Enodas

Il mio mondo...

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

enodasonlyemotions71thebluerosesmorositasdgl18oltreleparole_2010costanzatorrelli46soulesoulnaar75anima_on_lineSky_EagleStolen_wordsamorino11fantastica_75Sheila_45regalamiancoraunsogn
 
Citazioni nei Blog Amici: 24
 
Mi piace

la musica, suonare il pianoforte, suonare il mio violino, la luce del tramonto, ascoltare il mare in una spiaggia deserta, guardare il cielo stellato, l’arte, i frattali, viaggiare, conoscere e scoprire cose nuove, perdermi nei musei, andare al cinema, camminare, correre, nuotare, le immagini riflesse sull’acqua, fare fotografie, il profumo della pioggia, l’inverno, le persone semplici, il pane fresco ancora caldo, i fuochi d’artificio, la pizza il gelato e la cioccolata


Non mi piace


l’ipocrisia, l’opportunismo, chi indossa una maschera solo per piacere a qualcuno, l’arroganza, chi pretende di dirmi cosa devo fare, chi giudica, chi ha sempre un problema più grosso del mio, sentirmi tradito, le offese gratuite, i luoghi affollati, essere al centro dell’attenzione, chi non ascolta, chi parla tanto ma poi…, l’invidia, il passato di verdura





 
Ultimi libri letti


I sei numeri dell'universo
- M. Rees -
* * *
La tavola fiamminga
- A. Perez-Reverte -
* * * * *
Lunedi blu
- A. Grunenberg -
* * *
Leonardo da Vinci
- D. Mereskovskij -
* * * *
Pilota di guerra
- A. de Saint-Exuperi -
* * *
Un nome da torero
- L. Sepulveda -
* * * * *
Il libro di mia madre
- A. Cohen -
* * *
Il disprezzo
- A. Moravia -
* * * *
Il ritorno del giovane principe
- A.G. Roemmers -
* * *
 

Suonando...


Albeniz
Granada
Asturias

Beethoven
Sonata n.3 op.10 (n.7)
Sonata op.13 “Patetica” (n.8)
Sonata n.2 op.27
“Chiaro di luna” (n.14)

Sonata op.53 “Waldstein” (n.21)

Chopin

Notturni

Debussy

Suite Bergamasque
Deux Arabesques

Liszt

Valse Oublièe
Valse Impromptu

Schubert

Impromptu n.3 op.90
Impromptu n.2 op.142





 
Si usa uno specchio di vetro per guardare il viso,
si usano le opere d'arte per guardare la propria anima

G.B.Shaw


Leonardo da Vinci


Raffaello Sanzio


Michelangelo Buonarroti


Caravaggio


Rembrandt van Rijn


Jan Vermeer


Antonio Canova


Caspar David Friedrich


Claude Monet


Vincent van Gogh


Salvador Dalì


Marc Chagall
 
Olanda...



Amsterdam (Olanda)


Delft


Leiden


Scheveningen


Amsterdam


Rotterdam


Keukenhof


Kinderdijk


Texel


Scheveningen (Olanda)


Oosterschelde


Hoek van Holland 
 

Anversa


Bruxelles


Bruxelles


Bruxelles



Bruxelles


Bruges


Bruges


Leuven

Grotte di Han


Dinant


Amay

 

 

.

Post n°725 pubblicato il 17 Ottobre 2017 da enodas

.

 
 
 

.

Post n°724 pubblicato il 14 Ottobre 2017 da enodas

.

 
 
 

.

Post n°723 pubblicato il 11 Ottobre 2017 da enodas

.

 
 
 

.

Post n°722 pubblicato il 15 Settembre 2017 da enodas

.

 
 
 

.

Post n°721 pubblicato il 13 Settembre 2017 da enodas

.

 
 
 

.

Post n°720 pubblicato il 10 Settembre 2017 da enodas

.

 
 
 

.

Post n°719 pubblicato il 08 Settembre 2017 da enodas

 

 

“Don’t be afraid”. Non avere paura. Queste parole, pronunciate in un momento tanto intimo e delicato sono rimaste impresse nella mente come fossero scritte con la luce nel buio. Con un abbandono ed una dolcezza che non si distinguono più dalle parole stesse. Da subito, mi hanno raggiunto al cuore e lì sono rimaste, tornando, continuamente, nei miei pensieri col senno di poi. E’ come se sentissi sempre la sua voce a sussurrarle nel mio orecchio. Cosa significasse, forse lo so, forse no, forse é molto più in generale come se una mano avesse sollevato il mio viso ed avesse guidato lo sguardo in un punto non ben precisato. Perché una frase mi attraversasse in questo modo, la mia mente si é resa conto oggi, all’improvviso, di dover scavare molto in profondità, cercando nell’oscurità di una notte amica altre parole tracciate nero su nero, ed ogni volta che le riascolto nella mente, laddove si sono impresse, questo pensiero é come se avesse lacerato un velo e come un tonfo silenzioso mi avesse lasciato per un momento sospeso in un luogo senza tempo, senza riferimenti, imprimendosi nel profondo.

 

 
 
 

.

Post n°718 pubblicato il 04 Settembre 2017 da enodas

 

 

Sono tornato a riempire spazi lasciati vuoti, su questo blog. Come dire, ho finalmente ricollegato il computer, segnale insignificante di un po’ di normalità nella casa sottosopra di queste settimane. In questi due mesi, in pratica, non ho fatto altro che trasportare, sistemare, aggiustare, in ciclo continuo, appena tornato da lavoro fino a note. Ed infatti, rimango molto stanco, anche se in questi ultimi giorni ho potuto per lo meno rallentare. A volte, mi sono messo a pensare che tutto questo trafficare fosse un po’ come un traguardo a distanza visibile che mi riempiva la mente, senza farmi sentire la vertigine di un tempo più lungo ed un senso di routine. So che da sempre, da quando sono qui, in un certo senso ragiono per date, guardando Avanti tratto per tratto, perché pensare ad una direzione più lunga mi mette in ansia. Forse é anche in questo che si annida un certo senso di iperattività. Non so se sia giusto, o sbagliato, o semplicemente normale, uno sconto al tempo o illusione. Non ho risposta.

 

 

 
 
 

.

Post n°717 pubblicato il 29 Agosto 2017 da enodas

 

 

 

“…per udire soltanto il vento ed il mare…”

 

Questa é la prima immagine che ho impresso negli occhi. Dall’altura di una collina, con i fili d’erba che ondeggiavano piegati dal vento, potevo osservare lontano, e ritrovare nel cuore, prima ancora che nella mente, quelle immagini che avevo lasciato depositare su me stesso. Ho ritrovato quel paesaggio, con il mare così lontano, ritratto fino quasi a scomparire da una forza invisibile e stupefacente, lasciando le chiglie delle barche depositarsi su ciò che restava, una spiaggia umida ed insidiosa, fatta di silenzi e di infinito. Ho ritrovato, aguzzando la vista, il profilo ombrato di un monte proteso in quel mare scomparso: appariva quasi un miraggio, un luogo fantastico che si ergeva sul profilo di una natura così lontana dalla mia realtà, e che soltanto scrutando attentamente negli ingrandimenti di una foto ricompariva magicamente. Ed ho sentito di nuovo la forza del vento, mentre muoveva le nubi di un cielo in guerra con se stesso, dipingeva tonalità d’azzurro sul mare, che mi scuoteva, così minuto sul profilo di questo promontorio ed a forza narrava la storia dei prossimi giorni.

 

 

“Mentre il cuore ha dei desideri, l’immaginazione conserva illusioni”

 

Sto seguendo una linea tracciata dal vento. Tortuosa, elegante, flebile eppure senza fine, conduce a mura possenti ed irresistibili ad ogni assalto. Si muove, spazzata dal vento, su una tavola che, ancora una volta, diventerà presto possesso del mare. Suona una danza, che in qualche modo io continuo ad associare a queste linee e a questi passi che mi sembrano sospesi nel vuoto, in una mattina dalle nubi folte, isole nascoste che si scoprono alla vista armi di difesa letali e quel profilo di città, verso cui sono diretto.

 

 

Dietro quelle mura possenti, sorge la città dei corsari. Conosciuta così, quando la pirateria era un atto di Guerra fredda tra potenze del mare che si fronteggiavano bramose attraverso un braccio di mare. E questo nome già la ricopre di un’aura di leggenda, rende le note di danza ancora più forte, e le sue mura imprendibili ancora più possenti. Le ho conquistate, in qualche modo, solcandole passo dopo passo, prima di scendere giù, nel cuore della città, dove pirati erano mercanti e le loro case sfarzi raggianti, e dove per le vie le luci ed i rumori echeggiano, tra passato e presente, dalle locande, dai negozi, e dalla gente che si affaccia verso la spiaggia, ora rigurgitata dal mare.

