, appunto, che gli operatori economici possono presentare proposte qualora le strutture pubbliche non siano presenti nella programmazione triennale. A quel punto partirebbe una sorta di manifestazione di interesse alla quale tutti potrebbero partecipare con altre offerte. Un fatto, però, che cozzerebbe con lo schema di programma triennale delle opere pubbliche 2014-2016 approvato in giunta comunale il 23 gennaio scorso. Nell’elenco degli interventi per l’annualità 2016, infatti, compaiono anche le Antiche Terme con un intervento per circa quattro milioni di euro da finanziare con fondi comunitari. Fonte: Il Mattino di Napoli 

 
 
 

Castellammare: Riprendono i lavori al Corso Alcide de Gasperi

Post n°17777 pubblicato il 10 Febbraio 2015 da stabia_info
 

Nella giornata di mercoledì 04.02.2015, Il legale rappresentante della Ianniello Costruzioni, capogruppo della R.T.I. aggiudicataria dell’appalto, ha sottoscritto il nuovo atto di sottomissione in accompagnamento alla perizia di variante che si è resa necessaria a fronte degli innumerevoli errori progettuali che il RUP ha contestato al progettista dell’opera.Il progetto originario –posto a base della gara di appalto aggiudicata dalla precedente amministrazione- era viziato da numerose e gravi carenze e molte delle soluzioni prospettate risultavano assolutamente impraticabili (a titolo di esempio ricordiamo le alberature, l’illuminazione stradale e un cunicolo che avrebbe dovuto contenere tutti i sottoservizi); esso inoltre prevedeva addirittura la realizzazione di opere in aree di proprietà delle Ferrovie dello Stato o comunque non in conformità con la normativa che regola le distanze dai binari.Alla luce delle deficienze riscontrate è stato necessario sospendere i lavori e il RUP (responsabile unico del procedimento) ha valutato necessario predisporre una perizia di variante complessiva al progetto, riconducibile ad errore progettuale. Proprio a causa della mole di problematiche cui doveva dare soluzione, l’elaborazione della variante ha richiesto molto tempo ed è risultata particolarmente complessa.L’Assessore all’urbanistica, con delega al PIU Europa Alessio D’Auria ha affermato: «L’amministrazione ha profuso uno sforzo non indifferente per sbloccare quest’opera, per la quale abbiamo rischiato di perdere i finanziamenti. Desidero innanzitutto ringraziare il RUP, ing. Giovanni Angellotto e il progettista della variante, ing. Raffaele Schettino, che con caparbietà e competenza sono riusciti a venire a capo di una situazione veramente complessa. E sento l’esigenza di chiedere scusa ai cittadini per i disagi patiti e ringraziarli per la loro pazienza, anche se evidenzio che gli stessi non sono addebitabili alla nuova amministrazione. Avevamo promesso che i lavori sarebbero ripartiti e manteniamo questa promessa. Purtroppo le carenze progettuali erano tali e tante da rischiare di compromettere l’intero progetto e di conseguenza l‘intero programma PIU Europa. Dopo un primo diniego totale delle Ferrovie dello Stato, siamo riusciti ad ottenere un parere parzialmente favorevole con prescrizioni, che ci consentirà comunque di realizzare l’opera, seppur variata rispetto a quella progettata».«Via de Gasperi sarà un boulevard paesaggistico –ha aggiunto il sindaco Nicola Cuomo- ricco di verde e con una pista ciclabile. Nei prossimi giorni riapriranno i cantieri per la realizzazione dei lavori, finanziati nell’ambito del PIU Europa. Se riusciremo a portare avanti con gli imprenditori del waterfont il nostro progetto che prevede la riconversione delle attività produttive verso iniziative commerciali e turistiche e la realizzazione di varchi e piazzette sul mare, la strada diventerà a tutti gli effetti un vero e proprio prolungamento del lungomare fino a Marina di Stabia. Ancora una volta l’amministrazione da me guidata sta dimostrando capacità di risolvere i problemi, senza clamore mediatico, ma con efficacia e tempestività».

 
 
 

Castellammare: Estorsione, preso dai carabinieri - VIDEO

Post n°17776 pubblicato il 06 Febbraio 2015 da stabia_info
 
Foto di stabia_info

Voleva imporre cambio impresa edile impegnata per la ristrutturazione del santuario della Madonna della Libera

(ANSA) - NAPOLI, 6 FEB - Ha tentato di imporre un cambio di in un cantiere di ristrutturazione di un Santuario ma è statoarrestato dai carabinieri. A Castellammare di Stabia i militari hanno bloccato Armando Di Martino, 33 anni, già denunciato in passato, che ora risponde di tentata estorsione. "Da qui ve ne dovete andare, dobbiamo mangiare tutti", ha detto l'uomo agli operai. I suoi movimenti, però, sono stati ripresi dai sistemi di videosorveglianza esterni al santuario e da quelli installati lungo le strade.

 

 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

FACEBOOK

 
 

PER INFO, SEGNALAZIONI, SUGGERIMENTI E RECLAMI

CONTATTAMI SU MSN

 
 


immagineShinystat

immagine

immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
 

web counter

 
 

AREA PERSONALE

 

LA RADIOCRONACA DELLA JUVE STABIA SUL GUESTBOOK

 
http://blog.libero.it/STABIA è un blog d’informazione senza scopi di lucro. L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'autore si riserva, tuttavia, la facoltà di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contrario al buon costume. Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.