MAGGIO E’ IL MESE DEDICATO A MARIA

0_6d912_371ecfb2_L0_6d8ee_97700a91_L0_6d900_a8f1e997_L0_6d900_a8f1e997_L0_6d906_261b4d70_L0_6d922_71871f52_L

0_6d906_261b4d70_L0_6d90f_8fb60a74_L     0_6d912_371ecfb2_L0_6d8fa_296f8ea9_L0_6d934_da07a3de_L0_6d8fa_296f8ea9_L

0_6d8f7_d3f39916_L0_6d8fa_296f8ea9_L0_6d90f_8fb60a74_L0_6d90f_8fb60a74_L0_6d8fa_296f8ea9_L      0_6d931_7492ffc4_L0_6d922_71871f52_L0_6d934_da07a3de_L0_6d8fa_296f8ea9_L

0_6d8f7_d3f39916_L0_6d8fa_296f8ea9_L0_6d8f7_d3f39916_L0_6d906_261b4d70_L0_6d8f4_cfaf5ad8_L0_6d8ee_97700a91_L0_6d937_220d54e5_L0_6d922_71871f52_L  0_6d8ee_97700a91_L

0_6d912_371ecfb2_L0_6d8ee_97700a91_L0_6d931_7492ffc4_L0_6d906_261b4d70_L0_6d8ee_97700a91_L

0_6d90f_8fb60a74_L0_6d8ee_97700a91_L    0_6d931_7492ffc4_L0_6d922_71871f52_L0_6d934_da07a3de_L0_6d8ee_97700a91_L

0_6d925_4d8e1b56_L0_6d906_261b4d70_L0_6d93a_5b8e52e0_L      0_6d8f1_2c399bb2_L0_6d8fa_296f8ea9_L0_6d90f_8fb60a74_L0_6d90f_8fb60a74_L0_6d8ee_97700a91_L
0_6d8f7_d3f39916_L0_6d8fa_296f8ea9_L0_6d90f_8fb60a74_L0_6d90f_8fb60a74_L0_6d93a_5b8e52e0_L0_6d915_3554c614_L0_6d906_261b4d70_L0_6d93e_52f6189a_L0_6d8fa_296f8ea9_L0_6d931_7492ffc4_L0_6d934_da07a3de_L0_6d922_71871f52_L

http://igiornidellerose.it/main/wp-content/uploads/2017/03/rosa-meditativa-banner-640x600.jpg

(LA SAGGEZZA DELLA MADONNA)
Maria è la donna saggia e perfetta che piacque all’Altissimo. Che lo Spirito Santo in’ondò della Sua Grazia. Che Gesù riempi di Se’, ricolmò del Suo Amore e portò nella Gloria del Padre. Che tutte le generazioni hanno chiamata, chiamano e chiameranno beata perche’ Colui che è potente ha fatto in Lei grandi cose e Santo è
il Suo Nome.
“SR.TE.UR.”

                                                             

MARIA

QUELLA VERA

E’ LA MAMMA DI GESU’ CRISTO.

E PER QUESTO E’ DEGNA DI RICONOSCENZA E RISPETTO.

PER NOI CRISTIANI, DOPO

(DIO = GESU’ CRISTO)

MARIA E’ LA PERSONA PIU’ IMPORTANTE DELL’UUNIVERSO.

HA PARTECIPATO ATTIVAMENTE ALL’OPERA SALVIFICA DI CRISTO

PER PORTARE A COMPIMENTO IL PIAANO DI DIO.

“SR.TE.UR.”

                                                              

Maria e le apparizioni di Cristo risorto

I Vangeli riportano diverse apparizioni del Risorto, ma non l’incontro di Gesù con sua Madre. Questo silenzio non deve portare a concludere che dopo la Resurrezione Cristo non sia apparso a Maria; ci invita invece a ricercare i motivi di una tale scelta da parte degli evangelisti.

Il Vangelo non fa nessun accenno all’apparizione di Gesù risorto alla Madonna. Tuttavia è consenso unanime dei Santi Padri della Chiesa e comune opinione dei Teologi e dei fedeli che Gesù, appena risuscitato, sia apparso, prima che ad ogni altro, alla sua Santissima Madre. Sant’Ambrogio afferma che «Maria fu la prima nel vedere e la prima nel credere alla Risurrezione «di Cristo» (De Virg, 1, 3). «Maria – scrive San Bernardo – prima fra tutti, vide il Signore risuscitato » (Sermo de Resurr. Dom.). La stessa cosa testimoniano tanti altri Santi e Dottori della Chiesa.L’apparizione di Cristo risorto alla sua Santa Madre la possiamo provare soltanto con ragioni di convenienza. Era conveniente che Gesù manifestasse alla Madonna la gioia della sua risurrezione:

– per il grande amore che portava la Vergine a Gesù in qualità di Madre e di discepola fedele;

– per il tenerissimo e filiale affetto di Gesù verso di Lei;

– per un giusto compenso ai tanti dolori sofferti durante la Passione e Morte di Gesù;

– come premio della sua fede e costanza nel credere contro ogni dubbio alla risurrezione del Figlio.

