Cara amica mia.

Superthumb

 

 

 

 

 

 
Sai bene che ho tenuto piccoli registri degli ultimi giorni, anche con una ricchezza anche un po ‘imbarazzante nei dettagli: non voglio dimenticare il momento in cui ho finalmente capito il punto della torta, ovvero la misura dello zucchero nel caffè, sai?

Registro coreografie entusiaste davanti allo specchio, karaoke in soggiorno, epifanie che farebbero un grande film o un’applicazione per cellulare, grandi idee che non potrei condividere e segreti da raccontare in seguito.

Registra su pagine di quaderno, orecchie da libro, taccuino di cellulare: ci sono giorni in cui mi sembra di essere colpito da epoche che non ho nemmeno vissuto, perché sento le ore con il peso esistenziale degli anni.

E la confusione mentale è evidente: cambio date, ingoio parole, dimentico l’ortografia corretta di termini semplici, metto tazze, mando e-mail alle persone sbagliate e mi ci vuole circa un’ora per rendermi conto che, sì, ho visto questo film, Ho già letto questo libro, ho già parlato di questo argomento questa settimana. Ho rotto il cellulare tre volte, semplicemente perché me lo sono lasciato scivolare tra le dita alle quattro del mattino. 3 volte.

Penso che sia importante registrare i miei piccoli incendi, le sconfitte e le vittorie quotidiane, sai? Queste delizie di un’esistenza del tutto normale e frivola, ma assolutamente degna di essere ricordata.

L’altro giorno ho scritto che, nonostante i rimpianti, la vita continua a succedere. E credo che l’intera cosa possa essere nei dettagli, giusto? Non posso lasciare andare niente. Si impareranno lezioni, si promuoveranno cambiamenti e, non so, chissà quando ricordo questi episodi e queste sensazioni posso aiutare a cambiare il mondo? Romanzi d’ispirazione? Chissà…

Ma, mio carissimo diario, devo confessartelo: alcuni dei miei ultimi giorni non sono nemmeno esistiti.

Mi sono persino alzato dal letto e ho fatto le cose, ma la verità è che non è successo. Non è successo niente. Nessuna notizia, opinione, messaggio o notizia. Alcuni giorni sono stati semplicemente vuoti, vuoti, senza importanza. E non dico poco importante come qualcuno che afferma che non c’è rilevanza nei dettagli di una vita come la mia. Dico con il dolore di sapere che, di tanto in tanto, non succedono nemmeno sciocchezze. La vita va così: perdendo le persone più care.

Ci sono giorni in cui niente sembra rendermi felice, caro diario .

Né nessuno, nessuna delle migliaia di opzioni di intrattenimento disponibili online , né musica. Niente. Questi giorni pesano molto sulle mie spalle e mi fanno sentire dolori alla parte bassa della schiena, davvero. Come ho detto, faccio anche delle cose, ma tutte le attività comportano una totale mancanza di scopo.

Comunque.

Ho scritto tutto questo per dire che oggi ero molto triste. Più del normale e ho passato la giornata a desiderare un giro che nessuno mi ha regalato.

Ed ecco il record: niente, assolutamente niente, in nessuna circostanza, in alcun modo, può essere più triste di non avere qualcuno da abbracciare dopo una brutta giornata. Almeno questo è quello che sento ora che non posso ricorrere ad esso.

Bene, è registrato, caro.

Prometto di sognare che domani sarà una giornata meno amara. E prova a credere.

Mi manchi gioia di Fiore,non riesco a spostarti nel Passato e credere nel Futuro.

Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr