Il "mio" Mago di Oz

"Sul Sentiero dei mattoni gialli...Alla ricerca del Magnifico e portentoso Mago..."

 

 

 
 

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 

GRAZIE...

 

QUANTI SIAMO?

page counter
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 32
 

OPPS!

 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

TAG

 

L'ARCOBALENO

 
 

 

« " L'amore secondo me... "Magia...o tormento? »

Una piccola goccia divenuta un Mare

Post n°370 pubblicato il 04 Maggio 2010 da geremia_di_Oz
 

E' con non poco imbarazzo che ho deciso di scrivere questa lettera.
Un profondo turbamento alberga ultimamente nel mio cuore,
e dopo averci riflettuto e riflettuto, ho scelto di parlarne:
per l’amicizia che ci lega, per il modo che abbiamo di condividerci,
e poi perché, onestamente siamo “grandi”
e non possiamo più tacere, né far finta di niente,
di fronte a tutto ciò che è la vita e quello che la circonda.

Riporto le parole di Antonio, il mio amico di ventura e sventura,
il racconto del suo ultimo viaggio in Tanzania;
dove è stato ospite per alcuni giorni di un Centro Missionario
delle Figlie di Maria Ausiliatrice,
nel cuore di una baraccopoli di Dar Es Salaam.

“Un’esperienza veramente scioccante, nonostante, come sai,
non sia la mia prima esperienza nel Sud del mondo.
Povertà, degrado sociale, malattie ed abbandono.
La disperazione è l’aria che si respira ogni giorno in una baraccopoli,
insieme al caldo torrido ed agli occhi della fame della gente.
Baracche ed altre costruzioni abusive circondano la missione,
rifiuti ovunque; la gente si arrabatta ogni giorno per sopravvivere,
recuperando ogni sorta di rifiuto buttato per i marciapiedi della città.
Chi ti vive intorno sono spesso ragazze madri, sole,
frequentemente con un genitore malato a carico,
ed intere generazioni di giovani adulti ammalati di AIDS.
Sono centinaia, forse migliaia gli orfani
ed i bambini tra i 3 ed i 20 anni che a Temeke
(il quartiere in cui è situata la missione)
girovagano per le strade in cerca di qualcosa per poter sopravvivere.
Sono sporchi, scalzi, malnutriti e qualche volta malati.
Tentano di vendere porzioni di acqua potabile,
cibo e sigarette in giro per le strade del mercato,
oppure vivono rubacchiando qua e là per sopravvivere.Spesso oziano,
iniziando quel terribile ciclo che li porta prima ad essere facile preda
di adulti senza scrupoli, e poi li rende loro stessi i protagonisti
del perpetuarsi di questo sistema di miseria”.

Queste parole hanno lasciano il segno:
il mio quotidiano “troppo”, il loro “nulla”,
i miei sogni e le mie speranze…
e quelle piccole anime che nemmeno li hanno,
perché non sanno di poterle avere.
Io ci ho pensato sù, e non voglio più far tacere la mia coscienza.
Forse, nemmeno mi rendo conto
di quanto grande sia questo progetto,
di quanti sacrifici e di quanto impegno richieda,
ma non posso non provarci, non posso  accontentarmi,
fare finta di niente e lasciare  le cose come stanno,
senza cercare, almeno una volta, di  cambiarle.

Ho deciso, assieme ad altri cari amici, di  costituire una Onlus:
ONE WORLD ONLUS
e cominciare con il trovare i fondi per dare una scuola
ai bambini di quella baraccopoli del Sud del Mondo!

Io ci credo e ,non so perchè, ho la certezza che la cosa riuscirà!
Per questo oso mettere a  nudo le mie verità;
Il desiderio di “vincere” questa sfida
per dare a quei ragazzi l’opportunità di andare a scuola
mi spinge a chiedere ai miei cari di crederci con me,
di essere al mio fianco, di essere “tutti per tutti”;
e mi fa superare anche l’imbarazzo di chiedere il sacrificio
e l’impegno di condividere questa “causa”
con ciò che liberamente ognun può dare dare,
nel modo che meglio sentirà.

(Inutile negarlo...il denaro serve, eccome!
ed in questo periodo non si naviga nell'oro!
Ognun faccia ciò che sente e meglio può,
 sappiate c'è anche la possibiltà di
devolvere a questo progetto il 5 per mille delle varie dichiarazioni ...
Non vi indico i dati  per bonificare o il codice fiscale per devolvere,
mi sentirei troppo in imbarazzo,
chiedetemeli Voi ed io sarò ancor più lieto
di raccontarvi ulteriori curiosità sul progetto...)

Io sono a completa disposizione per chi ne vorrà sapere ancora di più:
per mostrare il progetto sulla carta e di illustrarvi tutti i dettagli
in merito a come ci stiamo muovendo
ed ai prossimi sviluppi del progetto
e sentire nuove proposte, nuove idee.


Per Intanto ringrazio con tutto il cuore
della Vostra disponibilità e pazienza,

Vi ringrazio...
perchè se mi sento così e se faccio questo
il merito è tutto e soltanto Vostro!

Una piccola goccia diventata mare.
Grazie! Amiche mie carissime.

Per donare:
potete eseguire un bonifico alla banca UNICREDIT
ns. codice IBAN: IT 16 Z 02008 30470 000100963436.
Per devolvere il 5 per mille basta indicare sulla
dichiarazione il nostro codice fiscale: 95018140012
GRAZIE

                                                                                (Geremia)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: geremia_di_Oz
Data di creazione: 18/09/2007
 

SOMEWHERE OVER THE RAINBOW

 
 

RIASSUNTO PUNTATE PRECEDENTI

 

ULTIME VISITE AL BLOG

max_6_66luciofranci7messaggeria.normalegoccedimemoria2003lilipangeremia_di_Ozieribelle.63Vioia78claudio57toninokenya1silglsMICHELA04annaritabisognivegeku9
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CARA DULCINEA

Non perchè li occhi vi sian lontani
il mio core più non v'appartenga...
Vi difendo con l'Onor di Cavaliere
d'ogni gigante ch' a Voi non s'inchini,
bramando desideroso il dì del nostro ritrovare;
del gaudere l'amor ch'ora mi è soltanto sogno.

Sempre fedele.
                  Vostro Don Chisciotte.
(Geremia)


 

RAINBOW

 

IMPARANDO A VOLARE

 

ULTIMI COMMENTI

 
 

NATIVI AMERICANI

 
 

LA SAGGEZZA DEL COSMO

 
 

IL CUORE

 

LA PASSIONE

 
 
 

MINUETTO

 

HILARIE BURTON

 

 

C'É ANCORA QUALCUNO LÌ FUORI?