Industria alimentare, ecco i cambiamenti che resteranno anche dopo la pandemia

Tutti i settori industriali hanno dovuto fare i conti con la tempesta Covid, che ha provocato non solo gravi problemi economici, ma pure costretto a cambiamenti strategici. Ad eccezione dell’assistenza sanitaria, non c’è stato un settore più in grado di rispondere a queste nuove sfide come l’industria alimentare. Perché malgrado il lockdown, comunque ha dovuto portare il cibo in tavola a miliardi di persone in tutto il mondo.

Il cambiamento dell’industria alimentare

Le sfide affrontate durante la pandemia non produrranno effetti temporanei. Anzi, l’industria alimentare ha già cambiato volto e rimarrà probabilmente così com’è adesso per molto tempo. Del resto è stata in prima linea durante la fase acuta dell’emergenza.
Dalla battaglia è scaturita così una “nuova normalità” per soddisfare le aspettative dei consumatori.

Il primo aspetto chiave di questo cambiamento dell’industria alimentare sta nel “look&feel” dei supermercati. A prescindere dalle loro dimensioni, hanno dovuto rivedere gli spazi cerando di ampliare i corridoi (dove possibile). Necessariamente s’è dovuta prestare più attenzione alla pulizia di zona ricreative come bar e servizi igienici per i clienti. Inoltre è aumentato il numero di articoli freschi preconfezionati in vendita, così da ridurre la possibilità di contagio per via di frutta e verdura sfusa.

I sistemi di pagamento e i canali online

Dal punto di vista economico, il grande cambiamento è la forte crescita dell’uso di pagamenti contactless e con carta di credito.
E poi c’è l’aspetto psicologico, altre passo importante per l’industria alimentare. La paura di essere contagiati da parte del COVID-19, ha accelerato (di 6 volte, secondo Forbes) il percorso di crescita dell’e-commerce e degli approcci ibridi (come pago online e ritiro in negozio o nei punti di ritiro dedicati).

Forse ti può interessare: commercio elettronico, crescita boom durante il Covid.

Probabilmente questo è il vero cambiamento più radicato, ovvero destinato a rimanere intatto anche dopo l’emergenza. Ma al tempo stesso richiederà degli adeguamenti all’industria alimentare, che dovrà mettere al centro della propria offerta una esperienza omnichannel al cliente, ma anche disporre di soluzioni tecnologiche agili che forniscano ai team di gestione di magazzino, DC, supply chain e trasporti la flessibilità e la scalabilità per innovare.

Industria alimentare, ecco i cambiamenti che resteranno anche dopo la pandemiaultima modifica: 2020-09-15T09:11:23+02:00da nonsparei

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.