Enzo Iacchetti: «Con Maddalena Corvaglia un amore folle, poi ero diventato suo padre»

«Con Maddalena Corvaglia è stato un amore folle, poi dopo alcuni anni mi accorsi che la sgridavo per cose stupide. Ero diventato suo padre». Così Enzo Iacchetti, popolare conduttore televisivo e volto storico di Striscia la Notizia, ricorda a distanza di anni la relazione avuta con l’ex velina bionda, conosciuta proprio negli studi Mediaset.

2515144_1543_maddalena_corvaglia_enzo_iacchettti

Intervistato dal Corriere della Sera, Enzo Iacchetti ha parlato così di Maddalena Corvaglia: «Avevo 50 anni, lei 21, all’inizio il rapporto andava bene, ma poi lei mi chiedeva: “Andiamo in discoteca?”, io le rispondevo: “Ci ho passato la vita, ma a suonare, vai da sola”. Le prime notti dormivo, poi arrivava il sabato sera e mi angosciavo. “Perché non rientra?”,- mi chiedevo sveglio a letto. Erano le sei e lei rincasava felice, aveva appena mangiato la brioche».

Pur ammettendo un minimo di gelosia, Enzo Iacchetti resta convinto che Maddalena Corvaglia gli sia rimasta sempre fedele: «Aveva già la testa di una donna, studiava filosofia, con lei potevi fare discorsi di qualsiasi genere. Dopo di lei, altre aspiranti veline hanno tentato di corteggiarmi, forse anche per fare carriera, ma ho sempre rifiutato». Oggi, a 66 anni, Enzo Iacchetti è single ed ha confessato di non avere una relazione da molto tempo: «Adesso che sto invecchiando cerco un rapporto dell’anima, la parte sessuale di me si è trasferita nella testa: spero di riuscire ancora a far l’amore, ma penso che accadrà solo se troverò questo tipo di rapporto».

Enzo Iacchetti, in questo periodo, è a teatro con lo spettacolo Libera Nos Domine, ma parlando della coppia televisiva composta dall’amico Ezio Greggio e da Michelle Hunziker, ha spiegato: «Penso che lei sia un’artista con una certa delicatezza, capace di gestire bene il suo personaggio e la sua simpatia. In comune abbiamo la passione per il musical, ma lei è molto più social».

Enzo Iacchetti: «Con Maddalena Corvaglia un amore folle, poi ero diventato suo padre»ultima modifica: 2019-01-22T23:47:24+01:00da cristina_a2016

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.