Creato da anima_virgiliana il 31/01/2006

LEGGER...MENTE

Mentre leggi queste pagine, spero che ripenserai non alle cose brutte, ma alle belle. A ciò che è stato, non a quello che avrebbe potuto essere. Al tempo che trascorremmo insieme, non a quello in cui fummo separati. Ma, soprattutto, spero che penserai a me.................... (Jamie Ford)

ULTIME VISITE AL BLOG

eee2009GattaccioRomanomariomancino.mmaurodiruvo06chiaracomeilsole1alessiabrusiSky_Eagleregasibambinodolce11crazy_21_1945sannitatoscanoalidorate700be_my_lollipopYavanna91puzcosny
 
Citazioni nei Blog Amici: 16
 
 

 

CHI MANDA LE ONDE

Post n°532 pubblicato il 06 Maggio 2015 da anima_virgiliana
 
Foto di anima_virgiliana

Il libro di Fabio Genovesi parte un po' in sordina, però, col passare delle pagine, l'autore scopre tutti i personaggi, inizia a far entrare il lettore nelle vie e nei luoghi di una Forte dei Marmi sconosciuta, deserta perchè è inverno, quasi a voler sottolineare il tenore della storia un po' amara e malinconica che ruota intorno ad una generazione di 40enni un po' perduti e mai cresciuti. I protagonisti sono questi figli degli anni settanta, mai sposati, senza un lavoro stabile, ancora in casa dei genitori, magari anche sfortunati come Serena che deve crescere due figli senza un padre, ed ognuno dei personaggi ha un lato negativo ed uno positivo. La storia scorre con alterne vicende, regolata dai due piccoli personaggi, Luna, albina, figlia di Serena e Zot, povero orfano di Chernobyl, accudito dal nonno Ferro, burbero e divertente toscanaccio che difende la sua proprietà dai compratori russi che oramai hanno saccheggiato la Versilia, e che, paradossalmente se ne ritrova uno in casa. Il romanzo alterna momenti di riflessione e disperazione, a divertenti dialoghi. Dopo aver terminato la storia, i personaggi restano impressi, segno che l'autore ha fatto un buon lavoro, e viene da riflettere: Forse sono loro (i protagonisti) ad essersi emarginati, o magari è la nostra società standardizzata a non accettarli per come sono, a fargli superare le loro paure e le loro diversità? Il libro è fra i candidati allo Strega 2015.

 
 
 

LA SOCIETA' LETTERARIA DI SELLA DI LEPRE

Post n°531 pubblicato il 16 Aprile 2015 da anima_virgiliana
 
Foto di anima_virgiliana

Mi intrigava molto il titolo del libro, ed anche la sua copertina. Anche la trama sembrava accattivante, ed in effetti il libro di Pasi Ilmari Jaaskelainen non è così male. Lo definirei un miscuglio di giallo, horror, thriller e fantasy, con anche l'aggiunta di un pizzico di amore e di saggistica. Forse tutto questo materiale ha un po' fatto perdere il senso del romanzo, la storia fila via abbastanza scorrevole, ma io sono arrivato alla fine senza davvero aver capito cosa l'autore volesse dire. Questa società letteraria era stata creata da una famosa scrittrice per ragazzi, con lo scopo di formare nuovi scrittori, fra i migliori talenti di Sella di Lepre, però lei durante una festa scompare nel nulla, durante un improvviso temporale che invade la sua casa. Fra misteri, visioni e malintesi, si vivono i riti di questa confraternita, ma, ripeto, si arriva ad un finale solo parziale...

 
 
 

IL MISTERO DEL LONDON EYE

Post n°530 pubblicato il 16 Aprile 2015 da anima_virgiliana
 
Foto di anima_virgiliana

Da molto volevo leggere questo famoso romanzo per ragazzi di Siobhan Dowd ed ho pensato che il viaggio in treno fosse perfetto per la lunghezza di questo testo. La storia è un giallo, una sparizione di un ragazzino sulla famosa ruota panoramica di Londra: lui sale, ma alla fine del giro non scende, scompare. I suoi cugini lo aspettavano, ma lui è sparito. Ted, autistico, ha una mente brillante, solamente che funziona con un sistema operativo diverso dagli altri, perciò, con la sorella, inizia a ragionare ed a indagare, analizzando le varie possibilità, per ritrovare Salim. Inizia una splendida avventura, ma la grandezza di questo lavoro sta nelle molte chiavi di lettura del testo che mette impietosamente a confronto il mondo degli adulti con quello dei ragazzi, all'apparenza vicini, ma assai lontani per la difficoltà di capirsi e di ascoltarsi reciprocamente. Infine vi è l'amara riflessione che ci ricorda che le colpe dei genitori spesso si abbattono anche sui figli, e poi il libro ci permette di conoscere Londra, la ruota panoramica, la sua infinita rete di metropolitane, la sua multietnicità, il suo clima...imparerete tantissimo sul clima...ted vuole diventare meteorologo da grande. Un bellissimo libro.

 
 
 

UN TORTINO DI MAMMUT

Post n°529 pubblicato il 08 Aprile 2015 da anima_virgiliana
 
Foto di anima_virgiliana

Fra i vari libri letti per i bambini, questo mi è piaciuto molto. E' davvero divertente, con illustrazioni spassone ed una storia spassosa. Se lo leggerete con trasporto e fantasia ai vostri figli, il divertimento sarà garantito! Jeanne Willis e Tony Ross UN TORTINO DI MAMMUT edizioni Il Castoro.

 
 
 

IL MERCANTE DI LUCE

Post n°528 pubblicato il 08 Aprile 2015 da anima_virgiliana

Non mi ha entusiasmato il libro di Vecchioni, troppa filosofia, a me sconosciuta, quindi dopo poche pagine l'ho restituito. Magari chi mastica di più l'argomento, potrebbe meglio gustarlo.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: anima_virgiliana
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 47
Prov: MN
 

STO LEGGENDO.........

La morte a Venezia

di Thomas Mann

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom