Creato da camilloiuy il 30/09/2008

senza età

poesia,amore,amicizia

 

 

« XLI

XLII

Post n°193 pubblicato il 05 Ottobre 2009 da camilloiuy

EPILOGO

Adesso non aveva più il suo gregge. Aveva, invece, una pala.

Si soffermò a guardare lungamente il cielo. Poi tirò fuori dalla bisaccia una bottiglia di vino e bevve.
 Si ricordò di quella notte nel deserto, quando aveva guardato le stelle e bevuto un po' di vino insieme all'Alchimista. Pensò a tutta la strada che aveva fatto, e alla strana maniera in cui Dio gli aveva mostrato il tesoro. Se non avesse creduto ai sogni che si ripetevano, non avrebbe incontrato la zingara, n‚ il re, n‚ il rapinatore, n‚... Be', la lista è molto lunga. Ma il cammino era indicato dai segnali, e io non potevo sbagliare, disse fra se e s‚.
Si addormentò senza accorgersene e, quando si svegliò, il sole era già alto.
Allora cominciò a scavare fra le radici del sicomoro.
Vecchio mago, pensava il ragazzo. Tu sapevi tutto. Hai persino lasciato un po' d'oro perché potessi ritornare fino a questa chiesa. Il monaco si è divertito quando mi ha visto tornare con gli abiti a brandelli. Non potevi risparmiarmelo?
No, sentì che diceva il vento: Se te lo avessi detto, non avresti visto le Piramidi. Sono molto belle, non trovi?
Era la voce dell'Alchimista. Il ragazzo sorrise e continuò a scavare.
Mezz'ora dopo, la pala colpì qualcosa di solido. Un'ora dopo il giovane aveva davanti a s‚ un baule pieno di vecchie monete d'oro spagnole. C'erano anche pietre preziose, maschere d'oro adorne di piume bianche e rosse, idoli di pietra incastonati di brillanti: oggetti di una conquista che il paese aveva ormai dimenticato da lungo tempo e che il conquistatore aveva tralasciato di raccontare ai propri figli.
Il ragazzo prese dalla bisaccia Urim e Tumim. Aveva usato le due pietre soltanto una volta, una mattina, mentre si trovava in un mercato. La vita e il suo cammino erano stati sempre disseminati di segnali.
Conservò Urim e Tumim nel baule pieno d'oro: facevano anch'essi parte del tesoro, perché gli ricordavano un vecchio re che non avrebbe mai più incontrato. La vita è davvero generosa con chi vive la propria Leggenda Personale, pensò il ragazzo. Allora gli sovvenne che doveva recarsi fino a Tarifa e dare un decimo di tutto quanto aveva trovato alla zingara. Come sono furbi, gli zingari, pensò. Forse perché andavano sempre in giro. Ma il vento riprese a soffiare: era il vento di Levante,
il vento che veniva dall'Africa. Non portava l'odore del deserto, n‚ la minaccia d'invasione dei Mori.
Portava, invece, un profumo che egli conosceva bene e il suono di un bacio: che gli si avvicinò pian piano, pian piano fino a posarsi sulle sue labbra. Il ragazzo sorrise. Era la prima volta che la giovane gli dava un bacio. Fatima, sto arrivando, disse lui.

Fine

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/carolain/trackback.php?msg=7774437

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
voloconte6
voloconte6 il 06/10/09 alle 10:20 via WEB
tes˛ quando dura ancora sto racconto, perchŔ aspetto la fine....buona giornata un baciotto mari
 
isry
isry il 18/10/09 alle 23:56 via WEB
il tesoro di un uomo sta tutto nelle labbra del suo amore.
 
isry
isry il 30/11/09 alle 01:40 via WEB
AINA ABI???
 
isry
isry il 04/12/09 alle 10:34 via WEB
fatima arrivi o non arrivi?????? dissi io un tantino sconsolato!
 
voloconte6
voloconte6 il 05/01/10 alle 16:46 via WEB
IL CARATTERE DELLA BEFANA" La Befana aveva un carattere proprio originale: era una donna strana, un po' stramba, ed era molto contenta di poter diventare invisibile. Infatti si divertiva molto, quando puniva qualcuno senza essere vista. Dovendo sempre sapere con la massima precisione chi punire e chi premiare, era costretta a conoscere tutti i fatti degli altri. Cosý molti dicevano che fosse una vecchia impicciona, curiosa e pettegola. La Befana era molto furba e lesta, nonostante fosse tanto vecchia. Quanti anni veramente avesse nessuno lo ha mai saputo. Certo doveva averne tantissimi, ma, nonostante i suoi fossero trecento o quattrocento anni, era ancora molto forte, tenace e non era mai stanca.
 
isry
isry il 23/03/10 alle 00:32 via WEB
rammento notti nel deserto!
 
cadendoversolalto
cadendoversolalto il 13/04/10 alle 00:35 via WEB
Sempre nel mio cuore...Tvb...
 
isry
isry il 11/06/10 alle 20:09 via WEB
non ti dimentico!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

Image and video hosting by TinyPic

ACCENDETE UNA CANDELA

PER DIRE DI NO ALLA

PEDOFILIA


 

ULTIMI COMMENTI

non ti dimentico!
Inviato da: isry
il 11/06/2010 alle 20:09
 
Sempre nel mio cuore...Tvb...
Inviato da: cadendoversolalto
il 13/04/2010 alle 00:35
 
rammento notti nel deserto!
Inviato da: isry
il 23/03/2010 alle 00:32
 
IL CARATTERE DELLA BEFANA" La Befana aveva un...
Inviato da: voloconte6
il 05/01/2010 alle 16:46
 
fatima arrivi o non arrivi?????? dissi io un tantino...
Inviato da: isry
il 04/12/2009 alle 10:34
 
 

FACEBOOK

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: camilloiuy
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 120
Prov: EE
 

LA FEDE COME L\'AMORE

Image and video hosting by TinyPic

 

SEI IL MIO SOLE

by MondoGlitter.itdedicato a mio figlio

 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31