Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Bright Star - Film in dvdIl virus dell'odio - Da... »

Criminali scrittori di lettere

Post n°683 pubblicato il 13 Ottobre 2011 da bluewillow
 

Ultimamente devo scrivere parecchie raccomandate. Se non lo sapete (ma ne dubito fortemente), per inviare raccomandate con ricevuta di ritorno si devono chiedere una specie di modulo autocalcante ed una cartolina.
Siccome le raccomandate costano quasi come il peso in oro dei suddetti moduli e cartolina (se va bene 3,90€, se no anche 5€ se la lettera inviata nel complesso supera i 20 g), e per riempirli ci vuole un certo tempo, ho avuto l'ardire di chiedere ben 10 moduli e cartoline, pensando che con quello che avrebbero guadagnato con la spesa di sola carta straccia, gli impiegati delle poste non avrebbero certo lesinato nel darmene. Ci tengo a precisare che mi servivano tutti, anche se di solito non mi capita mai di dover spedire tante lettere tutte insieme.
Non lo avessi mai fatto!

L'impiegato mi ha guardato come se avessi insultato sua madre, avessi offeso il suo onore personale e l'avessi preso a schiaffi di fronte a tutti.
 Prendendo un forte respiro e trattenendo a stento la rabbia, ha scandito un secco: "NO!".
"Come no?" ho pensato. "Forse non li hanno", mi sono detta, a volte capita.
Ma lui non mi ha dato il tempo di ribattere nulla ha solo iniziato a ripetere a raffica "NO, solo cinque più cinque. Io posso dargliene solo cinque più cinque, questa è la regola. Mai più di cinque più cinque", etc. etc. Così in loop per un po', come un mantra, ma senza aver alcun effetto pacificatorio come accade di solito per le cose dette in maniera ripetitiva. Anzi il volto ha cominciato anche diventargli un po' rosso, mentre il tono saliva e tutto l'ufficio postale si voltava nella sua (e mia) direzione; ho temuto (o dovrei dire sperato) stesse per prendergli un colpo.
Tuttavia, ammetto che in quel momento non riuscivo a preoccuparmi troppo per la salute dell'impiegato, ma un pensiero mi stava torturando "Ne ho chieste 10, ma mi ha detto che può darmene solo cinque più cinque. Ma cinque più cinque...non fa dieci?".
Comunque, intuendo forse la mia confusione, non avendo più parole sufficienti per esprimere la propria indignazione, l'impiegato ha preso una cedola e ha detto "Cinque", poi ha alzato una cartolina e ha aggiunto "Più cinque", poi ha proseguito "Solo cinque più cinque, non di più, questa roba costa, si paga, solo cinque più cinque", etc. etc.
Al che, intuendo finalmente il senso del discorso, mi sono girata indicando la persona dietro di me, che mi aveva accompagnata alle poste, e ho detto all'impiegato "Allora ne dia cinque me e cinque a lei".
Si è zittito subito. Ha scosso un po' la testa, come per fare entrare il nuovo concetto attraverso le orecchie, e poi mi ha detto "Va bene".
Ho così ottenuto i dieci moduli per raccomandata con ricevuta di ritorno.
Tutto ciò ha una morale profonda: ho imparato che non bisogna mai dare per scontato niente, nemmeno che alle poste la gente possa spedire delle lettere, nemmeno pagandole come se fossero libri, le poste non stanno lì per spedire delle lettere, ma per conservare i preziosi moduli per raccomandata con ricevuta di ritorno. Questo mi rende chiaro perché la mia posta sia sempre in ritardo: il servizio postale è puramente accessorio alla conservazione e venerazione dei moduli.
Conquistare i moduli richiede impegno, tenacia e soprattutto capacità nelle relazioni sociali, perché più amici hai, più moduli potrai avere. Non bisogna credere che si possano avere i moduli semplicemente chiedendoli, in maniera sfacciata: è un insulto a tutti coloro che lottano e faticano per arrivare a conquistarli.
Inoltre ho ancora una volta capito quanto sia importante avere amici fidati. E' per questo che qualunque eroe di romanzo fantasy non parte mai per la propria avventura da solo, ma ha sempre un compagno di avventure: la spalla dell'eroe è fondamentale per combattere nemici pericolosi, per procacciarsi il cibo, per condividere gioie e difficoltà, ma soprattutto è indispensabile nel caso si debbano mandare lettere a casa!

Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
demian il 14/10/11 alle 08:10 via WEB
delizioso il modo in cui hai raccontato questa tua vicessitudine, mi hai anche fatto venire in mento il "castello" di kafka. un saluto demian
 
 
bluewillow
bluewillow il 14/10/11 alle 11:13 via WEB
Ciao Demian :), temo che tutto il sistema postale italiano sia molto kafkiano :)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
manu il 17/10/11 alle 10:22 via WEB
Ahaha! Mitica! Mi hai fatto venire in mente quando litigavo con l'edicolante vicino casa dei miei perché non mi voleva mai vendere piu' di 2 biglietti (andata e ritorno) per l'autobus. Era davvero incredibile... Voleva tenerli per il vicinato forse, non lo so, non me li voleva dare, anche se lo assicuravo che li avrei pagati in contanti e subito... Che cose strane in Italia davvero...
 
 
bluewillow
bluewillow il 17/10/11 alle 13:39 via WEB
Sì, purtroppo il difetto di questo paese è che chi ha il minimo potere, anche il più insignificante, cerca sempre in qualche modo di approfittarsene, anche solo per scaricare le proprie frustrazioni.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.