Dietro l'angolo

Occhi aperti sulla vita quotidiana

 

POESIA

 

SOSTA

Nel tuo vagare
vieni a me
come colui
che sosta
per bere alla mia acqua
come colui
che fugge
disseccata la mia fonte.
Non più mi troverai
nella sosta consueta
a ciglio asciutto
mi allontanerò
non più mi troverai
di me
non berrai neanche
una lacrima.

 

POESIA

LA PAROLA DEL SILENZIO

Ascolta...
Lo senti il silenzio?

E' un brusio compresso di voci
un bisbiglio sommesso che cresce

inquieto ricerca la via

a lungo represso irrompe

sradica gli argini

si fa parola possente

grido

boato
esplosione nella notte quieta

Lo senti ora il mio silenzio?
E' per te.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

La tua voce
corre
sulle altre
confondendole
in un suono
che non potrò
mai più
ascoltare
intento
a difendermi
da te
che dici
di amarmi.

Piero Ciampi

 

WWW.FAMMISCEGLIERE.COM

www.fammiscegliere.com

 

AREA PERSONALE

 

NATALE   di G. Ungaretti

     

Non ho voglia               
di tuffarmi
in un gomitolo
di strade

Ho tanta
stanchezza
sulle spalle

Lasciatemi così
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata

Qui
non si sente
altro
che il caldo buono

Sto
con le quattro
capriole
di fumo
del focolare

Napoli,  26 dicembre 1916

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

FACEBOOK

 
 

POESIE

OMBRA

Da sempre
la mia ombra.
Rifletti di me
la parte oscura
e mi accompagni
senza far rumore.
Nel mio volto
il tuo volto
come uno specchio antico
appeso al muro.
Sei l`ombra del mio passato
sempre presente
/da sempre/
la mia ombra

VANESSA VALLASCAS

 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 

 

« IN CONFIDENZA, SOTTOVOCE...SETTIMANA BIANCA »

GIOCO LETTERARIO: INCIPIT

Post n°77 pubblicato il 04 Febbraio 2009 da Tesi89
 

Questo post partecipa al gioco letterario "Incipit" promosso da WRITER.

LA VACANZA PIU' BELLA DELLA SUA VITA   


Era una magnifica giornata, tiepida e trasparente. Le montagne formavano un semicerchio di vette innevate e sembravano così vicine da poterle toccare allungando un braccio. Le otto del mattino. Pareva impossibile che avesse potuto rovinarsi in quel modo la sera prima, quella vacanza da sogno...
La ragazzina alzò lo sguardo al cielo terso e senza nuvole e respirò profondamente l'aria frizzante, ancora incredula...Chiuse gli occhi: adesso che il peggio era passato non aveva più il terrore di ricordare, solo un forte senso di apprensione, misto a rabbia e disgusto, che le fecero accelerare all'istante i battiti del cuore.
Quando era partita per quella inaspettata vacanza in montagna, ospite di una amica molto più abbiente di lei, le era sembrato di avere il mondo in mano, di poter abbracciare quelle vette immacolate mai viste prima. Nella sua breve vita di sedicenne le vacanze avevano avuto poco spazio: la famiglia era modesta, non poteva offrirle nient'altro che una settimana al mare nella solita pensioncina un po' squallida, finché non era giunto quell'invito che l'aveva catapultata nel mondo dorato dei ricchi. Ricchi davvero, non semplicemente benestanti. La villa dei suoi ospiti era magnifica, niente da invidiare a quelle fotografate nelle riviste di arredamento: bianca, con il tetto spiovente, un grande giardino e la piscina coperta con l'acqua azzurrina tiepida e rilassante...un sogno!
Lei era piccola e minuta, per niente appariscente, capelli castani lunghi e due splendidi occhi azzurri, la sua vera bellezza. I genitori dell'amica l'avevano presa a benvolere: era tranquilla, educata, sempre pronta ad entusiasmarsi per ogni novità.
La settimana era scivolata via in un lampo, fra gite in montagna, passeggiate in paese a rovistare fra i negozietti caratteristici, cene in pizzeria e serate in discoteca con l'amica e la sua compagnia, fino alla sera prima...Erano andati tutti insieme al cinema e poi al pub, un gruppetto di adolescenti senza altro pensiero che quello di divertirsi. L'amica aveva un ragazzo, un diciottenne alto, magro e vagamente scontroso, con cui non vedeva l'ora di restare da sola e lei, felice di aiutare chi le aveva regalato la vacanza più bella della sua vita, non si era fatta pregare a rincasare per conto suo.
Appena entrata nell'atrio, si era accorta subito che qualcosa non andava: dal soggiorno illuminato arrivava una musica a volume altissimo, insolita per l'ora. Si era affacciata stupita sulla porta e aveva visto la stanza in disordine, bottiglie vuote rovesciate sul pavimento, un forte odore di alcool intorno...e il padre della sua amica, il gentile ospite, ubriaco fradicio che la fissava stravolto con un bicchiere in mano e lo sguardo vacuo, annebbiato:  aveva capito troppo tardi di essere in trappola. Poi tutto era precipitato: le mani dell'uomo su di lei scaraventata sul divano bianco di design, l'urlo di terrore che le moriva in gola, voleva gridare e non le riusciva, voleva dibattersi ma era paralizzata, perché tutto questo doveva accadere proprio a lei, chiuse gli occhi...E improvvisamente due mani soccorrevoli, miracolose, le avevano tolto di dosso quel corpo, l'avevano sollevata, riconosceva l'autista tuttofare della villa, con il cuore in gola era riuscita a voltare la testa e aveva visto gli occhi sbarrati dell'amica,impietrita sulla porta, che la guardavano, le mani sulla bocca... Entrambe unite da un unico grido senza voce.
Aveva passato il resto della notte insonne, fra le braccia materne della moglie dell'autista, cullata e protetta come una bambina. Poi la madre dell'amica era andata da lei, voleva spiegare...piangeva, la supplicava: la sera prima lei e il marito avevano litigato e se n'era andata, lui aveva bevuto troppo e aveva perso la testa, ma non voleva farle davvero del male...per amore dell'amica non lo denunciasse, tutti avrebbero saputo e sarebbe stata la loro rovina...se avesse tenuto nascosto l'accaduto l'avrebbero subito fatta riaccompagnare a casa, suo marito non l'avrebbe più infastidita, lo giurava, non l'avrebbe rivisto mai più...Lei ascoltava e intanto continuava a vedere gli occhi sbarrati dell'amica e poteva sentire il suo grido senza voce. Era una ragazzina di sedici anni, voleva soltanto tornare alla sicurezza  della sua famiglia e dimenticare: aveva accettato.
Dal piazzale della villa guardò un'ultima volta le montagne innevate, simbolo di libertà e di grandezza. Lei era diventata grande in una sola notte, ma non libera come avrebbe voluto. L'autista, premuroso, si avvicinò: se era pronta, potevano partire...entro poche ore sarebbe tornata a casa, alla vita di sempre, come se niente fosse accaduto. Il cielo era ancora così terso che abbagliava gli occhi, l'aria talmente  tiepida: non sembrava vero, pareva impossibile che tutto avesse potuto rovinarsi in quel modo la sera prima, doveva essere la vacanza più bella della sua vita...Rialzò di scatto la testa, salì in auto e chiuse lo sportello.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: Tesi89
Data di creazione: 31/12/2007
 

POESIE

LA MEMORIA IN LONTANANZA

Quello che senti è il silenzio dei morti
la memoria non inganna taci
sei tu che resti
il tempo dilaga e ci abbatte
quadri libri le tue vesti
quello che resta è il dolore dei vivi
il mio il tuo
devi scavare i giorni e non batte
a nessuna porta il triste scandire di lancette/
La memoria non inganna vedi
non è più di chi è già andato
né fiori né frutti
si rigenerano perpetui all'apparenza
è tutto un inganno a cui crediamo
senza appesantirci dentro
stagioni e uomini desideri e attimi
Scorre leggera adesso questa penna
scartando e levigando i solchi di parole
i muti pensieri
gli amori già passati
un giorno nuovo divenuto ieri
In lontananza i giorni stanno svegli

GIULIO MAFFII

(da "Equinozio di girasoli")

 

SUPERBA è LA NOTTE

La cosa più superba è la notte /                                                                                       quando cadono gli ultimi spaventi /                                                                                           e l'anima si getta nell'avventura. /                                                                                        Lui tace nel tuo grembo /                                                                                                   come riassorbito dal sangue   /                                                                                             che finalmente si colora di Dio   /                                                                                             e tu preghi che taccia per sempre  /                                                                                       per non sentirlo come un rigoglio fisso  /                                                                                 fin dentro le pareti./

             Alda Merini

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lunetta_08Crepuscolandoalcisonamanuserenadiogene51mariagaspar00silvy844albertozeistreghe_1965karin_nilssonelenaz24MrBaro4bvbtendeefisia.bianchiMARIONeDAMIEL
 

ULTIMI COMMENTI

Racconto molto bello . Realtà composta di abitudine , noia...
Inviato da: RavvedutiIn2
il 06/04/2015 alle 18:48
 
Grazie Renata, solo una visitina ogni tanto ormai...
Inviato da: Tesi89
il 23/03/2015 alle 15:02
 
BENTORNATA!
Inviato da: atapo
il 05/02/2015 alle 23:00
 
Buon tutto a te anche qui,nonostante il ritardo :)
Inviato da: Tesi89
il 21/01/2014 alle 18:20
 
Grazie Giancarlo, scusa ma leggo solo ora! Come hai visto...
Inviato da: Tesi89
il 21/01/2014 alle 16:45
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Attenzione :  ricordiamoci tutte che per sconfiggere il tumore al seno la prevenzione è l'arma più importante che abbiamo! Può salvarci la vita...
 
Sento d'amarti e non t'amo                                                                                    quando  mi parli del tuo mondo                                                                                        e io non ci sono

Sento di volerti e non ti voglio                                                                                  quando il  tuo tempo scorre lontano                                                                                 e sempre non ci sono

Sento di odiarti e non ti odio                                                                                   quando ti affanni ad amarmi                                                                                            e non m'ami

Ma sempre                                                                                                                   che t'ami o non t'ami                                                                                           continuo a pensarti.