Creato da: meninasallospecchio il 28/04/2012
un concept blog (non so che voglia dire, ma mi sembra figo)

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

marco.ferriosimona_77rmgabar68giovanni80_7kora69wxzycalaazzurrPat_962tetro65impelgioanima_on_linevirgola_dfFLORESDEUSTADladyhamletcassetta2
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 44
 

 

 
« La macchina che fa beepQuella volta che non ave... »

La cena

Post n°354 pubblicato il 14 Luglio 2014 da meninasallospecchio

Vorrei dire una cosa: io il coniglio agli uomini non lo faccio più. Perché non è la prima volta che mi succede. Uno cucina un coniglio arrosto pensando di mangiarci tutta la settimana, invece quello te lo sbrana tutto in una volta. La prossima volta faccio come quella della canzoncina ligure:

a minestrina coee ove
a fa ciù fitto a cosce ma l'è un mangià do belin

 

E questo ci porta all'annoso problema di che cosa cucinare quando si invita un uomo a cena. Oddìo, il problema suppongo sia simmetrico, anche per il caso di un uomo che invita una donna; insomma, la questione può anche essere affrontata in termini generali.

Da una parte vorresti sfoderare tutte le tue doti di cuoca, perché si sa, l'uomo si prende per la gola. E poi una cena ben curata è come un preliminare coi fiocchi, predispone al piacere di tutti i sensi. Dall'altra parte però non puoi metterti a spentolare come una forsennata anziché goderti la compagnia del tuo ospite. E oltretutto devi anche avere il tempo di farti la doccia, mettere lo smalto a mani e piedi, trucco e parrucco, accurata scelta dell'intimo, vestitino, tacco, ecc.

Ecco. Ma poi, sarà il caso? Perché anche lì sorgono dei dubbi. Insomma, sei in casa tua. Ora, non dico proprio accogliere l'ospite in ciabatte, ma anche un tiro eccessivo potrebbe sembrare inappropriato. Cioè, ci vorrebbe quel negligé un po' studiato, in modo da essere figa, ma come se fossi così di natura. Del tipo: non mi sono vestita apposta per te, io in casa mia sto sempre così, anche se ci hai messo casomai 6 ore a provarti tutto il guardaroba davanti allo specchio.

Ma torniamo alla cena. In realtà ci sono due casi distinti: la new entry e il consolidato. Con la new entry è più semplice. Si presenta a casa tua all'ora di cena o poco prima, giusto il tempo di un aperitivo veloce. Quindi hai il coniglio sul fuoco, la pentola in cui butterai i ravioli (comprati), la tavola apparecchiata con il servizio buono, tutto ai posti di combattimento. Anche tu sei vestita e truccata, avendo ridotto lo sbattimento culinario al minimo sindacale. Hai brevemente considerato l'ipotesi di un antipastino con fiori di zucca in pastella, subito scartato perché vanno fritti all'ultimo minuto. Alla fine hai raffazzonato un simil-antipasto con quello che avevi in frigo e stai per giocartela tutta sul vino.

La new entry arriva portando la bottiglia che ti berrai con il prossimo, perché per questa volta c'è già la tua. Guarda dalla finestra: "Che bel panorama!". "Sì sì", rispondi distrattamente, tanto il panorama lo vedi tutti i giorni. Butti piuttosto un occhio al coniglio, che mostra segni di disfacimento che non sai se interpretare come positivi o negativi. Un'insalata di contorno, che va sempre bene. Se proprio vuoi fare il fenomeno, hai preparato un dolce il giorno prima, altrimenti frutti di bosco con gelato e via andare. Vedete com'è facile? Il guaio è se la new entry viene una seconda volta. Un po' perché ti sei già giocata il menù e ti tocca inventarti un'altra cosa; un po' perché alla seconda occasione l'ospite si comporterà da consolidato.

Già. Perché qual è la differenza fra la new entry e il consolidato? Be', con la new entry in teoria non è ancora sicuro che si tromberà. O comunque si aspetterà in ogni caso il dopo cena. Il consolidato invece arriva alle 6. Il che rende immediatamente evidente che mangiare non sarà la prima cosa che farete. E questo esclude automaticamente il coniglio. Ma anche il pane fatto in casa, per dire. Il fatto è che esistono anche dei consolidati che non hanno mai mangiato a casa tua, con i quali ti piacerebbe magari fare bella figura. Anche perché un conto sono i forestieri, che li sistemi con un po' di enogastronomia locale, che per loro è grasso che cola; un conto sono i consolidati a km 0, che sono abituati a mangiare e bere ogni bendidio, per i quali ti devi inventare qualche novità.

Insomma, il consolidato arriva alle 18. Inutile che ti metti il vestitino, che rischi solo di rovinarlo. In ogni caso devi già avere la tavola apparecchiata e tutto pronto, altrimenti si mangia alle 22, quindi in pratica è dalle 3 di pomeriggio che ti stai occupando della faccenda. I ravioli vanno bene uguale, ma ci vuole un secondo piatto veloce: si può optare per il pesce, magari al forno, così cuoce per i fatti suoi mentre prepari il resto. Questo ti obbligherà ad esibirti nel numero da circo del diliscamento del pesce al momento di servirlo: se il consolidato è esperto lo fai fare a lui, altrimenti ciccia e dovrà farti i complimenti per quanto sei brava in questa operazione. Mirtilli e gelato anche per lui. Caffé e grappa.

La new entry ti aiuta a mettere a posto la cucina. Il consolidato invece ti zompa direttamente addosso, manco non lo facesse da un mese, che avete finito due ore prima.

Ecco. A questo punto non ti resta che decidere se è più impegnativo cambiare menù o cambiare amante. Nel primo caso l'ANC (Associazione Nazionale Conigli) ringrazia sentitamente.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog