Creato da rozappa il 18/06/2013
Anni 70

In classifica

 

sito internet

 

blog.libero.it/lavitachetorna

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 

Ultime visite al Blog

la.cozzacassetta2xenoticCherryslormaliberarozappaellen_ellenlicsi35peneimieipassithesunshiine0ellyslsse_forse_maibianconigliosNuvola_vola
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Regali Ricevuti

Grazie Amica mia speciale,

grazie S

 

Proteggiamo i minori

 

E' un nostro dovere condividere il tasto "REPORT ABUSE"  (non un favore.) Insieme possiamo tutto...Possiamo creare una grandissima rete di blog capaci di pubblicare all'unisono lo stesso post-report abuse, in modo da creare un "muro" di messaggi in grado di raggiungere e sensibilizzare il maggiore numero di persone possibile.

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail. Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia. PS: Sono felice dei vostri commenti, ma ai commenti preferirei la condivisione di questo post nei vostri spazi.

Per favore, copia e incolla questo post ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

 

 

 

COLONNA SONORA

 

 

NATALE 2019

Post n°120 pubblicato il 24 Dicembre 2019 da rozappa

Molte delle persone che conosco oggi non hanno la più pallida idea di cosa fosse il Natale per me quando ero bambino e vorrei provare a raccontarlo, con parole mie:

Il giorno designato per decorare la casa era l’8 dicembre Avevamo tirato fuori gli addobbi per l’albero ma le palle erano tutte di vetro, delicate, colorate e decorate, guai a farle cadere a terra, si sarebbero rotte subito e i piccoli pezzi rimasti dovevano essere raccolti subito per non ferirsi. L’albero era un abete preso dal bosco e profumava di resina e insieme alla legna che bruciava nella stufa impregnava tutta la stanza.

Albero di Natale
Lo mettevamo in un angolo della stanza e lì la notte del 24 dicembre sarebbe misteriosamente comparsi i regali che avremmo aperto la mattina. Poco prima del pranzo di Natale nascondevamo sotto il piatto del babbo e della mamma le letterine con i buoni propositi che, con la nostra ingenuità di allora, pensavamo saremmo riusciti a realizzare l'anno seguente
Letterina

C'era serenità quel giorno, in casa si respirava un clima diverso e spesso arrivava la neve a completare i nostri desideri e stavamo ore alla finestra per vedere i fiocchi che si rincorrevano catturati dal vento e sbattuti chissà dove e infine si accumulavano piano piano uno sopra all'altro a formare una coltre bianca e silenziosa che copriva tutti i rumori, non vedevamo l'ora di uscire per giocare sulla neve, fare un pupazzo, prenderci a pallate, scivolare lungo la stradina vuota.

Quello era tutto ciò che ci serviva per essere felici quel giorno e per un po' di tempo ancora.

Neve

Crescendo sono arrivati altri Natali, non c'era più l'ingenuità di allora ma continuavo a sentire il profumo del Natale e il piacere di comprare i regali da mettere sotto l'albero per le mie bambine e provare piacere guardando i loro occhi quando li aprivano, la loro gioia che li faceva brillare.

Credo che quello fosse il vero senso del Natale e avrei voluto essere ricco per comprare regali a tutti i bambini del paese, affittare una slitta trainata da un cavallo travestito da renna e io travestito da Babbo Natale e passare la serata a consegnarli personalmente, poi qualcuno mi fece notare che con delle idee così non sarei mai diventato ricco.

Sono passati molti altri anni e in effetti non sono mai diventato ricco, il Natale è stato svuotato da tutti i suoi significati da qualcuno che parla d'amore e di gioia ma l'amore non sa nemmeno dove stia di casa e ai bambini non restano nemmeno più i sogni.

Per questo Natale vorrei vedere brillare gli occhi dei bambini, dei ragazzi, vorrei che tornassero a sognare come facevamo noi; vorrei poter augurare "Buon Natale" a chi non posso ed essere gratificato da un sorriso

Buon Natale a tutti voi


 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »