Tu e il Paradiso

Immagini sacre, preghiere e pensieri...dal Cielo

 

SE SIETE INFELICI NON RIMPROVERATELO A ME!

 

Io sono la Luce,

e voi non mi vedete.

  Io sono la Via,

e voi non mi seguite.

  Io sono la Verità,

e voi non mi credete.

 Io sono la Vita,

e voi non mi cercate.

 Io sono il Maestro,

e voi non mi ascoltate.

 Io sono il Capo,

e voi non mi obbedite.

 Io sono il vostro Dio,

e voi non mi pregate.

 Io sono il vostro grande Amico,

e voi non mi amate.

Hai ragione, o Gesù, troppo poco ti ricordiamo

e troppo poco ti amiamo, per questo siamo infelici.

Ma le tue braccia aperte ci invitano al tuo cuore

e ci assicurano il perdono.

Nel tuo cuore, fonte di luce,

ritroveremo la forza per seguirti Via, Verità e Vita;

la grazia per ascoltarti Capo e Maestro;

la gioia per amarti Dio di Amore,

Amico di quanti confidano in te. 

 

 

AREA PERSONALE

 

PREGHIERA A PADRE PIO

 

Tu povero nascesti, o Padre Pio 

come fu Cristo, il nostro Redentore,

compagna l'umiltà ti fu fedele,

 immensa la Tua fede nel Signore.

Simigliante a Gesù anche le piaghe, 

che Tu accettasti con rassegnazione

memore del penoso Suo Calvario e della tormentata Sua Passione.

Or che Tu godi dell'Eterna Luce, fulgente, radiosa ed infinita,

continuando a darci il Tuo aiuto 

mostrati a noi quel che Tu fosti in vita.

In questo mondo pieno di tristezza 

dona il sollievo a tutti i sofferenti,

infondi in noi l'amore in ogni cuore, 

la fratellanza tra le umane genti.

Noi affidiamo a Te le nostre pene, 

or che ormai sei più vicino a Dio,

fa quel che puoi per il nostro bene 

intercedi per Noi, o Padre Pio!

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

 

« Sant'Andrea apostolo ( ...San Luigi Maria Grignion... »

Sant' Antonio da Padova ( Patrono dei poveri, degli oppressi, degli oggetti smarriti)

Post n°37 pubblicato il 13 Gennaio 2011 da osservandoilparadiso

Sant' Antonio da Padova

La devozione a San Antonio è un culto mondiale, che ha oltrepassato le frontiere della Chiesa Cattolica. Oggi non c’è popolo che non lo conosca, non c’è credente che non lo veneri...

 

Il "santo dei miracoli"( Lisbona, c. 1195 - Padova, 13 giugno 1231 ), è mariologo, convinto assertore dell'assunzione della Vergine, su richiesta di papa Gregorio IX nel 1228 tiene le prediche della settimana di Quaresima e da questo papa è definito "arca del Testamento". Si racconta che le prediche furono tenute davanti ad una folla cosmopolita e che ognuno lo sentì parlare nella propria lingua

Dopo la sua morte iniziano i miracoli, alcuni documentati da testimoni. Anche in vita Antonio aveva operato miracoli quali esorcismi, profezie, guarigioni,compreso il riattaccare una gamba, o un piede...

 

SANT'ANTONIO PREDICA AI PESCI

A Rimini la gente, indifferente e ostile, disertava le prediche di Antonio. Egli, lasciata la città, presso la foce del fiume Marecchia si mise a chiamare: "Venite voi, pesci, ad ascoltare la parola di Dio". E i pesci affiorarono a migliaia, ordinati e palpitanti, ad ascoltare la parola di esortazione e di lode. E la gente...prima gli si accostò per curiosità, poi con stupore ed entusiasmo accolse la sua parola.

LA MULA PREFERISCE IL CIBO SPIRITUALE A QUELLO MATERIALE

Durante una predica un uomo si alzò a controbattere Antonio: avrebbe creduto alla presenza reale di Cristo nel Sacramento se la sua mula si fosse inginocchiata davanti all'ostensorio. Tenuta a digiuno per tre giorni, la mula trascurò la biada che le offriva il padrone e si inginocchiò davanti al santo Sacramento. L'uomo fu convinto e si convertì.

 

IL CUORE DELL'AVARO

E' famoso il miracolo che Antonio compì quando, chiamato a predicare ai funerali di uno strozzino, mostrò che il disgraziato aveva il cuore non nel petto, ma nella cassaforte, in mezzo al suo adorato denaro, perchè, come dice il Vangelo: "dove è il tuo tesoro, li sarà anche il tuo cuore".

 

SANT'ANTONIO RIDA' LA VITA AL BIMBO ANNEGATO

Nella città di Lisbona il figlio della sorella di Antonio era morto annegato. La madre, rivolgendosi ad Antonio, gli chiese di far tornare in vita il figlio. Subito il bimbo riebbe la vita e in seguito entrò a far parte dell'Ordine francescano, secondo il voto fatto allora dalla madre.

