Creato da VoceProletaria il 26/02/2010

VoceProletaria

Controinformazione politica e sindacale

CONTATTI

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 

 

« Ricetta AnticrisiProvocazioni inutili. »

A proposito del 15 ottobre...

Post n°498 pubblicato il 17 Ottobre 2011 da VoceProletaria

A proposito del 15 ottobre...

di Giovanni Iozzoli, delegato rsu Fiom,  16.10.2011

Comunque la si voglia vedere, la giornata del 15 ottobre segna un punto di svolta, nella storia dei movimenti in Italia.
Si può pensare quello che si vuole del suo epilogo – provocazioni, giusta rabbia, eroi o teppisti – ma il corteo diviso, sfrangiato e sostanzialmente disperso, è il segno di un grande e pesante vuoto politico.
Più che degli “scontri”, è di quel vuoto, che ci dobbiamo preoccupare.
Si fa presto a dire che quella piazza è “irrapresentabile”. Tutte le piazze, sostanzialmente, lo sono. Ma se la piazza resta “irrapresentabile”, il primo che arriva la “rappresenta di fatto” - fosse pure con un po' di macchine bruciate.
Quella piazza ha un grande bisogno di soggettività politica e di organizzazione, non di retorica sull'irrapresentabilità. Oggi, subito, dal 16 ottobre, c'è bisogno di una coraggiosa accelerazione nella direzione indicata dall'assemblea del primo ottobre all'Ambra Jovinelli: si costituisca uno spazio politico pubblico, di classe, sulle base delle poche e semplici parole d'ordine anticapitalistiche già acquisite da dibattito.
Sarà coalizione, alleanza, polo – sui dispositivi e le denominazioni la discussione è già avviata. Ma serve subito l'emersione, la visibilità, la bandiera alzata, di una nuova soggettività che in questo paese manca: quella che non ha paura di rappresentare “l'irrapresentabile” di quella piazza.
Alle volte, dentro certi passaggi, è necessario forzare l'orizzonte e assumersi la responsabilità dell'anticipazione. In mezzo ai fumi dei lacrimogeni – sparati nel nostro vuoto - dobbiamo intravedere il profilo di un nuovo progetto di classe per il ventunesimo secolo.
Torniamo nei nostri territori, non a piangerci addosso o a pontificare: ma a dire alle lavoratrici, ai lavoratori, ai giovani e ai precari, che il primo ottobre è nato qualcosa di importante e che il loro protagonismo e la loro indignazione, non dovranno più aspettare, per esprimersi, le infide “giornate-evento”, perchè sta maturando, finalmente, la loro nuova rappresentanza politica.
 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/VoceProletaria/trackback.php?msg=10716809

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

softmaker68silas_flannerydelfina19710vitoloduromaurizio.piscitillistudiolegalerodarinamarenalyda75walter.gellioperatore61chesterbos.colellimarconissimoUomoconlaclava76tenza50
 

ULTIMI COMMENTI

Un saluto By bed e breakfast palermo
Inviato da: MariaLara
il 28/06/2014 alle 23:22
 
Molto interessante il tuo discorso e credo che al fondo del...
Inviato da: cittadinolaico
il 10/05/2013 alle 19:07
 
ottimo una proposta di semplificazione terminologica:...
Inviato da: urs
il 07/05/2013 alle 12:32
 
Non male...Un pò di autocritica non può che far bene,...
Inviato da: charlyone0
il 03/03/2013 alle 23:49
 
A questo punto, siete voi a non dover cadere nello stesso...
Inviato da: Giona
il 02/03/2013 alle 14:02
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom