Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Ralph Spaccatutto - Film...Mi ricordo di te – Yrsa... »

Un passato imperfetto - Julian Fellowes

Post n°1111 pubblicato il 06 Agosto 2013 da bluewillow
 

Titolo: Un passato imperfetto Titolo originale: Past Imperfect Autore: Julian Fellowes Traduzione: Massimo Ortelio Casa editrice: Beat pag: 462

Dopo il riuscito “Snob” (recensito qui) che raccontava l'accidentata ascesa di una ragazza borghese nel mondo aristocratico britannico negli anni '90, Julian Fellowes si rituffa ancora una volta nel dorato universo dell'upper class inglese, questa volta per raccontare gli ultimi fuochi della “stagione”, cioè l'alternanza di balli e feste varie che consentiva a ragazzi e ragazze di alti natali di conoscersi e formare nuove coppie, una usanza ufficialmente decaduta dopo l'abolizione della presentazione a corte, ma in realtà, secondo l'autore, proseguita per almeno altri trenta anni.
In una narrazione che alterna un passato alla fine degli anni '60 ed un presente negli anni duemila, Fellowes, che da giovane partecipò davvero agli eventi che racconta, ricorda attraverso un narratore che rimane anonimo, ma gli assomiglia tantissimo (ha perfino un padre ex-diplomatico esattamente come lo scrittore), quel momento di cambiamento epocale attraverso la rievocazione di una delle usanze più conservatrici dell'epoca.
La voce narrante, uno scrittore di circa sessanta anni, viene convocato da un vecchio amico/nemico, Damian Baxter, un uomo diventato ricchissimo partendo dal nulla, ma ormai prossimo alla morte, che ha bisogno di chiedergli un grande favore. Damian è il classico rappresentante della nuova classe che ha spazzato la vecchia aristocrazia dal suo predominio, ma in gioventù, grazie all'aiuto del narratore, era riuscito ad introdursi nella “stagione” del 1968, venendo preso dalla gran parte dei giovani che la frequentavano per una specie di arrampicatore sociale, ma con un certo charme.
Damian non ha mai avuto figli, ma a causa di una lettera anonima che ha ricevuto crede che una delle ragazze con cui ha avuto una relazione in quel breve periodo della sua vita possa averne avuto uno che è segretamente suo.
L'incarico che il narratore riceve è quello di indagare su chi sia l'autrice della lettera, grazie al fatto di essere stato amico di tutte le possibile “candidate”, tutte frequentate durante la fatidica stagione del '68.
Benché abbia non pochi motivi di risentimento verso Damian (per tutto il volume leggeremo di una fatale cena a Estoril, in Portogallo, che ha posto fine alla loro amicizia), il narratore, impietosito dalla fine del suo vecchio antagonista, accetta.
Inizia così una rievocazione dettagliatissima della passata gioventù, mentre una dopo l'altra il narratore incontra e “intervista” le giovani di un tempo, ormai donne sessantenni come l'autore/voce narrante, per scoprire cosa ne è stato della loro vita e se i loro figli non possano essere i candidati ad  ereditare una fortuna favolosa.
Fellowes ci racconta, come tutti coloro che rievocano una giovinezza relegata ad un lontano passato, di un mondo rimpianto e rivissuto con grande nostalgia, ma nel quale attraverso la superficie dorata già si vedono le crepe che lo porteranno ad essere distrutto, preannunciando la rivoluzione successiva dei costumi.
Come ho già letto anche in altri libri, anche Fellowes sostiene che gran parte dei valori rivoluzionari attribuiti agli anni '60, appartennero in realtà molto più ai giovani dei '70.
Quello che Fellowes descrive quindi non è un mondo di sesso, droga e rock'n roll, ma piuttosto quello di giovani che ancora vivevano ancora secondo valori tradizionali e molto rigidi, cercando di non allontanarsi mai troppo dal sentiero tracciato per loro dai propri genitori: una soluzione che nella gran parte dei casi non garantisce loro, nel futuro che Fellowes già conosce, alcuna felicità.
L'incontro con le amiche di un tempo è infatti una carrellata di matrimoni infelici e storie di fallimenti personali: a confronto, impietosamente, ci sono tutte le speranze del passato pieno di promesse e un presente spesso desolante.
Anche lo stesso narratore sarà costretto a fare i conti con sé stesso e con quanto il presente gli ha dato rispetto a quanto si aspettava, nonché a ricordare dolorosamente un amore non corrisposto, quello per la bella Serena Gresham, adorata  in gioventù e, guarda caso, invaghita proprio di quel Damian Baxter che lo ha incaricato delle sue indagini.
Fellowes non lascia niente al caso o alla vaghezza: la stagione del '68 viene rievocata in ogni più piccolo dettaglio (dalle tartine, agli arredi, alle mensole più o meno graziose, il numero di particolari è a volte stordente). Cambiano i nomi, ma secondo questa intervista rilasciata dall'autore, sembra che le feste raccontate e i personaggi siano tutti ispirati a persone e fatti realmente avvenuti, a parte ovviamente quanto appartiene esclusivamente al romanzesco (cioè l'incarico ricevuto dallo scrittore e ciò che ne consegue).
La narrazione di Fellowes è come al solito affascinante e rende credibile anche l'improbabile eventualità che tutte le donne su cui “indaga” siano di lingua così sciolta da mettersi a discutere sulla paternità dei propri figli con disinvoltura. Naturalmente più che il mistero legato al presente, la  parte più interessante del romanzo è la rievocazione storica del passato per la quale la mano di Fellowes (che non per nulla è anche lo sceneggiatore della serie televisiva di successo “Downton Abbey”, sulla nobiltà del primo '900) è quanto mai felice. La ricerca dell' “erede perduto” ha forse invece del fiabesco, ma è anche vero che non è la parte sostanziale del volume.
Se volete sapere come fu la “stagione” del '68 per i giovani rampolli inglesi, fra party e corse ad Ascot, dubito troverete resoconto più dettagliato: in effetti a volte i particolari sono così tanti da essere quasi eccessivi e da far dubitare possano mai essere frutto di una memoria che rievoca un tempo relegato a quaranta anni prima (ma chi si ricorderebbe le forme delle tartine e i decori di un tavolo dopo tanto tempo?).
Interessante è sicuramente il confronto fra passato e presente secondo Julian Fellowes: fra un mondo anni '60 ancora ingenuo, in cui nessuno chiudeva la porta a chiave (ma sarà stato vero? Io ne dubito sempre), si beveva con moderazione e magari si poteva fare con tranquillità una passeggiata a Londra senza temere per la vita anche a notte fonda, ed un mondo moderno che invece è tutto meno che ingenuo, moderato e sicuro.

