Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« La congiura della faccina :)Il medico di corte – Pe... »

Cap.9 - Invidia

Post n°208 pubblicato il 11 Dicembre 2006 da bluewillow
 

Inghilterra meridionale XVI secolo

La donna si rialzò a fatica dal terreno ricoperto di foglie. I vestiti erano laceri e sporchi: ormai correva da almeno un paio d'ore attraverso il bosco, nel tentativo si sfuggire agli inseguitori. Da lontano poteva udire i cani abbaiare freneticamente e ,dal punto rialzato in cui si trovava, riusciva a scorgere il riflesso degli ultimi raggi di sole baluginare sulle armi dei soldati. Era il crepuscolo ed una luce dorata serpeggiava attraverso i rami, ma ben presto sarebbe stato buio; allora orientarsi sarebbe stato ancora più difficile. Meredith si fece forza: poteva sentire il cuore pulsare direttamente nelle orecchie, il rumore affannoso del respiro le impediva persino di udire i propri passi, ma non poteva arrendersi. Il campanile era vicino. Doveva arrivare prima di Selina, prima che chiunque la trovasse. Il libro per il quale era stata condannata per stregoneria era misteriosamente scomparso.
C'era forse bisogno di un'altra prova della colpevolezza di quella fanciulla ribelle che osava leggere e scrivere? Così avevano tuonato i suoi accusatori. Solo il rogo, solo il fuoco purificatore avrebbe estirpato il male che quella donna portava in corpo. Essa rifiutava di confessare, ma gli inquisitori avrebbero riportato l'ordine. Selina aveva pianto in tribunale.
“Meredith, ti prego confessa! Rinnega il demonio”! Dì loro dov'è quel libro, ti prego!” Le sue urla avevano riempito tutta l'aula. La donna era poi svenuta, tra le braccia di Mr. Blanche, il padre di Meredith.
Le due ragazze erano cresciute insieme. Selina era la figlia della sorella di Mr. Blanche e quindi cugina di Meredith. Rimasta orfana a soli cinque anni, a causa di un incendio che aveva distrutto la sua casa e ucciso tutta la sua famiglia, era stata accolta in casa degli zii, ricchi ed eccentrici mercanti, che avevano voluto che le due ragazze ricevessero una istruzione superiore; usanza certamente insolita per quei tempi.
Meredith ripensò con rabbia al momento in cui l'avevano trascinata via in catene, allo sguardo ipocrita di Selina, così pronta a simulare dolore, al momento in cui le si era avvicinata, con il volto pressato contro il suo, come per darle un bacio d'addio: “ Confessa, idiota! Dimmi dov'è quello stupido manoscritto o sarò io stessa ad appiccare il fuoco che ti brucerà viva” le aveva mormorato all'orecchio stringendole il braccio. Meredith l'aveva scostata con foga e le aveva sputato in faccia: “Mai, preferisco morire”.  Selina si era profusa in lacrime accasciata sul pavimento “Povera, povera Meredith, cosa ti è successo!?” aveva proclamato con voce affranta dalla commozione, ma i suoi occhi , si quegli occhi un tempo così limpidi, ridevano e bruciavano d'odio allo stesso tempo, fissi in quelli della cugina, portata via a forza dalle guardie.
“Selina, perché?” si chiedeva ancora una volta Meredith mentre fuggiva. Ma la risposta era facile: il potere. Le due ragazze avevano da sempre amato appassionatamente lo studio. La casa dei Blanche traboccava di libri, piuttosto che di begli abiti, pizzi o merletti. In quella dimora di mercanti si sarebbero potuti trovare i più strani testi mai scritti da alchimisti, astronomi e matematici. Meredith dedicava intere giornate unicamente  allo studio, formulando strane teorie che annotava regolarmente su fogli che faceva poi rilegare. Un giorno di un paio di anni prima, Mr. Blanche aveva riportato da uno dei suoi viaggi uno strano libro, semisdrucito e parzialmente cancellato. Lo aveva acquistato insieme ad altri tomi di maggior pregio: il venditore si era rifiutato di vendere solo i pochi volumi di valore che possedeva e aveva preteso che il mercante comprasse in blocco tutti quelli che possedeva.
Meredith aveva iniziato  a leggere il libretto con noncuranza, ma ben presto si era resa conto che conteneva teorie straordinarie. Aveva cominciato a passare intere giornate leggendo e rileggendo il manoscritto, annotando fogli, facendo strani calcoli, realizzando disegni sempre più complicati. In quei giorni aveva trascurato la propria famiglia e Selina,  ma tutti sapevano che la giovane Miss Blanche aveva di questi entusiasmi per libri, di cui poi dichiarava, dopo averli studiati a fondo, l'assoluta inutilità.
Man mano che il tempo passava Meredith assumeva un'aria sempre più spiritata, divenendo  ogni giorno più magra, mentre nel suo sguardo brillava  una nuova, insolita luce. Selina aveva intuito che c'era qualcosa di diverso rispetto al passato nell'euforia della cugina, ma non avendo idea di che cosa si trattasse,  ne aveva chiesto lumi.
Selina, l' unica confidente, la migliore amica di Meredith.
La giovane non aveva altri a cui confidare le proprie scoperte: rivelò quindi alla ragazza ogni particolare, ogni dettaglio, convinta che avrebbe condiviso il suo entusiasmo per la incredibile rivelazione che le avrebbe fatto.
Ma Selina aveva  intravisto possibilità completamente differenti nelle rivelazioni di Meredith. Un potere comporta sempre una scelta fra due estremi: può essere usato per il bene o per il male. Selina non si pose interrogativi etici: pensò unicamente di usarlo a proprio vantaggio.
Ormai era calata la notte e l'aria era divenuta gelida. Meredith si avvicinò furtivamente al campanile. Gli inseguitori continuavano le proprie ricerche nel bosco, poco distante . La donna si avvicinò furtivamente alla costruzione. Si trattava di  un nascondiglio quanto mai sicuro: una chiesa sarebbe stato  l'ultimo posto dove qualcuno avrebbe pensato di cercare il manoscritto di una strega. La ragazza cercò qualcosa sotto una pietra nei pressi dell'entrata e tirò un sospiro di sollievo: la chiave che vi aveva celato era ancora al suo posto. Poi aprì rapidamente la serratura ed entrò, ma prima volse un ultimo sguardo all'esterno. Lontano, al limite estremo del cerchio di luce disegnato dalla luna, nel cortile della chiesa, c'era un ombra. Avanzava lentamente, ma infine fu perfettamente visibile: Selina, avvolta nel suo mantello, la stava osservando. Era sola. Forse l'aveva seguita tutto il tempo. Meredith si precipitò su per le scale della torre, immediatamente inseguita dalla rivale, che sembrava più in forze e ben determinata a fermare la cugina. Nessuna delle due aveva gridato o proferito parola. Meredith pensò che anche la sua nemica non volesse essere scoperta : sarebbe stata ben difficile spiegare la sua presenza in  quel posto, a quell'ora, mentre metà del paese stava inseguendo la condannata a morte. Forse voleva solo il libro...o forse..
No, Meredith non mentì a sé stessa: voleva ucciderla, quello sguardo non lasciava dubbi, voleva il potere tutto per sé. Non sarebbe giunta a denunciarla altrimenti. Non sarebbe arrivata a tanto.
Le due donne correvano stremate lungo la tortuosa scala a chiocciola, che sembrava snodarsi infinita. Si sentiva solo il rumore dei passi e il respiro rabbioso di entrambe. Meredith perdeva sempre più il proprio vantaggio. Giunta in cima divelse alcune assi con tutta la forza che le restava, mentre Selina si faceva sempre più vicina ed infine le fu addosso, proprio nel momento in cui stringeva il libro a sé. Le due donne lottarono furiosamente contendendosi il prezioso volume.
“Lascialo Meredith, arrenditi! Sai che sono più forte” disse Selina “Vinceremo noi, non ha senso la tua lotta, sai come finirà tutto”
“Ti sbagli, tu sei diventata pazza Selina, pazza. Sei stata ingannata da quell'essere, sei diventata una larva, non sei più tu”. Selina divenne furibonda  e tenendo il libro con tutte le proprie forze, caricò contro Meredith per spingerla a sbilanciarsi, sul bordo della ampia apertura della torre.. Ma calcolò male le distanze , urtò la corda delle campane con forza e finì invece lei stessa sul bordo pericoloso del campanile, trattenuta dal cadere solo dal libro che stringeva.  Il corpo sporgeva per metà sullo strapiombo del cortile, mentre un cupo rintocco risuonava nell'aria: il manoscritto di Meredith, aperto a metà, era conteso dalle due donne. Selina guardò Meredith, come per implorarla: “Aiutami!”, ma in quel momento il libro si spezzò in due e la donna precipitò dalla torre, nel buio. Il frastuono delle campane aveva messo in allarme la gente nelle abitazioni circostanti. Dall'alto  Meredith vide alcune fiaccole avvicinarsi alla Chiesa. Ben presto il punto in cui Selina avrebbe dovuto trovarsi fu chiaramente illuminato: non c'era alcuna traccia della ragazza, né del libro. Meredith strinse a sé la parte di manoscritto rimasta e si concentrò intensamente, divenne sempre più evanescente ed infine scomparve. Un gruppo di uomini risalì le scale a chiocciola per appurare quanto fosse accaduto, ma giunti in cima non trovarono nulla, anche se le campane continuavano ad ondeggiare, come scosse da un vento soprannaturale


