Vita normale

...follia e normalità a volte si mescolano!

Creato da Scrittrice82 il 08/04/2014

 

       

 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

C'è UN UNICO ERRORE INNATO,

ED è QUELLO DI CREDERE

CHE NOI ESISTIAMO

PER ESSERE FELICI


A. Schopenhauer

 

    

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Tag

 

Ultime visite al Blog

BleuDeFrancecassetta2FLORESDEUSTADnina.monamourpaneghessasilvana09slroxarpavariantelugana5paolopiazza.pgfotografandonoiNastri.di.Setakissthenightderrick35PatryRouge
 

Ultimi commenti

 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

 

...SENTI RACCONTATI QUELLO CHE VUOI

DOVEVA ESSERE UN VIAGGIO 

è DIVENTATO UN VIZIO

DI PURE CHE TU FAI QUELLO CHE VUOI

MA è DIVENTATO UN FINE

ED ERA SOLO UN INIZIO...

 

CHI è ANDATO 

è ANDATO,

E SPERO A FANCULO...

CIò CHE è STATO,

è STATO,

IL PASSATO LO RIMPIANGE

CHI NON HA FUTURO!!!

 

NON POSSO DIRTI CHE SARà SEMPLICE,

MA POSSO DIRTI CHE SARà MERAVIGLIOSO!

L'AMORE NON è UNA FAVOLA,

NON SEGUE ALCUNA REGOLA,

VA DRITTA AL CUORE 

TOGLIENDOTI IL RESPIRO,

MA DONANDOTI LA VITA!!!

 

...BABY

SO CHE NON TI PIACI,

E STAVI CHIUSA NELLA CAMERA.

PERò ADESSO PIACI AGLI ALTRI

E ORA DEVONO PAGARTELA!


SO CHE TI ODI QUANDO PIANGI,

DOPO TUTTI QUESTI ANNI,

QUESTI DRAMMI,

QUESTI GRAMMI, QUESTI DANNI.

CHE COS'HO IO DA INSEGNARTI?

CONTRO L'AMORE

SIAMO VACCINATI...

 

 

 

« ...ContinuaMondi paralleli... »

...Sempre peggio!

Post n°3 pubblicato il 12 Aprile 2014 da Scrittrice82
 

Alle medie non fu diverso, anzi: posso assicurare che furono tre anni d'inferno... la maggior parte dei miei compagni mi odiava e io odiavo loro. Non avevo amici e nonostante la mia voglia di farmene non riuscivo ad entrare in sintonia con loro. Invidiavo e al contempo detestavo quelle ragazze che, al contrario di me, risultavano delle vincenti. Sempre sulla cresta dell'onda, sempre in prima fila. Brave, belle, venerate e ben volute da tutti. Avrei voluto almeno una parte di quella celebrità che avevano loro, almeno per una volta, per sentimi speciale, apprezzata ma soprattutto per sentirmi accettata... Invece era tutto il contrario, più lo desideravo, più questa speranza sfumava nell'ennesima delusione della vita. I ragazzini a quell'età sono cattivi, perfidi, spietati. Quando sei ragazzino non esiste il bene e il male ma solo l'istinto di sopravvivenza: il più forte è quello che sopravvive e diventa il capobranco, e la mia fragilità interiore era troppo elevata per poter lottare. Non sapevo ancora quanto l'essere respinti e pugnalati, può in qualche modo diventare un incentivo per forgiare l'arma che ti aiuterà a lottare nella vita: IL CARATTERE. A quell'età ti senti respinto e pensi solo ad una cosa: "VORREI NON ESSERE MAI NATA!!!!!!!"

 
 
 
Vai alla Home Page del blog