Creato da StefySelvatica il 29/01/2007
 

BULIMIA DI VIVERE

uscire dalla bulimia per tornare a vivere

 

 

L'ULTIMO POST

Post n°207 pubblicato il 19 Settembre 2011 da StefySelvatica
 

La verità è che non ho più voglia di scrivere.

La verità è che ho già raccontato e spiegato tutto quello che potevo.

…E ora non riesco più a "vivere" il virtuale.

Quando ho capito tutto questo?

Quando, pochi giorni fa, mi sono "ricordata" di "dover" aggiornare il blog.

"Dover"? Eh già, suona più come un obbligo che come un piacere e non va bene, o meglio, a me così non sta bene.

Visto che provo tutto questo e che non mi sento a mio agio ad eseguire delle azioni per auto imposizione, ho preso la decisione di interrompere il blog.

Sì, sospendo il blog, nel senso che, pur senza eliminare il lavoro svolto in più di quattro anni e mezzo (in quanto credo possa essere costantemente utile a qualcuno), non sarò più presente qui.

E’ arrivato dunque il momento di salutarci.

Ci siamo donati molto in questi anni e, tra lacrime e discussioni, ho visto, con soddisfazione, sbocciare tanti sorrisi grazie ai racconti, alle riflessioni ed agli scambi di opinione che sono sgorgati spontaneamente all’interno di questo diario pubblico.

Per me il blog ha rappresentato non solo uno sfogo, ma la possibilità di mettermi in gioco e di condividere un vissuto particolare con chi ne aveva e ne ha bisogno.

So di aver lasciato, in molti di coloro che sono passati, un seme di desiderio, di coraggio, di sprono, in modo da far capire sempre che si può evolvere, che si può agire…e lo ammetto: ne sono fiera!

Con sincerità posso scrivere che porto e porterò questa bella esperienza con me, nella vita, all’interno del mio cuore.

Voglio dedicare le ultime parole a tutti coloro che stanno lottando, adesso, per guarire dalla bulimia: ricordate sempre che non esiste nulla di più importante di voi stessi. Non ha senso gettare via la vita, così straordinaria, così piena di opportunità, perché ci si sottovaluta, non si ha il coraggio di tentare o si crede di ottenere qualcosa cercando di farla pagare a tutti autodistruggendosi.

Imparare a volersi bene, a rispettarsi, è importante e nessuno più di voi stessi può donarvi la gioia di vivere che meritate nella vostra unicità.

Ho conosciuto, nel tempo, persone meravigliose che hanno avuto la forza di ammettere che quello di Amarsi è un diritto, che hanno avuto lo spirito di cominciare a riderci su, che hanno avuto la volontà di buttarsi nel nuovo pur provando, inizialmente, una paura tremenda, che si sono regalate il permesso di emozionarsi, di credere nelle proprie capacità e, lasciandosi andare attraverso un tale percorso…di GUARIRE!

Queste persone non sono supereroi o supereroine, sono ragazzi e ragazze, uomini e donne che si sono concessi la libertà di ascoltarsi.

Voi che state ancora combattendo non siete da meno ed avete le stesse, identiche potenzialità.

Non è mai troppo tardi per tentare, né impossibile.

Fidatevi del vostro istinto, fidatevi delle persone che vi tendono una mano.

Dalla bulimia si può realmente guarire! E, in fondo in fondo, voi tutti lo sapete!

Siete pronti a provare?

 

Vi abbraccio fortissimo,

con immenso affetto

Selvatica

 

 
 
 

CE L'HO FATTAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!

Post n°206 pubblicato il 06 Luglio 2011 da StefySelvatica

Questa è più o meno la mia espressione da qualche giorno a questa parte!!!

HO FINITOOOOOOOOOOOOOO!!!!

MI SONO DIPLOMATA AL LICEO ARTISTICO

Ragazzi, appena ho un attimo vi racconto cos'ha significato per me tutto lo straordinario percorso del serale!

Intanto, due avvisi:

1) come avevo anticipato nello scorso post, sto rispondendo alle mail: sono indietrissimo, perdono please

2) gli incontri di auto mutuo aiuto che teniamo al sabato per ora sono sospesi causa pausa estiva. Ricominceranno, credo, a settembre; vi farò comunque sapere meglio quando saremo pronti per iniziare!

Per ora un abbraccio fortissimo a tutti

Selvatica

 
 
 

PERCHE' NO?

Post n°202 pubblicato il 13 Marzo 2011 da StefySelvatica
 

Eccomi finalmente!

Io e Cry siamo riusciti a trovare una soluzione per internet ed ora posso di nuovo connettermi senza problemi

Come state?

Il tempo oggi è grigio ma la mia anima è serena. Ho trascorso una settimana infernale per quanto riguarda la mole di impegni da sostenere, ma tutto è passato e la soddisfazione di aver ottenuto i risultati sperati è tanta, quindi: al diavolo il tempo, ho un bellissimo sole che splende dentro di me e sono felice.

Oggi vorrei parlarvi di un argomento che mi sta particolarmente a cuore, che secondo me è determinante per il percorso di guarigione e che ho cercato di mettere in rilievo spesso sul blog ma anche durante gli ultimi inconti con il gruppo di auto mutuo aiuto.

Ho rivolto a tutti una semplice domanda: "Cosa fate veramente per voi stessi?".

Queste parole mi hanno fatta riflettere in prima persona. Spontaneamente ieri ho raccontato che, se mi avessero conosciuta anche solo 4-5 anni fa, non avrebbero riconosciuto la Stefania che ora sta loro di fronte. La mia vita è cambiata totalmente ma scrivere questo concetto in modo passivo non è corretto perchè sono io che ho deciso e reso conretamente il cambiamento della realtà.

Credo che la volontà giochi un ruolo fondamentale nel provare a mettersi in gioco e che davvero si possa provare a fare tutto quello che si desidera senza pensarci troppo ma seguendo ciò che detta l'istinto.

E' tempo sprecato secondo voi iscriversi ad una scuola superiore o imparare a cucinare all'età di 30-40-50 anni? è scandaloso baciare una persona del proprio sesso perchè va? ha senso girare per i parchi con l'intento di abbracciare ogni albero che si incontra? è idiota diventare euforici perchè si scopre che è una figata riuscire a tagliare il polistirolo con un seghetto a filo come se fosse burro? è contro le regole sentirsi felici come bimbi perchè si scende come dei missili con uno slittino sulla neve fresca ed esprimerlo con delle grida di gioia?

Cosa fate per voi stessi? come vi attivate per andare contro corrente? quanto ve ne frega del parere altrui pur di sentirvi felici?

Claudia ha già dato, durante le poche volte che sono riuscita a connettermi in altre sedi per "buttare un occhio" ai blog che seguo ho letto con piacere che "si può imparare a sciare a 32 anni con una giacca rosa shocking", non mi sento di aggiungere nient'altro se non E VAIIIIIIII!!!!

A voi la parola,

con affetto e una dedica (vedi video sotto)

Selvatica

 

 

 
 
 

PENSIERI

Post n°200 pubblicato il 17 Gennaio 2011 da StefySelvatica
 

Il distacco è inevitabile (nonostante questo può far male) altrimenti non si evolve mai e si rimane incastrati.

...apriti al mondo, apriti! ESCI DAL TUO QUADRATO perchè là fuorì c'è sempre qualcosa che ti può ancora sorprendere!

 

 
 
 

IL PREZZO DEL SILENZIO DI ALESSANDRA ERICI

Post n°199 pubblicato il 10 Gennaio 2011 da StefySelvatica
 

Pubblico il link del sito nel quale potete leggere un libro, a mio avviso, meraviglioso (potete anche trovare il testo digitando lo pseudonimo Alessandra Erici su un qualsiasi motore di ricerca).

La testimonianza in questione è stata scritta da una cara amica di blog che ha condiviso con la sottoscritta questa avventura virtuale ed alla quale auguro tutto il bene del mondo.

Nel leggere il racconto della sua esperienza di vita non solo mi sono emozionata e commossa ma ho, ancora una volta, constatato quanto ognuno di noi, di fronte alle più gravi avversità, possieda le risorse e la capacità di mettersi in gioco in tutto e per tutto, al fine di essere coerente con la propria personalità.

Grazie stella per avermi fatto pubblicare le tue parole, credo che potranno essere d'aiuto ed esempio per molte persone.

 

Un abbraccio fortissimo,

Selvatica

 
 
 

BUON NATALE

Post n°198 pubblicato il 24 Dicembre 2010 da StefySelvatica

Ormai, conoscendomi, secondo voi potevo augurarvi un dolce Natale tipo...così???

