Community
 
lo_snorki
   
 
Creato da lo_snorki il 21/01/2005

Snorki sarai tu!

L'Italia non è un paese per onesti ...

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

TAG

 

EDITORIALI ZVEN

 

ZVEN SITE





 

ZVEN LEGGE ...

 
 
Il Manifesto

 

UNA CANZONE PER TE

Caricamento...
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 42
 

ULTIMI COMMENTI

ULTIME VISITE AL BLOG

cinzia230ULTIMA_ECLISSEcile54Whaite_Hazejeremy.pursewardentobias_shufflePersa_nella_Retelo_snorkilisten67psicologiaforensebenedetto38vaniloquiomohamed21deteriora_sequor
 

ZVEN CONSIGLIA ...

Bloguzz
Blogbabel

Quo M&dia Queer Blog 
Una canzone per te Un Posto al Sole Fan Forum

 

ANDREA BOCELLI, LA MADRE, LA LEGGE CHE NON C'ERA

 

SPOT NAPOLI PULITA: UNA FURBATA!

Da qualche giorno in tv gira una pubblicità che ricorda a tutti gli italiani che il governo ha ripulito Napoli e che invita gli stessi a tenerla pulita.

E' chiaro: trattasi di una furbata! Una furbata perchè Napoli non è mai stata ripulita, in quanto mentre hanno provveduto a togliere la sporcizia dal centro, hanno lasciato la periferia invasa dall'immondizia. Una furbata anche perchè mettere questa pubblixcità a poco più di due mesi dalle europee equivale a farsi pubblicità (che come abbiamo detto prima è inveritiera.

Nella prima parte del video sottostante c'è la pubblicità in questione interpretata dall'attrice Elena Russo (raccomandata da Berlusconi come le intercettazioni ci hanno fatto scoprire); poi segue una breve spiegazione della vera situazione del napoletano.

 

3193 280409 BIGNARDI - BRUNETTA

Francamente credevo che con quello che avevo scritto qualche post fa sulla sesta puntata di L'Era glaciale ci chiudere l'argomento. Mi riferisco all'intervista che la Bignardi ha fatto a Brunetta. Ma mi accorgo, invece, che in questi giorni non si fa altro che parlare di questo sia sui giornali, che in internet.

Io la mia l'ho già detta e francamente ho trovato Brunetta molto arrogante e non mi sento di rimproverare alla Bignardi di essere sbottata in più di un occasione. Perchè tutto ciò è umano. Noto invece che mentre chi è a favore della Bignardi argomenta (leggere ad esempio il mio pensiero nei commenti del post in questione); chi è favorevole a Brunetta lo fa d'ufficio in quanto elettore del centro destra. E ci capisce da quello che scrive. Ma l'apice l'ha toccato un signore che evidentemente oltre ad essere elettore del centrodestra è anche fan della Bignardi che ha argomentato che i toni devono essere sveleniti da entrambe le parti e che comunque la Bignardi da un anno a questa parte non è più la stessa. 

Che tristezza! Ecco dove va a finire la libera informazione...

PER COMMENTARE CLICCA QUI

 

REPUBBLICA.IT

Caricamento...
 

FLAG COUNTER

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

La mancanza del vivere civile

Post n°4992 pubblicato il 30 Luglio 2014 da lo_snorki
 

La mancanza del vivere civileE' l'ennesimo post su questo argomento, me ne rendo conto. Ma leggo su fb e sento in giro davvero troppe lamentele su come si comporta la gente e non vedo comportamenti coerenti.

Il concetto che voglio far passare è che ognuno nel piccolo deve comportarsi nel rispetto delle regole e di tutti e non deve inneggiare alla violenza per i comportamenti altrui. Anche perchè è dal non rispetto dei fatti piccoli che la società peggiora facendo accadere i fatti grandi.

Metto due fatti a confronto, apparentemente non collegati e poi vi spiego come dall'uno si guasta la società a tal punto da far accadere l'altro: Una persona sputa a terra; Un uomo 34 enne vaga in un pomeriggio milanese assalendo senza motivo due persone e ammazzandone una.

Vedo quotidianamente gente che sputa a terra, che passa col rosso (anche pedoni). Chi si comporta in questo modo non pensa pensa che sia un comportamento negativo, almeno non quanto lo fanno loro. Poi c'è chi lascia lavatrici in mezzo alla strada (c'è un servizio Amsa ottimo, ma forse per alcuni è troppo fare una telefonata). Tra chi non lo fa leggo che c'è qualcuno che inneggia alla violenza per gente che si comporta così e molti approvano. C'è il mito del farsi giustizia da soli al posto dello Stato inadempiente (come se fosse il sindaco del proprio paese a dirti di sputare a terra o di abbandonare una lavatrice in un giardino). Questo parlare di farsi giustizia da soli diventa un'eco talmente familiare per molti che anche se per i più la protesta rimane solo allo stato orale; c'è sempre qualcuno che prima o poi prende alla lettera. E succede quel tipo di fatti che citavo su in cui qualcuno impazzisce e si mette ad ammazzare a caso.

Quindi nessuna giustificazione dei reati; ma tutti devono guardare al proprio orticello e comportarsi bene nelle piccole e nelle grandi cose e sopratutto non incitare alla violenza.

 
 
 

Stamina, la sperimentazione e i giudici

Post n°4991 pubblicato il 29 Luglio 2014 da lo_snorki
 

Stamina, la sperimentazione e i giudiciUltimamente i giudici cercano di decidere le cure dei pazienti al posto dei medici. E questo è davvero spaventoso. Mi riferiscono in particolare a Stamina, dove nonostante sia stato dimostrato che la cura di Vannoni non funziona ci sono giudici che, su richiesta dei parenti dei malati, ordinano che vengano fatte trasfusioni. Il Ministero della Giustizia ''non ha il potere di intervenire nel merito delle decisioni dell'autorità giudiziaria''. Lo ha detto il ministro Andrea Orlando, in audizione in Senato, in relazione alle ordinanze che autorizzano i trattamenti secondo il metodo Stamina: ''C'e' libertà di interpretazione del giudice'', ha sottolineato. ''Sarà necessario attendere la relazione finale del Comitato scientifico per un inquadramento definitivo'' della vicenda Stamina, ha affermato.

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha già una volta sospesa la cura, poi fatta riavviare dai giudici. E' necessario sentire le valutazioni del secondo comitato scentifico, per dare un giudizio definitivo sulla cura e agire di conseguenza. Secondo il primo comitato la cura era dannosa; ma il loro responso era stato annullato dai giudici perchè giudicati parte in causa con la terapia. Il secondo comitato èformato totalmente da ricercatori che non si sono occupati mai della cura a nessun livello, per la maggior parte stranieri.

Ora se la terapia non funziona potrebbe anche peggiorare la situazione del paziente e a quel punto non ci si potrebbe prendersela con i medici (come in condizioni normali è giusto che sia). Bene che vada si crea un effetto placebo in cui il paziente migliora semplicemente per la positività di chi gli sta attorno; ma quel miglioramento è sempre momentaneo e sopratutto non cura la malattia.

 
 
 

Centenario dallo scoppio della Prima guerra mondiale

Post n°4990 pubblicato il 28 Luglio 2014 da lo_snorki
 

Centenario dallo scoppio della Prima guerra mondiale Quando ero piccolo e fantasticavo su quello che sarebbe successo al centenario di un avvenimento importante (magari proprio come la prima guerra mondiale) mi immaginavo un mondo diverso. Un mondo che avesse imparato dai propri sbagli e che progredisse come civiltà. Invece deve constatare che quello che fino a venticinque anni fa pareva un'irrimediabile cammino verso il benessere e il progresso si è trasformata in una lenta discesa allo sfacelo di tutti i poli e verso un'irrimediabile guerra mondiale. Solo che, per fortuna, per ora non ci capiscono ne i fronti, ne il principio.

