Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giulia_770.it
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 41
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Saio4260deniselisa2giulia_770.itlange_itUalallanotedamoremassimocoppamanu78_itstefano_75scfederico_artepisaspeedy.72SHANI50rosaria_battagliagiov4nni
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

« “Raffaello 1520 – 1487” ...Test e tamponi: regna an... »

Cos'e'l'imbuto di Norimberga?

Post n°7676 pubblicato il 21 Maggio 2020 da manu78_it

"Lo studente non è un imbuto da riempire di conoscenze, è ben altro." La ministra dell'istruzione ha voluto utilizzare la metafora dell'imbuto di Norimberga.

Ecco il suo significato:

La scuola non è un travaso di conoscenze. Lo studente non è un imbuto da riempire di conoscenze, è ben altro.” E’ quanto affermato dalla ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, durante la conferenza stampa sulla presentazione del protocollo della maturità in sicurezza. Le parole pronunciate dalla ministra hanno fatto pensare ad una gaffe. Può un imbuto riempirsi? A quale tipo di aneddoto legato ad un imbuto si riferiva l’Azzolina?

La metafora dell’imbuto di Norimberga trae origine da un incisione su legno del diciassettesimo secolo dove si vede una sedia sulla quale è seduto un ragazzo che in testa ha un buco nel quale è infilato un imbuto. In piedi accanto al ragazzo c’è l’insegnante intento a riversare nell’imbuto A, B, C, 2+2=4 e tutto il resto della sapienza dell’epoca. Questo favoloso e ingegnoso dispositivo è stato chiamato ’imbuto di Norimberga’ perché è in quella città che per la prima volta fu immortalato in un’incisione. La metafora dell’imbuto di Norimberga indica il concetto, arcaico, della conoscenza come qualcosa che alcuni possiedono e altri no e che i primi possono versare nelle menti dei secondi.

La spiegazione della ministra Azzolina

La spiegazione, a distanza di giorni, arriva dalla stessa ministra sulla sua pagina. “L’imbuto di Norimberga è una metafora sull’apprendimento molto nota nel mondo della scuola: uno studente a cui vengono ‘versate’ nozioni in testa attraverso un imbuto. L’apprendimento non funziona così, i docenti lo sanno bene, ed è ciò che intendevo dire quando ho rievocato l’immagine dell’imbuto durante la conferenza.”

Commenti al Post:
mi_piaci15
mi_piaci15 il 21/05/20 alle 14:28 via WEB
A volte ci dimentichiamo della ricchezza che i nostri bambini possiedono, sono scintille da far brillare e non semplicemente contenitori da riempire
 
agnese_740
agnese_740 il 21/05/20 alle 14:31 via WEB
Un bambino non e' un vaso da riempire ma una sorgente da lasciare sgorgare... (M.Montessori)...La metafora che goffamente cercava di recuperare nella mente la nostra ministra dell' istruzione
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anna il 21/05/20 alle 14:38 via WEB
I docenti, quasi tutti, non stanno considerando affatto l'aspetto psicologico in una simil situazione e la loro priorità è quella di sovraccaricare di compiti i nostri ragazzi. Non dovrebbe essere questo lo scopo della didattica a distanza, sono sempre del parere che bisogna FORMARSI prima di FORMARE.
 
narconon_70
narconon_70 il 21/05/20 alle 14:41 via WEB
Gli esercizi a casa sono fondamentali per consolidare le conoscenze in solitudine, è una parte dell'apprendimento fondamentale. Sono d'accordo però che ci vada buon senso, i ragazzi devono avere tempo per socializzare e fare sport, i compiti non devono assorbire tutto il tempo libero, ma essere una parentesi in cui ci si cimenta in solitario con le nuove competenze acquisite, in cui si esplorano le nuove capacità a propria disposizione. Imparare è e deve restare un piacere. Ciò non toglie che richieda fatica
 
viola_sala
viola_sala il 21/05/20 alle 14:45 via WEB
io sono mamma . Apprezzo molto che i miei figli facciano i compiti a casa e anzi vorrei se ne dessero di più! Perché ritengo che solo a casa, nel silenzio delle loro stanzette, i miei figli sforzandosi di fare i compiti come richiesto, apprendono davvero. Se ci limitassimo a mandarli a scuola la mattina, allora sì che li vorremmo come dei vasi da riempire...a casa invece inizia la rielaborazione! E nn ditemi che questo impedisce di fare uno sport e un'altra attività! Magari impedisce di fare più sport e più attività (ma la quantità non implica la qualità!) e magari porta via tempo ai social e ai videogiochi...
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!

 

ULTIMI COMMENTI