CERTO CHE NOOOOOOO!!!

Forse così va meglio....

LET'S ROCK!!!

Tanti auguri a tuttiiiiiiiiiiiiiii

con affetto

Selvatica

 

 
 
 

BRICIOLE, UN FILM CHE AFFRONTA IL TEMA DELL'ANORESSIA E DELLA BULIMIA

Post n°197 pubblicato il 04 Dicembre 2010 da StefySelvatica
 

Sapevo che era stato girato questo film (che tenta di affrontare l'argomento dell'anoressia e della bulimia  e che è tratto dall'omonimo libro di Alessandra Arachi) già da tempo. Come ho trovato i video su you tube ho deciso di pubblicarli. E' un film recitato un pò stile fiction italiana, ma che offre alcuni spunti di riflessione interessanti (soprattutto nella prima parte).

Video 1

Video 2

Video 3

Video 4

Video 5

Video 6

Video 7

Video 8

Video 9

Video 10

Video 11

Buona visione a tutti,

Selvatica

 
 
 

AIUTIAMOCI AD AIUTARE

Post n°196 pubblicato il 26 Novembre 2010 da StefySelvatica
 

Sembra di immergersi in un mare infinito quando si parla di bulimia.

Dietro ad ogni atteggiamento di chi sta male si nasconde un mondo intero fatto di aberrazioni, traumi, aspirazioni mancate, liti, discussioni, cose non dette, urla soffocate.

Ci si sente inermi ad affrontare tutto questo, ci si sente inadeguati anche solo a sottolineare delle sfumature che, a primo achito, possono sfuggire.

Di fronte ad una malattia che coinvolge una persona fino agli estremi più profondi del proprio essere, fino agli abissi dell'anima e del cuore e che deriva da disagi risalenti da anni di incomprensioni, spesso fin dalla più tenera infanzia, in che modo si può interagire con chi soffre senza andare a toccare  tasti estremamente delicati, senza stravolgere, senza sbagliare, senza mettersi in gioco e far mettere in gioco?

E' impossibile.

Quando viene scatenata una malattia psicologica come la bulimia, essa stravolge non solo la vita della persona che sta male ma anche l'esistenza di tutti coloro che condividono con lei la propria quotidianità.

Avviata una situazione che definirei "a spirale verso il basso" o ci si gira dall'altra parte facendo finta che va tutto bene o si prova a far qualcosa entrando  in un vortice di tentativi infiniti che possono snervare, innervosire, spaventare, smarrire.

Molte volte ho scritto riguardo a questo delicato argomento perchè so quanto ci si possa sentire indecisi e preoccupati riguardo a quali atteggiamenti tenere ed applicare di fronte ad una persona che sta male. Quali comportamenti possono essere corretti? quali parole si possono dire senza essere fraintesi? in che modo ci si può comportare senza calcare da un lato troppo la mano e senza, dall'altro, risultare inefficaci?

Il punto è questo: la bulimia va a toccare talmente tanti elementi costituenti la propria e l'altrui personalità e si sviluppa in sfumature così numerose che non è fattibile seguire delle regole precise, lineari, comuni per tutti ogni volta che si interviene. In un certo senso si procede a tentoni, cercando di osservare, di variare la rotta, di ascoltare ed ascoltarsi il più possibile, di riprovare ogni volta che un'azione non ha apportato alcun cambiamento.

Beh, so che può suonare come "pacca sulla spalla" ma una cosa va detta: chi decide di tendere la mano, amico , parente, o conoscente che sia, comunque compie già di per sè un gesto fondamentale che, vorrei sottolinere con tutto il cuore, non è da tutti!

Ci si va consapevolmente a scontrare con una realtà che, a prima vista, può sembrare assurda ed incomprensibile e di fronte alla quale sono richiesti grande pazienza, forza, fiducia e coraggio.

Ci vuole fegato per accompagnare chi sta male in un percorso di guarigione e mi si stringe il cuore quando leggo che molti di coloro che si espongono in questo senso, "semplicemente" per Amore nei confronti di chi sta male, spesso si ritrovano DA SOLI!

Leggo di ragazzi, ragazze, uomini e donne che brancolano nel buio, che si rivolgono a me anche solo per una parola di conforto perchè spesso non ottengono nemmeno risposte alle loro richieste di aiuto.

E' assurdo!

Viviamo in una società nella quale ancora troppo spesso al problema viene messa una pezza senza andare a monte per cercare di far tornare a star bene davvero una persona. Sembra quasi che le malattie vengano sfruttate e che, chi ci guadagna, le mantenga tali proprio per convenienza.

L'ultima "caduta di palle" da parte della sottoscritta? l'intervento del ministero della salute che, per combattere i disturbi alimentari, ha diffuso un opuscolo sul mangiare sano!

Tutti coloro che hanno avuto a che fare con i dca sanno e stra sanno che il problema  va al di là del rapporto con il mangiare o dell'aspetto fisico, eppure...così viene affrontato in Italia un disturbo che colpisce annualmente centinaia di persone.

Ma io non mi sento di mollare, anzi, di fronte a queste situazioni m'incazzo e m'impegno ancora di più e si sa: a partire dal piccolo si può arrivare a MUOVERE LE MONTAGNE!

Ancora una volta, con tutta me stessa, dico a coloro che stanno tentando tutto il possibile: non cedete, non lasciate perdere, perseverate, provate e riprovate. Se una strada non funziona non è detto che un'altra possa essere altrettanto inefficace; di fronte ad una sconfitta può celarsi una bella vittoria, non perdete ma la fiducia in voi stessi e nelle potenzialità di chi avete di fronte.

Al di là della sofferenza, del dolore, delle difficoltà si può finalmente costruire una vita nuova ricca di elementi sani e positivi riconosciuti in maniera ancora più efficace proprio perchè ci si è messi a nudo.

Forza e coraggio. Se ci si sente inizialmente persi di fronte agli ostacoli si può trovare grazie alla collaborazione, alla partecipazione, alla volontà, un modo per superare i momenti bui.

Detto questo, rilancio il mio appello: segnalate i centri nei quali vi siete sentiti o vi sentite trattati in modo adeguato(PERCHè PER FORTUNA NE ESISTONO!!), fate sapere i nomi di chi vi ha aiutato veramente.

C'è un gran bisogno di chiarezza e di opportunità dettate anche dalla possibilità di accedere a percorsi di cura che servano davvero.

Metto a vostra disposizione questo spazio.

Aiutiamoci ad aiutare!

Con affetto,

Selvatica

 
 
 

AUTO MUTUO AIUTO ON LINE - ASSOCIAZIONE AMA ELEUSI

Post n°194 pubblicato il 15 Ottobre 2010 da StefySelvatica
 

Con piacere vi segnalo l'iniziativa dell'associazione AMA Eleusi indicatami dalla Dottoressa Eleonora Arduino, psicologa da me conosciuta durante le giornate di aggiornamento per facilitatori di gruppi di auto mutuo aiuto

"Ci sono paroloni che girano intorno a questo tema: anoressia, bulimia, iperfagia.... nomi grossi per problemi tormentosi, spesso nascosti e velati di vergogna. Per questo online può essere più facile, ma non solo: online possiamo metterci in contatto anche da luoghi tra loro molto lontani!
Il martedì alle 21.00 - su http://amaeleusi.ning.com/ incontro in chat del gruppo di auto aiuto Sbilànciati: per tutti quelli che si pesano ogni mattina, ogni sera, e se potessero anche ogni ora. Per tutti quelli che girano gli specchi. Per tutti quelli che non si sentono a casa nel proprio corpo. Per tutti quelli che quando mangiano non sentono il sapore. Per tutti quelli che non smettono mai di mangiare e per tutti quelli che invece non mangiano mai.
Aperto anche a tutti quelli che semplicemente ne vogliono sapere di più.
Facilitatore: Sergio"

Con affetto,

Selvatica

 
 
 

QUI, ADESSO

Post n°193 pubblicato il 15 Settembre 2010 da StefySelvatica
 

Ho sempre scritto, fin da piccola.

Ho iniziato il mio primo "diario segreto" all'età, se non ricordo male, di 8 anni.

Da quel momento sono andata avanti a riempire pagine e pagine di pensieri, ricordi, descrizioni ed emozioni fino a poco tempo fa.

Non capitava nulla che io non riportassi fedelmente in quelle pagine, non accadeva niente, importante o meno, che io non annotassi: a volte con maggiore sincerità sentimentale a volte con maggior rispetto nei confronti delle apparenze (sia mai che un domani qualcuno arrivasse a leggere le mie parole......stellina...).

E' ora di andare oltre;  io e la Manu tra pochi giorni compiremo un viaggio nel quale effettueremo un rituale importante: bruceremo i nostri diari!

