Tre bimbi ridotti in fin di vita e tenuti prigionieri: i genitori avevano deciso di farli morire di fame

4221396001_5230597247001_5230586845001-vs_01164624Erano legati da un patto di morte: a settembre avevano deciso che i loro tre figli sarebbero dovuti morire in pochi mesi. Stavano quasi per centrare il loro obiettivo quando la polizia è entrata in quella casa di Halifax Township, in Pennsylvania, salvando in extremis due bambine di 4 e 5 anni e un bimbo di 6 e arrestando Joshua Ross Weyant, 33 anni, e Brandi Jene Weyant, 38.

Il 16 dicembre, dopo aver ricevuto una soffiata, gli agenti hanno fatto irruzione in casa e hanno trovato i tre piccoli in condizioni disperate. Pesavano tutti meno di 13 chili e avevano abrasioni e lividi su tutto il corpo, versavano in pessime condizioni di salute e, secondo i medici, due di loro sarebbero morti dopo pochi giorni se la polizia non fosse intervenuta in tempo. I bimbi hanno raccontato che i genitori li tenevano prigionieri in una stanza senza riscaldamento per lunghi periodi e non ricevevano cibo per giornate intere. In molte occasioni erano stati picchiati e, versando in condizioni igieniche spaventose, avevano i pidocchi. I tre sono stati trasportati al Penn State Milton S. Hershey Medical Center dove dovranno rimanere ricoverati per il periodo della riabilitazione.

La polizia ha arrestato Joshua e Brandi: secondo gli agenti i due avevano messo in atto un piano per uccidere i figli visto che l’uomo non aveva più alcuna intenzione di prendersi cura di loro. Adesso si trovano dietro le sbarre con una cauzione fissata a un milione di euro ciascuno: davanti ai giudici di Halifax Township dovranno rispondere di aggressione aggravata, associazione a delinquere, sequestro di persona e messa in pericolo dei loro bambini.

Tre bimbi ridotti in fin di vita e tenuti prigionieri: i genitori avevano deciso di farli morire di fameultima modifica: 2016-12-26T21:57:23+01:00da ellenaellena73
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.