Creato da selvaggiasaggia il 02/04/2008

SELVAGGIA A VOLTE

solo una donna ....

 

 

.... 👒

Post n°183 pubblicato il 03 Marzo 2017 da selvaggiasaggia

Equilibrata sensata affidabile seria responsabile

Due palle 😆

Voglio essere pazza voglio una botta di vita voglio quella luce che mi illumina gli occhi

Voglio quel pizzico di follia che spacca i sensi e frantuma le certezze .. 

 
 
 

in moto....

Post n°182 pubblicato il 21 Febbraio 2016 da selvaggiasaggia

Finalmente un po' di energia in circolo... dopo tanto tempo energia dentro e finalmente sento che qualcosa di bello ci sarà  in futuro anche per me ...sì..

 
 
 

mamma

Post n°181 pubblicato il 24 Luglio 2013 da selvaggiasaggia

Gli occhi tristi stanchi distanti opachi
rinnovano le distanze
che ho sempre sentito immutabili

e la tua fierezza il tuo orgoglio
la tua muta rassegnazione
li leggo ora con occhi  diversi

perchè non voglio diventino
i miei stessi occhi
la mia stessa rassegnazione

ora che ci vedo la paura
che ti ostini a nascondere ancora
e mi dici che non hai bisogno di nulla

stavolta non ti permetto
di allontanarmi
ho perdonato mamma
ho perdonato e mi prendo cura di te
coi miei tempi e nel rispetto
dei tuoi lunghi immutati pesanti silenzi

mentre mi dici che ormai sei stanca

e che saresti pronta ad andartene dal babbo

ed io ti prendo in giro e ti rimprovero

ma so che sei sincera  

( io no, invece, 

non sono pronta invece a lasciarti andare)

 
 
 

...........

Post n°180 pubblicato il 05 Marzo 2013 da selvaggiasaggia

Avevo sogni rosa
di un amore che fosse  per sempre

ho incontrato  ipocrisie e solitudine e persone grigie e ammuffite
nelle  loro  piccole vite,  che somigliavano alla mia, troppo

non sono intollerante al grigio,
spesso è il colore della realtà e non lo si può ignorare

ma io volevo il rosa e l'arancio e la luce dell' aria aperta
le mani pulite e lo sguardo da tenere alto di fronte a me
volevo questo... una vita fa

e ogni cosa diversa mi faceva paura e mi rimpiccioliva l'anima
oggi  sento tutti i colori
e conservo ancora  un po' di  entusiasmo

che esce fuori all'improvviso

(come lo scoiattolo stamattina in mezzo all'asfalto ombroso)

 

magari  ho solo cambiato gli occhi

ma mi pare necessaria  ogni sfumatura  

 
 
 

essere pronti

Post n°179 pubblicato il 04 Gennaio 2013 da selvaggiasaggia

 A volte arrivano le nuvole e bisogna solo imparare a vedere un po' più scuro .. 

 

poi passano 

bisogna solo essere pronti 

 

ogni luce ha un suo perchè 

ogni ombra ha la sua luce anche se non pare,

anche se invoglierebbe a chiudere gli occhi

 

invece bisogna essere pronti

sempre

 

a vedere tutto

sempre 

 

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

I MIEI LINK PREFERITI

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

selvaggiasaggiamischa2marittiellaletiziaf1984duracell_2011logicartdanilodinardomomber89Akire28piragna73annarita1968aiutosicuromaresogno67cuoioepioggiaElemento.Scostante
 
Citazioni nei Blog Amici: 20
 

Essere superstiziosi è da ignoranti ma non esserlo porta male

E.De Filippo

 

Non abbiamo tanto bisogno d'amicizia quanto della consapevolezza che ce ne potremo servire al momento del bisogno.

EPICURO

 

I nostri pensieri diventano il nostro mondo.Noi diventiamo ciò che pensiamo. Questo è l'eterno mistero. (Maitri Upanishad)
Qualcuno (non ricordo chi..) sostiene che siamo quello che mangiamo.

Rifletto, a tavola,..che mangiamo spesso come pensiamo o anche  viceversa.

 

G.PONTIGGIA- NATI DUE VOLTE

..E' l'utilità marginale dei disabili, come direbbe un economista del dolore sociale.Hanno una delega collettiva a soffrire per gli altri.E il loro carico si ingigantisce perchè vi si occulta quello universale. La realtà però è lievemente diversa.Abituati a convivere con la minorazione -e a sopportarla-, i disabili non ne hanno l'immagine insopportabile di chi è sano. E la fede non è una fuga ma una conquista.

 

U.RICCARELLI- UN MARE DI NULLA

..La morte no, mi disse. La morte non ha occhi nè orecchie, non tiene conto di nessun ritmo e nessuna strada. Non fa calcoli, non ha l'intelligenza di un'illusione e neppure la debolezza che il vivere si concede, le scappatoie che ci offre, la disponibilità con la quale a volte accetta di essere ingannato. Come nelle iscrizioni nere che il fascismo lasciò dietro di sè,  stese sui muri delle città e dei paesini, la morte se ne frega.