Enodas

Il mio mondo...

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lubopofrancesca632mappe_riflesseDJ_Ponhzilab79lacky.procinoprocino995moschettiere62acer.250enodasiltempiodellemusemlr777STREGAPORFIDIAalvaro527
 
Citazioni nei Blog Amici: 24
 
Mi piace

la musica, suonare il pianoforte, suonare il mio violino, la luce del tramonto, ascoltare il mare in una spiaggia deserta, guardare il cielo stellato, l’arte, i frattali, viaggiare, conoscere e scoprire cose nuove, perdermi nei musei, andare al cinema, camminare, correre, nuotare, le immagini riflesse sull’acqua, fare fotografie, il profumo della pioggia, l’inverno, le persone semplici, il pane fresco ancora caldo, i fuochi d’artificio, la pizza il gelato e la cioccolata


Non mi piace


l’ipocrisia, l’opportunismo, chi indossa una maschera solo per piacere a qualcuno, l’arroganza, chi pretende di dirmi cosa devo fare, chi giudica, chi ha sempre un problema più grosso del mio, sentirmi tradito, le offese gratuite, i luoghi affollati, essere al centro dell’attenzione, chi non ascolta, chi parla tanto ma poi…, l’invidia, il passato di verdura





 
Ultimi libri letti


La tavola fiamminga
- A. Perez-Reverte -
* * * * *
Lunedi blu
- A. Grunenberg -
* * *
Leonardo da Vinci
- D. Mereskovskij -
* * * *
Pilota di guerra
- A. de Saint-Exuperi -
* * *
Un nome da torero
- L. Sepulveda -
* * * * *
Il libro di mia madre
- A. Cohen -
* * *
Il disprezzo
- A. Moravia -
* * * *
Il ritorno del giovane principe
- A.G. Roemmers -
* * *
La frontiera scomparsa
- L. Sepulveda -
* * * *
Patagonia Express
- L. Sepulveda -
* * *
 

Suonando...


Albeniz
Granada
Asturias

Beethoven
Sonata n.3 op.10 (n.7)
Sonata op.13 “Patetica” (n.8)
Sonata n.2 op.27
“Chiaro di luna” (n.14)

Sonata op.53 “Waldstein” (n.21)

Chopin

Notturni

Debussy

Suite Bergamasque
Deux Arabesques

Liszt

Valse Oublièe
Valse Impromptu

Schubert

Impromptu n.3 op.90
Impromptu n.2 op.142





 
Si usa uno specchio di vetro per guardare il viso,
si usano le opere d'arte per guardare la propria anima

G.B.Shaw


Leonardo da Vinci


Raffaello Sanzio


Michelangelo Buonarroti


Caravaggio


Rembrandt van Rijn


Jan Vermeer


Antonio Canova


Caspar David Friedrich


Claude Monet


Vincent van Gogh


Salvador Dalì


Marc Chagall
 
Olanda...



Amsterdam (Olanda)


Delft


Leiden


Scheveningen


Amsterdam


Rotterdam


Keukenhof


Kinderdijk


Texel


Scheveningen (Olanda)


Oosterschelde


Hoek van Holland 
 

Anversa


Bruxelles


Bruxelles


Bruxelles



Bruxelles


Bruges


Bruges


Leuven

Grotte di Han


Dinant


Amay

 

 

.

Post n°514 pubblicato il 14 Dicembre 2014 da enodas

.

 
 
 

.

Post n°513 pubblicato il 11 Dicembre 2014 da enodas

.

 
 
 

.

Post n°512 pubblicato il 05 Dicembre 2014 da enodas

.

 
 
 

.

Post n°511 pubblicato il 02 Dicembre 2014 da enodas

.

 
 
 

.

Post n°510 pubblicato il 20 Novembre 2014 da enodas

.

 
 
 

.

Post n°509 pubblicato il 18 Novembre 2014 da enodas

 

 



Ho varcato una porta, ho diretto gli occhi attraverso una finestra. Ma già mi chiedo se sia davvero reale - una porta vera, una finestra vera - questo mondo, questi mondi che si fondono, si trasformano, scompaiono in un'ombra per riapparire ogni volta in qualcosa di diverso. Connessioni impossibili che ora, di fronte agli occhi, si svelano semplici in maniera disarmante. Ma é davvero così? No, forse é un inganno, l'ennesimo, della mia mente, guidata ad arte da una mano geniale che esplode le dimensioni, le moltiplica in declinazioni impossibili. Ecco, il mio sguardo risulta deformato nel riflesso di una palla di cristallo che non svela il futuro, ma le infinite connessioni della mente, come queste si proiettino nello spazio, quello vero e quello fasullo, il significato delle forme più improbabili come non avrei saputo vederle.
Dopo tanto tempo sono tornato al museo dedicato ad Escher. C'era qualcosa di diverso, ed allo steso tempo di continuo, nella mia percezione di quest'arte declinata tutto sommato in una voce tutta particolare. Questo forse ho potuto osservare meglio, con un occhio diverso. Lo stesso, invece, rimane lo stupore e l'ammirazione, di fronte ai disegni, di fronte alle evoluzioni, che declinano disegno, matematica e fantasia.

 

 

Eternità ed Infinito. Sono queste le due parole chiave dell'opera di Escher, forse dell'occhio stesso con qui esplorava il mondo. Un matematico inconsapevole. Tanto da diventare ispirazione e confronto con la stessa comunità dei numeri. Perché i disegni di Escher sono intrisi di matematica, nella sua forma più affascinante, l'infinito appunto, visualizzato. Un prestigiatore continuo, dunque, che fondeva gli oggetti come fossero il suo mazzo di carte, che inventava piani sempre nuovi e sfruttava ogni debolezza dell'occhio umano per guidarlo nei sui numeri.
Eternità ed Infinito sono i concetti che l'uomo artista, l'uomo inventore scava nel profondo, come ricerca personale e come espressione di se stesso. Si guarda egli stesso allo specchio, non uno qualunque, ma quello sferico di una palla o dell'iride di un occhio, si muove tra colonnati senza base né capitello, percorre scale spiraleggianti, senza inizio né fine, come il corso di un'acqua che sembra deridere la gravità. Oppure, infine esausto, siede come un'ombra nascosta in un angolo di quello stesso spazio cui ha dato vita, incredulo e sconfitto da quel mondo impossibile che ha saputo creare ma non comprendere.

 

 

 
 
 

.

Post n°508 pubblicato il 13 Novembre 2014 da enodas

 

 

Ottobre 2014

 

 

Ho i colori dell'autunno. Arroccato su una città fortezza, così come lungo la strada, un sinuoso saliscendi che attraversa foreste e villaggi che da lontano sembrano essere rimasti le borgate di un castello. In effetti, non é altro che una successione di piccole fortezze, a volte abbandonate a se stesse, a volte quasi strappate alla furia lenta e distruttiva del tempo. Il tempo, certo. Immobile in un nome, Granducato di Lussemburgo, sembra scorrere lento, la sera, tra strade in pendenza, o su un parapetto silenzioso che si apre sul vuoto, e proiettato infine nel presente, con le banche, i denari invisibili e le macchine sportive che di contro si vedono ad ogni angolo. Il tempo dei cavalieri é finito, forse, nascosto come flebile fiamma altrove, nella campagna appunto, dietro qualche pietra pericolante ed un arco spezzato. Avvolta, si vede, da un fasciame di foglie colorate, sul terreno, rampicanti, o sbuffi di colore in lontananza. Ed infine perso, lungo la sponda di un ruscello, seguo un rumore. Tra gli alberi, l'acqua altrove, un punto sotto il cammino, a tratti invisibile, ed i bagliori di un sole che colma l'aria di colore.
Si fondono due immagini, opposte, di ciò che si vede oltre una cnta muraria di pietra sospesa a strapiombo, ed il paesaggio attorno, immerso nelle Ardenne. Guidando, la sera, nel buio scompare e quasi ti inghiotte, almeno fino al prossimo borgo, al prossimo bagliore di vita.
Di queste due immagini fuse, non so dire quanto mi piaccia. Forse un luogo di passaggio, così un fine settimana, come é, che mi sfiora ma non mi lascia irreparabilmente strabiliato. Almeno, fino a quando non mi trovo su un sentiero, foglie colorate scricchiolano rendendo soffice il passo, ed un rivolo d'acqua lontano si trasforma in una cascata.

 

 

A poca distanza dall'aeroporto si aprono degli spiazzi tra le schiere di alberi. Del resto, sembra sia l'unica incongruenza di questi luoghi, quasi uno sfregio, udire saltuariamente il rollio dei motori. Non sono spiazzi qualsiasi, e non sono qui a caso. In una mattina qualsiasi, l'erba é ancora fradicia di rugiada, forse pure dei primi ghiacci notturni. Brillano ora, le gocce d'acqua, come brillanti. O forse chissà, sono lacrime. Che questa terra é intrisa di sangue. Le Ardenne fu una delle ultime battaglie della Seconda Guerra Mondiale, di sicuro l'ultima violenta controffensiva tedesca all'avanzata alleata. Ecco, qui, ad una distanza di un chilometro, restano schierati due battaglioni, separati da un niente, uniti nella tragedia della guerra come allora erano opposti. E' una schiera disarmante di nomi, a volte nemmeno quelli, e di date, un numero di anni vissuti troppo breve per essere ragionevole. Uno, a fianco all'altro. Avvolti nel silenzio che sembra calato dall'alto su luoghi com questi. Visitare questi luoghi di memoria e di raccoglimento, in ogni luogo d'Europa che li conserva, lascia sempre impressioni simili. Il contrasto innanzitutto, scritto dalla storia, scritto da chi é venuto dopo, talmente evidente, in questa linea d'aria di poche centinaia di metri: da una parte ci sono le pietre bianche allungate ed una cura ipersensbile, dall'altra le croci d'ardesia, tozze e squadrate, in un campo che lascia percepire inconsapevolmente un senso d'abbandono. Talmente diversi, dunque, anche ora. E' una sensazione impalpabile che si nasconde nei dettagli. Anche quando la luce del mattino illumina qulle foglie cadute e lasciate sul terreno. Anche quando é la nebbia a salire dal terreno e rendere l'orizzonte un po' meno visibile. Ecco, forse sono così, ombre che ci guardano, dietro quei nomi sconosciuti che restano lì scolpiti, dietro età giovanissime, dietro infine il particolare di un fiore appoggiato ad una croce, o un sasso lasciato sopra una stella. Ribadisccono, in questa tragedia immensurabile, un epitaffio scolpito all'entrata, che i cimiteri dei soldati sono il più grande monumento alla pace.

 

 

 
 
 

.

Post n°507 pubblicato il 09 Novembre 2014 da enodas

 


Osservo una foglia, come tante. Rattrappita sul terreno, uno spuntone di pietra, intona il suo canto del cigo in un colore. Come a dire che un altro tempo è passato, un anno, una stagione, un respiro, ed è nuovamente l'autunno, coi suoi colori, qualche nebbia leggera e l'aria pungente la sera. Come a dire che la levetta degli anni da quando un giorno di età novembre sono salito su un aereo e sono andato si è spostata leggermente un po' più in là. C'è un'intrinseca contraddizione tra la bellezza di questi colori e l'ultimo sussulto che li accompagna, sospeso in un volo oscillante nell'aria ed è questa bellezza, credo, forse un po' malinconica e poetica, ad affascinare tanto.
Scorrendo le ultime pagine, più o meno scritte, mi accorgo bene che ci sono degli spazi lasciati bianchi, e degli spazi non scritti del tutto, tenuti altrove come appunti appesi su una parete. Avanzo con un po' di stanchezza tra varie cose da fare, la difficoltà di tenere per le mani i fili di un lavoro, mille idee sparse qua e là e qualche pensiero difficile, che, con delle decisioni, sembra quasi scivoli via perchè nemmeno sono riuscito a metterlo a fuoco come avrei dovuto. Caduto, oscillando leggermente nell'aria, come un riflesso che magari torna, improvviso, o un riflesso nuovo che scintilla dal nulla. Ogni tanto, da racconare.

 

 

 
 
 

.

Post n°506 pubblicato il 23 Ottobre 2014 da enodas

 


La mia mente vola, lontano. Torna ai profumi marocchini, alla luce abbagliante, al deserto torrido e le acque spumose dell'oceano. Torna, sulla catena dell'Atlante, in un posto sperduta, nella valle del Dades. Chilometri e chilometri di strada. Ed io, verso il tramonto, siedo sotto una tenda stesa a proteggere una terrazza. Sento l'aria fresca che mi conforta, come un viaggiatore giunto alla meta, almeno per oggi. Ascolto la musica, comunico tra gesti, infiniti linguaggi, qualcosa racconto, e più ancora cerco di farmi narrare. Ospite, questa sera.
Ospite, in una sala coperta di tappeti colorati, circondata da una cornice unica di divani. Ed una montagna di couscous sul tavolo, il cucchiaio posto nel piatto per condividere, i colori dell'insalata ed il sapore intenso di un pane speziato colmo di carne. Certo, si potrebbe discutere di tante cose, delle mie sensazioni, allora, così come di altro, davanti ai miei occhi, ora. Ma non é questo il racconto di questa pagina. No, invece é la sensazione di accoglienza, é il ricordo che in un attimo mi ha portato indietro, lungo una strada di migliaia di chilometri, in un caleidoscopio di immagini e sensazioni fuse insieme ed all'improvviso, di fronte ad un mondo sconosciuto, appena sfiorato ma inafferrabile in tutto e per tutto, per la sua varietà, i suoi opposti ed il fascino delle sue tradizioni.

 

 

 
 
 

.

Post n°505 pubblicato il 17 Ottobre 2014 da enodas

 


In una casa per studenti di Delft c'é una festa. Una come tante, di quelle che si organizzano nel fine settimana, ed in cui si vede, letteralmente, di tutto e di più. Ho perso un amico e lo trovo, con altri, in una stanza più in là, aperta a parlare e strimpellare una chitarra. In un attimo, ho capito chi ci vive, una ragazza bionda e timida che ho già visto e che rappresenta l'immagine stessa dell'Olandesina, in un attimo ho capito che sa suonare il pianoforte e che le note aperte sulla tastiera le conosco, appartengono ad un notturno di Chopin. Ho deciso di suonare, quelle note che conoscono le mie dita, che conosco io. Per dire, come fosse un linguaggio segreto, che anch'io sapevo suonare, perché altro non sapevo dirle. Ma comunque non sono stato capace di raccontare molto oltre, bloccato da me stesso, da quante scuse troviamo, finanche dalla convinzione che ci sarebbero state altre feste.
A volte le coincidenze lasciano di stucco. Ho trovato, all'imbarco dell'aereo quella stessa ragazza. In mezzo, tanto tempo e tante cose. Circa sette anni, tanto - o pure di più - alla fine sono venuto su. Riassunte un po', in fondo, anche nei motivi di un viaggio. Ne ricordavo il nome e quelle due cose in croce che fugacecmente potevo sapere di lei. Lei, invece, mi ha riconosciuto ed é venuta a parlarmi. Ho pensato ad uno specchio, virtuale, immaginario e costruito, a volte situazioni così semplicemente lasciano pensare un momento un se e chissà, forse qualcosa sarebbe andato diverso. Nel bene e nel male. In questo temo di essere terribilmente bravo. A volte si perde l'attimo giusto e quella che prendiamo, anche senza saperlo, é come se fosse una decisione che cancella una strada potenziale tra tante.
Credo semplicemente che questi specchi spingano a guardarsi indietro per un attimo. E' strano che questo mi capiti oggi, su questo volo che in qualche modo mi porta ad una decisione. Una decisione che probabilmente ho già abbozzato, che mi ha assorbito un sacco di energie, e che, comunque la guardi, mi lascia la sensazione che in ogni caso dacida di fare una scelta sbagliata.
Nelle mie indecisioni, nelle mie difficoltà, nei solchi che mi porto dietro. A volte, uno specchio così.


 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: enodas
Data di creazione: 18/11/2007
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: enodas
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 34
Prov: VR
 
Mi trovate anche su:

 DeviantArt





e su: Flickr
(foto pubblicate nel blog)





 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 
La gente non fa i viaggi. Sono i viaggi che fanno la gente.
(J. Steinbeck)

Nell'ultimo anno...


 

Venezia


Parigi (Francia)


Schiermonnikoog (Netherlands)


Erg Chebbi (Morocco)


Marrakech (Morocco)


Marrakech (Morocco)


Marrakech (Morocco)
 

Marrakech (Morocco)


Taroudannt (Morocco)


Tarfaya (Morocco)


Tarfaya (Morocco)


Plage Blanche (Morocco)


Sidi Ifni (Morocco)


Sidi Ifni (Morocco)


Legzira Plage (Morocco)


Tafraute (Morocco)


Draa Valley (Morocco)


Tamdaght (Morocco)


Valle du Dades (Morocco)


Tamtattouche (Morocco)
 

Tinerhir (Morocco)


Rissani (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Aufous Oasi (Morocco)


Midelt (Morocco)


Atlas Region (Morocco)


Ain Leuh (Morocco)


Volubilis Morocco


Fez (Morocco)


Fez (Morocco)


Fez (Morocco)
 

Rhein Valley (Germania)


Rhein Valley (Germania)


Rhein Valley (Germania)


Bruges (Belgio)


Monnickendam (Olanda)


Berlino (Belgio)


Veghel (Olanda)


Loonse Duinen (Olanda)


Berlino (Germania)


Berlino (Germania)


Berlino (Germania)


Zijpe (Olanda)


Zijpe (Olanda)
 

Riva del Garda (Italia)


Folgaria (Italia)


Venezia (Italia)


Verona (Italia)


Eindhoven (Olanda)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Anadolu Kavagi (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Biesbosch (Olanda)


Shanghai (Cina)