Creato da: a_bi_ci il 18/06/2006
Letture,riletture e ascolti.

Poesia del guanciale

Perché fino alla punta delle dita
sei presente, perché hai desideri,
per come pieghi i ginocchi
e mi mostri le chiome,
per il tuo tepore
e la tua oscurità;
per le tue frasi dipendenti,
i gomiti non prepotenti
e l’anima materiale
che nella fossetta
sopra la clavicola balugina;
perché sei andata
e venuta, e per tutto
ciò che di te non so
queste mie esili sillabe
son troppo poco – o troppo.
H.M. Enzensberger

 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

Ultime visite al Blog

jackhunter77mariomancino.mangelinolamendoladade2410annapaola_delucapoirot73giuseppeconsuelofrancesca.1976Alesssssssmario.rotilign51annabe1urbana3greco.toresupergengi
 

Ultimi commenti

baci...by giusy
Inviato da: freddissima
il 16/05/2008 alle 18:00
 
bacetti e auguri anticipati per pasqua!
Inviato da: freddissima
il 16/03/2008 alle 14:28
 
DOVE SEI????
Inviato da: luisa.gandi
il 10/03/2008 alle 22:20
 
buon giorno...non torni piu'???? dai che ti aspettiamo...
Inviato da: luisa.gandi
il 15/01/2008 alle 07:05
 
pretendo gli auguri!!
Inviato da: freddissima
il 06/01/2008 alle 11:45
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
immagine 
 
 
 
immagine
 

 

 
« BUONA SETTIMANAENIGMA »

FERMEZZA E RISOLUTEZZA.

Post n°201 pubblicato il 18 Settembre 2007 da a_bi_ci

La mia seconda massima era di mantenermi nelle mie azioni piú fermo e piú risoluto che potessi, e di seguire le opinioni piú dubbie, una volta che a queste mi fossi determinato, non meno costantemente di quelle del tutto sicure. Intendevo imitare in questo i viaggiatori che, trovandosi smarriti in una foresta, non devono vagare, aggirandosi ora da una parte ora dall'altra, né tanto meno fermarsi in un posto, ma camminare sempre diritto, per quanto è possibile in una direzione, e non cambiarla senza un buon motivo, neanche se l'avessero scelta, all'inizio, solo per caso: in questo modo, infatti, se non vanno proprio dove desiderano, arriveranno alla fine almeno in qualche luogo dove è probabile che si trovino meglio che nel bel mezzo di una foresta. Cosí, dal momento che spesso le azioni, nella vita, non consentono nessun indugio, è una verità assai certa che, quando non è in nostro potere discernere le opinioni piú vere, dobbiamo seguire le piú probabili; e inoltre, che se le une non ci paiono piú probabili delle altre, pure dobbiamo sceglierne una, e considerarla in seguito non piú come dubbia, in riferimento alla pratica, ma come verissima e certissima, perché è tale la ragione della nostra scelta. E questo bastò da allora a liberarmi da tutti i pentimenti e rimorsi che sogliono agitare le coscienze deboli e irresolute, le quali, prive di costanza, si abbandonano a fare, ritenendole buone, cose che in seguito giudicano cattive.

René Descartes - Discorso sul metodo

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog