Rubano l’asinello dal presepe e chiedono il riscatto

«Se arivolete l’asinello datece 2.223 miliardi per risanare il mega debito pubblico». A Bagnaia, frazione di Viterbo, hanno rubato la statua in legno del presepe e chiesto il riscatto per mettere in sicurezza i conti del Bel paese. Roba che neanche il Grinch. Lì per lì l’hanno presa a ridere, poi però l’insolita richiesta è finita in un esposto ai carabinieri.

La sagoma dell’asinello è sparita sabato. Si è pensato a uno scherzo, all’opera di un burlone. Lunedì invece è apparso il biglietto, posizionato in bella vista sulla culla ancora vuota del bambinello e vicino al bue, con la frase composta da ritagli di giornale. Su Facebook qualcuno ha ironizzato pure sulle capacità grammaticali dell’autore. «Senza parole, l’asino che ha agito ci ha dimostrato che è proprio un “somaro”, come lo chiamiamo noi a Bagnaia, bravo». Ma al sorriso negli abitanti presto è subentrato il fastidio. Tanto che dall’associazione “Amici di Bagnaia” alla fine è arrivato l’esposto. 

 Anche perché a realizzare il presepe, che si trova sotto l’albero di Natale in piazza, sono stati i bambini dell’oratorio. Mentre il bue è rimasto da solo, sul posto si spera che l’asino torni presto a fargli compagnia. Magari ancora con tutto il debito pubblico sulla groppa dell’Italia, ma senza riscatto.
Rubano l’asinello dal presepe e chiedono il riscattoultima modifica: 2016-12-20T14:35:32+01:00da ellenaellena73
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.