**TEST**
Creato da Urbe_immortale il 11/09/2006
Blog dedicato all'A.S. Roma, la squadra della Capitale!

Lettera della squadra al Presidente Sensi

Ciao Presidente,
ci affidiamo a queste poche righe per dirti tutto quello che a volte magari non siamo riusciti a trasmetterti a voce o attraverso i gesti e i comportamenti.
Qualcuno di noi Ti ha conosciuto dal giorno in cui sei diventato “Il Presidente”, qualcuno ti ha incontrato durante i  Tuoi 15 anni di presidenza e qualcuno Ti ha conosciuto da poco, ma in ognuno di noi è rimasto impresso il tuo sguardo profondo, carico di umanità, pur se determinato e a volte, forse per chi Ti conosceva troppo poco, anche un po’ duro, ma nessuno di noi può dimenticare la passione con cui ci hai sempre seguito, anche quando non eri presente fisicamente. Sei sempre stato vicino a noi, a volte come Presidente, altre come un secondo padre.
In questi anni hai saputo coniugare sport e solidarietà umana e sociale, senza mai perdere i valori morali che sono propri dello sport. Hai fatto tanto per la Roma e per Roma, le tue passioni dopo l’amore per la tua famiglia, e i romani e i romanisti – e non solo loro – ti hanno accompagnato con dignità e riservatezza, così come Tu hai affrontato la Tua ultima battaglia, una delle tante ma sicuramente la più dura.
Noi non Ti lasceremo solo e non lasceremo sola la Tua famiglia e la famiglia romanista; la nostra forza sarà l’unione e faremo il possibile per farti sorridere da dove sarai, uno di quei tuoi sorrisi che ci regalavi quando venivi in spogliatoio per darci la carica.

Ciao Presidente, Tu sei sempre con noi.

 

Il gol di De Rossi alla Fiorentina commentato dal grandissimo e compianto Alberto D'Aguanno

 

Coppia di Campioni!

 

Il Capitano e Capitan Futuro

 

Serie A: 18^ Giornata:

Chievo-Inter

Atalanta-Napoli

Bari-Udinese

Cagliari-Roma

Catania-Bologna

Lazio-Livorno

Parma-Juventus

Sampdoria-Palermo

Siena-Fiorentina

Milan-Genoa

 

Classifica:

  1. Inter   39
  2. Milan*   31
  3. Juventus   30
  4. Roma 28
  5. Parma   28
  6. Napoli   27
  7. Palermo   26
  8. Sampdoria   25
  9. Bari*   24
  10. Chievo   24
  11. Fiorentina*   24
  12. Genoa*   24
  13. Cagliari*   23
  14. Udinese*   18
  15. Livorno   18
  16. Bologna*   16
  17.    16
  18. Atalanta*   13
  19. Catania   12
  20. Siena   12

* una partita in meno

 

Marcatori Giallorossi in Campionato

9 reti: Totti.

4 reti: De Rossi.

3 reti: Vucinic.

2 reti: Perrotta, Brighi, Burdisso.

1 rete: Taddei, Mexes, Riise, Menez, Cassetti.

 

Giudice Sportivo

Multe all'A.S. Roma nel corso della stagione:

€ 77.000,00

Squalificati per la prossima gara di campionato:

 

Espulsi nell'ultima partita:

 

5 ammonizioni.

De Rossi.

4 ammonizioni:

Cassetti, Pizarro, Menez, Perrotta.

3 ammonizioni (in diffida):

Totti. 

2 ammonizioni:

Vucinic, Andreolli, Mexes, Burdisso.

1 ammonizione:

Taddei, Okaka, Cerci, Vucinic, Doni, Riise, Motta, Guberti, Brighi.

 

Prossime gare AS Roma

6 gennaio, 18^ giornata:

 -

9 gennaio, 19^ giornata:

 -

12 gennaio, Coppa Italia, Ottavi di Finale:

 -

 

Europa League

Sedicesimi di Finale:

Panathinaikos-Roma (18 e 25 febbraio)

Marcatori giallorossi in Europa League:

11 reti: Totti.

3 reti: Menez, Okaka, Cerci.

2 reti: De Rossi, Riise, Vucinic.

1 rete: Guberti, Perrotta, Andreolli, Scardina.

