Creato da alb.55z il 07/08/2010

UNA VITA DA LEGGERE

LA VITA E' TRA NOI

 

 

« illustrando il chiaroscuroAnche le lacrime possono... »

IL RICORDO DI UN GIORNO PER LAVORO IN VADODARE INDIA

Post n°672 pubblicato il 05 Novembre 2020 da alb.55z
Foto di alb.55z

 

Le foto, queste sono quelle che io faccio per dire ad altri la vita come si vive, come è reale , testimonianze per tutti, ti devo raccontare altre immagini altri momenti difficili per un bambino, che mi stava accanto e mi tirava la giacca, perché aveva fame, e mi faceva segno con la mano rivolgendola verso la bocca, e chiedendo aiuto per lui per la mamma e la sorella, infatti dopo aver dato la mancia 500 rubie, ha chiamato la mamma e la sorella , anche loro avevano fame ho dato altre 500 rupie, e questo per due  giorni successivi, l'ultimo giorno giovedì 25 sono andato direttamente all'aeroporto così non ho potuto vederlo, volevo salutarlo. Una immagine vera, una immagine che mi è rimasta impressa negli occhi, lui dignitoso aspettava che io lo aiutassi, e aspettava , senza forzare la richiesta, facendomi il movimento con la mano della fame che aveva, si portava la mano davanti alla bocca in un modo che solo chi sa come mangiano può capire, loro mangiano con le mani pendendo il riso unendo le dita insieme portandole alla bocca  insieme al cibo, come facciamo noi quando mangiamo un qualcosa senza le posate. L'immagine che mi ritrovo ora davanti agli occhi anche se sono passati alcuni anni è attuale, l'occhio è l'attore principale, tutto quello che si vede passa da lui, "L'OCCHIO", l'immagine viene trasmessa alla mente colpisce i nostri sentimenti, colpisce nel cuore. L'immagine colpisce subito il cuore, è in quel momento tutto attorno è considerato una immensa percezione sensoriale con aspetti di silenzio lo sguardo arriva dentro a quello che definisce misericordia. Era un bambino che stava vivendo una vita difficile, in un mondo pieno di povertà, un mondo nel quale la ricerca del cibo era l'unica salvezza per il suo futuro.

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Le continue stragi dei delfini in Giappone

Taijij è un piccolo villaggio di pescatori
posto nella parte meridionale dell'arcipelago giapponese
sulla punta che si estende nel Pacifico dove ogni anno,
migliaia di cetacei  vengono massacrati.
Pochi vengono uccisi in alto mare ma
i più sono convogliati in piccole baie dove
vengono intrappolati e quindi uccisi.
Ma non solo a Taiji anche a Iki, Ito, Futo e Izu.

La ferocia dell'uomo: la strage dei cetacei in Danimarca nelle isole Feroe

Da anni se ne sente parlare ogni tanto,
quasi come un sussurro, come se la notizia dovesse passare sotto silenzio. 
 
Parliamo dei globicefali (specie Globicephala melas) o
come meglio sono conosciuti le balene pilota
(chiamati così perchè più che rassomigliare a dei delfini sono simili alle balene) appartenenti alla famiglia dei Delphinidae, conosciuti in lingua spagnola come calderones

Inoltre anche Australia fanno la caccia ai delfini e balene  e’ una strage

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

 

 

QUESTO BLOG NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità,a discrezione dell'autore
e comunque non sistematicamente. 

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore lo si comunichi all'autore del blog che provvederà

alla loro pronta rimozione.