Le ravissement

de Lol V. Stein

 
immagine
 
"C'è un Sogno che ci sta sognando."
Diogene
 
immagine
 

"Sapevo che tu mi sognavi,
Perciò non potevo dormire."



Anna Achmatova

 

VALÉRY STEIN

"... Pensava a qualche cosa, a se stessa? le domandavano. Non capiva la domanda. Si sarebbe detto che andava avanti per forza d'inerzia e che l'infinità stanchezza di non riuscire a fermarsi non era concepibile; sembrava diventata un deserto dove una facoltà nomade l'avesse lanciata all'inseguimento interminabile di che? Non si sapeva. Essa non rispondeva.

 Della prostrazione di Lol, del suo abbattimento, della grande sua pena, avrebbe avuto ragione solo il tempo, dicevano... " ( p.18; idem )

 

DAL LIBRO QUI TRAGGO

immagine
"...Nella prostrazione di Lol si notarono in quel periodo, dicono, alcuni segni di sofferenza. Ma che significato ha la sofferenza senza oggetto?..." (p. 17;ed Feltrinelli )
 

TRATTO DAL LIBRO

" ...Poiché bisogna inventare gli anelli della catena che mancano alla storia di Lol V. Stein, mi sembra più giusto spianare il terreno, scavarlo, aprire tombe dove Lol fa la morte, che non innalzare montagne, costruire ostacoli, creare incidenti. E credo, conoscendo Lol, che avrebbe preferito vedermi rimediare in questo senso alla penuria di fatti della sua vita... " (p. 19; idem)

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

 

« Messaggio #55Messaggio #57 »

Post N° 56

Post n°56 pubblicato il 26 Agosto 2007 da Loliana

Puoi anticipare il contenuto, più consueto che mai, della vita, degli uomini, delle storie, che hanno contribuito alla formazione e al conformarsi di una terra entro una determinata confine, parole di una lettera di addio, mai ricevuta, o il suicidio dell'ultima essenza dell' identificarsi concreta, di due persone che all'ultimo loro respiro hanno comminciato ad avvinicinarsi, prima che finisca il ballo, puoi designare i suoi tratti, prima che tutto avvenga. Puoi interrompere l'ultima frase di un amico con il tuo sguardo, puoi smettere di tacere, pur pagando il prezzo, puoi avvalorare anche il ricordo di un punto di svolta per dare senso un'altra volta alla tua scelta avvenuta in un pomeriggio d'estate quando hai cessato di sognare, puoi portarla ad altare e dimenticare la condivisione di ogni espressione, malgrado la distanza, puoi prepotentemente comminciare a fantasticare, per dimenticare. Puoi scrivere una poesia per un uomo morto, o per la piccola parte della tua vita mai rinata, puoi vedere un'amica partire, e risentire il riso e l'incomprensione, rivedere le tracce del suo sangue, e non piangere. Puoi rinchiuderti in un teatro cinese a fumare, puoi fare l'amore, puoi far sperare e poi abbandonare senza rumore, puoi selezionare i tuoi rimorsi, e farne un museo dove possa visitare ogni persona che conosci, senza chiederti il permesso, puoi rimpiangere il calore di un corpo amorfe guardando al tuo che si è deformato nel tempo, puoi fumare, le miglior sigarette e camminare e chiaccherare, mentre la storia commincia piano a farsi, senza che tu ne sia consapevole, mentre tutto progrede nei posti che sanno venire alle armi, forse perché non è più il tramontare del sole che ti fa ricordare dell' altra parte del mondo, puoi anche smettere di pensare alle malattie, alla povertà, perché tu sei fortunata e hai fra le tue musiche quella di Kurt Weill, Puoi ancora sperare, ma in tutto questo hai dimenticato per una sola volta che non puoi più smettere di amare, che ti sei rinchiusa in te e che non riesci più a salvare, te stessa dalla vita tua.. ma per te è una sicurezza, che puoi ancora sperare... e sperare

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: Loliana
Data di creazione: 23/12/2006
 
Ci sono fra i ricordi d'ogni uomo, cose che non si raccontano a tutti, ma appena agli amici. Ce ne sono altre che neanche agli amici si raccontano, ma appena a se stessi, e per di più sotto suggello di segreto. Ce ne sono, infine, altre ancora che persino a se stessi si ha paura di raccontare, e di tali ricordi ogni uomo, anche ammodo, ne mette insieme parecchi. (F. Dostoevskij )
 
Il linguaggio è una forma della ragione umana, con una sua logica interna della quale gli uomini non conoscono nulla. (C. Lévi-Strauss )
 
immagine



"Il dogma non è nient' altro che un esplicito divieto di pensare."

Ludwig Feuerbach
 

FACEBOOK

 
 
immagine
 

ULTIME VISITE AL BLOG

dicoccinellagioh87volafarfallina1991francy.boveunlimite0cercoilmiocentrostrong_passionnottealta78sidopaulnomore.norlessmatteopratisupremamentekalo.spanpanpikattiverie
 
Citazioni nei Blog Amici: 9