Creato da scricciolo68lbr il 17/02/2007

Pensieri e parole...

Riflessioni, emozioni, musica, idee e sogni di un internauta alle prese con la vita... Porto con me sempre il mio quaderno degli appunti, mi fermo, scrivo, riprendo il cammino... verso la Luce

 

Messaggi del 11/11/2023

11 NOVEMBRE… SAN MARTINO!

Post n°1665 pubblicato il 11 Novembre 2023 da scricciolo68lbr
 

San Martino di Tours è stato un vescovo ed anche militare romano di origine pannona, nel IV secolo. Originario appunto della Pannonia, l'odierna Ungheria, esercitò il suo ministero nella Gallia del tardo impero romano. L'antica leggenda religiosa cattolica riguardo l'estate di San Martino di Tours, racconta che Martino, durante il suo soggiorno in Gallia, nell’inverno del 335, tornando a casa, durante un forte temporale, incontrò, per strada, un mendicante. Vedendolo senza vestiti in mezzo alla tormenta, Martino si impietosì e gli donò la metà inferiore, rimanendo con una corta mantella. Poco più tardi incontrò un secondo pover’uomo, anch'egli sofferente per il freddo, al quale Martino donò l'altra metà.

Dopo questo secondo episodio generoso, Martino era rimasto senza nulla per coprirsi, ed ecco che la sua generosità diede il “là” ad un miracolo: la tempesta infatti, si placò, il vento smise di soffiare ed arrivò il bel tempo. Non solo.

Quella stessa notte Martino sogna Gesù, che gli rivela di essere lui il mendicante a cui ha donato il mantello. Un sogno premonitore che spinge Martino a deporre le armi e a convertirsi al Cristianesimo. Inizia così il cammino di fede che lo porta a diventare il vescovo di Tours nel 371 d.C.

Ma cosa ha a che fare con noi questa storia?

Non tutti sanno che la cosiddetta Estate di San Martino è direttamente legata alle celebrazioni del Samhain celtico. I punti in comune riguardano gli 11 giorni di festa; i contratti di affitto, rendite e locazioni in scadenza; l'inizio delle attività giudiziarie, delle scuole, delle elezioni, ecc. Poi c’era la divinazione, la questua di dolcetti e tanto altro.

Infine, come dicono molti detti popolari, San Martino era giorno di precetto, in questo giorno si aprivano le botti per il primo assaggio del vino nuovo: "a San Martino, ogni mosto è vino" si dice e l'usanza di bere e festeggiare con il vino nuovo, leggero ma traditore, infatti per questo in Istria la festa si chiama "degli imbriagoni".

Per tradizione il vino veniva solitamente abbinato alle castagne e alle oche. Il pasto era così composto perché l'oca, uccello migratorio, era facile preda dei cacciatori in questo periodo... ma anche perché era l'animale sacro del dio celtico Wigalois, cavaliere infero (leggi: morte = inverno) dalla corta mantella, proprio come San Martino...

Nella religione celtica infatti, si venerava un dio cavaliere che portava una mantellina corta: il culto proveniva dalla Pannonia, terra celtica e patria di san Martino.

 

Era considerato il cavaliere del mondo infero, colui che vinceva gli inferi, che trionfava sulla morte. Perciò (...) lo si considerava il dio della vegetazione che superava la morte attraverso la morte, e dunque  garante del rinnovamento della natura dopo la morte invernale: ne prova la funzione anche la ruota, attributo degli inferi, con cui è ritratto nei monumenti trovati in Bulgaria.

 

Cavalca un cavallo nero, così come nera era la sua mantella. (...) la festa di san Martino di Tours, che si celebra l'11 novembre, è un Capodanno perchè si riallaccia al Samain celtico che durava una decina di giorni. Oggi questa funzione è meno evidente di un tempo, quando a San Martino cominciava l'attività dei tribunali, delle scuole e dei parlamenti, si tenevano le elezioni municipali, si pagavano le fittanze, rendite e locazioni, venivano rinnovati i contratti agrari oppure si traslocava (...). Infatti si dice pure “fare San Martino”…

 

Giorno di precetto, era festeggiato con fiere, fuochi e banchetti innaffiati dal vino perchè "per San Martino ogni mosto è vino": leggero, ma traditore per chi lo scambi per acqua, sicché nell'Istria la festa è detta degli "imbriagoni".

