DanyLove

Ho creato questo blog dopo che mi sono laureato per dar la possibilità a tutti, chi vuole, di potermi inviare del materiale, e di pubblicarlo nel blog, esaltando i problemi della gioventù e non solo. Ho creato diversi tag su cui potete scrivere e pubblicare il vostro pensiero.L'indirizzo email è danygiorgio@virgilio.it

 

STAI GUARDANDO IL MIO BLOG?LASCIA UN COMMENTO

immagine
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

 

Post N° 128

Post n°128 pubblicato il 14 Gennaio 2007 da doctodany

C'era una volta la meritocrazia
Per il triennio 2007-2009 la Melandri contribuirà a dare un colpo di spugna a uno dei principi base della P.A., la meritocrazia!

 La Finanziaria prevede che
le pubbliche amministrazioni che procedono all’assunzione di personale
a tempo determinato, nel bandire le prove selettive riservino una quota
del 60% ai soggetti con i quali hanno stipulato uno o più contratti di
collaborazione coordinata e continuativa per la durata complessiva di
almeno un anno.

Traduzione: La Melandri ha fatto in modo che se due cugine
Genoveffa e Anastasia, una già veterana del precariato e l’altra
giovanissima e alla sua prima esperienza, si presentano ad una
selezione (concorso!) per un contratto a tempo determinato, noi
preventivamente possiamo stabilire chi di loro otterrà il posto: 6
volte su 10 la nostra Genoveffa. E passando in rassegna un altro
settore?, le cose cambiano? Giudicate un po’ voi, considerando che gli
enti pubblici di ricerca adotteranno tra i criteri per le assunzioni la
“valutazione dei pregressi rapporti di lavoro”!!!

Perché?? Perché ora i vecchi principi di capacità e competenza valgono
ben poco rispetto agli obiettivi della Ministra, che sono: dare la
possibilità a Genoveffa di continuare il suo cursus honorum nel
precariato in modo da raggiungere (forse in età pensionabile!) un posto
fisso e rendere doppiamente faticosa la vita di Anastasia, che si
ritrova a non avere esperienze e avere ben poche possibilità di farle.

Dunque, la nuova politica sarà: preferire Precario già collaudato per nuovo lavoro…Precario!

 
 
 

Post N° 130

Post n°130 pubblicato il 14 Gennaio 2007 da doctodany

Finanziaria: Meloni, da Melandri paradisi artificiali e suggestioni
immagine"Nessun paradiso fiscale: la finanziaria 2007 per i giovani è un concentrato di suggestioni e di proposte disorganiche". Il ministro Melandri ha pensato bene di rappresentare i suoi e non rispondono alle reali esigenze die giovani. Tra le principali suggestioni, però, quella sulla creatività giovanile vince l'oscar per inconsistenza e offende tutti quei ragazzi costretti a svolgere lavori precari ben poco creativi come i call center, i fast food e quelli stagionali. Ci sono poi una serrie di provvedimenti accennati come quello cruciale dell'accesso al credito, soltanto elencato e non approfondito e il caro affitti per i fuori sede in cui si parla di detrazione del 19% delle spese sulla base di un contatto che in Italia è stato sottoscritto da circa 15 famiglie... provvedimenti accompagnati da registi e proiettori come se si trattasse di un film non è un caso, perchè gli articoli presentati sono da cinema

 
 
 

Post N° 133

Post n°133 pubblicato il 14 Gennaio 2007 da doctodany

Le priorità del governo.
I nostri 007 sono riusciti con manovra lesta e astuta a decodificare le 265 pagine del programma dell'Unione.
immagine
1) Radere al suolo Mediaset e usare il terreno per la coltivazione delle patate

2)
Tutti i dipendenti e giornalisti Mediaset aderenti a Forza Italia
verrannno messi a zappare la terra per sedici ore al giorno a divinis

3)
Creazione di un'enorme discarica di rifiuti che raccolga tutti quelli
della Lombardia ad Arcore, davanti alla villa di Berlusconi

4) Sciopero generale una volta alla settimana pagato da Confindustria

5)
Creazione del respirometro che verrà appliccato al petto e sulla bocca
di ogni cittadino che ogni fine settimana pagherà la tassa
sull'ossigeno consumato (detrazioni previste per i muti).

6)
Libertà totale a tutti gli Africani e Asiatici ed est europei (ma non
Albanesi che ci stanno antipatici) di trasferirsi in Italia.

7) Ogni 3 Italiani che hanno casa dovranno ospitare (gratuitamente) un cittadino extracomunitario

8) Le case popolare verranno assegnate alle coppie gay e agli extracomunitari. Per gli altri nisba!

9) Tassa sul lusso per tutti i sottomarini di proprietà privata.

10) Cambiamento dell'Inno Nazonale: dall'inno di Mameli si passerà a Bandiera Rossa.

11)Riforma elettorale. Per risparmiare sulle spese pubbliche non ci saranno più elezioni che costano troppo.

12) Parità assoluta tra uomo e uomo al motto di "tutti uguali nella miseria".

13) Imporre a Casini di cambiare nome in CasaChiusa.

14) Messa fuorilegge di tutte le opposizioni ed esproprio delle loro sedi che verranno trasformate di pista da ballo (popolare)

15)
A Natale la canzone tradizionale Bianco Natale diventerà "Rosso Natale"
e le prime parole del testo saranno così modificate "Sogno d'un rosso
natale, dove sventola la bandiera rossa con falce e martello, che
bello, che bello..."

16) Sancita la parità assoluta di diritti tra uomo, donna e canarini domestici.

17) Nazionalizzazione delle aziende di telefonini

18) Tasse ed eventuali

19) Accordo di esclusiva con la Colombia per l'importazione di droga.

20) Treni sanitari per la Svizzera e utilizzazione degli ospedali pubblici in carceri di minima sicurezza.

21) Mastella potrà ricoprire due dicasteri contemporaneamente.

22) Abolizione di tutti i meridionali mediante campi di rieducazione in cui saranno convinti di essere nati a Cuneo.

23)Cuneo diventerà porto franco per un errore interpretativo sul concetto di cuneo fiscale.

24) Le poesie di Sandro Bondi saranno messe al bando.

25)
Creazione del ministero della verità assoluta ed insindacabile con a
capo il disobbediente Francesco Caruso. Delega a Rutelli per l'aria
fritta e quella condizionata.

26) Investimenti sul mercato delle bic di colore blue.

27) Culto della personalità e stalinismo a gogò.

28) Manifestazioni contro il governo organizzate da rappresentanti del governo.

29) Verrà imposta un'ora di felicità obbligatoria previo utilizzo di gas esilarante.

30) La Mortadella sarà riconosciuta come alimento nazionale e non farà più venire il colesterolo.

 
 
 

Post N° 134

Post n°134 pubblicato il 14 Gennaio 2007 da doctodany

immagine

 
 
 

Post N° 136

Post n°136 pubblicato il 15 Gennaio 2007 da doctodany

immagine

 
 
 

Post N° 137

Post n°137 pubblicato il 16 Gennaio 2007 da doctodany

Bambini fantasmaI bambini scompaiono. Svaniscono come fantasmi. E
talvolta non ritornano.Nell'anno 2006, fino al 7 dicembre, 1.687 minori
(MILLESEICENTOTTANTASETTEMINORI) “risultano ancora da cercare
in Italia secondo la Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di
Stato. 385 (TRECENTOTTANTACINQUE) sono tra gli 0 e i 10 anni di età, di
cui 107 italiani (lo scorso anno 52) e 278 stranieri. E’ un fenomeno
(un business?) in continua crescita dal 2004. E manca ancora il periodo
natalizio. Al posto di Babbo Natale ci sarà l’Orco di Natale. Invece di
portarti un triciclo ti asporta un rene.
Leggo le statistiche e le lettere di denuncia che ricevo e non capisco.
I bambini sono sacri. E allora perchè i media ne parlano solo in alcuni
casi? La politica non si mobilita? Quando vedete un bambino solo che
chiede la carità non voltatevi. Chiamate la polizia,
i carabinieri, i vigili urbani. Questi numeri spaventano, anche se:
“circa l’80% dei bambini che ‘scompaiono’ rientrano nella categoria
degli allontanamenti volontari o delle sottrazioni operate dai genitori
stessi”.
Non riesco crederci. Datemi un aiuto. I dati vanno forse interpretati? La prima reazione è di rifiuto.
L’Italia non è tutta uguale
.
Nel 2006 i bambini perduti sono di più in Lazio (454), in Lombardia
(205) e in Veneto (194). Uno in Molise, nessuno in Valle d’Aosta. Il
ministro dell’Interno Giuliano Amato deve occuparsi di questo problema, certo già lo fa. Un messaggio da parte nostra con un'email gli servirà da stimolo. Una sua risposta al blog forse non ci tranquillizzerà, ma sarà un segnale importante.

 
 
 

Post N° 138

Post n°138 pubblicato il 16 Gennaio 2007 da doctodany

Una finanziaria che punisce i giovani ricercatori

“Sono
incredibili la leggerezza e la superficialità con cui il ministro Mussi
ed altri esponenti del governo hanno accolto nei giorni scorsi una
finanziaria che è senz’altro la peggiore in materia di università e di
ricerca da molti anni a questa parte. Oltre al mancato recupero dei pesanti tagli contenuti nella Bersani e all’assenza di risorse adeguate per i bisogni nel frattempo maturati, si
penalizza l’assunzione dei giovani ricercatori con la norma che prevede
il vincolo di una sola assunzione per ogni pensionamento. E’ stato poi
eliminato il 5 per mille destinato alla ricerca.

Si tagliano inoltre gli stipendi di ricercatori e docenti con un atto
che appare persino costituzionalmente illegittimo e infine si penalizzano gravemente i finanziamenti per l’edilizia universitaria. Qualora non ci fosse una decisa e netta inversione di rotta in finanziaria che consenta di recuperare le risorse mancanti il ministro Mussi avrebbe una sola conseguenza da trarre: le dimissioni“.

 
 
 

Post N° 139

Post n°139 pubblicato il 17 Gennaio 2007 da doctodany

«Vi
sono momenti,
nella Vita, in cui
tacere
diventa una colpa
e parlare
diventa
un obbligo.
Un dovere civile,
una sfida morale,
un imperativo
categorico
al quale
non ci si può
sottrarre»

 
 
 

ad ognuno il suo

Post n°140 pubblicato il 17 Gennaio 2007 da doctodany

immagine

 
 
 

Post N° 141

Post n°141 pubblicato il 17 Gennaio 2007 da doctodany

Ballerina fascista: sei la prima della lista!
La prima ballerina dell’English National Ballet rischia il posto perche’ tesserata col BNP

immagineLa leggiadra Simone Clarke, prima ballerina dell’English National Ballet rischia
di essere espulsa dal prestigioso corpo di ballo britannico da quando
si e’ saputo che la giovane stella della danza e’ tesserata col British
National Party,
piccolo e agguerrito partito "neofascista" del Regno Unito.

La
"sensibile" informazione, relativa all’orientamento politico
dell’artista, e’ stato reso noto da un reporter investigativo del noto
quotidiano "The Guardian" , il quale si era infiltrato nel BNP per
compiere un’inchiesta sul tanto chiacchierato partito "xenofobo".

La
Clarke , madre di una bambina di 4 anni avuta dal suo compagno di vita
e di lavoro Yat Sen-Chang (cubano con sangue cinese nelle vene), non si
e’ scomposta, ed ha affrontato l’opinione pubblica e alcuni suoi
colleghi di lavoro (immigrati). "Il BNP e’ il solo partito a lottare contro l’immigrazione senza freni." ha affermato la leggadra Simone.

 
 
 

Post N° 142

Post n°142 pubblicato il 17 Gennaio 2007 da doctodany

10 100 1000 imbecilli!
 

Gli
ultimi fatti di politica successi nel nostro paese hanno lasciato molta
amarezza in me e mi hanno fatto vergognare ... nn di essere Italiana,
quanto di avere dei connazionali tanto barbari.


Ieri
si sono svolti a Milano e Roma dei cortei per…contro…non s’è capito
bene cosa o chi. Di certo si può affermare che queste due
manifestazioni più che altro saranno ricordate per i mottetti e le
immagini che le hanno accompagnate!

Al
grido di 10...100...1000 Nassiriya... sono stati bruciati fantocci
travestiti da soldati americani, israeliani e soprattutto Italiani!

Questo è davvero troppo!E’ infangare la memoria di ragazzi che sono morti.
Indipendentemente
dal fatto che si sia o meno d’accordo con l’intervento di pace italiano
in Iraq, indipendentemente dal fatto che qst militari siano là per amor
di Patria e di giustizia o per riuscire a guadagnare + soldi... sono
nostri connazionali che sono morti!


Che sono stati ammazzati!

Potremmo
dire che erano lì nn per offendere ma per garantire un minimo
di stabilità per un paese che nn conosce minimamente il senso di tale
parola, in cui vige la regola del + forte e non la democrazia per ovvie
e note ragioni storico-culturali e anzi risulta una violenza imporre
qualcosa che non gli appartiene come idea!