Loach Castle, Scozia, Ottobre 2006

“Quindi Luke, in realtà questo quadro è una allegoria. La donna bionda rappresentata sullo sfondo, che guarda Meredith in primo piano, rappresenta l'invidia, mentre invece...” Maggie si interruppe.
“Luke mi stai ascoltando?”
Luke Sarton si riscosse dal sogno ad occhi aperti, nel quale era precipitato. Aveva la sensazione di avere ascoltato la giovane proprietaria di Loach Castle, ma anche di avere assistito a qualcosa di completamente differente. . Aveva visto ancora una volta Meredith e con lei Selina, in un posto e  in un tempo completamente differenti. Una storia segreta narrata dal quadro che le rappresentava entrambe.
Si sentì stordito. “Sono stanco” disse. “Ora vorrei ritirarmi nella mia stanza “ aggiunse in fretta e se ne andò via bruscamente, lasciando stupita la ragazza.

[Continua...]

Cap.1 -Una lettera
Cap.2 -Il manoscritto
Cap.3 -Tempus fugit
Cap.4- La strega
Cap.5 -Doppio legame
Cap.6 -Mi sento fortunato!
Cap.7 - Leggende
Cap.8 -Loach Castle
Commenti al Post:
Pasticchina80
Pasticchina80 il 11/12/06 alle 01:55 via WEB
Cavoli che blog impagnativo... sinceramente mi sento un po' una profana a trovarmi fra questi scritti.. ma tutti i miei complimenti.. anche per il coraggio di aver trovato il tempo di commentare le mie elucubrazioni ;) Buona notte
 
 
bluewillow
bluewillow il 11/12/06 alle 10:01 via WEB
ciao pasticchina :)). Il post è un pò lunghetto, ma si tratta del nono capitolo di una storia. Grazie anche a te per il commento :))
 
mrkbox
mrkbox il 11/12/06 alle 10:12 via WEB
Eccomi di nuovo qui per questo imperdibile racconto... Ciao e buon inizio sett.
 
 
bluewillow
bluewillow il 11/12/06 alle 10:33 via WEB
ciao mrkbox, buon inizio settimana anche a te :)
 
apyna86
apyna86 il 11/12/06 alle 10:38 via WEB
Buona giornata---cià ciaoo
 
 
bluewillow
bluewillow il 11/12/06 alle 10:42 via WEB
ciao apyna :)))!
 
