La signora della foresta.

mm

Risultato immagini per fotografie immagini donne in bianco e nero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Erano bambini molto, molto poveri che alla vigilia del 6 gennaio

stavano camminando attraverso una montagna e, poiché era inverno, fu subito buio, ma i poveri piccoli continuarono a camminare. Poi hanno incontrato una signora che ha detto loro:

-Dove vai così tardi la sera, che fa freddo? Non ti rendi conto che morirai di freddo?

E i bambini hanno risposto:

-Aspettiamo i Re, per vedere se ci danno un bonus di Natale.

E la signora della foresta, che era molto bella, disse loro:

-E che bisogno avevi di allontanarti così tanto da casa tua? Per aspettare i Re devi solo mettere le scarpe sul balcone e poi sdraiarti tranquillamente sui tuoi letti.

A cui i bambini hanno risposto:

-È che non abbiamo le scarpe, e nella nostra casa non c’è il balcone, e non abbiamo un letto ma molta paglia … Inoltre, l’anno scorso abbiamo messo le nostre calze alla finestra, ma è chiaro che i re non li hanno visti perché non hanno lasciato nulla.

Così la signora della foresta si sedette su un tronco per terra e guardò i piccoli, che la fissavano intorpiditi senza sapere cosa fare; e lei ha chiesto loro se volevano portare una lettera a un palazzo ei bambini hanno detto che l’avrebbero presa; poi si infilò una mano in una sacca in vita e ne estrasse una grande busta sigillata contenente la lettera.

“Bene, questa è la lettera,” disse, e gliela diede.

Quindi spiegò loro come dovevano fare per trovare il palazzo e che il percorso era pericoloso perché avrebbero dovuto attraversare fiumi incantati e foreste piene di bestie.

-Passerai i fiumi stando in piedi sulla lettera e la stessa lettera ti porterà sull’altra sponda; e per attraversare le foreste, prendi tutti questi pezzi di carne che ti do e, quando incontri una bestia, gettane un pezzo sopra, che ti farà passare. E alla porta del palazzo troverai un serpente, ma non temere: getta questo panino che ti do e non ti farà nulla.

E i poveri piccoli presero la lettera, la carne e il pane e salutarono la signora della foresta.

Così continuarono per la loro strada e, poco dopo, arrivarono a un fiume di latte, poi a un fiume di miele, poi a un fiume di vino, poi a un fiume di olio e poi a un fiume di aceto. Tutti i fiumi erano molto larghi ed erano così piccoli che avevano paura di non poterli attraversare, ma fecero come lei diceva loro: gettarono la lettera nel fiume, ci salirono sopra e la lettera portava sempre loro all’altra sponda.

Quando finirono di attraversare i fiumi, iniziarono a trovare foreste e foreste, che erano più fitte e più scure, dove uscivano bestie che sembravano divorarle. A volte erano lupi, altre tigri, altri leoni, tutti pronti a divorarli, ma non appena lanciavano uno dei pezzi di carne che la signora della foresta aveva dato loro, le bestie li presero con la bocca e scomparvero nel profondità della foresta, lasciando che continuino per la loro strada.

Finché alla fine, quando fu notte, videro il palazzo in lontananza e corsero verso di esso. Ma davanti al palazzo c’era un enorme serpente nero che, appena li vide, si alzò sulla coda minacciando di mangiarli vivi con la sua immensa bocca; ma i bambini tirarono il panino e il serpente non fece loro nulla e li lasciò passare. I bambini entrarono nel palazzo e subito un servitore nero, vestito di rosso e verde, uscì a riceverli, con molte campane che suonavano mentre camminavano; poi i bambini gli porsero la lettera e il servo nero, vedendola, cominciò a sussultare di gioia e andò a portarla su un vassoio d’argento al suo padrone.

Il signore era un principe che rimase incantato in quel palazzo e non appena prese la lettera rimase disincantato; così ordinò al suo servo di portargli subito i bambini e disse:

-Sono un principe che è rimasto incantato e la tua lettera mi ha liberato dall’incanto, quindi vieni con me.

E li portò in una grande stanza dove c’erano formaggi di tutti i tipi, e fiocchi di latte e prosciutto in dolce, e migliaia di altri dolci, in modo che potessero mangiare quello che volevano. Poi li portò in un’altra stanza e in questa c’era un uovo filato, tuorli di cocco, gnocchi, torte di tanti tipi e migliaia di altre marmellate, così potevano mangiare quello che volevano. E poi li portò in un’altra stanza dove c’erano cavalli di cartone, fucili da caccia, sciabole, cerchi, bambole, tamburi e migliaia di altri giocattoli, perché potessero prendere quello che volevano. E dopo tutto questo, baciandoli e abbracciandoli, disse:

-Vedi questo palazzo e questi giardini e queste carrozze con i loro cavalli? Bene, tutto è per te perché questo è il tuo bonus di Natale. E ora andremo in una di queste macchine per trovare i tuoi genitori, così potranno venire a vivere con noi.

I servi si attaccarono a un’auto di lusso e il principe andò con i bambini a trovare i loro genitori. E tutto il percorso era già una strada molto ampia e molto ben tenuta ei fiumi, le foreste e le bestie erano scomparsi. E poi sono tornati tutti molto felici a palazzo e hanno vissuto molto felici.

La signora della foresta.ultima modifica: 2021-02-22T10:28:45+01:00da OPIUMPASSIONE
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr