Creato da viol75 il 02/05/2006
 

Panta rei...? Mah!

Se si sbaglia ad allacciare il primo bottone di una camicia di conseguenza si sbaglieranno tutti gli altri. Gli altri però non saranno errori, ma solo la logica conseguenza del primo bottone sbagliato.

 

 

Post N° 200

Post n°200 pubblicato il 23 Gennaio 2008 da viol75

Non è tutto oro quel che luccica...e questo si sa...
ma una volta che invece luccichi veramente no eh?

Uffa oggi che c'è un po' di sole, dopo 15 giorni di buio e umidità, io ho la testa piena di nuvole e di tuoni.
Perchè non mi posso mai lamentare del fatto che sono sempre di corsa e che non c'ho mai un po' di tempo libero? Perchè le mie priorità sono sempre il lavoro, la spesa, il cercare di tenere in ordine la casa, il pensare a cosa cucinare per non mangiare sempre le stesse cose (a proposito a pranzo che faccio?) ?
Di tempo me ne rimane sempre poco e di forze psicofisiche ancora meno.
Ok mi dico... è un periodo un po' più incasinato di altri, ok mi dico... passerà,    ok mi dico... magari domani mi sveglierò con nuovo vigore, ma intanto un po' di comprensione la posso avere? La classica spalla su cui piangere la posso avere?
Perchè gli uomini minimizzano sempre tutto?
Perchè per loro mangiare per 7 giorni filati pasta in bianco è la soluzione a tutti i tuoi problemi?
Mi sento incompresa!

p.s. un mio amico è a Seattle per lavoro, gli ho chiesto di portarmi il dr. Sheperd come souvenir, che dite sarà d'aiuto?


 
 
 

Post N° 199

Post n°199 pubblicato il 08 Gennaio 2008 da viol75

Benvenuto 2008!

Si lo so sono in ritardo, ma quest'anno mi sento più lenta dell'anno appena trascorso.. non so come spiegarlo ma dalla mezzanotte del 31.12.2007 mi sono come fermata (forse per colpa del tasso alcolico, mah..)
...o sarà forse perchè dal 3 gennaio mi hanno fatto compagnia solo tosse, raffreddore e febbre, fatto stà che quest'anno non sembra decollare.
Oggi ho pure scoperto di avere una mania in più dell'anno scorso: se in macchina ci sono fogli, carte, buste etc. in disordine non riesco a concentrarmi nella guida finchè non è tutto a posto..oggi ho rischiato un tamponamento e un passaggio col rosso in un semaforo con telecamera di rilevazione delle infrazioni (sarebbero 6 punti mica niente) per sistemare l'abitacolo..e pensare che fino al 25.12.07 la mia macchina sembrava la slitta di Babbo Natale!
...sarà grave? Non è che con l'età (ho fatto pure gli anni verso fine anno) le manie aumentano?!
Beh..intanto buon 2008 a tutti Voi!

 
 
 

Post N° 198

Post n°198 pubblicato il 21 Dicembre 2007 da viol75

Purtroppo
in questo

periodo 
non ho avuto
molto tempo nè
per scrivere,
nè per passare a trovare gli amici che ho qui dentro.

Vi auguro comunque
di cuore
un sereno Natale.

Buone feste!

 
 
 

Post N° 197

Post n°197 pubblicato il 11 Dicembre 2007 da viol75

DICO o non dico?

Fino a due anni fa giocavo in una squadra femminile di calcio a 5.
Sono stati anni molto divertenti nei quali le amicizie sono cresciute e rafforzate. Poi ad un tratto, crac, la squadra si è spaccata e finito il campionato ognuno per la sua strada.
Molte di noi non conoscono nemmeno ora, a distanza di due anni, il motivo di quella fine. Ebbene il motivo principe è stata la rottura a catena, con tradimenti e quant'altro, delle coppie che c'erano nella squadra. Quando una di loro me l'ha confessato non sapevo che dire/fare/pensare, anzi una cosa subito l'ho pensata: "ma sono così tonta che non me ne sono mai accorta?" Ebbene si.
In quattro anni di allenamenti, partite, spogliatoi, docce, sarà che io mi faccio gli affari miei, sarà che c'ero abituata, non mi sono mai accorta di nulla.
(A dir la verità su due di loro un dubbio ce l'avevo ma sulle altre proprio no).

Comunque...

Con una di loro adesso frequento un gruppo di ginnastica.
Gruppo misto, formato da persone anche di età diverse, nel quale tutte le attività sono svolte o singolarmente o in gruppo.
Le docce ce le facciamo a casa, quindi arriviamo già cambiate e così come siamo venute ce ne torniamo a casa.
Questo per far capire che non c'è nulla di particolare.