Ma
tralasciando tutte le ragioni idealistiche erano nostri connazionali e
sono morti nell’esercizio del loro lavoro ... ma rimando ogni giudizio
su esecutori materiali e mandanti che strisciano ai piedi americani e
poi viscidi come non mai non solo non condannano ma addirittura sfilano
tra le fila del corteo!

Sono loro che hanno sulla coscienza i “nostri” ragazzi!


Prima li hanno mandati a morire e poi ne infangano la memoria!


Ma che
persone sono quelle che possono gioire di tutto questo? Che urlano il
loro veleno proprio davanti all’altare della Patria che ha visto le
bare di quei poveretti ancor + nel mio, nel nostro cuore “eroi
nazionali”!

È
troppo facile così ... lasciate in pace i morti ... che avrebbero
potuto essere i vostri figli o i vostri amici e pensate al presente se
qualche idea avete nella vostra mente distorta e confusa.

 
 
 

Post N° 143

Post n°143 pubblicato il 18 Gennaio 2007 da doctodany

SULLA PANCHINA



Ale: Salve disturbo?

Franz: Guardi se toglie il punto di domanda la frase è giusta!

Ale: Ascolta la musica?(vedendolo con gli auricolari)

Franz:
No ascolto le pause tra un pezzo e l'altro e pensi che giusto l'altro
giorno ho comprato un cd vuoto e l'ho ascoltato tutto!

Ale:
Lei fa sport?

Franz:
Si vado in piscina!

Ale:
A nuotare?

Franz: No a pescare!Giusto l'altro giorno ho pescato due che nuotavano a rana
però non sono riuscito a pescare quello che nuotava a dorso perchè pesava 80
chili!

Ale: E si certo... ma come esagerate voi pescatori!

Franz: e ha proprio ragione ineffetti pesava 60!

Ale: a ora si!

 
 
 

Post N° 144

Post n°144 pubblicato il 18 Gennaio 2007 da doctodany

immagineTrilussa pensava a Prodi?


L’elezzione der Presidente
Un giorno tutti quanti l’animali
sottomessi ar lavoro
decisero d’elegge un Presidente
che je guardasse l’interessi loro.
C’era la Società de li Majali,
la Società der Toro,
er Circolo der Basto e de la Soma,
la Lega indipendente
fra li Somari residenti a Roma;
e poi la Fratellanza
de li Gatti soriani, de li Cani,
de li Cavalli senza vetturini,
la Lega fra le Vacche, Bovi e affini…
Tutti pijorno parte all’adunanza.
Un Somarello, che pe’ l’ambizzione
de fasse elegge s’era messo addosso
la pelle d’un leone,
disse: - Bestie elettore, io so’ commosso:
la civirtà, la libbertà, er progresso…
ecco er vero programma che ciò io,
ch’è l’istesso der popolo! Per cui
voterete compatti er nome mio. -
Defatti venne eletto proprio lui.
Er Somaro, contento, fece un rajo,
e allora solo er popolo bestione
s’accorse de lo sbajo
d’avé pijato un ciuccio p’un leone!
- Miffarolo! - Imbrojone! - Buvattaro!
- Ho pijato possesso:
- disse allora er Somaro - e nu’ la pianto
nemmanco se morite d’accidente.
Peggio pe’ voi che me ciavete messo!
Silenzio! e rispettate er Presidente!


Trilussa

 
 
 

Critical Mass

Post n°145 pubblicato il 19 Gennaio 2007 da doctodany



C’è un movimento che va aiutato a crescere.
Si chiama Critical Mass.
E’nato a San Francisco nel 1992. Poi si è diffuso in tutto il mondo. E'
partito anche in Italia. Dove le città più belle del mondo sono ridotte
a parcheggi di Suv e a depositi di polveri sottili. Con edifici di un
bel colore nero piombo. Critical Mass è semplice: i ciclisti si danno
appuntamento tutte le settimane nelle città italiane per riprendersele
bloccando il traffico. A Milano Critical Mass si riunisce ogni giovedì alle ore 22 in piazza dei Mercanti, a due passi del Duomo. L'altra sera Piero Ricca ha partecipato al loro appuntamento.
“C'erano
persone di tutte le età. Molte sono diventate amiche grazie alla comune
passione per la bici. C'era un'allegria contagiosa, la voglia di stare
insieme in modo semplice. Rarità nella Milano di oggi. Chi non è
schiavo delle scatolette di lamiera sta meglio mentalmente. Ho
intervistato alcune di queste persone. Poi uno di loro mi ha ospitato
su una sorta di piccolo Suv a pedali. E abbiamo fatto un giro di un paio d'ore per la città.
I vigili, molto discretamente, ci scortavano. Alcuni volantinavano
contro l'inciviltà a quattro ruote. Altri diffondevano musica da
impianti stereo incassati sulla canna della bici. Alla fine c'è stato
anche un picnic in piazza, con brindisi e scambi di indirizzi mail:
molto più divertente che un happy hour in un locale alla moda. Non
poteva mancare il confronto con il titolare di un Suv a motore tutto
nero. Visibilmente sovreccitato è sceso dal trabiccolo, furente per
questioni di precedenza. S'è scagliato contro uno del gruppo, poi ha
capito che non si sarebbe messa bene e si è ritirato nella sua
astronave a inveire. Ma non era colpa sua. La pubblicità indottrina gli
automobilisti. Le pubbliche amministrazioni PM10 li amano. Ma sono il passato. Le nostre città vanno restituite alle persone”.
La presa per il culo, scritto per esteso, delle piste ciclabili
che non ci sono o si interrompono improvvisamente o sono okkupate da un
catorcio. La presa per il culo, scritto per esteso, dei semaforini con
le biciclettine verdi e rosse e le code di macchine, i marciapiedi di
macchine, gli scivoli per disabili di macchine. La maggior parte delle
città italiane è fatta a misura di bicicletta. Non sono Los Angeles.
Sono Firenze, Verona, Parma. Diamo la precedenza ai ciclisti e non ai
petrolieri e ai costruttori d’auto. Invadiamo le città con le bici con
Critical Mass nelle città. Oggi a Milano, domani in tutta Italia. Dipendenti sindaci, in bici in ufficio vi vogliamo vedere in bici. Per dare il buon esempio.

 
 
 

Post N° 146

Post n°146 pubblicato il 22 Gennaio 2007 da doctodany

Assassianti sul lavoro

In Italia ormai il lavoro è peggio dell'Aids. La disoccupazione è un problema, ma in compenso ci tutela da una morte precoce. Un operaio delle Ferrovie dello Stato
è stato travolto da un treno in corsa. Mentre utilizzava un martello
pneumatico. E non poteva sentire nulla. Chi l’ha mandato a morire su
quel binario?
Il termine caduti sul lavoro è una
vergogna. Il lavoro non uccide. Sono gli assassini a uccidere. Con nome
e cognome. Per incuria, per avidità. Cambiamo le parole. D’ora in poi
diciamo assassinati sul lavoro.
Ps: Elio Catania, l'ex presidente delle Ferrovie dello Stato accompagnato alla porta per i suoi risultati. Con  7.000.000 di euro di buonuscita. E’ tornato in pista come consigliere del lavoro di Banca Intesa – San Paolo. Auguri a tutti i suoi correntisti. Ottima scelta Passera. Ottima scelta.


INFORTUNI SUL LAVORO: COSTITUITO COMITATO VERITA’ SULLA MORTE DEL FERROVIERE MASSIMO ROMANO.
Roma, 19 gennaio 2007 ¬ “Vogliamo capire com’è stato possibile che
Massimo si trovasse da solo a lavorare su un binario aperto al traffico
con un martello pneumatico che copriva il rumore dei treni in arrivo”.
Sulla
base di questo interrogativo si è costituito stamattina durante una
tesa assemblea di ferrovieri, il Comitato per la Verità sulla morte del
ferroviere Massimo Romano, composto da lavoratori e delegati RSU ed RLS
di tutte le sigle sindacali, per fare luce sulle cause dell’infortunio
mortale avvenuto il 15 novembre scorso nei pressi della stazione di
Monterotondo, sulla linea Roma-Orte. Massimo Romano, operaio di RFI,
42 anni, venne investito da un treno in transito mentre era impegnato
con un martello demolitore sui binari, attrezzo che però è stato
ritrovato e sequestrato dalla polizia molto lontano dal luogo
dell’incidente. Nei primi giorni era stata divulgata, infatti la
notizia di una sua indebita presenza su quel binario, elemento, tra l’
altro su cui si stanno basando le indagini della magistratura. “Non
vogliamo che una cortina di omertà alimentata
dall’azienda offuschi la coscienza degli stessi lavoratori ¬ dice
Domenico Testa, delegato RLS del sindacato Orsa e tra i promotori
dell’iniziativa - e che sia infangata la sua memoria considerandolo
responsabile della tragedia”. “Era un lavoratore maturo ed esperto
¬ prosegue Stefano Pennacchietti, delegato FILT-CGIL e non è affatto
credibile che egli sia andato di sua iniziativa a svolgere quel lavoro.
Il nostro scopo - prosegue - è quello di evitare che questa tragedia
cada nell’oblio e di sostenere la battaglia per la sicurezza. Gli
infortuni sono in aumento anche nelle FS che dovrebbero invece
rappresentare un modello positivo ed avanzato di organizzazione del
lavoro anche e forse soprattutto in termini di sicurezza”.

 
 
 

Post N° 147

Post n°147 pubblicato il 22 Gennaio 2007 da doctodany

Cercasi vecchi lavoratori magnanimi!
Hai meno di 25 anni o sei laureato e hai meno di 29anni? Vuoi lavorare ma le possibilità sono poche? Non preoccuparti la Melandri ha pensato anche a te…

168 Milioni di Euro
per il famoso “Accordo di Solidarietà tra generazioni” e il lavoro è servito!

L’unico problema??? Perché posti “nuovi” al momento mancano, c’è bisogno che qualcuno condivida il suo lavoro con te, più precisamente:

- dovrai cercare un dipendente con più di 55 anni disposto, PER TE, a
trasformare a tempo parziale il suo contratto a tempo indeterminato
iper-garantito, così da tornare, ONLY FOR YOU, a lavorare part-time e
giustamente (?!) a guadagnare meno.

Insomma, la Ministra come una Robin Hood d’altri tempi, che sottrae ore di lavoro ai “vecchi” per donarle ai giovani…

IMPOSSIBILE? Eppure Lei ci crede!!!

 
 
 

Post N° 148

Post n°148 pubblicato il 22 Gennaio 2007 da doctodany

La Finanziaria della MelandriNel dossier della Melandri che dipinge la Finanziaria come l’albero della cuccagna per i giovani, ci sono le linee guida di questo fantomatico “Piano (quinquennale?)
Nazionale Govani”. Non ne parliamo perchè trattasi solo di buone
intenzioni che però già tradiscono un intento assistenzialista, tacendo
clamorosamente su ciò di cui hanno davvero bisogno i giovani italiani: opportunità.


Parliamo di cose concrete, contenute in Finanziaria: diamo uno sguardo ai soldi veri destinati ai giovani.Articolo 1, comma 236: esenzione
dal pagamento delle tasse automobilistiche per cinque annualità in caso
di acquisto di un motociclo nuovo di categoria “Euro 3”, con
contestuale sostituzione di un motociclo appartenente alla categoria
“Euro 0”. (…) Il costo della rottamazione è a carico del bilancio dello
Stato, nei limiti di 80 euro per ciascun motociclo.


C’è da ridere! Prendiamo un motorino 50cc (prezzo medio 2000€): per lo Sportello del Contribuente l’importo annuale della tassa di circolazione per i ciclomotori (veicoli fino a 50 cm cubici di cilindrata) è pari a € 19,11 (37.000 lire) su tutto il territorio nazionale (Veneto e Calabria € 21,02, Marche € 20,63). Facciamo due conti: 20€ x 5anni= 100€! Però! Con 100€ non ci si compra nemmeno il casco! Ma questo la Melandri lo sa e così ha deciso un ulteriore sconto: un bel bonus rottamazione di - udite, udite - 80€!!!

Caro giovane che hai un motorino “Euro 0″, la tua Melandrina t’invita a rottamare il tuo catorcio da barbone. Non hai i soldi (cosa probabile, altrimenti il giovane già avrebbe comprato il suo scooter “Euro 3″)? Tranquillo, per te ci sono ben 80€ subito e poi ben 20€ all’anno per 5 anni. Così una bella ruota “Euro 3″ è assicurata! Rimani a piedi? Embè? Salvaguardi l’Ambiente e Pecoraro Scanio è contento!

 
 
 

Usurati

Post n°149 pubblicato il 23 Gennaio 2007 da doctodany

Nel fantasma del dibattito sulla riforma delle
pensioni c’è un punto sul quale Rifondazione Comunista pare non
intenzionata a cedere in alcun modo: la tutela dei lavoratori addetti
ad impieghi usuranti. Ed io dico assolutamente sì: già faticano a
campare facendo, non giriamoci attorno, i lavori più umili e meno
soddisfacenti. Che almeno si possano godere il meritato riposo. 30 anni
di lavoro e poi, ovviamente se vogliono, a casa.

Il problema
qual’è? E’ identificarli questi lavori usuranti. Per alcuni, vedi ad
esempio alla voce fabbrica, non ci sono dubbi. E’ a questo punto che il
Ministro per la Solidarietà sociale Paolo Ferrero prende alla lettera la sua carica e parte per la tangente:


Chi
fa un lavoro usurante, che sia fare il vigile urbano a un incrocio, o
la maestra in una scuola materna, o l’operaio di linea, francamente è
difficile dire se uno è più usurante dell’altro…”.


Santa Madonna. Questo ha visto troppi film “guarda che ti sbatto a dirigere il traffico“.
Vigili urbani agli incroci ne avrò visti si e no cento in più di
diecimila giorni di vita. E - peraltro - quando ci sono fan più casino
che senza. E come mai, se è un lavoro tanto tremendo, ai concorsi ci
sono cento e passa candidati per ogni posto disponibile?


Ma è
sulle maestre che mi giran proprie le balle. Poverina la maestra. Oh,
che sia faticoso concordo. Ma il modo in cui lo dice pare più
significare “sai che due coglioni con quei marmocchi“. Ovvero
l’esatto opposto di come quel lavoro dovrebbe essere visto e,
soprattutto, vissuto. Caro Ferrero, della fatica lasci che se ne
preoccupino le maestre. Le si preoccupi piuttosto che ci siano buone
maestre e non paracule o scaldasedie.


Anche io, però. Dovrei
essere un po’ più comprensivo. A sentire certe stronzate, parlando in
generale s’intende, si capisce chiaramente che il lavoro del politico
deve essere davvero tanto tanto usurante, visto come il cervello va in
pappa. Il più usurante di tutti direi, visto che appena dopo due anni e
mezzo di lavoro si acquista il diritto ad un vitalizio.

 
 
 

Post N° 150

Post n°150 pubblicato il 23 Gennaio 2007 da doctodany




 

Te la do io la riforma

Il
Ministro della Giustizia Mastella annuncia l’intenzione di ridurre da
45 a 30 giorni il periodo di sospensione del funzionamento dei
tribunali e delle Corti nel periodo estivo. Bene, bravo. Rispetto allo
status quo non è poco. Ma non è abbastanza, consci delle terrificanti
lungaggini del sistema giudiziario.


Facciam 20 giorni di
ferie; spacchettandoli a gruppi di 5, con i weekend, ti puoi fare il
tuo bel mesetto di vacanza. Ma che possiate andare tutti insieme
mettevelo via subito. Si turna, in modo che gli incarichi sian sempre
coperti da qualcuno. Poi, manca personale, mancano mezzi, giusto.
Tagliando gli stipendi del 10%, che restan sempre molto cospiqui, si
può assumere un nuovo magistrato ogni 10. Facciamo del 15%, più un 5%
di nuovi fondi, così compriamo carta, penna e computer per tutti.


Non
vi preoccupate di dove dobbiate firmare per accettare. Non dovete. E’
così. Se non vi sta bene, ciao. Quelli che fan la fila dietro di voi vi
sostituiranno con piacere.


 
 
 

Post N° 151

Post n°151 pubblicato il 02 Febbraio 2007 da doctodany

Bersani
 il ras delle COOP rosse

Il Ministro alle attività produttive Pierluigi Bersani



Anche per chi la conosce e l’ha vista all’opera, la sfrontatezza di Pierluigi Bersani riesce sempre a lasciare senza fiato, allibiti.

E’ riuscito a far passare come una «liberalizzazione» del governo di sinistra l’abolizione del balzello sulle ricariche telefoniche.

Di fatto, era un atto dovuto e obbligatorio: persino il capo dell’Authority sulle telecomunicazioni

(il tizio si chiama Catricalà) stava per dichiarare illegale quel
balzello, e ciò non di sua iniziativa, ma su richiesta delle autorità
europee, attivate da privati cittadini.

In realtà, Bersani ha fatto di tutto per ritardare l’ineluttabile decisione.

Non ha appoggiato affatto quei privati consumatori.

Ed è facile capire perché: con quel costo sulle ricariche, illegalmente
e senza far nulla, i gestori TIM, WIND e VODAFONE hanno incamerato 1,7
miliardi di euro l’anno.

Da una cifra così grossa, i beneficiari avranno sicuramente ritagliato un «aiutino» per i partiti.

E così sono tutte le pretese «liberalizzazioni» di Bersani, accolte dai giornali e dagli elettori di sinistra con uggiolii servili di soddisfazione, con sospiri di «giustizia è fatta, profittatori che affamano il popolo».

Spenderemo meno in barbieri, scodinzolano i sinistri, perché chiunque
potrà diventare barbiere senza licenza e tenere aperto il lunedì; i
giornali li troveremo dappertutto.

Le guide turistiche non saranno più contingentate, gli agenti
immobiliari nasceranno come funghi,  le autolinee saranno libere e
private, chiunque potrà aprire una scuola guida, i cinema potranno
aprire a dieci metri l’uno dall’altro… ridicolo.

Semplicemente ridicolo.
Dunque, se le cose andavano male in Italia
era colpa di barbieri, giornalai, taxisti, benzinai, agenti immobiliari
e guide per turisti, questi capitalisti, con le loro scandalose rendite
di posizione.

Punirli, metterli alla frusta della concorrenza, ecco la giustizia sociale.

Nessuno dice che queste «liberalizzazioni», ridicolmente minime, hanno un solo scopo evidente: favorire la grande distribuzione.

E’ negli ipermercati che verranno messi i giornali, i tabacchi, le pompe di benzina «liberalizzati»
con lo sconto di 3 centesimi al litro; lì ci sarà l’angolo dell’agente
immobiliare liberalizzato, il farmacista, il barbiere aperto il lunedì.

Bersani ha in mente una sola cosa: favorire il polipo tentacolare
comunista che sono le COOP, Unicoop, Legacoop, Unipol ed altre
furbetterie del quartierino.

A questo servono le sue ridicole riformette.

Anche se ad avvantaggiarsene saranno, soprattutto, i colossali gruppi
francesi, Auchan e Leclerc che lavora con Conad.
Ma questa è la strategia delle sinistre al governo: colpire le categorie deboli, non protette da potenti sindacati, come gli artigiani marginali, e favorire i grandi gruppi.

Ovviamente al primo posto le COOP, questo polipo che non paga le tasse
gravanti sulle altre imprese perché privilegiato dal sistema di
consociativismo politico-economico che arricchisce il partito DS, ex «dei lavoratori».

Ma naturalmente, l’occhio di riguardo è per tutti gli altri gruppi potenti.

Bersani mica ha «liberalizzato»
le tariffe del gas e dell’elettricità, mica si è accorto dei monopoli
di fatto di ENI ed ENEL che fanno costare l’energia al cittadino
italiano cinque volte più che nel resto d’Europa; mica ha spezzato il
cartello dei gestori telefonici, questo scandalo che grida vendetta.

E nemmeno ha toccato il cartello bancario che ruba gli interessi ai
depositanti, quando non rifila ai poveri pensionati bond argentini e
simili porcherie per truffarli apertamente e semplicemente.

No, quelli no: quelli hanno i soldi (rubati a noi) e finanziano i partiti.

Per loro, niente concorrenza.

Alla frusta i taxisti, i barbieri, i tabaccai, i giornalai: questi
miliardari, questi affamatori del proletariato.
E l’elettorato delle sinistre uggiola di gioia: abbiamo il miglior governo della storia!L’onestà è finalmente al potere! Non si può aver nemmeno pietà di un simile popolo che non vuole vedere in faccia la realtà.




 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: doctodany
Data di creazione: 09/01/2007
 

ER PUPONE

immagine
 
immagine
 

DANYLOVE DEE JAY

immagine
 

ULTIME VISITE AL BLOG

tg4_1988fragoletta2000GiadaGattivladimiro.rinaldienrica.deiacoM4rcoRomapoeticjusticeispanico_87masarr99telestisstillmadpsicologiaforensevocedimegaridePDL08gianandreac
 

ULTIMI COMMENTI

Un abbraccio...Lucexte:-))
Inviato da: Lucexteee
il 23/10/2007 alle 22:58
 
Vigili urbani agli incroci ne avrò visti si e no cento in...
Inviato da: pgrazzini
il 17/07/2007 alle 19:12
 
grazie del tuo invito..e del tuo passaggio nel mio blog1 ti...
Inviato da: zircone0
il 08/05/2007 alle 11:48
 
Un sorriso , un pensiero..x te dolce notte! Lucexte:-))
Inviato da: Lucexteee
il 27/02/2007 alle 02:53
 
Ciao!!!
Inviato da: giadaromana0
il 18/01/2007 alle 19:48
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

BASTA TASSE

immagine
 

CONTROO OGNI...

immagine
 

MELANDRI 2

immagine
 

NON È UN SMS

immagine
 

L'UOMO DEL BISOGNO

immagine
 

NO ALLA TURCHIA

immagine
 

E IO PAGO!

immagine