Euro ancora debole, sotto quota 1.17 contro l’USD

Torna a riaffacciarsi con prepotenza la debolezza dell’euro, che ha chiuso la settimana di contrattazioni al di sotto di quota 1,17. La valuta unica si è così riportata sui minimi dallo scorso novembre. La coppia con il dollaro viene scambiata a fine settimana sul livello 1.166, spinta al ribasso soprattutto dalle questioni relative all’Italia e alla Spagna e l’andamento dei rispettivi bond. Peraltro ribassi forti non ci sono stati soltanto contro il dollaro, ma anche contro il franco svizzero (a quota 1,1555) e pure contro la sterlina (a 0,8754).

I fattori che frenano l’euro

euroSul fronte italiano pesano molto le preoccupazioni riguardo al Governo M5S-Lega, sia sotto l’aspetto economico che dei rapporti con la UE. Anche le vicende politiche della Spagna creano imbarazzi, vista la mozione dei socialisti contro il governo Rajoy che hanno fatto scattare il timore di elezioni anticipate.

Analisi tecnica

A livello tecnico, la coppia EUR/USD è in un trend ribassista al momento confermato, con test sul supporto a quota 1.1721 che pare essere sul punto di essere violato. Siamo sul ritracciamento 38.2 del Fibonacci tracciato dal 3 gennaio 2016 al 25 gennaio 2018 (qui trovi come funziona strategia fibonacci forex trading). La coppia EUR / USD inoltre è scambia al di sotto della media mobile semplice di 50 periodi sul grafico settimanale, suggerendo che la precedente tendenza al rialzo ha perso slancio.

Gli indicatori RSI, Stochastics e MACD sono tutti configurati in modo da suggerire un’estensione della tendenza bearish. Il livello di 1,1450 inoltre può essere il prossimo supporto, al livello di ritracciamento del 50% di Fibonacci dalla tendenza bullish tra gennaio 2017-febbraio 2018.

Sui migliori siti Forex gratis i calendari economici evidenziano una cosa interessante per settimana prossima. Nella zona euro infatti verrà reso noto il dato sull’inflazione (in agenda il 31 maggio).

Euro ancora debole, sotto quota 1.17 contro l’USDultima modifica: 2018-05-26T15:44:48+02:00da nonsparei

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.