Di Julian Fellowes ho recensito anche:

Snob

Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Ludo il 07/08/13 alle 10:52 via WEB
Julian Fellowes sì, Julian Fellowes no? Riguardo a Fellowes non riesco a decidermi. Diverse persone stanno parlando positivamente di questo romazo... Hai preferito più questo o Snob?
 
 
bluewillow
bluewillow il 07/08/13 alle 11:09 via WEB
Bella domanda! :) Non lo so, hanno molte cose in comune, mi sembrano del tutto equivalenti, raccontano tutti e due dell'aristocrazia inglese in maniera molto cinica e a tratti ironica, però quest'ultimo ha degli elementi marcatamente autobiografici e si rifà ad eventi realmente accaduti nel passato. "Snob" ha secondo me uno stile migliore, mentre "Un passato imperfetto" racconta cose forse più interessanti. Siccome lo scrittore racconta cose a cui ha assistito in "Un passato imperfetto", ha forse ecceduto nel tentare di raccontare ogni più minimo dettaglio e nel continuo confronto fra passato e presente, come se avesse quasi intenzioni documentaristiche. Questo certamente rende bene l'immagine del passato, ma al contempo appesantisce un po' la narrazione. Però in "Un passato imperfetto" ci sono più scene divertenti. Forse preferisco "Un passato imperfetto", ma proprio di pochissimo :)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.