Ieto1982
Ieto1982 il 11/12/06 alle 20:11 via WEB
Ciao! Ho visto che sei passata dal mio blog qualche tempo (del tutto imprecisato, a dire la verità, perchè non compare la data!)...ho deciso così di passare a farti un saluto, a ricambiare la visita. Che dire, voglio subito farti i complimenti perchè il blog è veramente bello. Appena trovo un attimo di tempo mi leggo il tuo racconto ad espisodi...e vedo che ami leggere (molto argutamente ho notato le recensioni a lato!): io non sono un grande lettore (ma non perchè non mi piaccia farlo, anzi...ma è un discorso lungo). Come avrai notato passando nel mio blog, amo molto il cinema ed ultimamente ho deciso di dedicargli la maggior parte del mio tempo libero! Vabbè, mi sono dilungato troppo, spero di non averti annoiata. Passa pure quando vuoi dal mio blog! Buona serata, Pietro.
 
 
bluewillow
bluewillow il 12/12/06 alle 10:38 via WEB
ciao pietro, buona giornata :)
 
bruno14to
bruno14to il 11/12/06 alle 20:46 via WEB
Ciao, un blog che parla di libri e di letteratura: bellissimo. Buona serata.
 
 
bluewillow
bluewillow il 12/12/06 alle 10:38 via WEB
grazie bruno, buongiorno :)))!
 
Luke_Sky
Luke_Sky il 11/12/06 alle 21:04 via WEB
Cavoli, Blue. Mi hai lasciato senza fiato per tutto il flash-back. Sei sempre più brava, non c'è che dire. Nel brano in cui scrivi "...Quindi Luke, in realtà questo quadro è una allegoria...Luke mi stai ascoltando?...” per un attimo mi è sembrato che Maggie si stesse rivolgendo proprio a me che leggevo. Mi ha bruscamente distolto dal racconto proprio come ha fatto con Sarton. Un baciotto, questa volta meritatissimo! :*
 
 
bluewillow
bluewillow il 12/12/06 alle 10:39 via WEB
"questa volta meritatissimo..." mhhh...questa frase mi dà da pensare...mhhhh va bhe ciao buona giornata :)))!
 
   
Luke_Sky
Luke_Sky il 12/12/06 alle 18:43 via WEB
:P
 
     
bluewillow
bluewillow il 12/12/06 alle 20:16 via WEB
una linguetta non manca mai...e meno male che ti vuoi incatenare all'homepage ihih
 
     
Luke_Sky
Luke_Sky il 12/12/06 alle 20:36 via WEB
Sei tu che provochi, scusa... e poi è una linguetta affettuosa, cosa credi? :) Un abbraccio
 
     
bluewillow
bluewillow il 12/12/06 alle 20:36 via WEB
certo anche le mie !
 
RusselKane
RusselKane il 12/12/06 alle 11:03 via WEB
BUon giorno, mia quasi scrittrice preferita, stampo leggo e poi vengo a prendere un pò di yogurt. kiss kiss
 
 
bluewillow
bluewillow il 12/12/06 alle 12:30 via WEB
ahhaahha ciao!:P
 
rosenkar
rosenkar il 13/12/06 alle 18:52 via WEB
Il cuore tematico è avvolgente,lo stato d'animo di Meredith emerge bene dalla sua fuga.
 
 
bluewillow
bluewillow il 13/12/06 alle 19:20 via WEB
mhhh dici? sono contenta che ti sia piaciuto tanto il racconto! :))))) (huahuahua)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.