Creato da unadonnaperAMICAdgl il 11/11/2005

RACCONTO E ASCOLTO

la vita, le emozioni, le delusioni, le conquiste, i sogni, i risvegli

 

Polverini e Silvio

Post n°400 pubblicato il 08 Marzo 2010 da unadonnaperAMICAdgl

 

 

 
 
 

Caporalato

Post n°399 pubblicato il 21 Febbraio 2010 da unadonnaperAMICAdgl
 

Sono le sei di mattina…una fila silenziosa di ragazzi aspetta…

I cancelli della fabbrica sono ancora chiusi, ma forse lì c’è una speranza…

Orami la speranza se ne sta andando…33 anni sei vecchio…

Ti aggrappi a quella telefonata dell’agenzia interinale…Vai lì, che forse per un paio di settimane c’è lavoro.

 

Non si parla, è ancora buio,, l’umidità ti entra nelle ossa…scruti il tuo vicino di fila…chissà chi sarà il fortunato.

 

Poi arriva lui. Vi mette in fila, disperati nel grigio di quest’ inverno che non se ne vuole andare.

Entrate, in silenzio ascoltate gli ordini….rompete la fila e lavorate.

 

 Lavori duro, i tuoi vestiti si imbrattano di sporco che non è tuo, ma ce la stai mettendo tutta. Hai bisogno disperato di quella settimana di lavoro per dimostrarti che nel tunnel c’è una luce…

 

Passa l’ora…Lui torna. Vi chiama, vi avvicinate

 

“Tu…tu…tu…” gli altri grazie, ma sarà per la prossima volta.

 

Ti senti vuoto, vecchio, disperato…sono le sette e mezza di mattina…torni a casa guardando le strade che si animano di volti che vanno verso una meta, tu torni a casa in silenzio con la morte dentro a spogliarti di quei vestiti imbrattati di uno sporco che non ti appartiene.

 

Questo post non  è una storia, è una denuncia. La madre del ragazzo non vuol parlare, il ragazzo non parla, ma qui nell'opulento e ligio nord est si assume così...a nero e a disperazione.

 
 
 

San Valentino

Post n°398 pubblicato il 13 Febbraio 2010 da unadonnaperAMICAdgl
 
Foto di unadonnaperAMICAdgl

Venezia

Era una mattinata grigia e ventosa, come solo  nel nord est sanno essere le mattinate grigie e ventose.

 Lei era seduta sulla panchina della stazione fumando una sigaretta dietro l’altra…era agitata, impaurita, nervosa…

 Lui arrivò puntuale, col suo solito cappellino in testa, con gli occhi neri che brillavano come braci, con la sigaretta accesa…

 I biglietti erano fatto, il treno partiva  dal binario 6...

 Scesero le scale separati, ognuno per la propria strada…poi stesso scompartimento, stesso sedile…

 Lei aveva freddo. Lui scaldava la sua mano, lei sorrideva…lo scompartimento si popolò di ragazzi in gita scolastica…risate di gioventù, profumo di spensieratezza, di una giornata rubata alle mura grigie di un edificio scolastico.

 Erano in silenzio, guardavano la scena assaporando la gioia di essere insieme, di sentire l’uno il calore dell’altro…la ragazza seduta di fronte li guardava, li scrutava…poi rideva. Passava l’ombretto alla sua amica che le allungava il fard, l’altra le allungava il rossetto…era bellissima…aveva la giovinezza dentro…

rideva, ad ogni colore che accendeva il suo  viso, probabilmente uscito immacolato da casa per poi trasformarsi come quella modella vista sul giornale…si scattavano   foto col cellulare, guardavano e poi ridevano e ancora ridevano per una sbavatura, una ciglia fuori posto, una ciocca fuggita al gel…erano belli, erano giovani…

 Il treno arrivò in orario a Venezia.

Passavano zaini che ti sfioravano, odori di profumi, di cioccolata, di sedici anni…

 La ragazza si alzò, guardo i due ancora seduti che non avevano fretta di scendere…”Buon San Valentino  piccioncini”

 

 
 
 

Sirene, Principesse o Streghe?

