Creato da regina_crimilde il 25/10/2005

C'era una volta...

le fiabe sono solo dei ricordi d'infanzia o non sono piuttosto un codice da interpretare? Andiamo alla ricerca dei valori, dei miti, della storia profonda dell'umanità e dell'io che trasmettono.

 

 

« Ibridi, natura e saggezzaLa "sospensione dell'in... »

Lo sposo mostruoso

Post n°140 pubblicato il 21 Ottobre 2007 da regina_crimilde
 

La storia dell’amore tra una giovanissima e bella fanciulla e un essere mostruoso attraverso piccole varianti percorre le nostre cultura da secoli. Dai miti dell'antica Grecia, Amore e Psiche, in cui lo sposo è creduto mostruoso perché non vuole mostrarsi e arriva solo di notte e al buio completo; per poi continuare nelle fiabe col motivo dello sposo-animale: Biancaneve e Rossarosa, Il Re ranocchio, Il maiale fatato, L’allodola che strilla e saltella, Barbablù, L’uccello strano e naturalmente La Bella e la Bestia.

In ognuna di queste fiabe (e in altre che potrebbero venire alla mente) coesistono vari motivi:
- quello dell'asservimento femminile alle figure maschili (padre, fratelli e poi marito), per esempio, è un elemento molto chiaro in Barbalù e ne abbiamo già parlato altrove in questo blog: qui e qui e qui;
- oppure quello dell'amore che riesce a vedere bello anche quello che bello non è (e quindi a trasformarlo);
- oppure quello della inutilità di riconcorrere bellezza e fortuna che rimangono miraggi vuoti.

Ma il tema centrale e comune a tutte le fiabe incentrate sullo sposo mostruoso è l'iniziazione femminile al sesso all'interno del matrimonio.
Quasi sempre le ragazze protagoniste di queste fiabe devono superare il legame, edipico col padre o, se non vogliamo scomodare Freud, il legame sociale con la famiglia di origine. 
La fiaba dà voce all’anima di una adolescente che, con spavento e con coraggio, impara a trasferire il proprio amore al di fuori dell'ambito familiare, scoprendo la sessualità.
Paura perché spesso, al di fuori dell'epoca dei clan e delle tribù, lo sposo, nelle società medievali - più complesse - era un completo estraneo che imponeva non solo lo sradicamento dalla famiglia, ma anche, spesso, dal paese natale.
Ma che oltretutto imponeva una intimità fisica inaudita per un'epoca in cui il sesso era inimmaginabile; spesso, si capisce, vissuta come vera e propria violenza carnale e psicologica. 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

PER SOGNARE UN PO'

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

prof.immaantonella.caionemencar58vigele_83an.giudices.vellabianchettinoludomibeag69meltramMariangela_2494mfelix68menisco69mariapia.maraziabimbagattileonardo_gioia
 

ALTRI BLOG

Citazioni nei Blog Amici: 30
 
E' uscito l'ultimo numero di SIRMARILLON, rivista bimestrale di cultura, filosofia e costume on line, editore Francesca Pacini
Il dossier di questo numero è dedicato a "Fiabe di ieri e di oggi".
C'è anche un articolo di Regina Crimilde sulla figura della madre:
UNA MADRE DA FAVOLA