La prima guerra mondiale fu un conflitto armato che coinvolse le principali potenze mondiali e molte di quelle minori tra l'estate del 1914 e la fine del 1918. Chiamata inizialmente dai contemporanei "guerra europea", con il coinvolgimento successivo delle colonie dell'Impero britannico e di altri paesi extraeuropei tra cui gli Stati Uniti d'America e l'Impero giapponese, prese il nome di "guerra mondiale" o anche "grande guerra": fu infatti il più grande conflitto armato mai combattuto fino alla seconda guerra mondiale. Il conflitto ebbe inizio il 28 luglio 1914 con la dichiarazione di guerra dell'Impero austro-ungarico al Regno di Serbia in seguito all'assassinio dell'arciduca Francesco Ferdinando d'Asburgo-Este, avvenuto il 28 giugno 1914 a Sarajevo, e si concluse oltre quattro anni dopo, l'11 novembre 1918. A causa del gioco di alleanze formatesi negli ultimi decenni dell'Ottocento, la guerra vide schierarsi le maggiori potenze mondiali, e rispettive colonie, in due blocchi contrapposti: da una parte gli Imperi centrali (Germania, Austria-Ungheria, Impero ottomano) e la Bulgaria (questa dal 1915) e dall'altra le potenze Alleate rappresentate principalmente da Francia, Regno Unito, Impero russo e Italia (questa dal 1915). Oltre 70 milioni di uomini furono mobilitati in tutto il mondo (60 milioni solo in Europa) di cui oltre 9 milioni caddero sui campi di battaglia; si dovettero registrare anche circa 7 milioni di vittime civili, non solo per i diretti effetti delle operazioni di guerra ma anche per le conseguenti carestie ed epidemie. Le prime operazioni militari del conflitto videro la fulminea avanzata dell'esercito tedesco in Belgio, Lussemburgo e nel nord della Francia, azione fermata però dagli anglo-francesi nel corso della prima battaglia della Marna nel settembre 1914; il contemporaneo attacco dei russi da est infranse le speranze della Germania di una guerra breve e vittoriosa, e il conflitto degenerò in una logorante guerra di trincea che si replicò su tutti i fronti e perdurò fino al termine delle ostilità. Man mano che procedeva, la guerra raggiunse una scala mondiale con la partecipazione di molte altre nazioni, come il Regno di Romania e il Regno di Grecia. Determinante per l'esito finale fu nel 1917 l'ingresso degli Stati Uniti d'America a fianco degli Alleati. Diverse altre nazioni si schierarono contro gli Imperi centrali, spesso non entrando nel conflitto armato, ma dispensando importanti aiuti economici. La guerra si concluse definitivamente l'11 novembre 1918 quando la Germania, ultimo degli Imperi centrali a deporre le armi, firmò l'armistizio imposto dagli Alleati. I maggiori imperi esistenti al mondo - tedesco, austro-ungarico, ottomano e russo - si estinsero, generando diversi stati nazionali che ridisegnarono completamente la geografia politica dell'Europa.

Le conseguenze economiche dei trattati di pace per la Germania furono così restrittive che indussero, invece della ricostruzione, un'ulteriore crisi che indeboli la Repubblica di Weimer e facilitò l'avvento del nazismo. Il trattato stabilì una commissione che doveva determinare le esatte dimensioni delle riparazioni che dovevano essere pagate dalla Germania. Nel 1921, questa cifra fu ufficialmente stabilita in 132 miliardi di marchi. I problemi economici che questi pagamenti comportarono sono spesso citati come la principale causa della fine della Repubblica di Weimar e della ascesa di Adolf Hitler, che inevitabilmente portò allo scoppio della seconda guerra mondiale.

 
 
 

Guidi, Renzi e lo sviluppo economico

Post n°4989 pubblicato il 27 Luglio 2014 da lo_snorki
 

Guidi, Renzi e lo sviluppo economicoFederica Guidi ministro dello sviluppo economico in conferenza stampa con Matteo Renzi presidente del Consiglio dei ministri ha annunciato la formazione di 24 contratti di sviluppo per 1,4 miliardi di euro, su cui è stata posta la firma a Palazzo Chigi, "vengono finanziati per 700 milioni con investimenti pubblici, le cui risorse derivano in gran parte dai fondi comunitari: vengono spesi tutti i fondi disponibili". "Questo è un segnale di cosa si può fare con il contributo dello strumento della politica industriale per sostenere le imprese italiane, e anche quelle straniere e ce ne sono tante, che vogliono investire in Italia".

Ecco dunque le cifre: 24 progetti, quasi un miliardo e mezzo di investimenti, 25 mila posti di lavoro, l'80% nelle regioni del Sud, "34 milioni di euro in Campania". I contratti firmati oggi, per il 44% si riferiscono a controllate da gruppi esteri: per Renzi "si tratta di un elemento molto significativo di apertura". A questo proposito, Renzi ha ricordato di aver visto "qualche giorno fa commentatori lamentarsi perché un'importante azienda è stata acquisita da un grande gruppo internazionale, che peraltro è qui: sono gli stessi che lamentavano la scarsità di investimenti stranieri in Italia".

E' la dimostrazione di come questo governo cerchi davvero di far riavviare l'economia e di combattere la disoccupazione. Governare è più difficile di dire sempre che tutto non va bene; ma senza fare mai nessuna proprosta realizzabile ....

 
 
 

Costituente Popolare, nuovo gruppo in parlamento

Post n°4988 pubblicato il 27 Luglio 2014 da lo_snorki
 

Via libera a un gruppone parlamentare centrista che possa raccogliere tutti i parlamentari e senatori del suo partito, dell’Udc e di ciò che resta di Scelta civica e dei Popolari per l’Italia. Gruppone per cui è stato tolto dalla naftalina della Seconda Repubblica il classico nome “Costituente popolare”. Alternativo alla sinistra, distante dal centrodestra di Berlusconi. La notizia sono i veleni che intossicano la nascita del nuovo centrino, che ieri sera ha ottenuto il convinto via libera dell’Udc, nel corso di una riunione ristretta con Cesa, poi messo nero su bianco da Antonio De Poli, vicesegretario vicario dell’Udc in un’intervista al Mattino: “Un solo partito di centro. Alfano il possibile leader”.

 
 
 
Successivi »
 

ESTERI







 

SOCIETÀ











 

GIUSTIZIA







 

POLITICA















 

CONDOGLIANZE








 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: lo_snorki
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 36
Prov: MI
 

BERLUSCONI SU TELEVISIONI E SCUOLE SUPERIORI

Guardate un pò cosa riesce a dire il Berlusconi davanti a un D'Alema e un Rutelli increduli. Per Berlusconi infatti scuole superiori e televisioni (ma non solo) sono in mano alla sinistra ...

Per non dimenticare

 

DEBORA SERRACCHIANI, IL VOLTO NUOVO DEL PD

Debora Serracchiani: trentotto anni, avvocato. E' la giovane che all'assemblea dei circoli del Pd ha scosso con un discorso infuocato i tremila delegati del cosiddetto 'territorio'. 

“Chiedo al mio segretario di dirci convintamente che il cambiamento che abbiamo avvertito da quando ha dato le dimissioni Veltroni non è la paura perché abbiamo toccato il fondo, ma è una strategia, che abbiamo la linea di sintesi”. Altri applausi. “Fino ad ora mai una linea netta, mai una linea unica”, incalza. E le mani dei delegati battono più intensamente.

“E' un errore assoluto quello di aver indicato come capogruppo della commissione Sanità chi non rappresenta l'opinione prevalente del partito”. Franceschini sorride. Non sembra affatto preoccupato. Lei prosegue: “Ne ho per tutti”. “E' intollerabile che dopo aver dato mandato all'allora vice segreterio di chiudere l’accordo sulla legge per le Europee, escano il giorno dopo critiche sul giornale”.

PER COMMENTARE CLICCA QUI

 

2138 11.02.07 IO DI.CO. DI SI!

Dico Pacs. Diritti e doveri delle persone stabilmente conviventi. Il Consiglio dei Ministri ha varato il decreto legislativo sulle coppie di fatto: non più pacs ma dico. Appena sentita la notizia ho pensato: finalmente il governo di centrocentrocentrocentrosinistra ha fatto qualcosa per i diritti civili. Poi mi sono soffermato sulla prima dichiarazione di RutelliRuini: "e' stata una scelta alta di riconciliazione". E mi sono preoccupato.

Di quale alta riconciliazione si tratta?. Via la dichiarazione congiunta. Una dichiarazione disgiunta che neppure il 730...Il convivente ha l'onere di dare comunicazione all'ignaro convivente numero due con raccomandata con ricevuta di ritorno. Il postino vestito in livrea?.

Alta riconciliazione. Successione: 9 anni. Quanto dura un matrimonio moderno?

PER COMMENTARE CLICCA QUI

 

ZVEN SOSTIENE ...

Ti sembrano contro natura?
Fattene una ragione

Silvio c’è… ma a me me lo puppa!
Blog laico!
anti-pedofilia