La scorsa settimana, causa impegni di lavoro, salto una lezione.
La mia amica invece ci va e viene sommersa di domande sul dove sono, sul perché non ci sono etc. etc.
Al che salta fuori uno che potrebbe essere benissimo mio padre e inizia a dirle “ah..voi dico, eh si si dico, dico..”….la mia amica afferra il messaggio e inizia con veemenza a rispondergli dicendogli che io non sono così, che a me piacciono i maschi etc..
Insomma mi ha difesa.. (da che cosa poi??)

Quando me l’ha raccontato io sono scoppiata in una sonora risata, ma poi riflettendoci a mente fredda sono giunta a queste conclusioni.

Primo: una persona che non mi conosce non si dovrebbe permettere di trarre conclusioni sulle mie preferenze sessuali, e comunque di certo non di esporle ad un gruppo di 30 persone.

Secondo: la mia amica dovrebbe smetterla di vergognarsi di essere lesbica. Non dico in quest’ambito ovviamente, ma a volte mi viene il dubbio che lo sia solo per "necessità" affettiva  che per convinzione..

Terzo: anche questa volta non mi sono accorta di niente…(e poi di cosa mi dovevo accorgere..che corro in modo diverso??)

Quarto: in gioventù (tempi lontani ahimè) mi “accusavano” di scherzare troppo con i ragazzi, adesso che sono felicemente accoppiata con un soggetto maschile, mi danno della lesbica..

Io mica mi sono offesa però!
Evviva l'amore, quello vero e chiunque ne sia il protagonista!

 
 
 

Blog Amici? Seee...

Post n°196 pubblicato il 21 Novembre 2007 da viol75

Capita che non hai più tempo per passare e per scrivere qualcosa.
Capita, proprio perchè il blog è tuo, che tu decida che non hai nulla da dire e quindi decidi di non scrivere nulla.
Capita che non rispondi ai commenti.
Capita che non rispondi nemmeno ai messaggi privati.
Capita che di scrivere non ne hai proprio voglia.

Ma un giorno ritorni e scopri che per i motivi di cui sopra qualcuno dei Blog Amici ha ben pensato di depennarti dalla sua lista.

E allora mi chiedo..ma i blog Amici sono solo quelli in cui passi ogni tanto e lasci frasi carine e accomodanti, solo per far piacere all'autore, o sono quelli che leggi anche senza commentare, che ti piacciono perchè ci hai trovato qualcosa di interessante, di intelligente, di brillante?

Beh i MIEI blog Amici sono proprio così e non chiedo/pretedendo che mi venga rivolta la stessa cortesia.
Io scelgo ciò che mi piace leggere non chiedo di piacere.
Io scelgo ciò che mi interessa leggere non chiedo di interessare.

E anche qui gli Amici sono davvero pochi.
Quindi chiedo scusa ai miei Amici se ultimamente non sono passata e auguro buon blog a tutti quelli che hanno deciso che un blog Amico per essere definito tale deve essere sempre super aggiornato e che il suo autore sia sempre in giro a scriverti magari solo per augurarti buona giornata.

 
 
 

Post N° 195

Post n°195 pubblicato il 25 Ottobre 2007 da viol75

Mi piacerebbe chiederti cosa hai visto in me di così speciale.
Ma lo farei solamente per togliermi da dentro le risposte che mi sono già data.
Da sola.
Io domando e io rispondo.
Lo faccio sempre.
E sbaglio.
Accidenti se sbaglio.
Stupida.
E se invece non sbagliassi?
Se invece certe domande andassero fatte, sempre?
Problemi che non esistono.
Forse.
Problemi che esistono.
Forse.
Giornata di dubbi.
Si.

 
 
 

Solo..sogni

Post n°194 pubblicato il 16 Ottobre 2007 da viol75

Sogni strani popolano
il mio dormire in queste notti,
non so perchè rinascono ora,
ma so che lasciano strascichi
pesanti nelle mie giornate.
Era da un po' che non succedeva  
e so che provengono da inquietudini
e da situazioni che ancora
non riesco ad accettare.
Il dover lottare la notte
però non facilita le cose.
Il dover far valere situazioni,
persone,
che non ci sono più mi logora.
Mi sveglio di soprassalto
perchè non riesco a mantenere
vivo un pensiero
o perchè non riesco
a far tornare in vita qualcuno.
Sono solo sogni però..purtroppo.
Basterebbe acchiapparli.

 
 
 