Post n°397 pubblicato il 04 Febbraio 2010 da unadonnaperAMICAdgl
 

Storia vera

Succede che ti senti solo e trovi nel web lo spazio per alleviare la tua solitudine o le tue paure di affrontare conoscenze dirette, succede  che magari sei un professionista affermato, magari stressato dagli impegni, da una società che incombe pretendendo il massimo da te, e  vuoi un momento di distrazione, di illusione di rapporto amichevole senza intoppo e legami…e ti lasci andare…

 Succede che lei sia  una donna sola, quarantenne arrabbiata e furba, magari delusa dalla vita, presa a calci dalle persone in cui credeva,  succede che siccome è casalinga per scelta o per necessità  e ha un computer a disposizione, decida che la sua professione  deve essere  quella di “accalappia gonzi”

 Il web è il terreno di caccia ideale…l’offerta è superiore alla richiesta, c’è solo l’imbarazzo della scelta…

 E prima o poi il “gonzo” ci casca…anche se è giovane, ricco, arrivato, intelligente…il vecchio detto che diceva mia nonna e che non riporto perché non so scrivere in friulano è verissimo…

 Dal web al sms il passaggio è immediato…e lei elabora il piano…messaggini dolci, poi messaggi un po’ spinti, poi messaggi da censura…a cui ovviamente il gonzo risponde sempre…

 E poi arriva la richiesta della novella Sirena  friulana…o mi paghi a suon di euri o spiattello il tutto …Fortunatamente il gonzo rinsavisce, cadendo dalla nuvoletta su cui si era adagiato sognando amplessi  come non aveva mai osato sognare…e si presenta all’ incontro   con la polizia che arresta la signora….

 Storiellina finita sul giornale locale con nome, cognome e foto della protagonista.

 “Gonzi” d’Italia….attenzione!!! il web è pieno di tante streghe cattive travestite da fatine…

 P.S. ovviamente ci saranno anche orchi travestiti da principi…ma noi donne siamo un po’ più furbe e sveglie e crediamo molto meno alle favole…

 Ma qualche principe magari pensionato è disponibile??

  

 
 
 

FACEBOOK DIPENDENTE

Post n°396 pubblicato il 31 Gennaio 2010 da unadonnaperAMICAdgl
 

Ebbene si…dopo aver combattuto per liberarmi dalle  dipendenze e quindi smesso di fumare con sommi sacrifici e stress, ci sono ricaduta!!!

  Una dipendenza di cui fino a poco tempo fa non conoscevo nulla, non volevo, non mi lasciavo tentare, una dipendenza che mi faceva ridere quando me ne parlavano, quando mi raccontavano…

Facebook …sono facebook dipendente!!!

 Intanto mi inchino al genio dell’inventore…

 e poi cerco di capire perché mi assale quest’ansia di amicizia con il mio vicino di casa, con la collega, con i parenti a cui non telefoni quasi mai…

 Maaaa….non so…ma mi sembra di vivere in una grande bella famigliola:  c’è chi ti  sbatte un video, c’è chi ti ossessiona con servizi fotografici da guiness dei primati, c’è chi pontifica e lancia proclami contro tutto e contro tutti….ma quello che adoro di f. b. è farmiville…

 passo la serata alle prese con zucche da seminare, uova da raccogliere,  amici da visitare per fertilizzare i loro territori…odddioooo…follia!!!!

 Paolooooo….ma vieni a fertilizzare le mie melanzane….Brunella….ma mandami un albero dai per favore e quella gallinella che mi piaceva tanto e che non so dove mi è sparita?!!! E mia cugina…quella è invidiosa perché sto piano piano passando i livelli e vede in me una nemica e non mi concima nulla!!  E via di seguito….Mio figlio preoccupato rimane  allibito davanti alle mie esclamazioni di gioia per la zucca gigante che è cresciuta e mi chiede se dopo i 50 si diventa così…

  Antistress serale….la televisione mi annoia, il libro mi pesa… La fattoria!!!! Nell’attesa del fattore che mi rapisca e mi porti con sé tra i campi di grano…

Pazzia….che sia l’età?

Che sia la sindrome di Peter Pan?  

P.S. : scappo....vado a raccogliere il grano e a sistemare le bestie nel recinto!! :-))

Buona domenica

 
 
 

Lezione di sesso

Post n°395 pubblicato il 21 Gennaio 2010 da unadonnaperAMICAdgl

 

Troppo forte!!! ...Bambini o morte!!

Un genio...

