Creato da le_vide il 18/04/2010

le vide

l'informale dell'arte

 

 

una poetica

Post n°190 pubblicato il 28 Luglio 2013 da le_vide
 

A toglier le tonsille
me ne vado in centro - sì
ma dentro un bosco;
reti strappate cadono dalle pupille
residui in mucillagine di un sogno fosco...

Certo, il caso è che...
ci sarebbe, poi, una donna - Basta.
Da qui non oltre.

Questi versi son già cosa fasulla,
perché raccontano qualcosa
invece di dir nulla.

 

                                                                                                                                                                 Nicola Fleming 

 
 
 

illuminazione urbana

Post n°189 pubblicato il 21 Luglio 2013 da le_vide
 

 

Al netto della notte
non mi smentisce la tua voce

se ne va un signore
su lunghi trampoli
al guinzaglio una gran radio
tapezzata di coriandoli
che gracchia un segnale
al passare delle ore.

Al netto della notte
sei spessa nel cuscino
profonda uno o due giorni tu,
un chinotto ogni mattino,
se te ne vai,
la malaria butta giù.

Sputano per terra i fanali
sul marciapiede gocce gialle.
Al netto della notte 
son tornati dentro l'Arca gli animali.
Al netto della notte 
e delle stronzate dei giornali. 

 

                                                                                                                                                             Nicola Fleming

 
 
 

Guglielmo di notte

Post n°188 pubblicato il 09 Luglio 2013 da le_vide
 


Quiggiù, sotto la banca
corre il Reno
e poco manca,
a passar la notte almeno.

Viene il tempo di cercare
ciò da non dimenticare

Quiggiù sotto il tombino
il Reno viaggia
vedi un pochino
se la sabbia torna spiaggia.

Viene il tempo di cercare
ciò da non dimenticare

Quiggiù sotto l'asfalto
il Reno vaga
l'amore alto
non è mai più della strada.

Viene il tempo di trovare
quel da non dimenticare

Qui sotto il marciapiede
il Reno corre!
E lei ti chiede
se dai scacco con la torre.

Viene il tempo di trovare
e non più dimenticare

 

                                                                                                                                                            Nicola Fleming 

 
 
 

commiati quotidiani

Post n°187 pubblicato il 03 Giugno 2013 da le_vide
 

 

Che luminìo vuoi che ritorni,
quando,
solo pochi giorni
ti separano dall'ora in cui
il legno si è fatto caffè

E chiama chiama il mar, piccolo re...
chè l'alba non sarà che un pesce strano
e tra un salto fuori e l'altro
se lo rapisce il cielo piano piano...

E anche un po' del mio,
in quel cielo affonda affonda...
adieu, mia Terra tonda,
addio tanghèra
che mi porti in ronda.

Scavate in quella barca
carena ben profonda;
con sonagli di balene
si adorni la mia tomba.

 

                                                                                                                                                             Nicola Fleming

 
 
 

canzoncina dello stradario

Post n°186 pubblicato il 08 Maggio 2013 da le_vide
 

                                                                                                       [allegro molto mosso]

 

 

Mimì cara, ti ricordi
la città dove siam nati...?
Mi avvvicino se tu non mi mordi
ci si orientava coi morti ammazzati.

Dov'è il cinema mia bella..?
Prendi un poco lo stradario...
Ah ma certo! quella stradella
dove spararon al commissario!
Era quel cinema non da poco
dove appicarono pure un bel fuoco!

Sai che facciamo stella mia..?
per non perdere preziose ore
portiamo i capi in lavanderia
dove uccisero quell'imprenditore!
Un cartello è rimasto in quel posto
pieno di frasi nere d'inchiostro!

Poi sai cosa vorrei rivedere...?
la mia vecchia scuola media
dove a quel giudice fecero bere
litri di piombo senza commedia!
L'eliminarono assieme al suo agente
chissà gli alunni se sanno niente!

Mio caro amore il semaforo è rotto,
in quell'incrocio da cui leggi "Fiamma".
Lì ci ammazzarono quel poliziotto
in età ancora da figlio di mamma!
Vai che il gelato sta un po' più avanti
occhio che i prezzi si fanno importanti!

Però non chiedermi, tesoro
no, non parlare di quella via...
Dove ci esplose tanto tritolo
che sei persone si portò via,
alcuni dissero caro Paolo, la speranza va via con te
no, non chiedermi di quella strada che poi nemmeno so dov'è!

Mimì cara ti viene in mente
la città dove sei nata...?
Eh, magistrati brava gente,
per voi la bomba è già preparata!
State attenti chè chi è potente
la strada sua non vuol minacciata!
Mimì cara ti viene in mente
la città dove sei nata...?

 

 

                                                                                                                      Nicola Fleming

 
 
 

per Seifert

Post n°185 pubblicato il 05 Maggio 2013 da le_vide
 

 

Tu che hai raccolto la primavera
dalle maglie dei pescatori,
amante di quell'Amore senza braccia...
che prepari corone per la Sposa di luce
per la Città d'Oro e per il Tyn...
per fiori e vicoli in eterno;
Tu che cantavi per il Duomo
e anche se morte piovesse dal cielo...
Tu che non fuggi da Hradcany
anche se i cannoni baciassero le porte
o la Moldava corresse come sangue...

Tu figlio della patria dei Re,
dei forti cavalieri di Blanìk
dormienti sotto la montagna;
erede dell'arpa di Lumir
fioritrice di leggende
nei saloni della Rocca Sacra
su Vysehrad nevosa...

- Vysehrad onore
al sonno eterno dei Maestri,
gelida dimora
dei perduti confini di Roma,
vagano immobili
tra i giardini vuoti e bianchi
spettri di pietra -

Tu che hai inseguito le ragazze
per le vie che trasformano la città
in scacchiera e girasole...
Tu, se la Moldava corresse come sangue
se inghiottisse i ponti e Kampa,
se crollasse il cielo del Teatro
rotolando le stelle per Narodni,
Tu non lascieresti
la Sposa di granito e luce.

                                                                                                                      Nicola Fleming

 
 
 

canto per le colonne di Bologna

Post n°184 pubblicato il 25 Marzo 2013 da le_vide
 

                                                                                          in omaggio alla lucente guida di P. V.

 

Oh, dive svettanti
fusti di cannone
voi fedeli come
le più bell'amanti

Calde sorelle
marmorei steli,
o, dolci stampelle
per salir'ai cieli

Serie come il Vero
l'occhio segue l'orma
stessa del pensiero
preso da voi in forma

Umili monili
remote duchesse,
o, gambe sottili
delle studentesse!

Ritmi fedeli
voi ali accoglienti
spose di manieri
gravide dei venti!

Scudo per la vista
della giusta strada
l'inganno conquista
sguardo ch'in voi cada

Eleganza data
nobile o studente
a chi si ripara
da cielo piangente

Cucciole di chiese
mamme delle banche
ombre ben distese
sulle pietre stanche

Rigogliose o spoglie
pubbliche o segrete
visi fra le foglie
bell'in ogni mese

Sole al capitello
ben sarà arrivato
nell'istante bello,
Mondo tramontato.

                                                                                                                                                             Nicola Fleming

 

 
 
 

dai cuscini a ieri

Post n°183 pubblicato il 04 Marzo 2013 da le_vide
 

È il tempo che le ciglia si bagnino di luce;
che gli occhi lontani dal sole
splendano pin piano alla tua voce

la Notte può rendere scure le strade,
marciapiedi golosi di neve,
senza insegnare un ritornello
né schiudere una stella che cade.

Ragazzina, vuoi far da modella
per la carta della Donna di spade?

 

                                                                                                                                                                 Nicola Fleming 

 
 
 

la Stella di Fanano

Post n°182 pubblicato il 28 Febbraio 2013 da le_vide
 

Stella, stella nella mano
Stella scesa su Fanano,
Siedi e brilla meraviglie
Fa' degli occhi due scintille!

Che consuman piano piano
Il mio sguardo da lontano;
Lo irretisce lento lento
Uno sguardo di cemento;

Dalle scarpe al cappellino
Fil di notte fino fino,
Un oceano chiuso in cella
Queste forme ha la Stella!

Sorge e muore sulla guancia
Il suo ballo di bilancia
S'equilibra in un ricamo...
Oh! Stella, Stella di Fanano!

 

                                                                                                                                                             Nicola Fleming

 

 
 
 

altro notturno

Post n°181 pubblicato il 25 Febbraio 2013 da le_vide
 

 

 

Fine notte, bianco cero
entro il chiaro dell'aurora
cingo il manto del pensiero
che nell'occhio si dimora

Voi colori di matite
sopra il foglio forme pure
dallo sguardo avete uscite
a mostrar più e più nature

Gioca l'anima sul foglio
la partita della Scienza
non di formule rigoglio
ma più pura Conoscenza

Via l'inchiostro!.. preparato
per calmante della mente!

Venga un bianco sconfinato
terra per l'Occhio cosciente.

                                                                                                                                                             

                                                                                                                                                             Nicola Fleming

 

 
 
 

saluto alla vecchia estate

Post n°180 pubblicato il 26 Gennaio 2013 da le_vide
 

Cercare l'aurora in un colpo di dadi
si è nascosta per vivere ancora,
e dentro al bicchiere Parigi - perchè...

Al deserto d'asfalto
e palazzi grigi
ho rubato un angolo fresco
d'amici e donne certo più affascinanti
delle vecchiette che mettono in versi
memorie paesane terrificanti...

E non sapere chi ami di più
le risa complici o quelle argentate,
di donne vive in un corpo d'estate;
gli abbracci fraterni
o le pupille bagnate
di sguardi che sciolgono le tue sviolinate... 

...............................................................

L'aurora si è nascosta sul fondo dei dadi
la luna è tutta un chicco di caffè
amico mi dici che vai..
ancora di più - penso - ma perchè..?

Perchè il tuo sguardo innaffi quei mondi
di cui la mente ti fa sognare,
perchè ritorni a brillare la perla
che porta il tuo nome alla mia estate. 

 

                                                                                                                  Nicola Fleming

 
 
 

neve

Post n°179 pubblicato il 21 Gennaio 2013 da le_vide
 

succede tutto, succede sempre
quando non sarebbe nemmeno opportuno,
sinergie inconsistenti e mortali,
incidenti e immorali, umane
come umano è il destino
e la sua natura feroce.
ma quanto e' umana la tua carne, mi dico,
e quanto il tuo respiro?
a me succede di imparare ad amarti
più di ogni altro momento
quando la notte si fa piu' piccola al cospetto
dei miei occhi sbendati,
ed è sempre impossibile in quel punto
evitare di correre. come l'altro giorno, l'altro io,
quello che ti riceve splendente,
come le quattro piume al tuo cappello,
scombinate dal vento. osservami
mentre mi lego al tuo corpo
con la pazienza del ragno
tessere le nostre sorti col marmo,
proteggimi da qualsiasi rancore
e da qualsiasi certezza,
perché il tuo sogno non mi dia tregua
e non mi faccia svegliare. 

 

banditosenzaluna

 

 
 
 

le luci e i re

Post n°178 pubblicato il 04 Dicembre 2012 da le_vide
 

Nebbia amica del mattino
stretto abbraccio di fanali
segni i muri al mio confino
e già corri i davanzali

Tu vertigine di soli
pensiero colto all'alba
oro di re barcaioli
motto che l'anima scalda

Resta un poco prigioniero
chiuso ben alla parola
soglia dell'imbarcadero
nave ch'ora salpa e vola

Della pioggia principessa
non v'è traccia sul mio letto
sale all'anima promessa,
vana già, d'un giorno retto.

 

                                                                                                                                                             Nicola Fleming

 
 
 

e irradia, irradia il cuore (s'ostina)

Post n°177 pubblicato il 04 Dicembre 2012 da le_vide
 

 

gioia e deliquio, vergini
gli occhi che ti guardano ancora,
vergine io, nudo,
ai tuoi piedi, alle tue mani,
al tuo letto mai domo,
la mia bocca che ti vuole 
ti domanda
pietà e soddisfazione.
se potessi uccidermi
una volta soltanto,
e poi resuscitarmi come un dio,
fa' che sia tra le tue gambe,
fra le tue gambe soltanto,
io non ti chiedo altro.
fa' che non resti nient'altro
di questo corpo, di questo vino,
che io ti porti in me ovunque vada
la mia sorte o la tua.

banditosenzaluna

 

 
 
 

Invernale IV

Post n°176 pubblicato il 01 Dicembre 2012 da le_vide
 

Figlio dello sguardo generoso,
in lei scintilla e verde quarzo,
qui, pensiero privo di riposo
cresci come rampicante a marzo

Su te inspiegabile sorriso,
eterno monocromo momento,
vaga il ricordo che ha deciso
lì, l'alzarsi del suo monumento

Lei: capelli, carne, labbra, pianto
non puoi tu, fallibile chimera,
farl'entrare tutta dentr'il canto
orchestra blu del sabato sera.

Occhi studiosi degli antichi tempi
dov'è forse la vostra primavera
di grazia portavate veri esempi
all'occhio che già altri disperdeva.

 

                                                                                                                                                             Nicola Fleming

 
 
 

ballata del benessere

Post n°175 pubblicato il 06 Novembre 2012 da le_vide
 

 

Vegetarieti, maratonisti
equo-solidal salutisti
stregoni d'erbe e di margarina
venite a togliermi la mia fetta
di grassa carne e d'aspirina.

Medicinali tutti a morte!
vili inganni capitalisti!
La stessa accusa la stessa sorte
che fu la forca per i troskisti!

Chi non coltiva infusi e tisane
e strane paste meglio del pane
chi non respira piano ed in fondo
non potrà certo amare se stesso
quindi pericolo per tutto il mondo!

Quindici mele, altro che Oki!
che il corpo sudi la malattia
quattro spinelli son troppo pochi
se vuoi davvero mandarla via!

Un poco insipido, ma tutto bio
se poi mi credi ci credo anch'io
che Santa Soia parata a festa
in un grazioso piatto merlato
fa meglio al cuore meglio alla testa.

Pasta pregiata d'enoteca
vino in cartone del contadino
Eh! Non far la tragedia greca
che soldi vuoi per così pochino!

Vegani anarchici no-poweristi
agopuntori biosistemisti,
io potrò ancora esser comunista
senza la vostra autorizzazione
un po' sovietica un poco fascista.

Di medicine un bombardamento
che faccia alzarmi domani mattina
preferirò a ingoiare il cemento
che rende salda la vostra dottrina.

Tra quarant'anni forse morente
di vino Borgogna e vecchia aguardiente
a chi mi rinfacci il dopo ed il prima
regalerò sincerò un sorriso
che sappia di lei... amica morfina!

E prima che abbiate la soddisfazione
di dire in coro "l'avevo detto!"
sarà un revolver, non un tumore
che andrà a scoppiarmi il cuore nel petto.

 

 

                                                                                                                                                             Nicola Fleming

 
 
 

epilogo alla notte

Post n°174 pubblicato il 31 Ottobre 2012 da le_vide
 

Sei sicura di aver nel cassetto
soltanto i sogni 
che non fanno più male...
hai una notte deserta
davanti agli occhi chiusi
sopra il mio braccio da cui respirare

Hai la vecchia strada
che schiera i suoi mobili
tristi come le cose
quando non sono guardate;
il ponte serrato
quanti anni avrà messo
ormai sottoterra 
in cimiteri di grilli e fontane...

E alla luna non diamo appuntamenti
la saluteremo solo
se torna in tempo
dal grande mare

- Mille sedie t'offrono, Luna!
Notte, tu! lettiera adatta
a cucciolate di stelle, 
fai posto anche a noi! -

 

Ma tutto tace fuori dai sogni
che t'inclinano il viso
e mi sfioran la mano...
e ora vai, amica col sonno,
reggi fino al letto
il nuovo tuffo sarà più lontano.

 

                                                                                                                                                             Nicola Fleming

 
 
 

tetti tranquilli

Post n°172 pubblicato il 24 Ottobre 2012 da le_vide
 

 

Sorgi pioggia, da quei tetti
che oggi puntellavi;
torna muro d'acqua
tu figlia di ruscello!
Torna ch'eri giovane 
e tua madre appena cadde
ti baciò proprio alla Fonte
che ti manda a vivere
e cadere.

 

Tegola, tu, occhio della strada
sposa di camini, affacciati.
Celebra le nozze dei randagi
veglia la via del ritorno.
Mendicante di sole
spettatrice di cieli.
Spia di baci, tu
eri la Terra non fiorita
di parabole girasole.

................................

Anima di piombo 
d'arancie,
spezza i tuoi ponti
ubriachi di appoggi,
togli la grande spina del Certo.
Puoi sciogliere l'Assoluto
come detersivo
nel secchio 
di brodo della Vita.

                                                                                                                                                             Nicola Fleming

 

 
 
 

to the Queen of Hearts is the Ace of Sorrow

Post n°171 pubblicato il 08 Ottobre 2012 da le_vide
 

 

[canzone liberamente ispirata ad una melodia popolare ottocentesca inglese]

 

Donna di Cuori di' la tua pena
l'oggi sboccia, il domani avvelena.
D'amanti piena, un compagno non hai,
se l'amore va via, cosa farai?

.............................................

Addio miniera e bella montagna
addio oro, da contare in Spagna,
gli occhi non servon a contare più
sono ciechi e pieni se ci sei tu.

Addio alla casa, addio al padre
addio sorella che mi fu madre!
Addio amici e parenti miei,
devo lasciarvi e andar con lei!

Ti rendo, padre, terra e comando
non me trattieni, ma solo il pianto.
Tu, contadino, non obbedir più
lascia il tuo campo e vai anche tu.

.............................................

Di' la tua pena Donna di Cuori
se vivi oggi, domani muori.
D'uomini piena, un compagno non hai,
se l'amore va via, cosa farai?

 

                                                                                                                                                             Nicola Fleming

 

 
 
 

alberi

Post n°169 pubblicato il 30 Settembre 2012 da le_vide
 

un pensiero vecchio e un poco distratto:
siamo nati nel modo sbagliato,
che si poteva benissimo crescere sopra un albero
per ritrovarsi al mattino
con il sole dritto dritto negli occhi.
io ti conto le parole come mi conti i capelli,
evitando di usare la mano
per non compromettermi,
per non dovere per forza parlare d'amore,
per non dare a vedere a che penso, se penso. 
e mi capita, è vero, di sentire il bisogno
di strapparti un bacio insieme a un sorriso,
ma in questo corpo non mi riconosco
e questo corpo ancora ti sente
come quella notte prima di lasciarti,
e tu non sai che fartene di un uomo così,
diviso come sono adesso
tra la fortuna e il perdono,
tra una scommessa e un castigo.
ma se trovassi un albero,
un albero bello e sicuro,
forte da resistere al vento,
da non farsi piegare,
se trovassi un posto diverso,
dove non contano forme e pensieri,
certezze e inquietudini,
divideresti con me la notte
almeno una volta?

 

banditosenzaluna

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

"Noi crediamo forse di vedere come il chiaro di luna fosse già in do minore, prima che Beethoven lo scrivesse, come tutte le sinfonie europee fossero già state scritte dal vento sulle pagine degli alberi e i pentagrammi delle foglie, prima che i nostri padri le scoprissero nell’aria. Crediamo nella scoperta della bellezza.." 

le_vide

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

TUTTO NASCE DA..

 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

ULTIME VISITE AL BLOG

robertoabrittak.apicellasoundwave_wliceali81iagnesilio_2009sem_pli_ceocchineriocchineriLUCIFERIANWITCHisit0falco58dglle_videgabrielemarinopaperinopa_1974Barabbbi
 

ULTIMI COMMENTI

c'č bisogno di sentire..il bisogno
Inviato da: gnicognaco
il 06/10/2012 alle 00:10
 
(grazie)
Inviato da: le_vide
il 03/10/2012 alle 19:20
 
(bellissima)
Inviato da: CatarsiCercasi
il 03/10/2012 alle 19:02
 
molto spesso o essenzialmente per gli occhi.
Inviato da: le_vide
il 26/06/2012 alle 01:29
 
appesi anche per la coda
Inviato da: immatur_el_kap
il 24/06/2012 alle 12:10
 
 

 

CHI PUŇ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
 

LE GRAND BLEU

 

LA LUNA


C'è tanta solitudine in quell'oro.
La luna delle notti non è la luna
che vide il primo Adamo. I lunghi secoli
della veglia umana l'hanno colmata
di antico pianto. Guardala. E' il tuo specchio.

Jorge Luis Borges

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

LE_VIDE SOSTIENE LANDBOOK