 

« La Roma non ha mai pianto

e mai non piangerà:

perché piange il debole,

i forti non piangono mai. »

Dino Viola

 

Immenso Capitano

 immagine

Rabona di Aquilani e gol del Capitano al Milan

Il fantastico gol del Capitano a Marassi

immagine

immagine

 

 

 

immagine

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 28
 

Tag

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

angelasccristianosavipierpaolo.picabianicvalerio.scippa23MOROprog.sergioref72alessandro.covellideangelis76aab25angelo.marrozziniigor555massantorouniversityforiran
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Ultimi commenti

Volevo augurarti un buon risveglio ed una serana...
Inviato da: IOXTEFOREVER
il 13/11/2009 alle 02:46
 
E' record!
Inviato da: lolita_72gc
il 08/10/2009 alle 14:57
 
Buona Domenica!!!...*____*...Clikka QUI
Inviato da: Solo_Camo
il 27/09/2009 alle 15:13
 
Ciao! Se ti piacciono i giochi di ruolo gratis clicca...
Inviato da: LadyWitchBlood
il 08/07/2009 alle 11:25
 
saluto giuseppe da montirone grande tifoso della roma e...
Inviato da: pensoquellochetuvuoi
il 21/06/2009 alle 17:15
 
 

CAPITAN FUTURO! D.D.R.!

 

    

 

 

 

 Francesco, Daniele e Simone

immagine

    CAMPIONI DEL MONDO!

  

Vivi come se tu dovessi morire subito,

 pensa come se tu non dovessi morire mai.

 

 

« Ha lottato e vinto da grandeLa signora Maria: "Fate ... »

L'ultimo eroe romano e romanista

Post n°2100 pubblicato il 18 Agosto 2008 da Urbe_immortale

Una pagina web completamente nera a fare da sfondo con la scritta bianca "Addio Presidente". Si presenta così il sito internet della Roma, il giorno dopo la morte del presidente giallorosso Franco Sensi, spentosi ieri a 82 anni al Policlinico Gemelli. Il canale tematico della Roma ha sospeso le trasmissioni. In onda una foto del presidente Sensi con la frase: "Roma Channel si unisce al dolore della famiglia per la scomparsa del presidente Franco Sensi".

