Creato da turbine_di_pensieri il 10/03/2007

Turbine Interno

un blog per farvi capire quanto è difficile riuscire ad inquadrare una persona (soprattutto se sono io)

 

 

« LA STUPIDITà PUò ESSER A...

IMPRESSIONI DI... NOVEMBRE

Venuto al mondo. Sto leggendo il libro della Mazzantini. Tempo fa ero andata al cinema a vedere il film che ne aveva fatto Castellitto. Ricordo che rimasi attratta dall'attore che faceva Gojko, dal suo modo di fare, tipico degli uomini dei balcani. Ricordo il buio della sala e le immagini che si susseguivano una dietro l'altra, portandoci poco a poco verso la verità. I titoli di coda, lo schermo nero e le luci accese all'improvviso. Quel getto freddo che ti riportava prepotentemente alla realtà. Quello che mi è rimasto più impresso di tutto però, era lo sguardo della gente. Degli amici che avevo accanto e degli estranei che occupavano la sala. Eravamo tutti impietriti. Imbambolati davanti allo schermo ormai spento. Ognuno con in testa un vortice di pensieri. I movimenti lenti e silenziosi delle mani che si infilano nei cappotti. Nell'aria c'era quella deferenza che si assume tipicamente quando ci si trova in Chiesa.  Il mio sguardo che vagava sui volti della gente. Pronto a cogliere le impressioni. La faccia sconvolta di una signora. I suoi occhi a punto interrogativo nei miei, come a cercare una sorta di complicità, di sostegno. Mi era venuto da ridere, allora. La mia reazione di scherno alle situazioni troppo solenni.

Si dice che vedere un film e poi leggere il libro da cui è stato tratto, sia deleterio. D'altra parte, è anche vero il contrario. Ogni qualvolta si legge un libro e poi si va a vedere il film, si rimane delusi. Questa è un'eccezione. Non so se dipenda dal fatto che sia passato un anno, ma non mi dispiace avere in mente le facce di Penelope Cruz e di Emile Hirsch. Ovviamente le pagine di carta sono nettamente superiori alle immagini. Comunicano sensazioni, pensieri, paure, disperazione che dal film arrivano, ma in modo ovattato. Ma solo perché con le parole si può indugiare di più su una sensazione, che non con le immagini. Il senso viene trasmesso ma è un riassunto di quello che veramente c'è dietro.

Questo libro è un mattone sullo stomaco. E' di un reale disarmante. La descrizione della guerra in ex Jugoslavia, di come la gente vive con la costante paura che da un secondo all'altro tutto possa finire. Alle immagini siamo assuefatti, ormai. Ma alle parole ancora no, per fortuna. Le parole hanno il potere di catapultarti lì, in mezzo ai proiettili. Possono descrivere così bene una situazione, da farti provare sgomento per quello che è stato. Per quello che è tutt'ora, da qualche parte del mondo. Lontano. Con le parole puoi sentirti svuotato, come se quella guerra l'avessi vista veramente con i tuoi occhi. E comprendi ogni reazione di chi ha la fortuna di tornare a vivere la sua vita normale, in qualche città privilegiata dalla sorte.

Immagino che il mio sguardo non sia quello di sempre. Quando leggo questo genere di libri, la testa si affolla. Il cuore diventa più triste. Ho il malessere dentro. Anche se in realtà - nella mia realtà - non ho alcun motivo di lamentarmi. Apparentemente soffro per delle parole. La verità è che soffro per qualcosa di reale che quelle parole, seppur romanzate, rievocano.

Mangio. In tv, un servizio del tg. Non so neanche di cosa stiano parlando. Il giornalista parla con la solita nenia. Si susseguono delle immagini che non rimangono nella mia testa. Sfuggono. Per afferrare la realtà, mi metto a leggere le frasi in sovrimpressione "Bari:  sguardi di sfida vietati dal Comune". Mi viene da ridere per l'assurdità della notizia. Penso alla guerra. Alle corse tra le strade per evitare i proiettili dei cecchini. Poi provo ad immagine gli "sguardi di sfida" dei baresi.

Questo mondo è un insieme di cose assurde che cozzano tra loro.

Ieri mi ha telefonato il prieten di Valcea. Oggi sarebbe partito per la Romania. Fino al 10 novembre.

"Come farò senza di te, amica mia?? Mi mancherai"

Claudiu è un po' come Giorgio. E' solo. L'unica differenza è che lui è ancora giovane, e si trova in un paese che non è il suo. Ci ho pensato su un bel po' a questa coincidenza. A questo modo che ho di avvicinarmi alla gente che ha bisogno di parlare, di fare una chiacchiera, di una risata. Sembra quasi una missione, la mia. Portare un po' di allegria nelle vite in cui ogni giorno si sussegue identico all'altro. Senza alcun entusiasmo.  

 - Dai prieten! Che neanche te ne accorgerai di questi giorni per quanto passeranno veloci...

Dice che in primavera ritornerà definitivamente nel suo paese. Forse riuscirà a prendere un posto decente. Pagando. E' una buona notizia, per lui. Finalmente dopo 10 anni può tornare a casa. Gli dico che sono contenta. Anche se un po' mi sento triste. L'ennesima persona che va via. Che spicca il volo. Che si farà la sua vita, che invecchierà. L'ennesima persona di cui non saprò più nulla. Ma non voglio che lui percepisca la mia tristezza egoistica. Devo fargli sentire che sta facendo la cosa giusta. Che è meglio ritornare a casa invece di stare ad invecchiare, da solo, in un paese straniero.

- Vuoi sapere come ti vedo tra qualche anno, prieten? Tu ritornerai in Romania, incontrerai una romena. Ti sposerai, e avrai tanti figli!!

- io non voglio ritornare in Romania! Qui ho la mia amica.

- ho capito, ma che c'entro io!! Quella è casa tua! Dovresti essere contento di ritornare nel tuo paese.

- ma i romeni sono tutti sottosviluppati. Non mi trovo bene lì.

- tu pensa a partire, a riposarti e a divertiti. Non pensare all'Italia.

- farò tutto che mi hai detto, però a non pensare a te non me lo chiede, non lo potrei mai fare. Tu sei l'Italia.

- prieten... sei proprio romantico... secondo me sei nato nel paese sbagliato. Ti comporti più da italiano che da romeno sottosviluppato!!!

Ormai sono abituata alle parole ad effetto. Non per niente Wiston mi ha riempita di paroloni. Mi chiedo se sia un modus operandi tipico dei popoli latini, o se questo olteanul sia veramente più sensibile rispetto al suo connazionale moldavo...

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/turbineinterno/trackback.php?msg=12463923

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
belf9
belf9 il 07/11/13 alle 00:14 via WEB
L'idea che è deleterio leggere un libro dopo aver visto il film non mi trova totalmente d'accordo. Forse è solo inopportuno, semplicemente perché è nato prima il libro. Quindi il libro andrebbe letto, meditato e solo quando abbiamo metabolizzato il tutto andrebbe visto il film.

Però, perché privarsi della gioia di leggere un libro ricevendo l'input da un film?

Ti ritieni una consolatrice degli esuli. E non hai torto. E' un aspetto del tuo carattere, portato a immedesimarsi in loro e avvertire la loro stessa tristezza, costretti come sono a vivere da soli in un paese sconosciuto.

Ciao, Turbine :-)))
 
 
turbine_di_pensieri
turbine_di_pensieri il 16/11/13 alle 20:15 via WEB
Beeeelf!!!! Mi immedesimo così tanto che da quando ho finito di leggere il libro (e ormai è un bel po')non riesco ad iniziarne un altro. Mi sento come se dovessi metabolizzare tutto ciò che ho appreso. Non è la prima volta che mi capita, ma di solito non passa così tanto tempo prima che io mi riprenda. Sarà che in questo libro si parla di qualcosa che c'è stato veramente.
Ti auguro una buona serata!!!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 34
Prov: RM
 

MI PRESENTO


Una goccia, e d' improvviso l' acqua si increspa.
Non c' è più quiete.
Tutto è alterato.
Un evento, e d' improvviso la calma interiore si spezza,
dando luogo ad un
turbine di pensieri...

 

INIZIO...

Tutto cominciò da QUI

 

ACCORDA E CANTA- RATTI DELLA SABINA

 

COSA C' È SUL MIO COMODINO?

EDUCAZIONE DI UNA CANAGLIA
 

Edward Bunker




 

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

DA LEGGERE

CHE GUEVARA DA TASCA

ALDO GARZIA

(divorato in 2 giorni)

"Vostro padre è stato uno di quegli uomini che agiscono come pensano e, di sicuro, è stato coerente con le sue convinzioni.
Ricordatevi che l' importante è la rivoluzione e che ognuno di noi, solo, non vale nulla. Soprattutto, siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualsiasi ingiustizia commessa in qualunque parte del mondo."

"Molti mi daranno dell' avventuriero e lo sono; soltanto che lo sono di un tipo differente: di quelli che rischiano la pellaccia per dimostrare le loro verità."

 
Citazioni nei Blog Amici: 26
 

ULTIME VISITE AL BLOG

giogiogio.mDanzaSulMioPetto77angelaspettoliSky_Eaglemgf70velluccilucamciruzziercoliely86GianFrusagliacar.destefanoangela.tivegnapaolacaraccioloopantaleoefrancasaturnina_75aquilagozzano
 

ULTIMI COMMENTI

Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Wetter
il 31/07/2018 alle 18:08
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Weather
il 31/07/2018 alle 18:07
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Pogoda
il 31/07/2018 alle 18:07
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Speed Test
il 31/07/2018 alle 18:06
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Sat24
il 31/07/2018 alle 18:06
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom