**TEST**
 
Creato da VincenzoAiello68 il 01/05/2009
I libri, le recensioni e i racconti di Vincenzo Aiello

art magazine

 

Vai al Sito della rivista d'Arte con-fine

Direttore Responsabile: Vincenzo Aiello
Direttore Artistico: Gino Fienga
Caporedattore: Matteo Bergamini 


-> Visita il sito della Rivista

-> Abbonati a con-fine

-> Regala un abbonamento

 

Ordina su ibs.it

 

Il Sole di Stagno - Romanzo

 

Il Sole di Stagno - Vincenzo Aiello - con-fine ed. - Bologna, 2006

C'è qualcosa che accomuna questo racconto di Aiello al grandioso romanzo di Walter Siti, Troppi paradisi. Così lontani e tra di loro diversi, entrambi si sono proposti di tematizzare il tempo, fissandolo alla svolta del secolo e del millennio. Per narrare come storia la contemporaneità e la propria stessa esperienza, senza consegnarsi all'autobiografia, bisogna scegliere una lingua e giova inoltre (secondo me) una cornice esplicita di referenti cronologici. Che annunci subito il carattere del testo, di selettiva ricostruzione. Distante dal testo soggettivo della semplice memoria. È il problema che Aiello, nella sua prova d'esordio, ha in parte eluso, affidandosi ai soli dati interni. Quanto alla lingua invece, o meglio alla voce di scrittore, ha usato felicemente, la sua, che nella nuova generazione è una delle più personali.

Lidia De Federicis (L'Indice dei Libri) 

Acquista il Sole di Stagno online sul sito della casa editrice

Ordina il Sole di Stagno _nline su ibs.it

 

Area personale

 
 

FACEBOOK

 
 
 

Notiziario Culturale

 
Caricamento...
 

Il Bamboccione - Romanzo

 

Il Bamboccione - Vincenzo Aiello

 

 

Ultimi commenti

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 
 << Marzo 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

Ultime visite al Blog

 
HansSchnierVincenzoAiello68duetre7dragoeleanima_on_linegbvanlubopoalessia.pugliattiImmaPontecorvooscardellestelleDJ_Ponhzistreet.hassleSky_EagleZingaraRmcile54
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

Directories

 

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Blog Directory
Contatti msn Italian Bloggers
 
Lettere al Direttore 
directory blog 

 
 

 

 
« "Non sono, con me stesso..."La logica è finita ed i... »

"Le tisane di Eliodoro"

Post n°1021 pubblicato il 10 Giugno 2012 da VincenzoAiello68
 
Foto di VincenzoAiello68

Nel 2010 l’esordiente scrittore napoletano Vincenzo Monfrecola ci stupì con “Il decisionista”, la storia di una colossale truffa nell’Inghilterra di fine ‘800, soprattutto per la felicità narrativa piena di bei personaggi e di tante storie, che si intrecciavano inusuali in uno scrittore “da Napoli”. Il secondo titolo “Lo strano furto di Savile Row, un sarto, cinque donne e una giacca (pagg. 272, euro 15; Cavallo di Ferro)” ci conferma nella considerazione di piacevolezza di lettura che avvertimmo allora. Tutto inizia con un oscuro cronista, Peter Daleslow, che in un paesino del Sud Africa scrive nel novembre 1910 al suo caporedattore George Spencer del “Daily Mirror”,  di avergli spedito per corriere un romanzo, che ha lo stesso titolo di quello di Monfrecola. Poi la scena si apre sulla Londra di qualche mese prima – primi di maggio del 1910 - che è in lutto per la morte del re Edoardo VII, che attende la cometa di Halley ed i suoi presunti effetti letali di gas, e la paventata sfilata delle suffragette britanniche che reclamano il diritto di voto alla Camera dei Comuni. Qui ritroviamo Daleslow che da oscuro postino del suo quotidiano viene incaricato da Spencer del suo primo servizio: sembra che nella sartoria di “Goodge e son” sia stata rubata una delle giacche del Premier inglese. Qui Daleslow conosce uno commesso italiano Eliodoro Rivabella, figlio di Michele titolare di una dependance “economica” della “Goodge”, che diventa con le sue ambizioni di diventare un giornalista e di trovare il vero amore, il protagonista di questo romanzo, dove leggerezza e variazioni a 360° nella guida della narrazione la fanno da padroni. Eliodoro viene nominato capo-commesso, poi direttore di un fantomatico giornale “L’allegra coppietta” dove fa assumere la sorella Faustina, suffregetta della prima ora, la prostituta sudamericana Honey, l’attrice di second’ordine Doreen, la moglie di Dalenslow, Maud, l’assistente sociale ante litteram Emma e l’ex (?) ladruncolo Tom. Nell’interazione tra questi personaggi si sviluppa la narrazione piena di brio, ingenuità e sotterfugi sbirreschi, fino all’epilogo decisamente impensato, e che realizza nella narrazione l’esergo, riportato all’inizio del testo, di Jean Cocteau, “le storie sono fatti che finiscono per diventare leggende; le leggende sono bugie che finiscono per diventare storie”. Su tutti vince la capacità narrativa di Monfrecola che bene appoggiato dalla Cavallo di Ferro dà sfogo alla sua immaginazione leggera che gli procurerà tanti lettori divertiti.

Vincenzo Aiello

 
 
 
Vai alla Home Page del blog