Se ne è andato così come ha vissuto. Combattendo a denti stretti e senza paura, una battaglia impossibile da vincere. La sua ultima battaglia. La più difficile, la più importante.
Franco Sensi ci ha lasciato così, alle 23.35 di una giornata normale. Una giornata che sarebbe stata ricordata solo come la vigilia dell'arrivo di Julio Baptista a Roma. Il suo ultimo regalo ai tifosi.
E se ne è andato soffrendo come un Gesù Cristo dalle braccia spalancate che, anche alla fine del suo calvario, non ha potuto fare a meno di circondare d'amore giallorosso tutta la sua gente.
In un ultimo gesto d'amore, con lo slancio furente e rabbioso di uno che ancora non se ne poteva andare, che ancora doveva dire e fare qualcosa per quella sua creatura tanto amata. Per quella Roma che ha fortemente voluto e portato, unico nel dopoguerra, ad uno scudetto scritto con i record.
Perché uno come lui, con un carattere "contro", poteva vincere solo così, costruendo una squadra capace di essere più forte persino delle "sviste" degli arbitri e degli odi di un Palazzo che lo amava alla stregua di quanto noi abbiamo amato ed amiamo un sistema-calcio che premia solo i poteri forti e le sottoculture economiche. Ovvero tutto ciò che il Presidente aveva deciso di combattere a proprie spese economiche e fisiche, per riportare il calcio italiano a quella dignità che perduta, che nemmeno dopo Calciopoli era riuscito a partorire, troppo schiavo dei nuovi poteri a strisce verticali controllati da economie petrolifero-telefoniche.
Il Cavalier Franco Sensi aveva compiuto 82 anni il 29 luglio. E da tempo era malato.
Quelli bravi e noiosi diranno che si portava dietro un male che non perdona. Quelli che lo amavano e basta, invece, scriveranno che l'unico dolore che si portava dietro non era il male che lo consumava, ma la rabbia di non avere più la forza fisica per continuare a combattere in prima linea quel sistema marcio alla radice che lui avrebbe voluto cambiare definitivamente. Quel sistema a cui molti, anche all'interno del suo gruppo, si sono assoggettati e che hanno portato molti giornalisti (in questo caso il sostantivo è un abuso), anche romani, ad attaccarlo, negando la realtà evidente di un sistema truccato più del viso di un presidente del consiglio e venuto alla luce solo grazie ad una serie di intercettazioni telefoniche incontrovertibili. Giornalisti che, con i loro articoli a difesa di un sistema, hanno dimostrato come in Italia un tesserino non si neghi a nessuno, tranne a quelli bravi. E che hanno dato prova di come una mano armata di penna, potesse fare una guerra a colpi di inchiostro proprio contro chi i giornalisti vigliacchi li faceva scappare da Trigoria.
Ed erano anche gli stessi giornalisti che avevano scelto di scagliarsi con le truppe pennivendole della "Brigata Tengo Famiglia", proprio contro quel simbolo vivente che rischiava di far naufragare un impianto strutturato ad uso e consumo di una sinarchia sportiva. Quel Franco Sensi che, con i suoi affondi mirati, cercava di portare alla luce le distorsioni di un sistema che piaceva solo a chi ne traeva un profitto, facendo storcere il naso a chi, quel sistema, piaceva.
Dove non arrivava l'avvocatura giornalistica del potere lombardo-piemontese (con qualche spruzzatina di biancazzurro laziale, qua e la), arrivavano le trame di Palazzo, innescate dal suo Presidente tramite il ricorso sistematico alla sanzione economica ed alla inibizione.
Quando il 13 ottobre del 2002, durante una delle sue rare partecipazioni a Controcampo, circondato da un pubblico ululante avvolto in colori rossobianconerazzurri, definì Galliani come un Presidente che pensava solo a "…combattere le sue battaglie personali…" diede inizio ad una guerra uno-contro-tutti, che poteva avere solo un esito scontato. Anche quando quell'uno-contro-tutti divenne un tre-contro-tutti, con Totti e Baldini che si unirono al loro presidente in una guerra combattuta da pochi ribelli contro un esercito bene organizzato ed armato alla difesa del Sistema.
Lui no. Lui non era così. Lui questo Sistema lo combatteva. Ed ha pagato un prezzo personale altissimo, fatto di dolori, rabbia, emarginazione e delusione. Tanta delusione per essere stato abbandonato da tutti, meno che dai suoi "figli". Figli che dalla Curva urlavano il suo nome. Figli che dal campo giocavano e vincevano per correre ad esultare da lui. Almeno fino a che gli è stato concesso di farlo.
"Vinceremo lo scudetto se ce lo faranno vincere", disse. E non glielo concessero più. Decisero che la sua Roma doveva sistematicamente giocare "…11 contro 14", come disse Totti, il suo figlio maschio, dopo un Roma-Juve del 2005. Decisero che i suoi figli più belli, in campo e in curva, dovevano "rosicare" per un campionato che era loro fino a mezz'ora dalla fine. Che dovevano piangere lacrime di rabbia sapendo di aver perso pur essendo più forti. Sapevano che così avrebbero annientato le resistenze dell'uomo.
Ma quello che non sapevano, era che ne avrebbero fatto un simbolo. Un simbolo d'amore e lotta contro il potere prepotente di una associazione a delinquere, come la definì lui stesso. Un simbolo nato uomo e diventato storia. Storia colorata di giallo e di rosso. Simbolo nato uomo e diventato fiore. Il fiore più bello. E Franco Sensi lo è stato.
Un simbolo, un pezzo di storia, un uomo ed un padre.
Per tutti. Ad iniziare da quelle figlie che ha cresciuto con in testa l'amore per la Roma e che ha spinto a dirigere nel momento in cui a lui non gli era più concesso.
Ti saluto Franco.
Ed ora che andrai a sederti in quella Tribuna Paradiso piena di tanti romanisti come te, non perdere la voglia di lottare ancora. Siediti accanto al Presidente Viola e ad Agostino e, se puoi, mettici una buona parola con chi sai tu.
E ricordati sempre che noi ti abbiamo amato. Tanto. Sempre.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/asr1927/trackback.php?msg=5261503

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento