Blog
Un blog creato da neimieipassi il 05/01/2015

Tunes

...

 
 

 

FirenzeRocks

Post n°387 pubblicato il 16 Giugno 2018 da neimieipassi

Io dico che siamo 70 mila.

Le emozioni si rincorrono, inciampano una addosso all'altra.

Dave Grohl ci ha fatti salire sul palco, tutti, e tutti insieme. Non ci ha lasciati a guardare, ci ha dato il microfono e lo spettacolo l'abbiamo fatto noi con lui, sembrava di essere alle prove della band di vecchi amici. Si è inventato cose improbabili, io Jump dei Van Halen sulle note di Imagine di John Lennon non l'avevo mai sentita. E il bello è che gli è venuta pure bene. 

 

Axl è partito un po' in sordina, ma lui è lui e alla fine non la smetteva più di cantare. Tre ore e mezza, forse anche qualche minuto in più, canzoni nuove, canzoni classiche, canzoni prese in prestito.

Slash il suo l'ha fatto, e l'ha fatto proprio bene, direi.

 

In due giorni al FirenzeRocks, ho saltato strillato cantato per più di sei ore, mi fanno male le braccia, non mi sento più le gambe e domani camminerò a stento, ma sono stati giorni di grande musica rock, di quelli che non si dimenticano. Di quelli che ti fanno sorridere nel buio e pensare  c'ero anch'io. 

                                 Foo Fighters e Guns'n'Roses 

 

-Neimieipassi-

 
 
 

...

Post n°386 pubblicato il 29 Maggio 2018 da neimieipassi

Sono sempre un po' stropicciate le lenzuola, e hanno ancora l'odore di te. È rimasto intrappolato fra le pieghe, non è  riuscito, nemmeno con i giorni trascorsi, a liberarsi e perdersi nell'aria intorno. Mi circonda come una coperta soffice e sensuale, e io mi ci rotolo e mi ci avvolgo, mi lascio avvolgere, appoggio il viso sullo stesso cuscino, gli occhi si socchiudono e ogni parte di me sorride, respiro a fondo, faccio le fusa e mi sento di nuovo la gatta che, fra le tue braccia, si strofina sorniona conto la tua pelle

 
 
 

Notte in un letto rosso

Post n°385 pubblicato il 03 Maggio 2018 da neimieipassi

 

Ritmica e costante la pioggia, una lama di luce attraversa gli scuri e rischiara appena il letto; dovrei dormire, è tardi, ma la mente richiama le emozioni, compare l'immagine di mani che ancora sento su di me, dita che scorrono la schiena e lente scendono giù seguendo le mie curve e si fanno sempre più imprudenti, il mio corpo è attento, le gambe piano si aprono per lasciare che quelle stesse dita seguano il percorso, ho gli occhi chiusi ma ti vedo, ti vedo con la pelle che si ricopre di brividi, quei brividi che solo tu riesci a farle provare. Entri in me e non è troppo dire che davvero l'incastro è perfetto, adesso i pensieri si perdono e ho il vuoto intorno, vuoto di ogni cosa, resti solo tu che riempi i miei sensi tutti, e il buio è tagliato dalla mia voce che non trattengo, non so dove vado quando ti unisci a me, mi entri dentro, ti entro dentro e tutto si confonde e si trasforma, i fianchi seguono il tuo ritmo e mi piace lasciarmi trasportare dalla musica che crei tu, ne nasce una danza, quella dei nostri corpi, la danza che porta al momento più alto finché ti grido il mio piacere nell'attimo in cui si mescola al tuo, gli ultimi istanti e ti lasci andare sul mio petto, due cuori che battono folli, cerco i tuoi occhi, mi sfugge un Ti amo, mi guardi in silenzio, mi baci

 

-Neimieipassi-

 
 
 

.......................................... (avevo voglia di tanti puntini, come uno spazio che separa)

Post n°384 pubblicato il 06 Aprile 2018 da neimieipassi

Adesso posso finalmente comprare i cuscini rossi

E posso pure stappare il Berlucchi che mi ha regalato la G. 
(Sarà sempre buono? È in frigo da settembre...) 
E fare le cene con le mie amiche

E, anche se il do in chiave di violino, quello sopra il rigo, ha deciso che non ha più voglia di farsi sentire, adesso puoi venire a suonare il mio pianoforte

-Neimieipassi - 

 
 
 

....

Post n°383 pubblicato il 01 Aprile 2018 da neimieipassi

La tempesta che c'è fuori non si può immaginare.

Mi piace pensare di averti nel mio letto, con un tempo così. Ci sei perché ti sento, mi cerchi mi abbracci mi stringi mi baci. 

Ho avuto voglia di scrivere le mie parole per te, perché tu le trovi quando vorrai. Sono qui, ti aspettano con pazienza e con la certezza che verrai a cercarle.

È bello quello che ogni volta mi regali, il tuo tempo. Ne sono diventata golosa, ti aspetto con impazienza e ti gusto come il più prelibato dei bocconi.

La tempesta lentamente passa oltre, i tuoni si fanno sempre più lontani, le gocce d'acqua si diradano. Peccato, a me piace quando piove in questo modo, quando il rumore degli scrosci d'acqua trapassa le pareti e si riversa in casa e bisogna alzare il tono della voce perché sennò quasi non ci sentiamo. Ascoltare, da sotto il piumone, lo squarcio che segue la luce; un attimo e si illumina tutto, l'attimo dopo e tutto, invece, trema.

È finita ormai, si è spostata altrove. All'improvviso è di nuovo silenzio, all'improvviso è ora di dormire.

Buonanotte ragazzo, tu dormi già e io ti guardo, ho voglia di coccolarti un po' e non ti prometto che riuscirò a stare buona. E, se ti svegli...


-Neimieipassi - 

 
 
 
Successivi »
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

je_est_un_autreneimieipassisavethemoonNarcysseasettico35sombreromexicanozanzibardgl13gianor1chiarasanymartollof.conti69vivodi_folliamoon_Ieducabile
 

ULTIMI COMMENTI