La vecchiaia proprio una brutta bestia

Post n°193 pubblicato il 27 Settembre 2007 da viol75
Foto di viol75

Credo che il pensiero di diventare vecchi almeno una volta abbia spaventato un po' tutti, beh a me ultimamente spaventa ancor di più.
Tralascio in questo post la condizione di alcuni poveri anziani costretti immobili a letto, magari in un ospizio abbandonati e dimenticati da tutti, oppure di quelli che fanno fatica ad arrivare a fine mese e sono costretti per sopravvivere  a pane e acqua.
Tralascerò infine altre migliaia di situazioni ancora più gravi e ancora più tristi, ma solo per il semplice fatto che non le sto vivendo in prima persona.
Mia nonna abita poco lontano da me; abita con mia zia in una casa super confortevole, non le manca nulla di materiale, ma le manca tutto di quello che era un tempo.
I mie fratelli, io e le mie due cugine siamo cresciuti sotto le sue ali protettrici, andavamo perfino in vacanza d'estate a casa sua anche se abitavamo a meno di 1km.
C'è sempre piaciuto stare con lei, lei era, e nei nostri cuori lo è ancora, la nostra super nonna.
Con la sua bici ha pedalato e pedalato, con le sue scarpe ha camminato e camminato ed ora, alla veneranda età di 93anni vederla affossata nella sua poltrona ergonomica o dormiente nel suo letto tipo ospedale per evitarle le piaghe da decupito ci spacca il cuore.
Ad un tratto, un paio d'anni fa è come se si fosse spenta.
Stop, il suo corpo si è fermato, le forze sono sparite e lei si è fatta piccola piccola.
Ma la sua mente no. Il suo cervello, la sua memoria sono ancora vivi, e come tali si rendono conto che la fine è ormai vicina.
A volte se lo augura pure di morire, me lo ha detto anche domenica, mentre a fatica cercava di sollevare lo testa per riuscire a guardare il suo terzo pronipote.
"Non ho dolore ma sono stanca, stanca di star seduta, stanca di dover cominciare un'altro giorno senza fare nulla".
Mi dispiace cara nonnina, mi dispiace perchè l'unica cosa che posso fare per te è tenerti la mano e abbracciarti quando ti vengo a trovare.
Mi dispiace vedere che ti tocca dipendere dalla badante di turno che ti tratta come una mansione da svolgere e non sa che sei sopravvissuta a due guerre mondiali.

 
 
 

Post N° 192

Post n°192 pubblicato il 18 Settembre 2007 da viol75
 

Stamattina il mio capo ha dato inizio alla mia giornata dicendomi.
"Vedi Viol esistono due categorie di lavoratori.
Il 95% di essi si sveglia al mattino già sbuffando e imprecando pensando a dove dovranno passare le 8 ore seguenti.
Sono già contrariati al solo immaginare la sfuriata che gli potrà fare il capo ufficio o alle beghe che si creeranno nel corso della giornata con i colleghi, e passeranno il tempo a fissare le lancette dell'orologio in attesa che il tempo passi in fretta per potersene tornare a casa.
Esiste poi il restante 5% composto da quei lavoratori che al mattino si alzano tranquilli, arrivano in ufficio, magari con 4/5 minuti di ritardo, (tanto non devono timbrare),
che passano i primi 20 minuti a bere il caffè con il loro capo, i 10 minuti successivi a sfogliare il giornale, (che non si sa mai che ci siano notizie utili per l'attività),
che rimproverano il loro titolare perchè spende troppo e se capita lo mandano pure a fare in c..., 
e che non hanno nemmeno un collega con cui litigare."
Al che, chiamata in causa ho risposto:
"..ma con questo vuoi dire che io non faccio un caxxo qua dentro?"
E lui: "..no è che gestisci il tempo e la lingua come vuoi !"
 
.....?

 
 
 

Post N° 191

Post n°191 pubblicato il 12 Settembre 2007 da viol75

Ricordo le elementari e le ore di ricreazione passate in cortile a rincorrerci.

Non eravamo mai stanchi, sempre in cerca di nuove storie da inventare, di principesse da salvare e di draghi da combattere.

Ricordo i tuoi riccioli biondi e i tuoi occhi azzurro cielo, sempre vispi, sempre allegri, sempre attenti ad essere gentili.

Ricordo che correvi dalla maestra, tutto affannato, come se avessi paura di arrivare secondo, a dirle che da grande mi avresti sposata..

E io, alta circa 20 cm in più di te, ti guardavo, sorridevo e arrossivo.

Sei sempre stato in quei cinque anni passati fra i banchi verdi, pieni di buchi e scritte incise, il mio angelo custode.

Te ne sei andato un paio di giorni fa, a 31 anni, sconfitto da una malattia che in un anno non ti ha lasciato scampo.

Eppure quest’inverno, quando, quelle poche volte che hai avuto la forza per uscire, ti avvicinavi e ci chiedevi sorridendo, se avevamo una sigaretta da offrirti, tanto sapevi che ormai non ti avrebbe fatto più male.

E noi, impacciati, come quando avevamo 6 anni non sapevamo che fare.

Ci sembrava di farti male sia concedendotela che rifiutandotela.

Avevi però sempre quello sguardo furbo e vispo e noi credevamo che alla morte avresti dato tu scaccomatto.
Ciao compagno di tante avventure.

 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: viol75
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 120
Prov: EE
 

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 
immagine 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

claudia.holaesternolucevpantamargot270gabriel1971alecs77Cofrancescapozzebonfolgore56Danilo87rossoporpora69bal_zacspidipizzaAtuttavitafranco_m65antozahir87
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 
 
Template creato da STELLINACADENTE20