noingiustizie

Qualunque cosa si dica in giro, parole ed idee possono cambiare il mondo.

 

MAPPA DEI INCENERITORI ITALIANI

 

MA CHI È MORTO?..È MORTA LA GIUSTIZIA!

 

 

IL LAZIO E I SUOI INCENERITORI

 

NO INCENERITORE ALBANO

 

 

PENISOLA AVVELENATA

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

FACEBOOK

 
 

NON SPRECHIAMO L'ACQUA

Ecco 12 regole per risparmiare il consumo di acqua potabile. Rispettare queste regole significa imparare a considerare l’acqua come un bene prezioso che non deve essere sprecato

REGOLA 1 - Far riparare tempestivamente le perdite dell’impianto interno. Un rubinetto che gocciola al ritmo di 90 gocce al minuto spreca 4.000 litri di acqua all’anno.

REGOLA 2 - Non fare uso eccessivo di prodotti chimici per la pulizia della casa.

REGOLA 3 - Non usare la toilette come discarica di sostanze tossiche (vernici, lacche, prodotti chimici, sigarette, solventi) altrimenti si riduce la funzionalità del sistema fognario.

REGOLA 4 -  Contenere i lavaggi delle autovetture con un secchio piuttosto che con acqua corrente consente un risparmio di 130 litri ogni lavaggio.

REGOLA 5 - Innaffiare l’orto con acqua piovana raccolta precedentemente.

REGOLA 6 - Far funzionare la lavatrice o la lavastoviglie a pieno carico; si ottiene cosi’ un risparmio pari a 8.000 / 11.000 litri di acqua potabile all’anno per famiglia.

REGOLA 7 - Pulire i piatti subito dopo i pasti, togliere lo sporco più grossolano, condire la pasta nel tegame ancora caldo evitando di sporcare un’altra terrina.

REGOLA 8 - Usare l’acqua di cottura della pasta per lavare i piatti e le stoviglie.

REGOLA 9 - Fare la doccia la posto del bagno in vasca, ciò consente un risparmio di 1.200 litri di acqua potabile all’anno.

REGOLA 10 - Chiudere il rubinetto mentre si lavano i denti e tappare il lavandino al momento di farsi la barba; questo permette di risparmiare fino a 7.500 litri l’anno per una famiglia di tre persone.

REGOLA 11 - Applicare un frangiflutto a un rubinetto per arricchire d’aria il getto d’acqua.

REGOLA 12 - Utilizzare per lo scarico del water un sistema a rubinetto o a manovella al posto di quello a sciacquone; si risparmiano così circa 26.00 litri all’anno.

 
Citazioni nei Blog Amici: 9
 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Messaggio #74Messaggio #76 »

Post N° 75

Post n°75 pubblicato il 26 Maggio 2008 da Akire28

Obiettivi di Kyoto ? Inceneriamo tutto, tanto pagheranno gli italiani...

Parliamo di come gli italiani si lasciano turlupinare con i decantati " IMPIANTI DI ULTIMA GENERAZIONE " ( Quale è la prima generazione, nessuno lo sa  !) e di quanto ci costano in assoluto.

Tanto per fare quattro conti nelle tasche degli italiani:

-
Gli inceneritori vengono costruiti da privati solo se lo Stato eroga  i contributi CIP 6  che pagano ignaramente i cittadini nella bolletta energetica ( tariffa A3 ),
-
il prezzo per il conferimento dei rifiuti negli inceneritori lo pagano  sempre i cittadini tramite la tassa rifiuti,
- i cittadini ovviamente pagano anche la fruizione della poca energia prodotta dall'incenrimento dei rifiuti tramite bolletta energetica
.


Tutti questi soldi pagati dai cittadini vanno a società private che hanno trovato l'appoggio politico per far affari con i rifiuti.

Dal 1997 invece, il decreto Ronchi  prevedeva che il rifiuto diventasse risorsa economica per il cittadino con il conferimento delle materie al consorzio stabilito per legge
 " IL CONAI "
Se i Comuni, anzichè bruciare i rifiuti o portarli in discarica, li differenziassero e li consegnassero al CONAI, anzichè pagare, riceverebbero in cambio denaro che contribuirebbe ad aumentare posti di lavoro con il porta a porta e permetterebbe di abbassare la quota rifiuti pagata dal cittadino. L'esempio di cio' lo abbiamo nel Veneto dove il Consorzio Priula ha raggiunto punte del 85% di raccolta differenziata.



Per il Decereto Ronchi RIFIUTO= RISORSA ECONOMICA PER IL  CITTADINO
Per la maggior parte dei politici
    RIFIUTO= RISORSA PER LE LOBBY DEI RIFIUTI
 
 A questo danno , arrecato da questi meravigliosi impianti tecnologici , aggiungiamo il danno arrecato alla salute degli italiani e quindi  al sistema sanitario nazionale sempre pagato dal cittadino.


Ma non finisce qui !


 La costruzione di impianti di questo genere aumenta la quantità di CO2 che emaniamo nell'ariaAl contrario, la costruzione di impianti di compostaggio molto pià semplici, economici e naturali, ci permetterebbe di produrre compost da utilizzare sui terreni agricoli contribuendo anche a trattenere il CO2 nel terreno.
Perchè parliamo di CO2 ?
 
Perchè anche tutto questo verrà pagato ignaramente dal cittadino.
Pubblichiamo sotto un camunicato del Kyoto Club che spiega meglio quanto ci costerà non rispettare gli obblighi che ci sono stati imposti con l'adesione al protocollo di Kyoto
e soprattutto occhio al contatore del debito italiano contenuto nel loro sito :

COMUNICATO KYOTO CLUB

23/01/2008 (Kyoto Club)

Il costo del ritardo sugli obiettivi di Kyoto

L’Italia dal 1° gennaio 2008 ogni giorno ha un costo di 4.111.000 € (47,6 € al secondo) per il mancato raggiungimento degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Il contatore nel sito internet del Kyoto Club visualizza in tempo reale la crescita di questo debito.

L'Italia sta accumulando un debito di oltre 4 milioni di euro al giorno (4,1 milioni di euro) per lo sforamento delle emissioni di CO2 rispetto all'obiettivo previsto dal Protocollo di Kyoto.

Per la precisione, dal 1° gennaio 2008 il debito è di 47,6 € ogni secondo e al 20 marzo abbiamo già superato i 320 milioni di euro che diventeranno quasi 1,5 miliardi di euro a fine 2008.
La crescita del debito (per ogni tonnellata di CO2 abbiamo stimato un prezzo di 20 €) si può visualizzare in tempo reale dal contatore presente nel sito del Kyoto Club.

Questo costo deriva dal divario di oltre 75 milioni di tonnellate di CO2 (aggiornamento al marzo 2008) che ci separa dagli obiettivi di Kyoto, con un livello di emissioni del 9.9% superiore rispetto al 1990. Va ricordato che nel periodo di adempimento 2008-2012, la quantità di emissioni assegnate all'Italia è pari a 483 Mt CO2 eq (-6,5% rispetto al 1990).

Questa è un'emergenza pesante in termini economici, di immagine e di mancate opportunità. Paghiamo dieci anni di sottovalutazione del problema climatico e di una notevole superficialità rispetto all'entrata in vigore del Protocollo.
Poiché ogni ulteriore ritardo comporterà costi crescenti sarà fondamentale che le istituzioni mettano al centro delle politiche del paese la questione climatica, con conseguenti scelte oculate su efficienza energetica, utilizzo delle fonti rinnovabili e trasporti.

Fonte: Fara Verde

Commenti al Post:
maxsof1
maxsof1 il 26/05/08 alle 21:22 via WEB
Questo post dovrebbe essere blog del giorno per le informazioni che contiene. Con dei politici retrogradi e legati a doppio filo con le lobby difficilmente rispetteremo quel protocollo...
 
 
Akire28
Akire28 il 26/05/08 alle 21:50 via WEB
grazie max!E come al solito..noi paghiamo..in soldi e in salute!
 
   
maxsof1
maxsof1 il 26/05/08 alle 22:09 via WEB
Purtroppo si. Paghiamo anche per colpa dell'ignoranza degli altri...
 
     
maxsof1
maxsof1 il 27/05/08 alle 21:26 via WEB
Ti consiglio di leggere questo articolo.
 
     
Akire28
Akire28 il 27/05/08 alle 21:41 via WEB
grazie per la "soffiata", chissà perchè la fibe ha sborsato tutti quei soldi..ho ci teneva tantissimo a comprare quella cava, o i soldi dovevano coprire qualcos'altro, ma allora perchè farli tracciare con un'acquisto..strano, ma quando c'è l'imprigilo di mezzo, niente è come deve essere..
 
     
maxsof1
maxsof1 il 27/05/08 alle 21:58 via WEB
La Fibe ci dovrebbe spiegare tante cose. Riguarda alla faccenda cava, credo che se fanno la discarica la Fibe recuperare e guadagnerà una marea di soldi...
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: Akire28
Data di creazione: 19/03/2008
 

COME ERA CONTRADA NOCECCHIE UNA VOLTA

 

LAVORI ALLA DISCARICA DI SANT'ARCANGELO

 

DISCARICHE INQUINATE

 

 

ULTIMI COMMENTI

Una piccola curiosità riguardante "Arike 28"......
Inviato da: LUIGI
il 25/11/2010 alle 20:48
 
Mi scusi, parla pure???? Non ha neanche il coraggio di...
Inviato da: Luigi
il 29/10/2010 alle 16:03
 
lavatevi la bocca nn siete neanche i peli del c...o di...
Inviato da: 1973
il 22/10/2010 alle 23:05
 
Bravo Nicola!!! Concordo perfettamnete con te, non mi...
Inviato da: Luigi
il 14/09/2010 alle 12:08
 
peccato che a distanza di un anno dalle elezioni...
Inviato da: nicolatucci66
il 17/05/2010 alle 14:56
 
 

BLOG di una

STREGA D.O.B.:

Di Origine Beneventana!!

 

ULTIME VISITE AL BLOG

mariomancino.mapungi1950_2carmensacrestanovanto06lagabbianellaeigattigianpiero_71claudio_leoncinifabry791AlexxGordonmaripi83piero.boarettirobertamonteleone90tecnoitalia.scarlAkire28vanna.ianna
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963