 
 
 

celebrazioni craxiane

Post n°394 pubblicato il 19 Gennaio 2010 da unadonnaperAMICAdgl

Vorrei che qualcuno mi spiegasse perchè si sta celebrando il ricordo del politico  Craxi...

 riporto il post del mio amico Voiomanonposso...Triestino DOC che gentilmente ringrazio

...........omissis

Ma veniamo al fattaccio, tutti i media a dare risalto alla figura dello statista Craxi, chi? ma si' quello che andato al governo, sfoggiava un garofano e intanto intascava tangenti a tutto spiano, naturalmente in egual misura i suoi soci di allora, poi riciclati in altri partiti e partitini, ma l'allora procuratore Di Pietro con pazienza e tenacia, scopri' gli altarini di questi signori, che ancora oggi si fregiano dell'"onorevole", anche se di onorevole non hanno nemmeno l'eta', conclusione una sfilza di condanne definitive, ma per rinfrescare la memoria, solo quelle relative al onorevole Craxi :
5 anni e 6 mesi per corruzione nel processo Eni-Sai
4 anni e 6 mesi per finanziamento illecito per le mazzette della metropolitana milanese
4 anni e una multa di 20 miliardi di Lire in primo grado per il caso All Iberian (pena poi prescritta)
5 anni e 5 mesi in primo grado per tangenti Enel
5 anni e 9 mesi in appello per il Conto Protezione, sentenza poi annullata dalla Cassazione
3 anni in appello bis per il caso Enimont
fu anche rinviato a giudizio il 25 marzo 1998 per i fondi neri Montedison e il 30 novembre 1998 per i fondi neri Eni

ora, in una nazione normale, un popolo normale, uno cosi' lo chiamerebbero "LADRO" visto che si e' rubato i soldi di milioni di italiani, ma ...... in questa Italia, gli vogliono dedicare vie, piazze, proporrei allora, di fare altrettanto per : piazza ndrangheta, corso Mafia, vicolo quelli della uno bianca, i nomi non mancherebbero VEDI
ci sarebbero poi tutti gli aguzzini dei campi di concentramento, gia' perche' quelli dei gerarchi fascisti, almeno nella mia citta', li usano per le vie e le scale, una riflessione ..... ma allora se i cattivi, erano i buoni, allora Gesu' era un cattivo

Ad Hammaded c'è una strada a due corsie di marcia Avenue Bettino Craxi...se sali su un taxi il taxista si sente in dovere pregustando lauta mancia di portarti al cimitero...e più tu gli dici che non te ne frega nulla, lui tanto fa fino a quando non ti sbatte all'ingresso...

 
 
 

Gennaio 2010

Post n°393 pubblicato il 09 Gennaio 2010 da unadonnaperAMICAdgl
 
Foto di unadonnaperAMICAdgl

Libertà

mi manca il sole..

Passeggiata al mare unico giorno di sole di  gennaio, a respirare luce, aria...

rubo un'immagine di libertà, di forza, di vita.

 
 
 

2010 - AUGURI

Post n°392 pubblicato il 31 Dicembre 2009 da unadonnaperAMICAdgl
 
Foto di unadonnaperAMICAdgl

val pesarina

Impressione...primo decennio del 2000...auguri.

Anche se le rughe diventano più profonde, se la voglia di sedersi in poltrona a dormire si fa largo tra la frenesia di correre, se ti accorgi che le giornate scorrono impietose e ti ritrovi la notte con il nulla...auguri.

Ore di bilanci...è stato un buon anno...si, un'anno di buona salute, di buone amicizie, di vacanze, di mare, di pochi soldi ma tanto ridere...è stato un buon anno anche l'ultima parte mi ha visto profondamente in pool position per una serie di eventi che hanno inciso la mia vita...

Auguri a chi mi sostiene, a chi mi fa  ridere, a chi mi fa  sorridere...

auguri a mio figlio che tra tre ore è già nell'anno nuovo, auguri a suo fratello che pensa di raggiungerlo...

Auguri a me...che sbalordita guardo questa mia casa che si svuota, questa mia cucina silenziosa e pulita, auguri a me che devo sorridere e poi di nascosto piango...auguri a mia madre perchè mi ha insegnato a fare la madre proprio lei che madre per me non è mai stata...

Auguri a Paolo promettendogli col nuovo anno passeggiate al Cormor (e vedrai che fisico alla fine!!!)

Auguri a Sergio che l'anno nuovo gli porti un amore di quelli che ti sconquassano la vita, con la promessa che però il venerdì  sera sarà sempre il nostro compagno di burraco...

Auguri a Elena, maestra di bon ton e animatrice delle vacanze e dei week end

Auguri a Stefanina… grande donna di quelle donne con gli attributi!!!già… e che si ricordi di invitarmi al mare anche il prossimo anno perché l’ibiscus mi aspetta

Auguri a Anna….che l’anno nuovo le porti quella sicurezza e quell’autostima di cui  ha tanto bisogno…perché lei è brava, buona, intelligente, generosa, disponibile…e crede che solo gli altri lo  siano perdinci ragazza…ti conosco dalle medie e so come sei!!!

E che dire della Lorettina - Frigorifera? Auguri tesoro e che l'anno nuovo faccia passare ad entrambi quella voglia di rissa che abbiamo dentro mai sfogata...che guai se la sfoghiamo!! :-))

Auguri ai miei blog amici…quanta compagnia mi fate…mi fate riflettere, sorridere, emozionarmi, incazzarmi ( o non è linguaggio da signora?....)

Insomma tutti insieme  a concludere il primo decennio del 2000…

 
 
 

Natale 2009

Post n°391 pubblicato il 24 Dicembre 2009 da unadonnaperAMICAdgl
 

E' un post già scritto...ma ricordo con precisione la sensazione di sofferenza, di profondo disagio e non è cambiato nulla, perchè quest'anno ho fatto di peggio...solo un abbraccio veloce e un paio di panettoni per sentirmi a posto con la coscienza, ma non è così...loro mi mancano, loro mi vogliono bene e io voglio bene a loro, ma non riesco ad accettare la loro diversità e continuo a vergognarmi di me.

Mi vergogno di me…

  Andavo in una comunità di disabili…stavo bene, mi sentivo serena con loro, li abbracciavo, li nutrivo, ridevo…ieri sera sono stata con loro…il dolore che la loro sofferenza, il loro modo di essere, mi dava,  era talmente grande che mi  pareva insopportabile.

Guardavo quei poveri corpi abbandonati, guardavo quegli sguardi spenti, quelle membra simili a pezze di stoffa e mi si stringeva il cuore e mi mancava il respiro.

La Messa, doveva essere la Messa di Natale…ero seduta accanto a una donna che fino a pochi anni anni fa era un avvocato…poi in un attimo, si è ritrovata con il suo corpo di pezza, con la sua bocca rivoltata che non le permette di prlare, con il naso sporco che io non osavo pulire…e il prete che parla di amore, che parla di disegno divino, il prete che parla di mente in un corpo ingombrante inutile…

Preghiamo…ringraziamo il Signore….e di che????

Prende la parola un ragazzo…è bravo, bello, intelligente…ma non riesce ad esprimersi…ma lui vuole esprimere la sua preghiera…ma perché il  prete non lo ascolta? La sua mamma lo tiene per mano, lo accarezza, gli sorride…il mio dolore dilaga…non riesco a distaccarmi, non ce la faccio a pensare “ma quanto sono fortunata” Ma come ci si può sentire dinnanazi a un figlio che dichiara il suo amore per tutti e tu non riesci a capirlo? Non ce la faccio…guardo il naso che gocciola della mia vicina, guardo gli spasmi  del ragazzo spastico che mi disse un tempo che a lui il Natale fa tristezza perché gli manca la sua mamma ma che poi si ritiene fortunato perché lui di mamme ne ha tante…e invece la sua mamma l’ha abbandonato…ma lui prega…e io piango, piango dentro che non riesco a smetterla…e il naso continua a gocciolare…e io ho la nausea…la nausea di me…perché non soppporto il dolore degli altri perché diventa il mio e non riesco ad accettarlo….”Padre Nostro” ci prendiamo per mano…un ragazzo della Costa d’Avorio mi prende la mano “dacci oggi il nostro pane quotidiano” preghiamo…diamoci la mano…guardo i volti sereni, gli occhi che sorridono…e io che ho vergogna di me perché non riesco a comprendere, non riesco a sopportare…

La Messa finisce…spingo la carrozzina, ho fretta, devo fuggire…devo tuffarmi nell’ipocrisia, nelle chiacchiere futili…mi vergnogno di me…

 

 Buon Natale...

 
 
 

Santa Lucia

Post n°390 pubblicato il 13 Dicembre 2009 da unadonnaperAMICAdgl
 

Domenica…l'anfiteatro  delle cime innevate e ammiccanti mi avvolge  con la sua  sicurezza e con la  sensazione di casa che mi regala…

Santa Lucia….tempo di bambini in pigiamoni di pile che se ne vanno a letto buoni buoni, tempo di ciotole con il latte e paglia per l’asinello…poi il grido nella notte “mammmaaaaa…è passata…alzati, Santa Lucia ha bevuto i latte e l’asinello ha mangiato la paglia” poi il salto nel lettone….le carte colorate, il profumo di mandarini…Che tenerezza, che ricordi intensi ed indelebili…

Stamani  la casa silenziosa….uno è lontano, l’altro è rientrato tardissimo….

Io bevo il mio caffè nero e senza zucchero….sorridendo ai ricordi e al sogno bellissimo …

Avevo di fronte a me il mare. Ero sola, profumo di salsedine, sussurri di onde, non

c ‘era il sole, c’era quella luce soffusa che annuncia il tramonto…poi un massaggio sulle spalle, sul collo, lento delizioso, caldo…non so se erano mani, se era solo il soffio della brezza serale…mi crogiolavo nel piacere del benessere…io, il mare e il sogno…

poi apro gli occhi…ecco…il mio materasso nuovo!!!si chiama memory…è come se ti abbracciasse quando ti adagi e ti regala sogni deliziosi!!!!

Buona domenica…

 
 
 

Mail

Post n°389 pubblicato il 07 Dicembre 2009 da unadonnaperAMICAdgl
 
Foto di unadonnaperAMICAdgl

 

Mi piace quando sono a casa accendere pc, tazzona di caffe nero e navigare con calma nella mia posta elettronica, nei blog amici che non ho mai tempo di frequentare…

Ma per la misera…da un po’ di tempo a questa parte la casella di posta del signor Libero, mi sta facendo innervosire assai…

Continuo a ricevere  da poste italiane questa cosa qui…..

 È mai possibile che non posa finire questa farsa denunciano chi ha messo in piedi questa truffa? Sicuramente qualcuno ci cade….

 E poi, già che ci siamo, tutta quella pubblicità sui denti gialli che  imperversa con immagini nauseanti mentre bevo il caffè….e il cerotto che ti fa perdere 30 kg , e chi più ne ha più ne metta...

 Va be che è gratis…..ma perdicinci….

 

 
 
 

A mio figlio

Post n°388 pubblicato il 06 Dicembre 2009 da unadonnaperAMICAdgl
 

L’alba  mi  accoglie fredda e trasparente.

La luna  accompagnata da una danza di veli argentati illumina  il cielo blu cobalto in attesa  che   colori soffusi   salutino  la  giornata luminosa.

Il mio cagnolino mi guarda stupito per questa mia voglia di camminare prima del giorno.

Ho bisogno di respirare, ho bisogno che i miei pensieri vaghino nel silenzio dell’alba fredda e silenziosa e arrivino attraverso le strade del cielo in un altro paese, in una terra lontana vivi tu figlio mio…

 Dio come sei lontano, da quando sei partito i miei ritmi si sono adattati al fuso oraio…di notte dormo poco perché so che tu sei sveglio e vorrei sentirti, vorrei che tu  mi raccontassi…ma sei lontano….

 Non accompagnarmi all’aereoporto mamma…potrebbe essere pesante per entrambi.

Ti ho ascoltato e con il cuore straziato ti ho accompagnato in piazza, col cane al guinzaglio ad aspettare tuo padre che ti avrebbe portato  Venezia.  Ho visto i tuoi occhi verdissimi diventare rossi quando la nonna piccola piccola, è salita sul gradino per abbracciarti “ torna, voglio vederti ancora prima di morire”

 Da quando sei partito una parte di me si è staccata, una parte del mio cuore, della mia mente, è laggiù…è come se questo nostro cordone ombelicare si stesse tendendo al massimo della sua lunghezza…è una sensazione quasi fisica la mia, difficile da far capire ma che io sto vivendo.

 Qando chiamo sento i  “pit” del satellite, poi basta…a volte provo, riprovo…Dio che ore sono laggiù? In cucina ho due orologi…ora di qui e ora di là…

 Ma tu sei tu…io sono stata  il mezzo per metterti al mondo…la vita è tua…giocala bene, figlio mio…giocala bene sapendo che noi siamo orgogliosi di te, del tuo coraggio, della tua indipendenza, della tua voglia di  sperimentare mondi nuovi…giocala con rispetto, con la saggezza che ti contraddistingue da quando avevi 16 e lavoravi nei week end per la tua autonomia, non per necessità.

 Giocala…e le lacrime di tua  madre si asciugano nella mattinata gelida di dicembre e sorridono a quella luna bianca mentre il cielo da blu cobalto sfuma verso colori tenui e si accende di luce….sorridono, sapendo che tu stai bene e giri in infradito e pantaloni corti.

 
 
 

Fallimenti

Post n°387 pubblicato il 10 Novembre 2009 da unadonnaperAMICAdgl

Lui aspetta  all’ingresso del Tribunale.

Lei arriva di corsa.

E’  la prima volta che lui aspetta,  per una vita è sempre  toccato  a lei.

E’  una giornata , fresca, di quelle autunnali che ti stuzzicano la pelle e il naso per il vento che ha sentore d’ inverno.

Lei si sente  gelare  ma non fa  trasparire la sua agitazione, il suo nervosismo.

Lui è  serio con l’anulare che ha il solco della fede tenuta per tanti anni e finalmente tolta.

Entrano, un foglio compilato con i dati anagrafici, un paio di certificati, una statistica per l’istat.

Con amarezza lei pensa che sarebbero entrati in quel gioco di numeri che sempre più vedono coppie di una vita che rompono la coppia.

 

L’attesa dal giudice dopo 15 giorni, stessa trafila, lui sempre in anticipo, lei sempre in ritardo.

Entrano insieme.

Parlano del tempo, del freddo.

C’è una fila di coppie, in silenzio, con il documento di riconoscimento in mano che aspettano.

Lei guarda e pensa, chissà se anche lui pensa….

Lei guarda, sono giovani, pallidi, uno di questi è sulla sedia a rotelle, lei in  gli siede vicino.

Chissà quali drammi, quali sofferenze si nascondono…

Lei pensa che è fortunata.

I figli sono grandi, ma ha una gelo dentro.

Aveva sogni…sognava una vecchiaia insieme, sognava  una passeggiata in due verso il tramonto.

Ma i sogni cosa sono?

 

Entrano, il giudice è una donna bionda, bella, raffinata.

Legge velocemente…ecco, firmate qua…

 

Salutano.

 

Si ritrovano al sole, con il freddo nelle ossa.

Prendiamo un caffe...ti accompagno?

No, vado a piedi.

Quanto zucchero?

Lei lo guarda…è una vita che lo prendo amaro risponde…

E pensa…di me non sa neanche che prendo il caffe senza zucchero…

 
 
 

VIVERE

Post n°386 pubblicato il 09 Novembre 2009 da unadonnaperAMICAdgl

LA MIA PASSEGGIATA

È bella la mia città nella pausa pranzo…quando tutti sono  accoccolati sugli sgabelli dei bar, delle tavole calde per consumare lo spuntino prima della ripresa del lavoro…è bella quando piove. Sembra liquida, trasparente….cammino da sola, in silenzio con una musica dentro…è la mia partecipazione alla vita di ogni giorno è il mio trascorrere del tempo aspettando…

E’ immergersi nelle macchie colorate che ormai tendono al marrone, al rosso bruciato, delle foglie degli alberi, è guardare con stupore la pioggia di foglie dorate, trascinate dal vento chissà dove…sono sola ma è come se fossi in compagnia del mondo…le vecchie case ristrutturate con delicatezza e rispetto per il loro  passato mi suggeriscono immagini di calore, di fuoco che scalda, di dialoghi, di parole…

La pioggia che mi  segue con il  ticchettio  sull’ ombrello, è la mia compagna, la mia confidente…amo la pioggia.

Una patina di malinconia….la pioggia è da condivere…con un abbraccio che ti scalda, con un sussurro che ti da un brivido e ti fa sorridere…

Sto scivolando nella tristezza…devo correre, il tempo tiranno vola…e il cartellino aspetta!!

 
 
 

Elucubrazioni

Post n°385 pubblicato il 25 Ottobre 2009 da unadonnaperAMICAdgl
 

Ma dove stiamo andando?

 In che paese stiamo vivendo? Mastella e signora…, il Nano e le escord (ormai cosa vecchia e superata) , il Nano che litiga con Tremonti…meno male che c’è Bossi  mette pace… Alfano che denuncia quelli di F.B. …l’opposizione assente quando dovevana votare lo scudo fiscale…ma dove siamo???? L’autunno che si preannuncia freddo come non mai, l’articolo sul giornale locale di un uomo arrestato perché trovato a rubare per pagare la rata del mutuo…ehiiii…nel nostro ricco nord est si ruba per pagare…

 Alfano che se la prende con la rete…ma figuriamoci se uno vuole uccidere il Nano apre  una pagina su internet!!! Mi ricordo che navigavo con molta timidezza agli albori delle connessioni con un modem esterno lentissimo…e c’era un gruppo che si definiva  più o meno “rapiamo i sette nani con Biancaneve” chissà che fine hanno fatto? Poteva essere benissimo una cellula di terrorismo  di quelle cattive cattive che Bin Laden è un angioletto in confronto…

 E Marrazzo…la storia di Marrazzo è quella che mi da un senso di angoscia notevole…ma dove stiamo andando? Se Marrazzo paga per fare sesso e paga con i suoi soldi…a noi cosa ci interessa? È un trans…opsssss…Italia di buoni propositi!!!! Fastidio è che sia stato seguito, spiato….seguissero e spiassero i ladri veri, i delinquenti veri, i faccendieri, i politici corrotti, i politici assenti con o senza certificato medico, i  trafficanti….

 Chissà dov’è finita la banda dei sette nani? Tornate nella rete per favore!!! E chissà che Alfano non ci sbatta tutti in galera!!! Ma almeno avremmo caldo, cibo e televisione….e già…guai senza televisione!!!

 Per fortuna che torna il Grande Fratello!!!!

 
 
 

Sindrome da week end

Post n°384 pubblicato il 18 Ottobre 2009 da unadonnaperAMICAdgl
 
Foto di unadonnaperAMICAdgl

tramonto autunnale 

Ti alzi perché quella maledettissima sveglia insiste…ti alzi come uno zombie che non sa bene in quale dimensione sia arrivato…esci dalla tua tana tiepida scrollandoti il piumino e  precipitando nella realtà…ad occhi chiusi, inciampando nel cane che ti segue ti avvii verso la cucina alla ricerca del caffe…vuoi caffe, vuoi una doccia di caffe, vuoi una flebo di caffe…accendi il gas e nell’attesa dell’elisir ti butti sotto la doccia bollente…ma che freddo!!

 Devo correre…sono in ritardo. Ma stranamente tutto è silenzioso. Il traffico azzerato, casa taciturna…odddioooo…è domenica. Mi sono dimenticata di disattivare la sveglia!!!

 Va be, ormai sveglia come un grillo di primavera, accendo pc per leggere mail che sono indietro di almeno una settimana…sto bene, dopo due domeniche passate con i sintomi più strani, oggi sto bene e il sole fuori mi promette una domenica di quelle da respirare all’aria aperta…

 Poi piano piano arriva, prima innavvertitamente, come un fastidio lontano lontano, poi sempre più vicino…arriva con un senso di nausea, arriva con vertigini solo se muovo gli occhi…immobile aspetto, mangio qualcosa, ingoio un paio di pillole, attendo…ma ormai so che cosa mi capita…domani ne parlerò con il medico, già perché domani io starò bene…ma la domenica mi capita quella che io chiamo sindrome da vuichend…Brunetta se la ride, e io intontita attendo che passi la nausea e che la testa si stabilizzi ..tanto domani sarò come nuova!!!

 Felice domenica

 
 
 

Domenica originale

Post n°383 pubblicato il 04 Ottobre 2009 da unadonnaperAMICAdgl
 

Le stagioni della vita

 Domenica pomeriggio…

Drinnnn…Mmmm…con quella tosse è meglio che ti riguardi, mettiti a letto…(I amica)…drinnn…azzz… ma che hai fatto?? Mica la suina no….nooo…solo raffreddore da scalmanne, prima caldo poi freddo e poi caldo e poi ancora freddo (II amica) …drinnnn (III amica)…ancora…ehiii ma andare dal medico? Naaa…stai a casa!!! Ecco, e così abbandonata dalle amicizie fedeli, dai miei figli che mi tengono a distanza  per paura del contagio, capisco come ci  si doveva sentire al tempo del colera…quando non c’era  l’antibiotico e ti mettevano in isolamento.

Passo la domenica a casa con Biagio dolcissimo che mi canta dalle casse del pc e il cane che spera di uscire per quattro passi e qualche incontro stuzzicante con cagnette in calore!!

Scelgo un dvd … e adesso? Dove lo metto? seee…’na parola!! C’è un scatola sconosciuta di cui non conosco nulla…va be…vedo tv, così dormo…prendo telecomando, schiaccio, prima un tasto poi un altro, insisto…nullaaaaa!!! La pressione comincia a salirmi  e neanche Biagio che canta solo per me riesce ad addolcirmi…chiamo miei figli al cellulare…spiegatemi il mistero “dov’è il tasto per accendere la tv?” ma mammaaaaaa…hai solo sbagliato telecomando!!! Sempre più nervosa, spengo tutto e avvio il pc…almeno quello funziona e leggo il gossip della home di libero…non c’è nulla di più esilarante della home page di libero…forse superato solo il  tg  di Fede….

 

 
 
 

VERGOGNA

Post n°382 pubblicato il 03 Ottobre 2009 da unadonnaperAMICAdgl
 

Camera, passa lo scudo fiscale
Decisive assenze dell'opposizione
Barbato (Idv): "Berlusconi e il Pdl sono mafiosi". E' bagarre. Fini: "Affermazioni gravi"Gravi??? Sono solo affermazioni che aspettano di essere smentire con i fatti….

 

Pensavo che con il lodo Alfano l’Italia aveva già toccato il fondo e più giù di cosi’ non si potesse andare!!!

 

Zzzzz….scudo fiscale!!!! È passato….

 

 Ma come si fa…ma neanche con 40 di febbre potevano assentarsi…dovevano esserci e fare quello che uno si aspetta dall’opposizione. A me che non mastico di politica nulla se non i principi di onestà e trasparenza insegnati da mio padre (povero papà…non ti capaciteresti in ambiente politico simile) mi viene da pensare che a questi imbecilli, ladri, truffatori, disonesti sia stata allungata la mazzetta dall’onnipotente Silvio. Ma è questa la democrazia? E’ questa la nostra povera Italia?

 

Candidati a  non governare!!!! Ma con quale faccia tornate a farvi vedere?Ma che opposizione è la vostra…malati? Di cosa???? A Madrid??a fare che…sarà ben più importante presenziare a una vitazione così importante che poteva mandare in minoranza quella follia che si chiama governo…invece loro sono a Madrid… Influenza??? Ma daiiii….

 

DISONESTI DISONESTI DISONESTI TRUFFATORI

 

 
 
 

Ibiscus

Post n°381 pubblicato il 07 Settembre 2009 da unadonnaperAMICAdgl
Foto di unadonnaperAMICAdgl

ibiscus

ricordo del sole e della Sicilia...nel giardino della mia amica che mi ospitò regalandomi una settimana il cui ricordo mi scalderà nelle giornate uggiose e fredde. Sperando che tenga presente che di proposito lasciai  in Sicilia  asciugamani, i sandali da mare, creme varie...devo ritornarci!!!!

 
 
 
Successivi »
 

ULTIME VISITE AL BLOG

bagninosalinarosintes0Nues.sgimmi42eva_978lumil_0psicologiaforensetrentina5cassetta2Basta_una_scintillaaldo.becceunadonnaperAMICAdglceltico131paperinopa_1974adriana_ar
 

 

GIOCO NARRATIVO

 

 Scrivi un racconto a partire dall'incipit!

 Elenco Partecipanti

Elenco  Racconti

 

 

 

 

 

È men male l'agitarsi nel dubbio, che il riposar nell'errore.
 

A. Manzoni

 

immagine

Perchè ci sia la pace nel mondo, è necessario che le nazioni vivano in pace.

Perchè ci sia la pace fra le nazioni, le città non devono battersi le une contro le altre.

Perchè ci sia pace nelle città, i vicini devono andare d'accordo.

Perchè ci sia pace tra i vicini, è indispensabile che nelle case regni l'armonia.

Perchè nelle case ci sia pace, bisogna trovarla nel proprio cuore.

Lao-tze, VI sec A.C

 

VANTAGGI NOTEVOLI

"...Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile..."

- Woody Allen 

 

Anche quando avremo messo a posto tutte le regole, ne mancherà sempre una: quella che dall'interno della sua coscienza fa obbligo a ogni cittadino di regolarsi secondo le regole.
Indro Montanelli

 

Il male non è che fuori si invecchia, è che molti non rimangono giovani dentro.

Oscar Wilde

 

Là fuori, oltre a ciò che è giusto e a ciò che è sbagliato, esiste un campo immenso...

Ci incontreremo lì...

Mevlana Jelaluddin Rumi, XIII secolo

 

UDINE

La webcam  è posizionata sulla specola del Castello – uno tra i simboli più conosciuti della città – e riprende la centrale Piazza Libertà e la Loggia del Lionello (1448), splendido esempio di gotico veneziano, ora sede del Consiglio Comunale.

 

 

"La dove si danno alle fiamme i libri,

si finisce per bruciare anche gli uomini"

H. Heine

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 40
 

TAG

 

ULTIMI COMMENTI

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

AREA PERSONALE

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

LIGNANO