 

 

“Tutti i miei giorni sono degli addii… si muore ad ogni momento per un tempo, una cosa, una persona che non si rivedrà più…”

 

Ho iniziato a cavalcare i promontori. Punti quasi irraggiungibili che si protendono nell’azzurro opaco di una mappa. Un nome che scivolerà via, come il vento che lo porta. Mi piace arrivare verso sera, quando la luce inizia ad essere più calda e più dolce, ed ogni luogo ha un po’ il fascino di una fine del mondo. E non potrei immaginare altrimenti, proteso su un cammino che mi guida sullo strapiombo, esaltato dai rigurgiti delle onde, ed una vista, guardando di fronte, di una linea che non conosce confine. Ho iniziato a raccoglierli, questi luoghi di tutto e di nulla, perlustrando sentieri che andavano sempre un po’ più in là, dietro una protuberanza, uno scoglio o un’insenatura, assaporando il colore ed il sapore di distese di fiori che resistevano alla prova crudele del vento, ed orientandomi col profilo di un faro che come un’imbarcazione in balia di se stessa, si ancorava alla sua vista. Li ho attesi, cercati, ogni giorno, aspettando le ore più belle, cantando poesie ed imprimendoli sulla mia pelle.

 

 

Non so come un cavallo potesse scendere lungo questa strada. Se scivolava, quasi, procedendo in sicurezza, o se si lanciava al galoppo. Di sicuro, sfiorava i graticci delle case, i gradini delle porte, sfiorava magari qualche fiore che si sporgeva dal muro. E’ una giornata di sole caldo, ed i colori scintillano dei suoi riflessi. Mi sento catapultato in questa Era di Mezzo, nelle sue immagini più fiabesche, come da fiaba appaiono le strade di queste città, i profili di un castello, la calma colorata e vivace che le attraversa. Come se il tempo, attraversandole, potesse rallentare, come se io potessi procedure con una calma ed una leggerezza che purtroppo si dimentica in fretta. Allora, io penso al cavallo, immagine buffa di un piccolo problema pratico, il cui zoccolare potrebbe benissimo nascondersi tra i rumori della gente, il suono di una fisarmonica meccanica, il richiamo del pane caldo appena sfornato. Tutti, mi regalano un tocco di leggerezza.

 

 

 
 
 

.

Post n°716 pubblicato il 25 Agosto 2017 da enodas

 

 

Lunedì 21 Agosto

 

“Ogni giorno fai una cosa che ti rende felice”

 

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: enodas
Data di creazione: 18/11/2007
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: enodas
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 37
Prov: VR
 
Mi trovate anche su:

 DeviantArt





e su: Flickr
(foto pubblicate nel blog)





 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 
La gente non fa i viaggi. Sono i viaggi che fanno la gente.
(J. Steinbeck)

Nell'ultimo anno...


 

Venezia


Parigi (Francia)


Schiermonnikoog (Netherlands)


Erg Chebbi (Morocco)


Marrakech (Morocco)


Marrakech (Morocco)


Marrakech (Morocco)
 

Marrakech (Morocco)


Taroudannt (Morocco)


Tarfaya (Morocco)


Tarfaya (Morocco)


Plage Blanche (Morocco)


Sidi Ifni (Morocco)


Sidi Ifni (Morocco)


Legzira Plage (Morocco)


Tafraute (Morocco)


Draa Valley (Morocco)


Tamdaght (Morocco)


Valle du Dades (Morocco)


Tamtattouche (Morocco)
 

Tinerhir (Morocco)


Rissani (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Aufous Oasi (Morocco)


Midelt (Morocco)


Atlas Region (Morocco)


Ain Leuh (Morocco)


Volubilis Morocco


Fez (Morocco)


Fez (Morocco)


Fez (Morocco)
 

Rhein Valley (Germania)


Rhein Valley (Germania)


Rhein Valley (Germania)


Bruges (Belgio)


Monnickendam (Olanda)


Berlino (Belgio)


Veghel (Olanda)


Loonse Duinen (Olanda)


Berlino (Germania)


Berlino (Germania)


Berlino (Germania)


Zijpe (Olanda)


Zijpe (Olanda)
 

Riva del Garda (Italia)


Folgaria (Italia)


Venezia (Italia)


Verona (Italia)


Eindhoven (Olanda)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Anadolu Kavagi (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Biesbosch (Olanda)


Shanghai (Cina)