L'usanza di banchettare allegramente, conservata ancora oggi nelle campagne francesi, mentre è quasi scomparsa nelle italiane, è testimoniata da molti proverbi come quello piemontese che invita ad ammassare per l'11 novembre oche, castagne e vino: "Oca, castagne e vin ten tut pe' San Martin".

 

Insomma, anche in questo caso le tradizioni moderne sono la testimonianza di un passato precristiano ricco e duraturo.

 

 
 
 

CHI CRITICA BERGOGLIO… È FUORI DALLA CHIESA!

Post n°1664 pubblicato il 11 Novembre 2023 da scricciolo68lbr
 

Bergoglio non accetta critiche! Come successore di Pietro, ha preso sul serio il suo ruolo e pensa oramai di essere "infallibile". 

Francesco rimuove monsignor Strickland, vescovo tradizionalista Usa La decisione del pontefice rimuove d'autorità un vescovo dichiaratamente tradizionalista e apertamente critico verso il pontificato. In udienza il Papa riceve la European Parents' Association.

 

Papa Francesco "ha sollevato" dal governo pastorale della diocesi statunitense di Tyler monsignor Joseph E. Strickland e ha nominato il vescovo di Austin, monsignor Joe Vasquez, come amministratore apostolico della diocesi resasi vacante. 

La decisione del pontefice rimuove d'autorità un vescovo dichiaratamente tradizionalista e apertamente critico verso il suo pontificato. 

Mons Strickland è un vigoroso difensore delle posizioni dottrinali e dogmatiche della Chiesa Cattolica sul matrimonio, la vita umana e la libertà religiosa. Nel giugno scorso ha ricevuto una visita apostolica, secondo alcuni dovuta alle sue posizioni tradizionali, inconciliabili con il nuovo corso avviato da papa Francesco. Tra le posizioni critiche di Strickland, alcune contro il cammino sinodale voluto da Francesco, e le innovazioni in materia di matrimonio, eucarestia, sessualità. 

In udienza oggi in Vaticano il Santo Padre ha incontrato i partecipanti alla General Assembly and Conference della European Parents' Association (Epa), in corso a Roma. 

"Formare persone libere e generose che hanno conosciuto l'amore di Dio e che donano a piene mani ciò che sanno di aver ricevuto come dono. Questo è il grande compito educativo dei genitori. 

Qui secondo il Santo padre si individuano "anche le radici di una società sana". "Perciò è importante che venga riconosciuto a tutti i livelli il ruolo sociale dei genitori - ha sottolineato il pontefice -. Educare un figlio è una vera opera sociale, perché significa formarlo alla relazionalità, al rispetto degli altri, alla cooperazione in vista di un obiettivo comune, formarlo alla responsabilità, al senso del dovere, al valore del sacrificio per il bene comune".

Secondo Francesco, “diventare genitori è una delle gioie più grandi della vita”. Per questo, secondo il pontefice, "è necessario tutelare il diritto dei genitori a crescere ed educare i figli con libertà, senza essere costretti in nessun ambito, particolarmente in quello scolastico, a dover accettare programmi educativi che siano in contrasto con le loro convinzioni e i loro valori. Questa è una sfida molto grande in questo momento".

 
 
 

AREA PERSONALE

 

RADIO DJVOCE

 

PAROLE

   

     IL TIBET NASCE LIBERO

  LASCIAMO CHE RESTI TALE

                             i

Le parole.

                       I

Le parole contano
dille piano...
tante volte rimangono
fanno male anche se dette per rabbia
si ricordano
In qualche modo restano.
Le parole, quante volte rimangono
le parole feriscono
le parole ti cambiano
le parole confortano.
Le parole fanno danni invisibili
sono note che aiutano
e che la notte confortano.
                                  i
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

scricciolo68lbrQuartoProvvisoriom12ps12Kanty0ssurfinia60Rico65moroPenna_MagicaThirteen13daniela.g0starluciilmondodichanceAVV_PORFIRIORUBIROSAcassetta2Dott.Ficcaglia
 

I LINK PREFERITI

DECISIONI.

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

IMMAGINI DI TE

 

 

 

 

 

CONTATTO

 

 

PASSIONE

immagine


 

 

LIBERTÀ.

 

 

Affrontare ciò che ci spaventa

è il modo migliore per superare

ciò che ancora non si conosce.

 

 

 
 

ATTIMI

 

 

 

UN GIOCO!

 

 

EMOZIONI

 

 

 

 

 

PASSAGGI

Contatore accessi gratuito

 

 

ABBRACCIO

 

  

 

 

BOCCA

 

 

 

 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963