TRAN...QUILLITAAAAA'

Post n°41 pubblicato il 24 Giugno 2010 da papuglio

Nuvolette quanto basta per evitare che il sole mi arrostisca.
Arietta tiepida e frizzante.
Giusto un paio di clienti... ma di quelli tranquilli.
Il mio lavoro da portare avanti con calma.
Un amico che mi invita a pranzo...

Sto cominciando a pensare...
"Ma dov'è la fregatura?"
Fin qui va tutto bene, fin troppo per quello che è la routine quotidiana fatta di clienti pretenziosi e frettolosi, lavori che non prendono la piega giusta, telefono che non concede tregua.
Insomma, oggi sto assaporando un che di tranquillità davvero insolita. Potrei farci anche l'abitudine...

L'incredibile è che la cosa mi inquieta. Ho come la sensazione che si stia preparando qualcosa alle mie spalle, qualcosa di brutto, ovviamente. Così, invece di godermela, resto teso ad aspettare...
Ma cosa???
Boh!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

CHE FASTIDIO

Post n°40 pubblicato il 21 Maggio 2010 da papuglio

Ma ci son persone che ti stressano solo a vederle, acc!!!
Stamattina la prima persona che ho visto è proprio una di queste.
Sorrisino idiota, battutine fastidiose, apprezzamenti fuori luogo, Già il tono della voce indispone. Pretenzioso, ossessivo, ti si attacca ai fianchi e non ti molla un istante. Eppoi tutte quelle domande assurde su cose personali, sui fatti degli altri, commenti sempre negativi e taglienti, non è in grado di parlare di qualcuno senza dargli minimo del pirla.
Mi sono alzato alle cinque e mezza dopo una notte semi insonne, nemmeno l'acqua gelata mi ha tolto di dosso lo stato comatoso. Parto alle sei e mezza per non fare colonna in autostrada e invece becco un incidente che blocca tutto. Un'ora e mezza per percorrere trentacinque chilometri. Neanche il tempo di aprire e mi ritrovo questo personaggio tra i piedi. GRRR. Grugnisco ad ogni suo verso, non gli rispondo, sono più acido di uno yogourt scaduto e quello insiste col suo sorrisino e le sue domande ossessive. Sarà ache che il cliente ha sempre ragione ma questo, se non impara a tacere, lo infilo nel cofano nonostante i suoi cento chili. Cominciata davvero male, speriamo almeno che fiisca bene...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Ti svegli una mattina e...

Post n°39 pubblicato il 21 Ottobre 2009 da papuglio

Non è così semplice
Ieri mi chiama un'amica che non sentivo da un po'

Ciao, scusa ma... non sapevo con chi parlare e... sì, insomma... ti disturbo? No... e che...
è successa una tragedia e... ... ... è morto mio fratello. Credimi, non è bello svegliarsi la mattina è ricevere una telefonata che ti annuncia la morte di un fratello. Almeno, io, mi sono svegliata, lui no, è andato a dormire normalmente e... non si è più svegliato.
E sua figlia? Quindici anni... Dormiva con suo padre, lo faceva spesso, si stavano separando e così, la figlia, dormiva un po' con la madre, un po' col padre ma... Quella mattina si è svegliata, ha visto suo padre lì, ancora nel letto e ha cercato di svegliarlo ma... non si sveglierà mai più.

Ho visto più volte la morte colpire intorno a me, non ho neppure saputo dirle qualche parola di conforto, addirittura mi son chiesto perchè chiamasse proprio me.

Ma il mio pensiero va a quella ragazzina di quindici anni... che brutto risveglio. Quanto tempo le ci vorrà per recuperare la serenità? Quanto per riuscire a risvegliarsi dolcemente?

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Una tranquilla serata di...

Post n°38 pubblicato il 06 Maggio 2009 da papuglio

Poteva sembrare una serata qualunque, primaverile, un po' umida, tutto sommato tranquilla finchè, dopo pranzo, Mia moglie mi chiede di andare a fare il pieno all sua auto."Ma certo, che problema c'è"In effetti era un po' tardi, saranno state le dieci. L'unica stazione di gpl è nell'area autostradale di fino mornasco.L'auto, una vecchia fiat, può funzionare solo a gpl perchè la pompa della benzina si è bruciata dopo che micol è rimasta senza benzina. Così, con naomi che mi fa compagnia, prendo l'auto e parto. Nulla lasciava presagire ciò che sarebbe successo.Gas ne era rimasto davvero poco nel serbatoio, arriviamo all'ingresso autostradale di fino mornasco ma..."Accidenti, stanno asfaltando e hanno chiuso sia l'ingresso che l'uscita, ci tocca tornare a grandate ed entrare da li"Detto fatto. Sono circa otto km. Finalmente entriamo, facciamo la fila al casello, paghiamo e sembra che tutto vada bene. Percorsi pochi metri, l'auto, singhozza vistosamente."Ennò, proprio ora doveva finire il gas!?! Speriamo di riusire ad arrivare"Speranza vana. Riesco ad uscire dalla vasta area del casello e raggiungere la corsia d'emergenza. L'auto si spegne e non parte più."Cosa facciamo adesso papà?""Manteniamo la calma e chiamiamo la mamma, se abbiamo diritto al carro attrezzi, basta chiamare il numero verde."Come sarebbe a dire che il numero verde ha gli orari??? E se uno rimane a piedi di notte che fà?"Non ci è possibile chiamare un carro attrezzi dal cell. Naomi è un po' tesa ma le alternative sono davvero poche.Non possiamo raggiungere la colonnina sos perchè sprovvisti di giubbotto d'emergenza e non mi va di pagare un verbale. Penso che potrei chiedere il numero del soccorso ad un amico, un carrozziere di rho, visto che suo fratello fa proprio quello di mestiere."Ciao totò, scusa per l'ora ma ho un piccolo problema..."Il poverino non riesce a darmi il numero ma si offre di venire a recuperarmi con il suo carro attrezzi, si deve sciroppare 40 Km ma lo fa volentieri. Naomi si calma ma io non riesco a restare inattivo e decido di tentare una riparazione alla pompa benzina. Scendo, apro il cofano individuo il fusibile e rientro per trovarne un'altro da sostituire. Mentre armeggio in auto un lampeggio blu annuncia l'arrivo della stradale. Un poliziotto apre la porta dal lato di naomi che fa un salto per lo spavento, non si era accorta del tipo."Cosa fate qua?"Date le necessarie spiegazioni, si rendono conto che non possono aiutarmi e uno mi chiede.."Dove siete diretti?""All'area di servizio, sono uscito proprio per fare gas""No, dico, dove siete diretti""Appunto, siamo diretti alla stazione di servizio""HO DETTO DOVE SIETE DIRETTI???""ALLA STAZIONE DI SERVIZIO!!!""Ah, no, intendevo... dove abitate?"Vabbè, sono riuscito a fargli capire cosa stavamo facendo e cortesemente ci dicono che devono chiamare un carro attrezzi."Veramente l'ho già chiamato, è un mio amico..."Appurato che questo amico non aveva la convenzione per recuperarmi in autostrada, i due, sono stati davvero molto comprensivi e mi hanno dato mezz'ora di tempo per risolvere altrimenti sarebero tornati e avrebbero chiamato loro un carro.Il carrozziere arriva zelante ma non ha il carro, bensì una jeep."MA cosa fai, la stradale ha detto chiaramente che non dobbiamo trainare""Ma non ti traino, ti spingo!"Non gli era partito il carro e aveva optato per questo ripiego.L'avventura comincia, naomi mi elenca tutte le regole che stavamo infrangendoIl seguito al prossimo post

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Piccoli inconvenienti

Post n°37 pubblicato il 14 Aprile 2009 da papuglio

Pasqua con chi vuoi... si dice, e invece l'abbiamo passata in famiglia, il solito picnic annuale. Andava tutto bene finchè, il dialogo non è scivolato sull'annosa questione israelo/palestinese. Un amico di nablus si è sentito dire un sacco di fandonie dalla solita vecchia bigotta, quando ha provato a farle capire che lei non poteva sapere meglio di lui cosa succedeva a casa sua, lei si è imbestialita. Senza argomentare in alcun modo ha insistito per aver ragione a tutti i costi. Mi sono intromesso nel discorso e la "simpatica vecchina" mi ha apostrofato dicendo: "ma allora sei davvero una testa di cazzo". Sì, ha usato proprio queste parole. Vabbè, lasciamola alle sue convinzioni. Pasquetta, invece, ha dato il meglio di sè dimostrandomi come le persone si sentano tutte più serene quando c'è una ricorrenza religiosa di cotanto spessore. Eravamo in fila per salire sulla funicolare quando un bambino ha strattonato una signora. Questa gli ha reso il favore ma, ahimè, l'episodio non è sfuggito alla madre del pargolo che ha aggredito verbalmente la signora ripetendo lo slogan "il figlio è mio e me lo gestisco io". Ne è nata una rissa ma non c'è stato versamento di sangue.
La camminata fino al faro ci ha messo un po' di sete e di appetito. Ci siamo fermati in un locale dove abbiamo ordinato, tra le altre cose, un te freddo alla pesca senza ghiaccio.
"Stia tranquilla che non glielo avrei messo, non lo abbiamo..."
Salvo, poi, scoprire che non avevano neanche il te freddo.
Mia moglie ha ordinato un gelato ai gusti frutta. Scopriamo che ne hanno solo tre, banana, ananas, e fragola...
"Okkey, me lo porti ananas e fragola grazie"
Cinque minuti dopo, la cameriera, torna, si scusa, ma non ricorda i gusti che le sono stati ordinati...
"Ah, niente banana? Vabbeeeene"
Incredibile ma vero, l'ananas sapeva di banana, misterooooooo...
La via del ritorno ci ha messo a dura prova, Un'ora e un quarto per salire sulla funicolare. Inutile dire che, ormai ci si conosceva tutti, se non altro abbiamo socializzato. Quando ormai mancava poco più di un quarto d'ora, appare misteriosamente in mezzo a noi una signora alta (Ehm) un metro e quaranta e larga uguale. Mi giro verso mia sorella e le chiedo come abbia fatto a passarci davanti.
"Mi è passata sotto l'ascella..." Accidenti, la lillipuziana ha sfidato la morte per asfissia pur di guadagnare un paio di posizioni.

Essì. La pasqua, come il natale, unisce la comunità cristiana e ne esalta i contenuti etici e sociali.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

I miei Blog preferiti

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Ultime visite al Blog

chanel35stellasonia0bisou_fatalsconformeallenormepapuglioopposti_incongruentimollo89farfallina1919esse.enzalolita_72gcpiersilvionefaisilenzioquiselalucetiprendeunamamma1ailata76
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963