 

LA RICONCILIAZIONE DI DUE CONIUGI

Una donna disperata aveva deciso di uccidersi, perchè il marito la tradiva. Mentre stava per impiccarsi, fu fermata dall'arrivo di due frati che, colloquiando con lei, le restituirono la pace. I due, che altri non erano se non san Francesco e sant'Antonio, apparvero poi in sogno al marito e lo portarono a convertirsi e a riconciliarsi con la moglie.

 

ANTONIO PREDICA SULL'ALBERO

Un nobiluomo di Camposampiero, il conte Tiso, costruì ad Antonio una celletta sopra un grande noce, perchè egli potesse dedicarsi alla contemplazione nella solitudine e nella quiete. "Fu questa la sua ultima dimora in mezzo ai mortali - dice l'autore della "Vita Assidua"-; salendo lassù, egli mostrava di avvicinarsi al Cielo".

Lo stesso conte di Tiso, che ospitò il Santo per qualche tempo; un giorno rientrando da caccia sorprese Antonio in sacra conversazione con un bimbo apparentemente in carne ed ossa. Quando Antonio si accorse di essere osservato il Bambino scomparve ed egli fu colto da un profondo turbamento, tanto che fece promettere al conte di non rivelare a nessuno la cosa.

 

LA MORTE DI ANTONIO

Sentendo la fine ormai vicina,a soli 36 anni, Antonio chiese di lasciare Camposampiero e di essere portato a Padova. Stremato, fece sosta all'Arcella. Lì, dopo aver ricevuto i sacramenti, "levando d'improvviso gli occhi al cielo, con sguardo estasiato mirava a lungo dinanzi a sè. Chiestogli dal fratello che lo sorreggeva che cosa vedesse, rispose: "Vedo il mio Signore"". Quindi se ne partì da questo mondo.

 

Responsorio di Sant'Antonio

Se tu cerchi miracoli,
la morte, l'errore, le disgrazie,
la lebbra, i morbi, gli spiriti
d'Antonio al nome fuggono.

Mare e catene cedono.
I sensi, e i mèmbri si risanano,
si trova quel che si è perso,
dai vecchi e dai giovani.

Svaniscono i pericoli
e cessano le miserie
coloro che lo sperimentano
coi Padovani lo dicano.

Al Padre ne sia gloria,
ed anche al Divin Figlio,
insieme col Santo Spirito,
che si gran Santo lo rendono.

Prega per noi, o S. Antonio
affinché siamo fatti degni delle
promesse di Gesù Cristo.
Amen.

 

(Questa preghiera di lode - o responsorio - in onore di Sant'Antonio fu composta da fra Giuliano da Spira. Il responsorio fa parte dell'Officium rhythmicum s. Antonii, che risale al 1233, due anni dopo la morte del Santo. E' cantato nella Basilica di Sant'Antonio a Padova e in molte chiese nel mondo intero).

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: osservandoilparadiso
Data di creazione: 13/12/2010
 

E' GRADITO ALLA MADONNA E A GESÙ

CHIEDIAMO AI SANTI DI INTERCEDERE PER NOI

Novena a Dio Padre e ai 9 Cori degli Angeli (per qualsiasi grazia)

Novena a S.Gianna Beretta Molla (per avere un figlio) -

Novena a S. Teresa di Lisieux - 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

LA MADONNA CI ESORTA A RECITARE IL ROSARIO

 

A Fatima, a Lourdes e a Medjugorje la Madonna ha incitato insistentemente alla recita del Rosario

La Mamma celeste ci ha invitato a recitare il Rosario come arma potente contro il male.

Può sembrare una preghiera ripetitiva, invece è come due fidanzati che si dicono l'un l'altro tante volte "ti amo"... 

"Col Rosario si può ottenere tutto. 

Esso è come una lunga catena che lega il cielo alla terra; 

una delle estremità è nelle nostre mani e l'altra in quelle della S. Vergine. 

Finché il Rosario sarà recitato, Dio non potrà abbandonare il mondo, perché questa preghiera è potente sul suo cuore. 

La dolce Regina del Cielo non può dimenticare i suoi figli che, senza interruzione, ripetono le sue lodi. 

Il Rosario sale come incenso ai piedi dell'Onnipotente. 

Maria lo rinvia subito come una benefica rugiada, che viene a rigenerare i cuori. 

Non c'è preghiera che sia più gradita a Dio del Rosario". 

(S. Teresa )

" Durante un esorcismo, attraverso la persona posseduta, 

Satana mi ha detto : 

Ogni Ave Maria del Rosario, è per me una mazzata in testa ; 

se i cristiani conoscessero la potenza del Rosario, per me sarebbe finita ! " 

(Don Gabriele Amorh )

 

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

nefertariirmirizzigiacobbeimmacolatacaiazzaricamo4otilbapf.comuccaribottazzofedericocapoarea_paolucciosvaldo.biasone0terry70dglzofia2dommirabilegrautosrl2013lela_71bar.vela
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom