Creato da umbredemuri il 11/05/2014
facezie e dintorni

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 15
 

Ultime visite al Blog

cassetta2barbaramenteTHE_QUEEN_OF_SPADESamici.futuroierisiamoliberidigirareumbredemuriel86l.amata.immortalegibbonejTele_novelasanmicupramarittimail_tempo_che_verraossimoramarta.magi5
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« ...^^^ »

***

Post n°156 pubblicato il 05 Novembre 2019 da umbredemuri

Torniamo nello scomparto mano nella mano. Nel frattempo una coppia datata si è accomodata con il prete, discutono serenamente di investimenti su fondi comuni distinti e personali, parlano di tassi come un etologo a Gibuti, di tan e taeg come un complesso di percussioni di Tuareg. Io mi nutro degli occhi di Donatella la quale mi guarda disturbata da tanto interesse al punto di leggermi a bassa voce alcune pagine del mio sanantonio.
Nessuno me lo aveva mai letto prima, mi scompiscio dapprima moderatamente poi via via in modo modertamente sguaiato come se non lo avessi mai letto.
Ha una voce deliziosa un po' rauca e sensuale. Me ne innamoro e la convinco a leggermi il de-bello gallico in sumero che conservo nello zaino per ogni evenienza. Lo scorre con attenzione silente dal che arguisco che non ne afferra alcun simbolo poi incalzata si lancia in una traduzione salace quanto originale condita di metonimie aristofaniche che lascerebbero di stucco qualsiasi riparatore di finestre. Lo enuncia come traducesse la fattoria degli animali, ne deduco che ha una considerevole esperienza bucolica ma è un po' debole in lettere antiche. Sono cotto, bollito, invischiato, pelato, condito, nastrato, non me ne voglio separare mai più. Siamo a Domodossola un paese impossibile escluso a turisti e conduttori di taxi, ricordo di aver letto di un congresso in questo fine settimana per autonomisti di gruppo su qualche manifesto, decido di mandare deserto la riunione di lavoro a Lione e la invito a partecipare a quel simposio. Lei accetta e voliamo via dal treno facendo cadere la paletta del capotreno, vede un autobus con le porte aperte e mi trascina in questa nuova destinazione.
Io odio gli autobus.

ps. la può leggere solo lei

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963