Economia cinese in frenata, mai così male da 28 anni

La nuova settimana dei mercati finanziari si apre con altre notizie poco incoraggianti in arrivo dall’oriente. L’economia cinese continua a frenare, e questo spaventa i mercati.

Il PIL dell’economia cinese

economia cineseI dati sul PIL dell’ultimo trimestre del 2018 evidenziano una crescita del 6,4%, in calo rispetto al 6,5% del trimestre precedente. Se confrontiamo però il dato del 2017 (6,8%) con quello del 2018 (6,6%), il calo è dello 0,2%. E’ vero però che l’obiettivo fissato dai pianificatori di Pechino – che era intorno al 6,5% – è stato comunque superato a livello annuale, tuttavia il 6,6% risulta comunque il dato peggiore da ben 28 anni (ovvero da dopo l’anno del Tienanmen). Il consumo è rimasto il driver di crescita dominante, contribuendo per il 76,2% alla crescita del PIL del 2018, 18,6 punti percentuali in più rispetto al 2017.

Sulla frenata dell’economia cinese pesano soprattutto la guerra commerciale con gli USA e la riconversione economica dell’intero sistema, che prima si reggeva troppo sull’indebitamento. I mercati sono focalizzati sulla missione a Washington del vicepremier Liu He (30 e 31 gennaio) per negoziare il dossier commerciale. Dall’altra parte il Governo di Pechino – che aumenterà gli stimoli all’economia cinese – ha già detto che nel 2019 non consentirà un calo significativo del Pil, ma solo un’oscillazione ragionevole.

Suggerimento: ampliare il ventaglio delle proprie tecniche di trading è importante. Qui trovate la strategia bande di Bollinger e MACD forex.

Conseguenze sul mercato valutario

Gli effetti sul mercato valutario si sono visti. Il rallentamento dell’economia cinese ha spinto il dollaro, che viene “portato” anche dai consigli trading in tempo reale gratis. L’index infatti resta sui massimi delle ultime due settimane, grazie a un clima di fondo meno propenso al rischio di fronte agli ultimi dati macro dalla Cina. La coppia USD-CNH vede in lieve deprezzamento lo yuan, visto che adesso si attesta a 6.8051. Ricordiamo che da dicembre i tassi di cambio dello Yuan sono andati in miglioramento, sulla scia delle speranze di un accordo commerciale e di misure di sostegno aggressive che contribuiscono a migliorare l’economia cinese.

Economia cinese in frenata, mai così male da 28 anniultima modifica: 2019-01-21T16:58:38+01:00da nonsparei

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.