Creato da namy0000 il 04/04/2010

Un mondo nuovo

Come creare un mondo nuovo

 

Messaggi del 12/03/2020

Mascherine solidali

Post n°3274 pubblicato il 12 Marzo 2020 da namy0000
 

Cosenza. Le "mascherine solidali" di tessuto: il regalo di un sarto alla Caritas

Riccardo Magarò, 23enne imprenditore cosentino, s’è messo a lavoro nella sua sartoria per realizzare mascherine da distribuire gratuitamente a chi ne ha bisogno

«Ritengo giusto aiutare chi non riesce a trovare una mascherina, o magari non può sostenere i costi attuali. Il momento è difficile per tutti, non solo per quanti hanno disponibilità economiche. Anzi!» La voglia d’essere utile è stata la molla più importante per Riccardo Magarò, ventitreenne imprenditore cosentino che s’è messo a lavoro nella sua sartoria per realizzare mascherine da distribuire gratuitamente a chi ne ha bisogno.

Le prime le ha realizzate con il cotone che aveva in bottega, a doppio tessuto e lavabili, le altre in Tnt (Tessuto non tessuto) sino a quando è stato possibile reperire il materiale nei negozi che ancora erano aperti o avevano disponibilità di merce.

Quindi ha contattato la Caritas diocesana di Cosenza-Bisignano, cedendole a loro affinché le distribuissero ai soggetti più bisognosi e a rischio. Tanto in città quanto nel resto dell’area urbana cosentina e pure in provincia. Una consegna ha interessato, a esempio, la comunità di Paola, la città di San Francesco, lungo la costa tirrenica.

«Più che dal punto di vista batteriologico sono importanti sotto l’aspetto mentale, aiutando per quanto possibile a rasserenare i cittadini», racconta il giovane imprenditore, titolare del Palazzo dei Sarti di Cosenza, aiutato nell’opera di solidarietà unicamente dalla sorella Miriana poiché al momento sono sospese anche le attività degli allievi impegnati nella sartoria che si trova nel cuore del centro storico cosentino.

«Il lavoro ha previsto la preventiva sterilizzazione delle macchine da cucire, l'utilizzo di guanti in lattice e l'osservazione delle diverse misure precauzionali», sottolineano i due protagonisti. (Avvenire, 11 marzo 2020)

 

 
 
 

Addio al medico eroe

Post n°3273 pubblicato il 12 Marzo 2020 da namy0000
 

Coronavirus. Addio al medico eroe: "Siamo in battaglia. E hanno ucciso il comandante"

Un amico e collega ricorda il presidente dell'Ordine dei medici di Varese, Roberto Stella, morto a 67 anni causa del virus. "Martire e maestro, eri capace di commuoverti"

Il presidente dell'Ordine dei medici di Varese e responsabile area strategica formazione della Fnomceo, Roberto Stella, 67 anni, è morto questa mattina dopo avere contratto il coronavirus. Lo riferisce il presidente nazionale degli Ordini dei Medici (Fnomceo), Filippo Anelli, dopo il precipitare di una malattia respiratoria dovuta al nuovo coronavirus. "Oggi è un giorno estremamente triste. Il Coronavirus - anche se la causa dovrà essere stabilita dall'Istituto superiore di sanità, pare essere questa - si è portato via in pochi giorni un amico, un collega, un presidente sempre pronto a spendersi per gli altri, senza risparmiarsi. Per i suoi pazienti, per tutti i medici e gli odontoiatri dei quali curava la formazione, in particolare quella Ecm. Purtroppo oggi è arrivata la notizia che temevamo e che nessuno avrebbe voluto sentire: Roberto Stella, da qualche giorno ricoverato in rianimazione, non ce l'ha fatta". Qui di seguito il ricordo di Alessandro Colombo, collega e amico di Stella.


Sette anni fa ascoltavamo commossi un grande medico, che raccontava la sua malattia ai nostri allievi. Roberto Stella, tra le lacrime, mi disse: "A 60 piango. Perché voglio diventare così".

Quel giorno siamo diventati amici. Avevo di fronte un maestro. Era già uno importante, con cariche regionali e nazionali. Ma era soprattutto un medico di famiglia vero. Insieme abbiamo diretto la Scuola di medicina generale della Lombardia fino a giovedì sera; al telefono, a ora tarda, stavamo decidendo e riorganizzando la scuola in questo marasma. Era stanchissimo.

Roberto è un martire. Ha professato fino alla morte. Qualche giorno fa mi disse: "Abbiamo finito le mascherine. Ma non ci fermiamo. Stiamo attenti e andiamo avanti".

Un uomo così è di tutti, perché si è dato a tutti. Era più che un eroe, era un uomo che sapeva piangere. Che si commuoveva di fronte al bello e al vero. Voleva cambiare. Cambiare sé e aiutare le persone a farlo. Un maestro.

È così facile, quando hai potere, muoversi per altri fini! Con lui era meno facile. Sapeva cos’è il potere e lo gestiva bene, tra Milano, Varese e Roma. Ma alla fine aveva sete del profondo. Leggeva come un matto. Non si accontentava della superficie; come Giorgio Gaber, cui assomigliava così tanto da prenderlo in giro. E suonava perfino la chitarra!

Ho lavorato con lui giorni e notti a programmare, gestire, migliorare, sistemare i corsi per i giovani medici. Per rendere migliore il sistema sanitario. Anche con proposte “eversive”, che oggi l’emergenza sta dimostrando praticabili, Solo e sempre per i “ragazzi”. Noi due sapevamo che non c’erano altri fini, se non sostenere la grande vocazione dei medici.

Ma io lo imparavo da lui. Così, insieme, eravamo più forti delle resistenze che incontravamo. Anche delle nostre. Si discuteva, si rideva e si litigava. Ma la commozione era l’ultima parola. E in questi mesi tanti suoi colleghi medici e del sistema lombardo erano coinvolti, e aiutavano la scuola a volare alto.

Siamo in battaglia. E hanno ucciso il comandante. Abbiamo paura. Ma lui, commosso, avrebbe detto di andare avanti, di non fermarsi. Un passo dopo l’altro. Come gli alpini, cui Roberto apparteneva. A noi tocca onorare il capitano: fare quello che dobbiamo fare, stando a casa, tranquilli, fermi. Possibilmente sostenendo chi è al fronte, come possiamo. Non foss’altro con le preghiere.

I “suoi” tirocinanti oggi sono al fronte. Stamattina, proprio mentre Roberto moriva e non lo sapevano, hanno proposto temi di lavoro straordinari. Ci stanno già lavorando. È un inizio nuovo, il maestro ha seminato tanto, ha seminato bene. - Direttore dell’Accademia di formazione per il servizio sociosanitaro lombardo – PoliS Lombardia (Avvenire, 11 marzo 2020)

 
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

ULTIME VISITE AL BLOG

comelunadinonsolopolnamy0000poeta_semplicethorn777les_mots_de_sableCherryslkimtygiacinto.garceasurfinia60cassetta2ocramchatvirgola_dfcribe0amabed_2016maps.14
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom