Creato da feliperun il 02/12/2011
Impressioni ed appunti attraverso scarpe diverse

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Ultime visite al Blog

feliperunClide71yazoo3monellaccio19prefazione09karen_71g.paolo05m12ps12perlarosadifiumecassetta2limitedelbosco0Dott.Ficcagliae_d_e_l_w_e_i_s_siltuocognatino1acer.250
 
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 

creative commons

i contenuti sono interessanti? Sì!

Se li usi, cita l'autore! 

Copyleft

 

Radio DG Voice

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

il senso della corsa

Post n°897 pubblicato il 22 Aprile 2024 da feliperun

Camminare e correre rispondono alla primaria esigenza dei sapiens di spostarsi, di muoversi da un luogo ad un altro.
I nostri progenitori si "dovevano" spostare per cercare il cibo, per sottrarsi a predatori e minacce, è quindi comprensibilissimo che nel corso dell'evoluzione abbiamo sviluppato meccanismi efficienti per spostarci a velocità di diverse ma pur sempre a piedi.
Le abitudini quotidiane ci spingono all'opposto estremo, ovvero stare immobili in postazioni di lavoro in luoghi chiusi e spesso a fissare uno schermo.
La esigenza di spostamento è assolta dai più svariati mezzi di trasporto, in modo tale da escludere ogni sforzo.
Il cammino ed ancora più la corsa sono relegate ad un ambito specifico, le espressioni "vado a camminare", "vado a fare una passeggia", "vado a correre" dimostrano che la corsa ed il cammino sono diventate un fine e non più un mezzo (di trasporto). L'immagine di camminatori e runner su tapis roulant davanti ad un schermo ci racconta quanto abbiamo distorto una attitudine viscerale.
Ci accorgiamo a quale semplicità stiamo rinunciando tutte le volte che utilizziamo il cammino o la corsa per andare da un luogo ad un altro, come quando l'auto o la moto rimangono parcheggiate e sbrighiamo una serie di faccende spostandoci a piedi (l'impiego del monopattino determina un ulteriore abbattimento dei tratti di cammino!). Quando usciamo per "andare a correre" direttamente da casa e raggiungiamo luoghi distanti per poi tornare indietro, infatti tutte le volte che lo raccontate vi guardano con aria stupita).
In occasione delle escursioni, o di una corsa in natura il fatto stesso di muoversi, respirare all'aria aperta, lasciare lo sguardo spingersi all'orizzonte, osservare particolari, scoprire novità, si risveglia qualcosa in noi qualcosa di ancestrale!
Basta chiacchiere si esce!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ingredienti per la maratona

Post n°896 pubblicato il 22 Aprile 2024 da feliperun
 

Attenzione si tratta solo degli ingredienti necessari per arrivare al traguardo e riuscire a raccontarlo
la mente, provate voi a fare qualsiasi cosa senza testa (mente)
il corpo, ce ne vuole uno che sia in grado di adattarsi all'impegno richiesto dalla mente
8 settimane per chi già è in grado di correre continuativamente per circa un'ora
3 a 4 allenamenti a settimana dai 60' a 180' da 40 a 70 km a settimana
almeno due paia di calzature specifiche
magliette, pantaloncini, calzini
un orologio (gps non strettamente necessario)
programma di allenamento
pochi buoni consigli
mangiare e dormire a sufficienza
e via a correre!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

materiali tecnici croce e delizia

Post n°895 pubblicato il 22 Aprile 2024 da feliperun
 

la evoluzione dell'abbigliamento da running nel corso degli ultimi anni è stata straordinaria.
Senza scavare nei ricordi remoti, precedenti a quando si correva con le magliette di cotone, che avevano la caratteristica di appiccicarsi alla pelle non appena si iniziava a sudare, l'avvento dei filati tecnici (ovvero sintetici) ha segnato un cambiamento epocale nel confort del podista.
I materiali più recenti promettono traspirazione, leggerezza, protezione dai raggi uva, ma anche pressione differenziata, assenza di cuciture, capacità di difesa dal vento e molto molto altro.
In verità non sempre è oro quel che luccica, e vi sarà capitato di pigliare qualche fregatura.
Alcune maglie ed anche pantaloncini dopo pochi utilizzi sono capaci di diffondere l'aroma dei facoceri, e a nulla valgono lavaggi con detersivi ultra specifici o scelta di temperature elevate, non appena indossati bastano pochi minuti per la emissione di miasmi venefici!
Cuciture e ricami si rilevano spesso insidiosi, ognuno ed ognuna è fatto a modo suo e quel ricamo o quell'ispessimento del pantaloncino o del calzino va a strusciare sempre allo stesso posto creando irritazioni insopportabili.
Grado di morbidezza, al tatto sembrava così soffice ed invece non appena si inizia a sudare quel tessuto si è rilevato come la carta vetrata e così dazio hanno pagato i capezzoli irritati fino a sanguinare, se avete intenzione di provare un novello cilicio sarete accontentati, altrimenti è possibile orientarne l'utilizzo alla pulizia delle ruote di vetture, cicli e motocicli.
Quale indimenticabile esperienza vi ha colto nel vostro peregrinare podistico?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Aiutini ed aiutoni

Post n°894 pubblicato il 22 Aprile 2024 da feliperun
 

E' di qualche settimana addietro la notizia di un ritiro massiccio di amatori, partecipanti ad una gara ciclistica, non appena si è sparsa la voce di un controllo antidoping.
L'anelito alla prestazione stellare, indipendentemente dalle primavere che si accumulano, induce al ricorso di aiutini di diversa entità e portata.
Il semplice integratore di sali minerali utilissimo per le condizioni meteo o le maltodestrine da assumere in formulazione gel durante un maratona, la integrazione di aminoacidi durante i periodi di allenamento più pesanti consentono di equilibrare in modo efficace il dispendio determinato dall'impegno fisico, che secondo alcuni sarebbe comunque affrontabile con la normale alimentazione. Molte bevande energetiche vedono l'aggiunta di una varietà di eccitanti dai nomi evocativi e/o estratti da piante esotiche, che promettono di migliorare le prestazioni, di innescare riserve inesplorate.
E poi in questa escalation di aiuti si giunge ai farmaci, non si parla del solo farmaco da banco per controllare i sintomi del raffreddore, ma di un ampio spettro di sostanze assunte prima, durante o dopo allenamenti e gare: uno stupendo campionario di medicinali che dovrebbero essere assunti sotto stretto controllo medico e per superare patologie e non l'avversario della domenica mattina! E quando questi non bastano c'è sempre la possibilità di rivolgersi al mercato nero per recuperare sostanze ancora più miracolose, magari consigliate con il passaparola, e pensare che la stessa persona che non mangia i broccoletti (perché gli fanno impressione!), ingolla sostanze di cui ignora il dosaggio del principio attivo!
Forza broccoletti saltati con aglio e acciuga!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

le sfide

Post n°893 pubblicato il 22 Aprile 2024 da feliperun
 
Tag: corsa, run, sfide

Non erano sufficienti le sfide quotidiane a chi arriva prima alla fine del solito giro, i device di corsa ti propongono mille e mille opportunitÓ per metterti alla prova.C'Ŕ la sfida dei 5 km entro al fine del mese, quella delle 10 ore di corsa, quella del primo di gennaio e di san valentino o della festa del papÓ o della mamma.Ti propone di inventare la tua sfida con gli amici/nemici con cui sei in contatto, oppure di conseguire il record stellare del numero di passi in un giorno, in un mese, in un anno, in un lustro.Tutte le tecniche ti sollecitano a raggiungere un nuovo obiettivo, ad aderire a nuovi e fantasiosi obiettivi, e soprattutto a condividerlo urbi et orbi.Se non lo pubblichi e come se non l'avessi mai raggiunto! #felipe #run #challenge

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963