Ebbene sì.

Non vi so esprimere come mai un gesto simile mi colmi di gioia (e quando mi riferisco a questa emozione intendo quella sensazione mista tra l'eccitazione e la meraviglia che da bambino ti fa dire "che figata!quando si comincia?")

Azzardo delle ipotesi: forse  ho smesso di attaccarmi agli oggetti, ai ricordi, al passato; forse ho voglia di rendere ancora più palese la chiusura del cerchio di una parte del mio percorso e di lasciare spazio, energie, ossigeno, mani e gambe al presente, al nulla, al nuovo; forse è ora di voltare un'altra pagina con il sorriso in faccia, perchè tutto ciò che è rimasto sotto pelle è sufficiente per farmi sentire totalmente me stessa, pronta per lasciare ed altrettanto pronta per ricevere; forse...mah? chi lo sa? sentiamo semplicemente il desiderio di divertirci e di ridere a crepapelle tra le lacrime con la consapevolezza di volerci un bene dell'anima.

Percepisco una sensazione strana ma ben definita, che nasce da una parte di me molto profonda e che sarà importante poter condividere con una persona che è più che un'amica, è una sorella.

Quest'anno mi sono permessa di mettere in atto una svolta della quale sono e sarò fiera per tutta la vita.

Vi abbraccio forte,

Stefy

 
 
 
Successivi »
 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

 

I CENTRI DI CURA PROVATI E SEGNALATI DA VOI

ASL DI CIRIE' tel 0119217506 Via Mazzini n° 13, 3° piano. Orari: tutti i giorni dalle 9 alle 17 (seguono i pazienti che fanno parte dell'asl di ciriè e di Ivrea).

 

OSPEDALE SAN LUCA, Via Spagnoletto 3, Milano, tel. 02-61911.2500 linea PRIVATA; il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 18.30, il sabato dalle 8.00 alle 12.30. CPS (centro psicosociale) di Zona 6 Via Procaccini 14, Milano - Tel. 02 63632731. Orario di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 16.30. Se sono qui, lo devo anche a loro!

 

 

FACEBOOK

 
 

 

LINK CENTRI PER I DISTURBI ALIMENTARI

 

LICENZA D'USO

Creative Commons License

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

 

 
SIAMO IN  
 

ULTIMI COMMENTI

Of course, checking also. Sound pressure adjustment knob on...
Inviato da: jorke88
il 22/11/2014 alle 09:41
 
Ricordati che non è forte chi non cade mai, ma chi dopo...
Inviato da: Eugenia
il 08/09/2014 alle 11:13
 
E grazie a tutti quelli che hanno condiviso una bruttissima...
Inviato da: Eugenia
il 08/09/2014 alle 11:10
 
Sarei grata a chiunque mi riuscisse a dare il titolo di un...
Inviato da: Eugenia
il 08/09/2014 alle 11:07
 
In che occasioni vomiti? Dopo aver mangiato molto? Dopo...
Inviato da: MaEmpty
il 11/07/2014 alle 14:15
 
 
 
 

LE PAROLE DELLA BULIMIA

controllo… perfezione… precisione… rabbia… aggressività… cinismo… falsità… presa in giro… bugie… solitudine… incredulità… buio… paura… terrore… apatia… disperazione… godimento… crudeltà… smania… depressione… compulsione… isterismo… nervosismo… spegnimento… stacco… esclusione… repulsione… isolamento… espulsione… masochismo… autolesionismo… attenzione… sofferenza… chiusura… perdizione… bisogno incondizionato di affetto… incapacità di parlare… incapacità di lasciarsi andare… incapacità di ascoltare le proprie emozioni… morte… vuoto… troppo pieno… nausea… gonfiore… trattenere… esplodere… odiare… amare… recitare… vergognarsi… coprire… nascondere… soffocare… annullarsi… rimuginare… soffrire… patire… sdoppiarsi… sperare… svuotarsi… tremare… eccitarsi… bloccarsi… sognare di correre stando fermi… fermarsi... bruttezza… rigidità… giudizio… collasso… astenia… aritmia… amenorrea… resistenza… ansia… perplessità… preoccupazione… richiesta silenziosa di aiuto… aiuto… AIUTO!

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 52
 

 
 

IO ME E IL MIO MICIONE

 
 
Template creato da STELLINACADENTE20