Blog
Un blog creato da Ampere73 il 08/04/2007

La Mucca Mediana

chi legge è scemo...chi scrive lo è di più :-)

 
 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

TAG

 

 

« SummerTime.......Da Leopardi a Vasco... »

Lost in the Murgia....

Post n°54 pubblicato il 23 Agosto 2007 da Ampere73
 

Eravamo in tre, la mucca, il porcellino ed il bue, tutta la redazione di Mucca Mediana al completo, a bordo di una automobile prestante, muniti di macchina fotografica, cellulari e GPS.

Ore 15:00, appuntamento. Ci imbarchiamo, direzione alta murgia, Poggiorsini. Il GPS impostato sul mutismo totale, il bue esige di sentire la voce suadente dell'apparecchio, ma il porcellino non lo ascolta, dice di conoscere quelle strade a memoria (dice lui ).

Primo viottolo, strada asfaltata, poi diventa gradualmente brecciolina, poi terreno con in mezzo una alta striscia di erba che stridula sotto la povera automobile, poi le due strisce cominciano anche loro ad inverdirsi. Da strada si passa ad abbozzo di strada, a percorso appena accennato, ed infine il viottolo inesorabilmente muore.

Ma il porcellino non si abbatte
...riprende l'asfalto ancora più determinato di prima, accelera, curva veloce (il bue quasi vomita). Costeggiamo un boschetto mangiucchiato da un recente incendio e poi la polveriera che è vietato anche solo pensare di guardare, e poi ci si apre davanti uno spettacolo di orizzonte. Alla mia sinistra Castel del Monte, di fronte si scorge appena il mare e le città costiere. Il porcellino giura di vedere Barletta e Trani.......


Secondo viottolo, asfalto, erba, accenno di strada. Intorno a noi la murgia spietrata (pazzia passata di cui parlare in altro post). Costruzione abbandonate, pali dell'ENEL ormai dismessi, nessuna presenza umana. La strada termina, l'obiettivo è li davanti a noi 400 metri, ma nessuna strada, solo campi. Per il GPS è una zona inesistente, per i cellulari non c'è segnale...................




Le pale eoliche si ergono e quasi toccano il cielo, il vento soffia fortissimo alzando terra e polvere. Il porcellino orgoglioso si rimette in macchina, attraversa il campo senza strada, si ferma, sposta alcuni enormi massi, si fa strada.




L'auto si arrampica su un piccolo dosso, in lontananza la brecciolina di un altro viottolo, nostra ancora di salvezza. "Se arriviamo li, una stradina per andarce la troviamo" esclama il porcellino. Forti di questa certezza, continua.......l'ombra delle pale copre la macchina, che finalmente tocca una superficie praticabile a lei più famigliare. Siamo arrivati.





Cosa siamo venuti a fare e cosa abbiamo fotografato e filmato?
Seguite la puntata successiva.......
a presto..........

 
 
 
Vai alla Home Page del blog