Maria e le apparizioni di Cristo risorto

Papa Giovanni Paolo II,
Udienza Generale, Mercoledì 21 maggio 1997

  1. […] I Vangeli riportano diverse apparizioni del Risorto, ma non l’incontro di Gesù con sua Madre. Questo silenzio non deve portare a concludere che dopo la Resurrezione Cristo non sia apparso a Maria; ci invita invece a ricercare i motivi di una tale scelta da parte degli evangelisti.

Ipotizzando una “omissione”, essa potrebbe essere attribuita al fatto che quanto è necessario per la nostra conoscenza salvifica è affidato alla parola di “testimoni prescelti da Dio” (At 10,41), cioè agli Apostoli, i quali “con grande forza” hanno reso testimonianza della risurrezione del Signore Gesù (cfr At 4,33). Prima che a loro, il Risorto è apparso ad alcune donne fedeli a motivo della loro funzione ecclesiale: “Andate ad annunziare ai miei fratelli che vadano in Galilea e là mi vedranno” (Mt 28,10).

Se gli autori del Nuovo Testamento non parlano dell’incontro della Madre con il Figlio risorto, ciò è, forse, attribuibile al fatto che una simile testimonianza avrebbe potuto essere considerata, da parte di coloro che negavano la resurrezione del Signore, troppo interessata, e quindi non degna di fede.

  1. I Vangeli, inoltre, riferiscono un piccolo numero di apparizioni di Gesù risorto, e non certo il resoconto completo di quanto accadde nei quaranta giorni dopo la Pasqua. San Paolo ricorda un’apparizione “a più di cinquecento fratelli in una sola volta”(1 Cor 15,6). Come giustificare che un fatto noto a molti non sia riferito dagli Evangelisti, nonostante la sua eccezionalità? E’ segno evidente che altre apparizioni del Risorto, pur essendo nel novero dei fatti avvenuti e notori, non sono state riportate.

La Vergine, presente nella prima comunità dei discepoli (cfr At 1,14), come potrebbe essere stata esclusa dal numero di coloro che hanno incontrato il suo divin Figlio risuscitato dai morti?

  1. E’ anzi legittimo pensare che verosimilmente la Madre sia stata la prima persona a cui Gesù risorto è apparso. L’assenza di Maria dal gruppo delle donne che all’alba si reca al sepolcro (cfr Mc 16,1; Mt 28,1), non potrebbe forse costituire un indizio del fatto che Ella aveva già incontrato Gesù? Questa deduzione troverebbe conferma anche nel dato che le prime testimoni della resurrezione, per volere di Gesù, sono state le donne, le quali erano rimaste fedeli ai piedi della Croce, e quindi più salde nella fede.

Ad una di loro, Maria Maddalena, infatti, il Risorto affida il messaggio da trasmettere agli Apostoli (cfr Gv 20,17-18). Anche questo elemento consente forse di pensare a Gesù che si mostra prima a sua Madre, Colei che è rimasta la più fedele e nella prova ha conservato integra la fede.

Infine, il carattere unico e speciale della presenza della Vergine sul Calvario e la sua perfetta unione con il Figlio nella sofferenza della Croce, sembrano postulare una sua particolarissima partecipazione al mistero della risurrezione.

Un autore del secolo quinto, Sedulio, sostiene che Cristo si è mostrato nello splendore della vita risorta innanzitutto alla propria Madre. Infatti, Colei che nell’Annunciazione era stata la via del suo ingresso nel mondo era chiamata a diffondere la meravigliosa notizia della risurrezione, per farsi annunziatrice della sua gloriosa venuta. Inondata così dalla gloria del risorto, Ella anticipa lo “sfolgorio” della Chiesa (cfr Sedulio, Carmen Pascale, 5,357-364, CSEL 10, 140s).

  1. Essendo immagine e modello della Chiesa, che attende il Risorto e che nel gruppo dei discepoli lo incontra durante la apparizioni pasquali, sembra ragionevole pensare che Maria abbia avuto un contatto personale col Figlio risorto, per godere anche lei della pienezza della gioia pasquale.

Presente sul Calvario durante il Venerdì Santo (cfr Gv 19,25) e nel Cenacolo a Pentecoste (cfr At 1,14), la Vergine Santissima è probabilmente stata testimone privilegiata anche della risurrezione di Cristo, completando in tal modo la sua partecipazione a tutti i momenti essenziali del Mistero pasquale. Accogliendo Gesù risorto, Maria è inoltre segno ed anticipazione dell’umanità, che spera nel raggiungimento della sua piena realizzazione mediante la risurrezione dai morti.

Nel tempo pasquale la comunità cristiana, rivolgendosi alla Madre del Signore, la invita a gioire: “Regina Coeli, laetare. Alleluja!”, “Regina del cielo, rallegrati. Alleluja!”. Ricorda così la gioia di Maria per la risurrezione di Gesù, prolungando nel tempo il “rallegrati” rivoltole dall’Angelo nell’annunciazione, perché divenisse “causa di gioia” per l’intera umanità.

AVE O MARIA (IL SALUTO DELL’ANGELO)

                                


AVE O MARIA,
PIENA DI GRAZIA,
IL SIGNORE E’ CON TE.
TU SEI BENEDETTA
FRA LE DONNE
E BENEDETTO
E’ IL FRUTTO DEL
TUO SENO,
GESU’!

SANTA MARIA ,
MADRE DI DIO,
PREGA PER NOI, PECCATORI
ADESSO E NELL’ORA
DELLA NOSTRA MORTE,
AMEN!

                        

http://digiphotostatic.libero.it/mareblu.sg/med/7ed9f91a93_6014122_med.jpg

II DOMENICA DI PASQUA O DELLA DIVINA MISERICORDIA ANNO B

https://i.ytimg.com/vi/257g1x6Po7k/maxresdefault.jpg

Dagli Atti degli Apostoli. 1Gv 5,1-6
La moltitudine di coloro che erano diventati credenti aveva un cuore solo e un’anima sola e nessuno considerava sua proprietà quello che gli apparteneva, ma fra loro tutto era comune.
Con grande forza gli apostoli davano testimonianza della risurrezione del Signore Gesù e tutti godevano di grande favore.
Nessuno infatti tra loro era bisognoso, perché quanti possedevano campi o case li vendevano, portavano il ricavato di ciò che era stato venduto e lo deponevano ai piedi degli apostoli; poi veniva distribuito a ciascuno secondo il suo bisogno. Parola di Dio.

http://www.oasidiengaddi.it/wp-content/uploads/2015/02/divina-misericordia-card-oasi-banner.jpg

DOMENICA DI PASQUA – RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO B)

QUESTO È IL GIORNO CHE HA FATTO IL SIGNORE: RALLEGRIAMOCI ED ESULTIAMO.

https://parroquiadivinopastor.files.wordpress.com/2014/04/resucitado.jpg

La pietra scartata dai costruttori
è divenuta la pietra d’angolo.
Questo è stato fatto dal Signore:
una meraviglia ai nostri occhi.

«Raccontaci, Maria:
che hai visto sulla via?».

Sequenza
Alla vittima pasquale,
s’innalzi oggi il sacrificio di lode.
L’Agnello ha redento il suo gregge,
l’Innocente ha riconciliato
noi peccatori col Padre.
Morte e Vita si sono affrontate
in un prodigioso duello.
Il Signore della vita era morto;
ma ora, vivo, trionfa.
«Raccontaci, Maria:
che hai visto sulla via?».
«La tomba del Cristo vivente,
la gloria del Cristo risorto,
e gli angeli suoi testimoni,
il sudario e le sue vesti.
Cristo, mia speranza, è risorto:
precede i suoi in Galilea».
Sì, ne siamo certi:
Cristo è davvero risorto.
Tu, Re vittorioso,
abbi pietà di noi.

Risultati immagini per immagini religiose con frasi buona pasqua

https://pbs.twimg.com/media/Blpnz7NIMAAms1J.jpg

Dal Vangelo secondo Giovanni. (Gv 20,1-9)

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti. Parola del Signore.

https://noncerosasenzaspine.files.wordpress.com/2016/03/9cae3-pasqua1.jpg?w=870

 

http://www.nebrodi24.it/wp-content/uploads/2014/04/PAPA-FRANCESCO-PASQUA-2014-nebrodi24.jpg

http://forum.sanomabp.hu/forumkep/12/111049/433/12960584/4.jpg