Blog
Un blog creato da poker_d_assi il 07/08/2006

poker_d_assi

c'e' chi gioca per il piacere di giocare.. c'e' chi gioca nella speranza di vincere.. noi giochiamo per l'ebbrezza di barare.

 
 
 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: poker_d_assi
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 48
Prov: MI
 

NOI

immagine

Poker

immagineDike

immagineAsso

immagineRegina di cuori

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

ULTIME VISITE AL BLOG

morg80ferromimmo1966j.arbrnittuzzobe2406sm52ciro.mambellaMaverickVVFenersalentopablos_19821982jewelartandreanicolagiulianafresbeinimitabile_iocree_77
 

ULTIMI COMMENTI

Scrivo per non dimenticare, non dimenticare tutte quelle...
Inviato da: Nessuno
il 08/04/2014 alle 17:49
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 10:59
 
sekondo me non è plausibile che la mia napoli cambi solo x...
Inviato da: Anonimo
il 13/03/2008 alle 21:17
 
inpossibile
Inviato da: Anonimo
il 13/03/2008 alle 21:12
 
Auguri di un felice, sereno e splendido Natale dal blog...
Inviato da: Anonimo
il 25/12/2007 alle 19:43
 
 

BLOG DEL GIORNO

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Messaggio #116Messaggio #118 »

Br, pronte a colpire ancora.

Post n°117 pubblicato il 13 Febbraio 2007 da poker_d_assi
 
Foto di poker_d_assi

Ieri mi è parso di tornare indietro di quasi trent’anni, quando ai telegiornali non si sentiva parlare d’altro che di Brigate Rosse e del lungo elenco di morti che giorno dopo giorno esse lasciavano sulla loro strada.

Mi è sembrato bruscamente di ricadere nel passato, un passato macchiato “rosso” sangue.

Tutti i telegiornali diffondevano ieri notizie di una operazione antiterrorismo condotta congiuntamente dalle questure di Milano, Padova e Torino, che ha portato all’arresto di 15 persone, accusate di appartenere alle nuove Brigate rosse, ed in particolare- ai sensi dell’art 270 bis del codice penale- di far parte di una associazione eversiva di stampo marxista-leninista con finalità di eversione denominata “Partito Comunista Politico Militare”, che si prefiggeva appunto la creazione di un partito comunista di stampo militare e che, a detta degli inquirenti, si consideravano in guerra contro lo Stato. 

Oltre alle 15 persone arrestate, una delle quali si è dichiarata prigioniero politico, altre 70 sono state indagate. Tutti facevano parte della "seconda posizione" delle Brigate Rosse, quella cd. “movimentista”, formatasi negli anni '80 dalla scissione della prima posizione ed intenzionata a coinvolgere da subito, e non solo in un secondo momento, il popolo nella lotta armata. 

L’operazione portata ieri a compimento dalle forze dell’ordine, fa seguito ad una attività di investigazione durata oltre tre anni, iniziata dal 2004 dalla Ucigos e dalle Digos di Milano, Padova, Torino e Trieste e coordinata dalla procura milanese.

L’operazione di polizia è stata compiuta dopo lunghe intercettazioni e pedinamenti che hanno visto queste nuove cellule eversive intente ad effettuare esercitazioni paramilitari, o impegnate in attività di propaganda nei centri sociali e nelle fabbriche o organizzate per preparare rapine a mano armata per autofinanziarsi, fino ad effettuare propaganda armata che comportava individuazione di obiettivi simbolici da colpire.

Nel mirino delle nuove Br sarebbero finiti alcune persone, sedi  luoghi simbolo: Berlusconi ed una delle sue case milanesi, la  sede di Mediaset a Cologno Monzese, sede dell’Eni a San Donato milanese e il suo dirigente Vito Schirone,la sede di Sky a Cologno Monzese, la sede del quotidiano Libero, l’Economista e giuslavorista Pietro Ichino.

Primi obiettivi degli attacchi, da svolgersi in breve tempo, e che hanno spinto gli inquirenti a dare il via all’operazione era l’effettuazione di una rapina a mano armata a Malpensa ed un attentato alla sede del quotidiano Libero, che i terroristi avrebbero dovuto far saltare in aria prima di Pasqua.

Mi meraviglia scoprire che tra i piani Br resi noti ieri dai magistrati dopo l’analisi del materiale sequestrato, vi fosse anche un attentato alla sede Eni di san donato milanese, attentato da attuarsi con una autobomba. Sappiamo bene che questa tipologia di attentati appartiene al terrorismo islamico. Forse che vi possono essere legami tra i due, considerato che la terrorista Lioce, arrestata negli anni scorsi per gli omicidi dei giuslavoristi Biagi e D’Antona, nei suoi proclami deliranti auspicava possibile una collaborazione tra terrorismo di tipo marxista-leninista e terrorismo islamista?

Mi meraviglia scoprire che tra gli arrestati vi siano 8 esponenti sindacali della Cgil, di cui 5 della Fiom Cgil. E mi sconcerta ancora di più aver letto come certi media abbiano parlato, a proposito di essi, di “ex sindacalisti”, quando, in realtà, essi sono diventati “ex “solo ieri, a causa della sospensione che ha fatto seguito all’operazione di polizia. Con questo non voglio recriminare sul sindacato, ma solo sottolineare la capacità di questi gruppi di infiltrarsi in tessuti sociali idonei a fare adepti.

Mi domando come sia possibile oggi, nel 2007, che si parli ancora di Brigate Rosse e, soprattutto, che vi sia gente disposta a prendere armi ed uccidere in nome di una ideologia?

E’ in momenti come questi che la mia più profonda ammirazione va per le forze dell’ordine e per la magistratura, che hanno dimostrato una abnegazione, una efficienza e una tempestività di agire che mi rassicura come cittadino, perché è riuscita ad impedire che si spargesse altro sangue italiano per una causa ignobile.  

Mi auguro che tutte le forze politiche, le istituzioni e i movimenti sindacali sappiano unire le loro forze, come fecero contro le prime Brigate rosse, per individuare quelle zone grigie in cui l’estremismo politico rischia di degenerare in terrorismo, per dare ai giovani esempi validi di  educazione alla legalità e per combattere questi disperati e marginali epigoni di una ideologia rivoluzionaria malata terminale, per la quale è giunta l’ora di staccare definitivamente la spina.

(Scritto da Dike)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
immagine
 

immagine 

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, tanto è vero che viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non è un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Questo blog costituisce  una sorta di diario personale in cui gli autori, prendendo spunto da argomenti di attualità, politica, cronaca, cultura e quant’altro, tratti da quotidiani o testaste giornalistiche anche online, sviluppano un proprio personale discorso, aprendolo al commento del pubblico.

Chiunque ravvisasse in questo blog del materiale (foto) che ritiene di propria appartenenza è pregato di comunicarlo agli autori, che provvederanno a rimuoverlo immediatamente. 

Questo blog supporta gli utenti anonimi, confidando nell'intelligenza e nella buona educazione del prossimo.

Gli autori richiedono unicamente che vi sia, nei commenti, il massimo rispetto tra gli utenti, al di là di quelle che sono le differnti idee e ideologie.

Sono invece sgraditi coloro che utilizzano un linguaggio irrispettoso, offensivo, ingiurioso e di carattere razzista.

Commenti di tale sorta saranno pertanto rimossi dal blog.

Chi non si riconosce nelle regole minime di correttezza richieste dagli autori è liberissimo di andare altrove.

Tutti gli altri sono benvenuti.

Un saluto a tutti.

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30